Wiki Actu it

August 14, 2012

UEFA Europa League 2012-2013: confermata l\’eliminazione dell\’Anorthosis

Filed under: Calcio,Cipro,Europa,Famagosta,Pubblicati,Sport,UEFA Europa League — admin @ 5:00 am

UEFA Europa League 2012-2013: confermata l’eliminazione dell’Anorthosis

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Famagosta, mercoledì 14 agosto 2012

È stata confermata da parte dell’UEFA l’eliminazione dall’Europa League dell’Anorthosis, società cipriota.

L’incontro di ritorno del terzo turno della competizione continentale che vedeva il Dila Gori come avversaria dei ciprioti era stato sospeso a causa dei tifosi. L’Anorthosis era in svantaggio per 3-0 quando la partita venne sospesa. Il forfait è stato confermato, quindi l’Anorthosis è eliminato dal torneo. Inoltre la società con sede a Famagosta dovrà giocare le prossime tre partite di una competizione europea a porte chiuse, subendo un’ammenda di 50 mila euro.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 14, 2008

Eurozona: PIL in calo dello 0,2%

giovedì 14 agosto 2008

Zona Euro (azzurro)

Zona Euro (azzurro)

Per la prima volta dall’introduzione dell’Euro il PIL dei paesi dell’eurozona fa segnare un segno negativo: nel secondo trimestre del 2008 infatti risulta in calo dello 0,2%

Trascinato in basso dalla negatività delle grandi economie di Germania (-0,5%), Francia(-0,3%) e Italia (-0,3%), a nulla è servito il controbilanciamento positivo della Spagna (solo +0,1%), Austria (+0,4%), Belgio (+0,3%), Cipro (+0,7%) e Grecia (+0,6%). Crescita pari a zero invece per i Paesi Bassi.

Il dato negativo è spiegabile dalla riduzione dei consumi, scesi dello 0,9% in termini reali nel secondo trimestre, causato dai salari e retribuzioni ferme di fronte all’incremento dell’inflazione (a luglio nell’area euro è stata al 4%, l’anno scorso il tasso era dell’1,8%). Inoltre la disoccupazione è tornata, seppure leggermente, a crescere.

Gli analisti, ma anche la stessa Banca Centrale Europea, non sono ottimisti per i prossimi mesi che potrebbero continuare con un’intonazione stagnante.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

March 27, 2008

Cipro: via le mine dal confine

Cipro: via le mine dal confine – Wikinotizie

Cipro: via le mine dal confine

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 27 marzo 2008

Cyprus districts named.png

Sono iniziati stamattina a Nicosia i lavori di sminamento atti ad aprire un nuovo passaggio tra il nord turco ed il sud greco di Cipro.

Lo scopo è quello di creare un corridoio largo 80 metri nella capitale, il sesto negli ultimi 5 anni, consentendo la libera circolazione dei cittadini.

È rilevante il fatto che questa operazione di distensione avvenga a pochi giorni dal rinnovato impegno politico nella ripresa dei colloqui per la riunificazione dell’isola, annunciata venerdì scorso dal leader turco cipriota Mehmet Ali Talat e dal nuovo presidente di Cipro, il comunista Dimitris Christofias.

Cipro è divisa dal 1974, quando la Turchia la invase a risposta di un colpo di stato ispirato dalla Grecia. La capitale Nicosia è tutt’oggi separata da una linea di confine tra le due comunità, vigilata dalle forze dell’ONU.

Articoli correlati[]

Fonti[]

Wikivoyage

Wikivoyage ha un articolo su Cipro.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

June 22, 2007

L\’euro conquista Cipro e Malta

L’euro conquista Cipro e Malta – Wikinotizie

L’euro conquista Cipro e Malta

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 22 giugno 2007

Il simbolo dell’euro

Dal 1 gennaio 2008, l’eurozona si arricchirà di due nuovi stati, portando così a 15 il numero delle nazioni che usano la moneta unica.

Cipro e Malta infatti, grazie alla approvazione definitiva del Consiglio Europeo riunitosi ieri (21 giugno, n.d.r.), potranno cominciare le operazioni necessarie per adottare la moneta unica.

