Presidenziali USA, la Chiesa cattolica si schiera e “benedice” Romney

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 27 agosto 2012

Timothy Michael Dolan, arcivescovo di New York e presidente della conferenza episcopale statunitense

Da tempo la campagna presidenziale di Mitt Romney sembra costellata da gaffe, afasie, e infortuni verbali. Ultimamente, ci si sono messi anche gli elementi naturali a contrastare la sua corsa alla presidenza statunitense, con la minacciosa tempesta tropicale Isaac, dal nome biblico, che rischia di trasformarsi in uragano e di flagellare la convention inaugurale dei repubblicani a Tampa.

Ha però fatto rumore l’annuncio che, a officiare la preghiera che chiuderà la convention, sarà nientemeno che l’arcivescovo cattolico di New York Timothy Michael Dolan, non un qualsiasi prelato, ma un religioso che può vantare un cursus honorum culminato, fino ad ora, nel titolo cardinalizio e nell’elezione a capo della conferenza episcopale statunitense, il che è come dire essere la voce di quella intera Chiesa cattolica.

Per questo, il generoso gesto del cattolico Dolan nei confronti del mormone Romney appare come una precisa presa di posizione politica dell’intero mondo cattolico statunitense, una vera e propria “benedizione” in favore del candidato repubblicano. E suona come uno schiaffo clamoroso a Barack Obama. Un gesto così eclatante da spingere il prestigioso New York Times a parlare apertamente di un colpo grosso repubblicano, un vero e proprio “jackpot” piovuto inaspettatamente dal cielo (è proprio il caso di dirlo) sul capo dell’ignaro Romney.

Di un colpo grosso si tratta se, a giudicare da quanto riferiscono i commentatori, il voto cattolico peserà come un macigno sulle elezioni del 6 novembre, sul cui esito potrà avere un effetto determinante, se non addirittura decisivo. E così la campagna presidenziale repubblicana, già in stato di grazia per i munifici finanziamenti, potrà continuare a intonare, a pieni polmoni, l’augurale God Bless America, ben sapendo che, da oggi, nell’intonazione di quel canto risuonerà la benedizione ecclesiastica che Timothy Michael Dolan impartirà a Mitt Romney.


Fonti[]