Wiki Actu it

March 30, 2006

Google annuncia aumento di capitale: flessione del titolo

Google annuncia aumento di capitale: flessione del titolo

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

30 marzo 2006

La società americana Google, che possiede il più famoso motore di ricerca di intenet, ha annunciato ieri, mercoledì 29 marzo 2006, l’intenzione di immettere mercato 5,3 milioni di azioni, per un controvalore stimato di circa due miliardi di dollari statunitensi.

Già nella fase after-hours (post chiusura) di ieri della borsa americana, si è notata una flessione del valore delle azioni, come reazione all’annuncio.

I dettagli della vendita non sono finora noti.

L’operazione dovrebbe essere collegata all’inserimento delle azioni di Google nell’indice S&P 500, cosa che fa prevedere un aumento di interesse verso il titolo.

Ad occuparsi delle operazioni di collocamento è stata nominata la Goldman Sachs e si prevede che tra i sottoscrittori ci saranno prima fra tutti i fondi che replicano l’andamento dell’indice.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Calcio Coppa UEFA 2005-2006 quarti di finale andata

Filed under: Pubblicati — admin @ 5:00 am

Calcio Coppa UEFA 2005-2006 quarti di finale andata

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

30 marzo 2006

Quarti di finale della Coppa UEFA di calcio (andata)[]

Questa sera si giocano i quarti di finale della Coppa UEFA.
Dalla competizione sono state eliminate tutte le squadre italiane.

Siviglia-Zenit 4-1[]

Reti: Saviola (S) 15′ p.t., Aleksandr Kerzhakov (Z) 45′ p.t., Martí (S) 11′ s.t. rig., Saviola (S) 35′ s.t., Adriano (S) 48′ s.t.
Siviglia: Andrés Palop, José Luis Martí (Vicenzo Maresca 30′ s.t.), Javi Navarro, Julien Escudé, David Castedo, Fernando Sales (Antonio Puerta 18′ s.t.), Jordi López (Kepa Blanco 36′ s.t.), Renato, Adriano Correia, Javier Saviola, Frédéric Kanouté. All. Juande Ramos.
Zenit: Viacheslav Malafeev, Aleksandr Anyukov, Ivica Križanac, Erik Hagen, Martin Škrtel, Radek Šírl (Pavel Mareš 31′ s.t.), Velice Sumulikoski (Olexandr Gorshkov 43′ s.t.), Vladislav Radimov, Igor Denisov (Olexandr Spivak 29′ p.t.), Andrei Arshavin, Aleksandr Kerzhakov. All. Vlastimil Petržela.
Arbitro: Alain Hamer (Lussemburgo).

Levski-Schalke 1-3[]

Reti: Borimirov (L) 6′ p.t., Varela (S) 3′ s.t., Lincoln (S) 24′ s.t., Asamoah (S) 34′ s.t.
Levski Sofia: Georgi Petkov, Zhivko Milanov, Elin Topuzakov, Igor Tomašić, Lucio Wagner, Daniel Borimirov, Stanislav Angelov, Dimitar Telkiyski (Asen Bukarev 30′ s.t.), Cédric Bardon, Hristo Yovov (Milan Koprivarov 25′ s.t.), Valeri Domovchiyski (Emil Angelov 13′ s.t.). All. Stanimir Stoilov.
Schalke 04: Frank Rost, Hamit Altıntop, Marcelo Bordon, Mladen Krstajić (Darío Rodríguez 38′ s.t.), Levan Kobiashvili, Christian Poulsen, Fabian Ernst, Lincoln, Søren Larsen (Gustavo Varela 45′ p.t.), Gerald Asamoah, Kevin Kuranyi (Ebbe Sand 29′ s.t.). All. Mirko Slomka.
Arbitro: Michael Riley (Inghilterra).

Rapid-Steaua 1-1[]

Reti: Nicolita (S) 5′ p.t., Viorel Moldovan (R) 5′ s.t.
Rapid Bucarest: Danut Coman, Marius Constantin, Vasile Maftei, Ionut Rada, Emanoil Badoi, Emil Dica (Valentin Marian Negru 34′ s.t.), Constantin Stancu, Ionut Stancu (Nicolae Grigore 45′ p.t.), Daniel Niculae, Viorel Moldovan (Lucian Burdujan 20′ s.t.), Mugurel Buga. All. Razvan Lucescu.
Steaua Bucarest: Carlos Alberto Fernandes, George Ogararu, Dorin Goian, Sorin Ghionea, Petre Marin, Banel Nicolita (Mihai Nesu 46′ s.t.), Mirel Radoi, Sorin Paraschiv (Vasilica Cristocea 22′ s.t.), Nicolae Dica, Daniel Oprita, Andrei Cristea (Florin Lovin 15′ s.t.). All. Aurelian Cosmin Olaroiu.
Arbitro: Wolfgang Stark (Germania).

Basilea-Middlesbrough 2-0[]

Reti: Delgado (B) 43′ p.t., David Degen 46′ p.t.
Basilea: Pascal Zuberbühler, Daniel Majstorovic, Bruno Berner, Boris Smiljanic, Mile Sterjovski (Scott Chipperfield 19′ s.t.), Papa Malick Ba, Matías Delgado, David Degen, Reto Zanni, Eduardo, Mladen Petrić (Ivan Ergić 40′ s.t.). All. Christian Gross.
Middlesbrough: Mark Schwarzer, Stuart Parnaby, Chris Riggott, Emanuel Pogatetz (Ugo Ehiogu 23′ s.t.), Franck Queudrue, Gaizka Mendieta (Fábio Rochemback 29′ s.t.), Ray Parlour, Doriva, Stewart Downing, Jimmy Hasselbaink (Yakubu Ayegbeni 29′ s.t.), Mark Viduka. All. Steve McClaren.
Arbitro: Roberto Rosetti (Italia).

Risultati[]

  • Siviglia (Spagna)-Zenit (Russia) 4-1
  • Levski (Bulgaria)-Schalke (Germania) 1-3
  • Rapid Bucarest (Romania)-Steaua Bucarest (Romania) 1-1
  • Basilea (Svizzera)-Middlesbrough (Inghilterra) 2-0

Prossimo turno[]

Il ritorno dei quarti di finale si disputerà il 6 aprile 2006.

Notizie collegate[]

Secondo turno di qualificazione:

Sedicesimi di finale

Ottavi di finale

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

March 29, 2006

Gli Stati Uniti rompono con Hamas

Gli Stati Uniti rompono con Hamas – Wikinotizie

Gli Stati Uniti rompono con Hamas

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

29 marzo 2006

Abu Mazen

La notizia era nell’aria, ma tutti speravano non accadesse: oggi l’amministrazione americana ha dato comunicazione ai propri funzionari e al corpo diplomatico che le comunicazioni ufficiali con l’Autorità Nazionale Palestinese devono essere concluse. La decisione è giunta a seguito della vittoria dell’organizzazione terroristica di Hamas alle elezioni per eleggere il Parlamento palestinese. Le uniche eccezioni sono il presidente Abu Mazen e i suoi collaboratori, membri del partito moderato di Al Fatah e da sempre interlocutori degli Stati Uniti.

La decisione è giunta qualche ora prima del giuramento del nuovo governo palestinese, e denuncia l’impossibilità, da parte degli USA, di trattare con Hamas.

Nel frattempo la cerimonia di insediamento e giuramento del nuovo governo, che ieri ha ottenuto la fiducia del Parlamento, si è svolta in video conferenza fra la Striscia di Gaza (dove risiede il nuovo premier, Ismail Haniyeh) e la Cisgiordania, dal momento che Israele non permette ai ministri e ai deputati di Hamas di spostarsi fra le due parti.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Iran: accordo all\’Onu sul nucleare

Iran: accordo all’Onu sul nucleare – Wikinotizie

Iran: accordo all’Onu sul nucleare

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

29 marzo 2006

Questione nucleare iraniana

Il consiglio di sicurezza

Alla sede centrale dell’Onu, a New York, è stato raggiunto un accordo fra i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Secondo Emyr Jones Parry, rappresentante del Regno Unito all’Onu, Cina, Francia, Regno Unito, Russia e Stati Uniti d’America hanno raggiunto un accordo per affrontare la situazione della crisi nucleare iraniana. L’intesa prevede una richiesta all’Iran di fermare il programma di arricchimento dell’uranio entro un mese.

Il testo della risoluzione, secondo la presidenza di turno argentina del Consiglio, potrebbe essere approvato nelle prossime ore. Si dovrebbe concludere in questo modo uno scontro fra le grandi potenze del pianete sull’atteggiamento da seguire nei confronti delle aspirazioni dell’Iran sull’energia e sulle armi nucleari.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Oggi eclissi di sole visibile dal Mediterraneo

Questa è una voce in vetrina. Clicca qui per maggiori informazioni

Oggi eclissi di sole visibile dal Mediterraneo

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

29 marzo 2006

Il “percorso” dell’eclissi

Questa mattina la giornata sarà un po più buia; certo, non per il maltempo (almeno non solo), ma anche perché il Sole verrà oscurato per un po’ dalla Luna. Verso le undici e trenta di stamane, infatti, la Luna si frapporrà esattamente fra la Terra e il Sole, oscurando per ben quattro minuti il disco luminoso al centro del nostro sistema solare.

L’eclissi, come si può vedere dall’immagine a fianco, non sarà totale sul nostro Paese, ma parziale, a differenza di alcuni paesi del America meridionale, dell’Africa sahariana e dell’Asia centrale, dove sarà possibile vedere il disco solare completamente oscurato.

Come osservare

Il fenomeno non deve essere osservato direttamente, poichè si potrebbero causare danni alla retina a causa dei raggi ultravioletti: bisogna fornirsi di speciali occhiali da eclissi, oppure filtri in vetro per telescopi, alcuni tipi di vetro da saldatore e certe pellicole, tipo le “mylar” o “astrosolar”, reperibili in un negozio di ottica. È assolutamente sconsigliato, in quanto altamente pericoloso per la vista, utilizzare vetri affumicati in maniera improvvisata, pellicole fotografiche a colori o filtri fotografici. No assoluto ai normali occhiali da sole.

L’eclissi

La corona solare durante l’eclissi, presso Konya in Turchia il 29 marzo 2006

L’eclissi inizia alle 7:36 UTC per diventare totale alle 8:35 UTC nello stato brasiliano di Rio Grande do Norte per poi attraversare l’Altantico e passare su Ghana, Togo, Benin, Nigeria, Niger, Ciad, Libia ed Egitto. Attraversato il Mediterraneo, è la volta di Turchia, Georgia, del sud ovest della Russia, Mar Caspio, Kazakistan per finire il suo cammino in Mongolia alle ore 12:45 UTC, dopo esser tornata parziale alle 11:47 UTC.

In Italia, l’eclissi è visibile a partire dalle 11:20 di Cagliari sino alle 13:54 di Bari. L’apice dell’oscuramento si avrà alle 12:36 a Reggio Calabria, dove il Sole verrà oscurato per il 70%. Tuttavia l’eclissi è visibile in ogni luogo della penisola. In Libia ed Egitto è prevista una grande affluenza di turisti, con 70.000 persone nella città di Salum in Egitto, per apprezzare l’eclissi nel momento della durata massima e poter osservare con chiarezza il pianeta Venere dal deserto.

Chi non può rivolgere lo sguardo al Sole può seguire la diretta sul sito web della NASA. La prossima eclissi totale di Sole avrà luogo il 1 agosto del 2008, ma dall’Italia sarà visibile solo parzialmente. Per vedere un’eclissi di Sole in Italia bisognerà infatti aspettare il 2081.

Fonti

Commons

Commons contiene immagini e file multimediali su eclissi solare del 29 marzo 2006.

Vetrina Questo è un articolo in vetrina, il che significa che è stato identificato come uno dei migliori articoli prodotti dalla comunità.
Qualsiasi miglioramento che non comprometta il lavoro svolto è comunque ben accetto.
Vai alla votazione · Segnalazioni · Archivio

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

March 28, 2006

La protesta contro il CPE blocca la Francia

La protesta contro il CPE blocca la Francia

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

28 marzo 2006

Foto della protesta a Saint-Brieuc

Un’altra immagine della manifestazione

Sono tre milioni le persone scese in piazza in tutta la Francia, poco meno di un milione secondo il Ministero dell’Interno, per la grande manifestazione contro il CPE, la legge sul contratto di primo impiego che, a detta dei sindacati e delle stesse associazioni giovanili, penalizza fortemente il primo lavoro e aumenta il precariato dei giovani.

Lo sciopero, esteso a tutta la Francia, ha creato grandi disagi in molti settori della vita quotidiana dei transalpini, paralizzando i trasporti e le scuole. A Parigi, dove si è svolta la manifestazione più imponente, si sono registrati degli scontri, con cariche della polizia e diversi arresti. Tuttavia la protesta non ha accennato a diminuire e anzi si è fatto più forte il grido dei giovani contro quella legge che, a loro detta, distrugge le speranze per il loro futuro. La contestazione, secondo i leader dei sindacati, è stata fra le più imponenti della storia di Francia: l’adesione allo sciopero è stata altissima, sia nel settore dei trasporti che nella scuola, dove la metà degli insegnanti si è astenuta dal lavoro, così come fra i dipendenti pubblici. Addirittura i giornali non sono arrivati in edicola per il blocco della distribuzione.

Il primo ministro Domenique de Villepin annuncia di essere disposto a fare modifiche, ma non a ritirare il provvedimento. Tuttavia il premier deve fare i conti con i suoi stessi compagni di partito, preoccupati per la piega che si sta avendo nelle rimostranze e si pensa ad una sospensione della legge in attesa di un compromesso.

Il Contrat première embauche è un contratto che permette al datore di lavoro di licenziare senza una valida motivazione i lavoratori con meno di 26 anni nei primi due anni di impiego. Nel primo mese di lavoro non è necessario fornire nessun preavviso in caso di licenziamento, mentre sono cinque i giorni di preavviso nei primi sei mesi e un mese di preavviso oltre i sei mesi.

Articoli correlati

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Pubblicate le motivazioni della sentenza SME

Pubblicate le motivazioni della sentenza SME

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

28 marzo 2006
Secondo i giudici, è stato dimostrato che vi fu un passaggio quasi diretto dalla Fininvest ad un conto intestato a Renato Squillante per un importo di 500 milioni di lire attraverso il conto Mercier intestato a Cesare Previti.

Per questo motivo i giudici, nelle oltre 500 pagine di motivazione, hanno spiegato le ragioni della sentenza che ha confermato la condanna a cinque anni di reclusione per l’avvocato.
Il processo Sme-Ariosto ha concluso la seconda parte del suo iter lo scorso dicembre, quando i giudici senteziarono che le dichiarazioni difensive degli imputati sono senza fondamento, ed hanno per questo respinto il ricorso della difesa. Durante quel processo, tuttavia, i giudici hanno ridotto la pena per il giudice Squillante (da otto a sette anni di reclusione), confermandole però per i coimputati Previti e Attilio Pacifico (rispettivamente cinque e quattro anni).

La vicenda risale al 1985, quando una cordata di industriali tentò di impedire il passaggio di alcune aziende dall’IRI alla Cir di Carlo De Benedetti. Dal caso giudiziario che ne seguì, i militari della Guardia di finanza avrebbero sospettato che la cordata, guidata da Silvio Berlusconi, avesse corrotto il collegio giudicante per avere una sentenza favorevole. Fatto confermato dalla Corte d’appello, che nello scorso dicembre aveva confermato, con la condanna di Previti, Squillante e Pacifico, le accuse a carico della Fininvest.

Notizie correlate

  • Processo SME condannato Previti a 5 anni 2005, 2 dicembre 2005

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Calcio Champions League 2005-2006 quarti di finale andata

Filed under: Pubblicati — admin @ 5:00 am

Calcio Champions League 2005-2006 quarti di finale andata

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

28 marzo 2006
29 marzo 2006

Champions League: andata quarti di finale[]

La Juventus torna dall’Inghilterra con una sconfitta pesante, due gol al passivo e due espulsi nella partita.
Il Milan blocca l’attacco del Lione, sempre a rete in questa edizione della Champions e si gioca il passaggio del turno a Milano, con un insidioso pareggio a reti inviolate.
L’Inter subisce un gol in apertura, ma rimonta, grazie ai gol di Adriano e Martins.

Arsenal-Juventus 2-0[]

Reti: Fabregas (A) 40′ p.t., Henry (A) 24′ s.t.
Arsenal: Jens Lehmann, Robert Pirès, José Antonio Reyes (Robin van Persie 37′ s.t.), Aleksandr Hleb, Thierry Henry, Cesc Fabregas, Mathieu Flamini, Gilberto, Philippe Senderos, Emmanuel Eboué, Kolo Abib Touré. All. Arsène Wenger.
Juventus: Gianluigi Buffon, Patrick Vieira, Emerson, Zlatan Ibrahimović, Mauro Camoranesi, David Trezeguet (Marcelo Zalayeta 34′ s.t.), Adrian Mutu (Giorgio Chiellini 27′ s.t.), Gianluca Zambrotta, Lilian Thuram, Jonathan Zebina, Fabio Cannavaro. All. Fabio Capello.
Arbitro: Peter Fröjdfeldt (Svezia).

Inter-Villareal 2-1[]

Reti: Forlán (V) 1′ p.t., Adriano (I) 7′ p.t., Martins (I) 9′ s.t.
Inter: Francesco Toldo, Iván Córdoba, Javier Zanetti, Dejan Stanković (Kily González 37′ s.t.), Adriano, Juan Sebastián Verón, Esteban Cambiasso, Alvaro Recoba (Obafemi Martins 28′ p.t.), Walter Samuel, César (Marco Materazzi 24′ s.t.), Pierre Womé. All. Roberto Mancini.
Villareal: Sebastián Viera, Gonzalo Rodríguez, César Arzo (Quique Álvarez 15′ s.t.), Diego Forlán, Juan Román Riquelme, Javier Calleja (Santiago Cazorla 42′ s.t.), Juan Pablo Sorín, Javi Venta, Marcos Senna, Juan Manuel Peña, José María Romero (Guillermo Franco 31′ s.t.). All. Manuel Pellegrini
Arbitro: Alain Sars (Francia).

Lione-Milan 0-0[]

Reti: –
Lione: Grégory Coupet, Cris, Claudio Caçapa, Mahamadou Diarra, John Carew (Fred 18′ s.t.), Florent Malouda, Eric Abidal, Tiago, Sylvain Wiltord, Benoît Pedretti (Jérémy Clément 23′ s.t.), François Clerc. All. Gérard Houllier.
Milan: Dida, Kakha Kaladze, Alessandro Costacurta (Paolo Maldini 17′ s.t.), Andriy Shevchenko, Gennaro Gattuso, Alberto Gilardino (Filippo Inzaghi 17′ s.t.), Alessandro Nesta, Clarence Seedorf, Andrea Pirlo (Johann Vogel 40′ s.t.), Kaká, Serginho. All. Carlo Ancelotti.
Arbitro: Konrad Plautz (Austria).

Risultati[]

  • Benfica (Portogallo)-Barcellona (Spagna) 0-0 (28/3)
  • Arsenal (Inghilterra)-Juventus (Italia) 2-0 (28/3)
  • Inter (Italia)-Villarreal (Spagna) 2-1 (29/3)
  • Lione (Francia)-Milan (Italia) 0-0 (29/3)

Prossimo turno[]

Il 4 e il 5 aprile si disputeranno le partite di ritorno dei quarti di finale.

Notizie correlate[]

Fonti[]

  • Televideo 7 febbraio 2006
  • UEFA

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Bimbi bolliti, la Cina protesta

Bimbi bolliti, la Cina protesta – Wikinotizie

Bimbi bolliti, la Cina protesta

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

28 marzo 2006
Nuovo caso diplomatico contro il governo in carica: intorno alle 14:00 di oggi è giunta notizia della replica del governo cinese alle parole di Silvio Berlusconi, che, riprendendo una frase da “Il libro nero del comunismo”, ha detto domenica a Napoli, che i comunisti cinesi bollivano i bambini per farne concime. “Siamo contrariati da queste affermazioni infondate, – si legge in un comunicato del ministero degli Esteri cinese – Le parole e le azioni dei leader italiani dovrebbero andare a beneficio della stabilità e dello sviluppo di relazioni amichevoli tra Cina e Italia”.

Per la maggioranza ha subito risposto Alessandra Mussolini, dicendo che sulla Cina il premier ha detto una piccola verità, poiché in Cina vi sono i laogai, campi di concentramento dove lavorano diversi milioni di cinesi dissidenti dal governo.

Anche Romano Prodi è intervenuto nella vicenda, affermando che il premier scredita l’immagine dell’Italia all’estero. “Le parole di berlusconi – ha detto il leader dell’Unione – offende l’intero popolo cinese, formato da un milardo e trecento milioni di individui. Anche se la metà di loro dimenticherà le parole di Berlusconi, comunque una popolazione di 650 milioni di individui se la ricorderà: grazie a Berlusconi, l’Italia è screditata all’estero e senza crescita all’interno”.

Fonti

Collegamenti esterni

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

March 27, 2006

Il nuovo monitor si avvolge come la carta

Filed under: Europa,Italia,Pubblicati,Scienza e tecnologia — admin @ 5:00 am

Il nuovo monitor si avvolge come la carta

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

27 marzo 2006
La novità è ormai prossima ad essere immessa sul mercato: si tratta di sottili supporti, leggeri, flessibili, in plastica o metallo, che si comportano esattamente come uno schermo per pc. Sulla nuova generazione di schermi avvolgibili sono stati già ipotizzati molti utilizzi, dalla scuola (gli studenti potranno non essere più “schiacciati” dal peso dei libri nello zainetto) alla televisione portatile e dalle molteplici forme, sino a veri e propri indumenti in grado di incorporare computer.
Il nuovo monitor, chiamato FlexiDis (Flexible Display), verrà presentato a Roma, presso la sede romana del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), il 30 e il 31 marzo.
Il progetto, finanziato dall’Unione Europea, fa parte di un progetto di ricerca tecnologica, coordinato dalla Philips, cui partecipano le maggiori aziende del settore, come Merck, ST-Microelectronics, Thomson, Plastic Logic, Thales Avionics, Novaled, Asml Nokia, Bmw e Pulsium, e alcuni centri di ricerca pubblica oltre al Cnr, quali Cnrs, Cea-Leti, Imec, Epfl, Ipm, Università di Stoccarda e Cambridge.
I prototipi che le aziende stanno perfezionando per il prossimo debutto sul mercato, sono due: uno schermo a colori flessibile, che utilizza anche materiali organici per la gestione della luce, e uno monocromatico avvolgibile come un foglio di giornale.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »

Powered by WordPress