Grande soddisfazione è stata mostrata dagli stati interessati, nell’UE dal momento del grande allargamento europeo del 2005, e che sono il secondo e terzo stato nell’ambito di questo allargamento che decidono di adottare la moneta unica europea, istituita nel 1999. Prima di Malta e Cipro infatti, anche la Slovenia, dal 1 gennaio 2007, aveva sostituito la vecchia valuta nazionale (Tallero) con l’Euro.

Scenari futuri

La mappa della “zona euro”

Un nuovo ampliamento avverrà nel 2009 con l’ingresso della Slovacchia. Secondo il Trattato di Maastricht, tutti gli altri stati della UE dovrebbero confluire nella zona euro (ad eccezione di Gran Bretagna e Danimarca), portando così a 25 il numero di stati adottanti l’Euro. Tale passaggio però potrebbe richiedere parecchi anni per alcuni importanti stati europei, come ad esempio la Svezia.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

March 9, 2007

Cipro, crolla l\’ultimo muro d\’Europa

Cipro, crolla l’ultimo muro d’Europa – Wikinotizie

Questa è una voce in vetrina. Clicca qui per maggiori informazioni

Cipro, crolla l’ultimo muro d’Europa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

9 marzo 2007

Cyprus districts named.png

Dopo il muro di Berlino e quello di Gorizia, ulteriori passi si stanno compiendo per gettare ponti di dialogo costruttivo fra visioni politiche differenti, ghettizzate impropriamente con gli aggettivi occidentale ed orientale.

Nella notte è stato infatti abbattuto un tratto di muro posto a Nicosia, che divide la Repubblica di Cipro (Sud), ovverosia la parte di Cipro entrata dal 2004 nell’Unione Europea, da Cipro Nord, l’autoproclamata repubblica controllata dai turco-ciprioti; ad abbatterlo le ruspe della parte greco-cipriota che senza preavviso hanno iniziato i lavori di smantellamento. Sebbene esistessero già 5 valichi aperti a gennaio dai turco-ciprioti da cui era possibile transitare da Cipro Sud a Cipro Nord, l’abbattimento di un muro in posizione così strategica (nel quartiere commerciale di Nicosia, a Ledra Street) non può che rappresentare un buon punto di partenza per la riconciliazione finale, che però sembra avere ancora lunga strada da compiere.

Dal 1974 le due parti dell’isola sono entrate in uno stato di contrasto perenne, con l’occupazione militare della parte nord dell’isola da parte delle truppe turche e l’istituzione successiva di una zona-cuscinetto controllata dalle Nazioni Unite; dopo anni di tensioni, nel 2004 era stato tentato un referendum per la riunificazione dell’isola, ma, mentre la parte Nord l’ha approvato, nella parte sud hanno detto no quasi i 3/4 della popolazione; la situazione si è poi deteriorata a causa soprattutto delle più severe norme di transito delle merci, imposte con l’ingresso della Repubblica di Cipro nell’Unione Europea. Successivamente, apertesi le trattative di ingresso della Turchia, vi è stato un progressivo avvicinamento delle due posizioni che hanno portato, a volte unilateralmente, a volte dopo estenuanti trattative, all’ammorbidimento delle relative posizioni.

Questa strada di Nicosia è divisa dalla Green Line, la linea oltre la quale si colloca la zona cuscinetto controllata dalle Nazioni Unite. Dalla piattaforma i turisti possono guardare tale zona e la parte turca dell’isola.

Considerando tali premesse, Olli Rehn, commissario Europeo per l’allargamento, ha salutato positivamente la notizia dell’abbattimento del muro, anche se con le dovute precauzioni. Dello stesso tenore le dichiarazioni del commissario per le relazioni esterne Javier Solana. Propositivo Michael Moller, responsabile delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace a Cipro, che dichiara: «Una volta che le parti raggiungeranno un accordo […], la forza di pace si attiverà immediatamente, con il sostegno finanziaro dell’UE».

Adesso si attendono le reazioni della parte turca dell’isola: l’auspicio del presidente Tassos Papadopoulos sarebbe la diminuzione della pressione dell’esercito turco su quella parte (attualmente stimato attorno alle 42500 unità), per poter consentire ai cittadini una maggior libertà di movimento. Anche Ferdi Sabit Soyer, il presidente della Repubblica di Cipro Nord, ha affermato parlando alla radio Bayrak che questo avvenimento è da considerarsi uno «sviluppo positivo» e ancora «Abbiamo lavorato molto da due anni per l’apertura di questo passaggio»; infatti il giornale Milliyet ricorda che i turco-ciprioti avevano già provveduto fin dal 2005 ad eliminare la barriera che si trovava dalla loro parte. Inoltre Soyer rilancia, affermando che la sua amministrazione si impegnerà affinché in quella zona si possa aprire presto un varco per il passaggio dei civili. Infatti, prima che la zona sia resa transitabile ai civili occorrerà innanzitutto la messa in sicurezza di alcuni edifici che dovrebbero essere puntellati e la verifica di un’eventuale presenza di mine sul territorio.

Articoli correlati

Fonti

Vetrina Questo è un articolo in vetrina, il che significa che è stato identificato come uno dei migliori articoli prodotti dalla comunità.
Qualsiasi miglioramento che non comprometta il lavoro svolto è comunque ben accetto.
Vai alla votazione · Segnalazioni · Archivio

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 20, 2005

Accordo UE su riconoscimento di Cipro da parte della Turchia

Accordo UE su riconoscimento di Cipro da parte della Turchia

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

20 settembre 2005

L’Unione Europea (UE) ha trovato un accordo per una dichiarazione comune di reazione al mancato riconoscimento di Cipro da parte della Turchia.

L’accordo raggiunto apre la via dei negoziati per l’ingresso della Turchia nella UE.

Il governo cipriota apprezza l’accordo in quanto non implica che il riconoscimento da parte turca sia legato ad una soluzione ONU.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 14, 2005

Cade aereo della Helios ad Atene 2005

Cade aereo della Helios ad Atene 2005 – Wikinotizie

Cade aereo della Helios ad Atene 2005

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

14 agosto 2005

Un aereo Boeing 737, volo ZY522, della compagnia aerea cipriota Helios è precipitato a Kalamos, nei pressi di Atene.

Il Ministero della difesa ha comunicato che sull’aereo erano imbarcati 115 passeggeri, in gran parte ciprioti (nessun italiano a bordo), più 6 membri di equipaggio.

L’aereo era partito da Larnaka (Cipro) ed era diretto a Praga (Repubblica Ceca); durante il viaggio erano giunte alla torre di controllo segnalazioni di problemi a bordo.

Poco tempo prima dell’incidente, la torre di controllo ha perso i contatti. Due F-16 si sono alzati in volo per verificare la situazione ed hanno affiancato l’aereo. I piloti hanno visto un solo pilota al suo posto e, a quanto appariva, privo di sensi. Gli F-16 hanno affiancato il velivolo per 20 minuti, prima che perdesse quota e precipitasse.

Dopo l’impatto, l’aereo ha preso fuoco. Solo la coda è rimasta praticamente intatta.

L’incidente potrebbe essere stato provocato dall’impianto di pressurizzazione, che ha immesso sostanze tossiche nel condizionamento dell’aria.

Già alla partenza era stato segnalato un guasto all’impianto di pressurizzazione, che apparentemente era stato riparato. In volo i problemi sono ricomparsi. Prima di perdere conoscenza, il pilota ha inserito la guida automatica, nella speranza di un malore momentaneo.

Il Primo ministro greco, Kostas Karamanlis, è rientrato dalla vacanze per coordinare gli interventi.

Sono stati recuperati 119 corpi, gran parte di questi presentavano un “congelamento solido”.

Il governo cipriota ha decretato 3 giorni di lutto nazionale.

La Helios è l’unica compagnia aerea privata di Cipro. Fondata nel 1999, fece il suo volo inaugurale nel 2000. Nel novembre del 2004 è stata acquisita dalla Libra Holidays Group di Larnaca.

Fonti

Risorse

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress