Wiki Actu it

October 4, 2009

Messina: 22 le vittime nel nubifragio

Messina: 22 le vittime nel nubifragio – Wikinotizie

Messina: 22 le vittime nel nubifragio

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 4 ottobre 2009

È di 22 persone morte il bilancio ufficiale, provvisorio e destinato ad aumentare, del nubifragio che si è abbattuto nel messinese lo scorso 1° ottobre. Ne dà notizia l’unità di crisi istituita dalla Prefettura.

Mentre le ruspe continuano a cercare i 35 dispersi sotto il fango venuto giù dalle colline, la procura di Messina è già in preparazione per l’apertura di un’inchiesta sul reato di abusivismo edilzio.

Sono 564 le persone che hanno dovuto lasciare le proprie case. La situazione più grave sembra essere nella frazione di Giampilieri Superiore dove nella giornata di ieri ben 435 persone, dopo essersi rifugiate nella scuola elementare del paese, sono state trasferite dalla Protezione Civile in alcuni alberghi di Messina.

Reazioni[]

L’accusa della sciagura va, quindi, prima di tutto all’abusivismo edilizio ed ai suoi artefici. Il capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso, ha infatti dichiarato alla stampa che: «non c’è dubbio che gli abusi sul territorio sono la causa di questa tragedia».

Il presidente della regione, Raffaele Lombardo spiega, invece, che «sono stati fatti tanti errori, basati sulla logica della cementificazione» ed ha assicurato che eventuali responsabilità verranno accertate.

Nella giornata di oggi il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi farà un sopralluogo in elicottero per non intralciare le operazioni di soccorso.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

February 26, 2007

Abusivismo edilizio: denunciata una donna nel crotonese

Abusivismo edilizio: denunciata una donna nel crotonese

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 26 febbraio 2007

A.S., una 49enne di Cotronei (provincia di Crotone) è stata deferita all’Autorità Giudiziaria dagli uomini del Corpo Forestale dello Stato di Santa Severina e Petilia Policastro con le ipotesi di reato di abusivismo edilizio e deturpamento di bellezze naturali.

Le indagini condotte dalla Forestale, infatti, hanno accertato come la donna abbia eretto una costruzione in cemento in località Rivioti, nel comune di Roccabernarda (provincia di Crotone), in assenza delle necessarie autorizzazioni edilizie. Il fabbricato, inoltre, è risultato costruito in un’area sottoposta a vincolo idrogeologico e paesaggistico-ambientale, a meno di 150 metri dal vicino fiume Tacina.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress