Wiki Actu it

February 28, 2007

Morto il giornalista Giorgio Tosatti

Filed under: Italia,Necrologi,Pubblicati,Sport — admin @ 5:00 am

Morto il giornalista Giorgio Tosatti – Wikinotizie

Morto il giornalista Giorgio Tosatti

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 28 febbraio 2007

È morto oggi a 69 anni a Pavia il giornalista Giorgio Tosatti.

Figlio d’arte – suo padre Renato, anch’egli giornalista sportivo, fu tra le vittime della tragedia di Superga nel 1949 – fu, oltre che collaboratore di varie trasmissioni sportive RAI e Mediaset, direttore del Corriere dello Sport – Stadio.

La morte è sopravvenuta a seguito delle complicazioni indotte da un trapianto cardiaco cui Tosatti si era sottoposto nell’ottobre 2006.

Giorgio Tosatti era nato a Genova il 18 dicembre 1937.

Articoli correlati[]

  • Tosatti operato al cuore

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Martedì nero per le borse mondiali

Filed under: Economia e finanza,Mondo,Pubblicati — admin @ 5:00 am

Martedì nero per le borse mondiali – Wikinotizie

Martedì nero per le borse mondiali

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 28 febbraio 2007

Chiusura del 27 febbraio 2007
Punti Var. %
Mibtel 32172 -3,20
S&P Mib 41616 -2,88
CAC 40 5588 -3,02
AEX 500 -2,12
DAX 30 6820 -2,96
IBEX 35 14408 -3,01
SMI 8907 -3,42
Dow Jones 12632 -3,12
NASDAQ 1756 -4,06
Nikkei 225 18120 -0,52

La giornata era cominciata nel peggiore dei modi: la borsa di Shanghai, infatti, aveva chiuso con un ribasso dell’8,85%, avviando una scia di ribassi che ha trascinato con sé le borse europee e americane.

In Europa sono stati bruciati 272 miliardi di euro di capitalizzazione: l’indice Stoxx 50, indicatore del mercato europeo, ha indicato un ribasso del 3,04%, mentre il NYSE, la borsa di New York, ha chiuso con un -3%, il peggior ribasso dal 17 settembre 2001, dopo la riapertura dei mercati a seguito degli attentati terroristici dell’11 settembre. Alla base dell’ondata di vendite, oltre al crollo della borsa cinese, anche la situazione iraniana e il dato sui beni durevoli USA, peggiore delle attese, l’attentato ai danni del vicepresidente USA Dick Cheney, oltre alla necessità di monetizzare i guadagni realizzati negli ultimi tre giorni in cui le borse avevano chiuso costantemente in rialzo.

In Italia, l’indice Mibtel ha chiuso con un ribasso del 3,2%, mentre le All Stars sono andate addirittura peggio, poiché l’indice ha chiuso a -4,43%. Fra i titoli quotati a Milano, grandi ribassi per Fiat e Generali, ma anche per i settori bancario e dell’energia.

Con il tracollo di oggi, gran parte dei guadagni realizzati dall’inizio dell’anno vengono perduti, in particolare per la Borsa americana, che si ritrova praticamente a ripartire dalle quotazioni dello scorso anno.

Il dollaro, travolto dalle vendite, lascia il passo all’euro e chiude a 1,3240 dollari per un euro. Sale anche il prezzo del petrolio, che chiude la seduta a 62,14 dollari, ai massimi dal 26 dicembre scorso.

La Borsa di Tokio ha sospeso le contrattazioni, dopo che in apertura, il Nikkei 225 segnava una perdita di 700 punti, la peggiore degli ultimi sei anni.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Festival di Sanremo, si parte sull\’onda delle polemiche

Festival di Sanremo, si parte sull’onda delle polemiche

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 28 febbraio 2007

Musical notes.svg

Segui il 57° festival della canzone italiana su Wikinotizie!

È partito il 57° Festival di Sanremo: l’esordio della kermesse canora è stato suggellato da una piccola gaffe del presentatore e direttore artistico Pippo Baudo, che ha annunciato Antonella Ruggiero mentre scorreva la foto di Nada, e dall’emozione di Michelle Hunziker, a un passo dalle lacrime come ha ammesso in diretta. Pippo Baudo ha detto a chiare lettere: «non saranno 5 serate di Festival, ma 5 serate di musica italiana, ognuna diversa dall’altra».

In linea con la sua tradizione, comunque, il Festival è stato preceduto da un fiume di polemiche, sia di tipo artistico che di stampo politico, che nella fattispecie hanno riguardato i maxi-compensi accordati ai conduttori (1.070.000 € solo a Michelle Hunziker), e che sono stati oggetto perfino di un’interrogazione parlamentare al ministro dell’Economia Tommaso Padoa-Schioppa; dal punto di vista dei contenuti si fa notare il veto imposto dalla Chiesa cattolica a una canzone concorrente nella sezione Giovani, per le allusioni ripetute al sesso e alla passione. Il vescovo sanremese ha addirittura manifestato l’intenzione di disertare il Festival qualora il brano, che contiene frasi del tipo «libera l’animale», non verrà immediatamente ritirato dalla gara.

La battaglia politica sui cachet è stata – comunque – molto più seria delle boutade cui Sanremo ha abituato gli affezionati del genere: visto il tetto imposto dalla recente Legge Finanziaria a 200.000 € per compensi pubblici, il maxi-compenso accordato a Baudo e Hunzinker ha rischiato seriamente di bloccare l’avvio della manifestazione canora.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Calcio Italia campionato nazionale Serie A 2006-2007 7° giornata ritorno

Filed under: Pubblicati — admin @ 5:00 am

Calcio Italia campionato nazionale Serie A 2006-2007 7° giornata ritorno

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

28 febbraio 2007

Campionato italiano di calcio Serie A 2006-2007 (7° giornata ritorno)[]

Per vedere il calendario completo vai alla pagina Speciale Calcio Serie A.

Inter 67
Roma 53
Palermo 45
Lazio 40 (2)
Empoli 38
Milan 37 (3)
Sampdoria 33
Fiorentina 32 (5)
Udinese 32
Atalanta 31
(1) 1 punti di penalizzazione
(2) 3 punti di penalizzazione

Catania 31
Livorno 28
Siena 26 (1)
Torino 25
Cagliari 23
Chievo Verona 23
Reggina 21 (4)
Messina 20
Parma 17
Ascoli 15
(3) 8 punti di penalizzazione
(4) 11 punti di penalizzazione
(5) 15 punti di penalizzazione

  • Ascoli-Parma 0-0
  • Chievo Verona-Roma 2-2
  • Empoli-Messina 3-1
  • Inter-Udinese 1-1
  • Lazio-Catania 3-1
  • Palermo-Milan 0-0
  • Reggina-Fiorentina 1-1
  • Sampdoria-Atalanta 2-1
  • Siena-Livorno 0-0
  • Torino-Cagliari 1-0

Tabellini[]

Ascoli-Parma 0-0[]

Reti:
Ascoli: Eleftheropoulos, Corallo, Melara, Nastase, Vastola, Zanetti, Bonanni, Pesce (Giampà 36′ s.t), Guberti (N’siabamfumu 13′ s.t.), Paolucci (Perrulli 29′ s.t.), Soncin. All. Sonetti.
Parma: Bucci, Coly, Paci, Couto, Contini, Bocchetti (Pisanu 18′ s.t.), Grella, Parravicini, Dessena (Gasbarroni 17′ s.t.), Rossi G. (Muslimovic 1′ s.t.), Budan. All. Ranieri.
Arbitro: Paparesta.

Chievo Verona-Roma 2-2[]

Reti: Bogdani (C) 17′ p.t., Semioli (C) 33′ p.t., Totti (R) 34′ p.t., Totti (R) 3′ s.t.
Chievo Verona: Squizzi, Moro F., Mandelli, D’Anna, Marchese (Malagò 30′ s.t.), Sammarco, Marcolini, Brighi, Obinna (Pellissier 22′ p.t.), Bogdani (Cozzolino 18′ s.t.), Semioli. All. Del Neri.
Roma: Doni A., Cassetti, Mexés, Chivu (Ferrari 31′ s.t.), Tonetto, De Rossi, Pizarro, Wilhelmsson, Perrotta (Rosi 44′ s.t.), Tavano (Vucinic 16′ s.t.), Totti. All. Spalletti.
Arbitro: Bertini.

Empoli-Messina 3-1[]

Reti: Saudati (E) 14′ p.t., Marzoratti (E) 35′ p.t., Saudati (E) 17′ s.t., Alvarez (M) 44′ p.t.
Empoli: Balli, Raggi, Pratali, Marzoratti, Tosto, Buscè, Almiron (Marianini 27′ s.t.), Moro D. (Ficini 27′ s.t.), Vannucchi, Pozzi (Matteini 23′ s.t.), Saudati. All. Cagni.
Messina: Caglioni, Lavecchia, Rea, Zanchi, Parisi (Iuliano 15′ s.t.), Candela, Masiello (Alvarez 4′ s.t.), De Vezze, Cordova (Pestrin 42′ s.t.), Giallombardo, Floccari. All. Cavasin.
Arbitro: De Marco.

Inter-Udinese 1-1[]

Reti: Obodo (U) 2′ s.t., Crespo (I) 21′ s.t.
Inter: Toldo, Maicon, Cordoba, Materazzi, Grosso (Gonzalez 41′ s.t.), Solari (Maxwell 17′ s.t.), Burdisso, Zanetti, Figo, Adriano (Crespo 36′ p.t.), Ibrahimovic. All. Mancini.
Udinese: De Sanctis, Zapata, Natali, Coda, Motta (Zapotocny 30′ s.t.), Pinzi, Obodo, Muntari, Dossena, Asamoah (D’Agostino 34′ s.t.), Di Natale (Siqueira 24′ s.t.). All. Malesani .
Arbitro: Bergonzi.

Lazio-Catania 3-1[]

Reti: Colucci G. (C) 17′ p.t., Pandev (L) 15′ s.t., Siviglia (L) 43′ s.t., Rocchi (L) 50′ s.t.
Lazio: Ballotta, Belleri (Mudingayi 39′ p.t.), Siviglia, Cribari, Zauri, Behrami, Ledesma, Mutarelli, Mauri (Jimenez 9′ s.t.), Rocchi, Pandev (Tare 30′ s.t.). All. Rossi.
Catania: Pantanelli, Lucenti, Sottil, Stovini, Vargas Jua., Baiocco, Edusei (Morimoto 46′ s.t.), Caserta, Colucci G., Corona G. (Rossini 37′ s.t.), Mascara (Izco 33′ s.t.). All. Marino.
Arbitro: Rocchi.

Palermo-Milan 0-0[]

Reti: –
Palermo: Fontana A., Zaccardo, Barzagli, Biava, Pisano, Diana, Corini (Simplicio 9′ p.t.), Guana, Bresciano (Tedesco G. 25′ s.t.), Di Michele, Caracciolo (Matusiak 24′ s.t.). All. Guidolin.
Milan: Dida, Brocchi, Simic, Bonera, Favalli, Gattuso, Pirlo, Ambrosini, Seedorf (Gourcuff 26′ s.t.), Kakà, Gilardino (Ronaldo 26′ s.t.). All. Ancelotti.
Arbitro: Trefoloni.

Reggina-Fiorentina 1-1[]

Reti: Foggia (R) 12′ s.t., Mutu (F) 42′ s.t. rig.
Reggina: Campagnolo, Lanzaro (Giosa 7′ s.t.), Lucarelli A., Aronica, Foggia (Missiroli 29′ s.t.), Tognozzi, Tedesco G., Modesto, Amerini, Vigiani (Nardini 43′ s.t.), Bianchi R.. All. Mazzarri.
Fiorentina: Frey, Ujfalusi, Dainelli, Gamberini, Pasqual, Pazienza, Liverani (Pazzini 20′ s.t.), Montolivo, Jorgensen (Reginaldo 27′ s.t.), Toni, Mutu (Blasi 43′ s.t.). All. Prandelli.
Arbitro: Rizzoli.

Sampdoria-Atalanta 2-1[]

Reti: Ventola (A) 8′ p.t., Bazzani (S) 26′ s.t., Volpi (S) 39′ s.t. rig.
Sampdoria: Castellazzi L., Zenoni (Delvecchio 12′ s.t.), Falcone, Accardi, Bastrini (Pieri 22′ s.t.), Maggio, Palombo, Volpi, Franceschini D. (Ziegler 1′ s.t.), Quagliarella, Bazzani. All. Novellino.
Atalanta: Calderoni, Rivalta, Talamonti, Loria, Bellini, Defendi (Ferreira Pinto 29′ s.t.), Migliaccio, Donati M., Tissone, Bombardini (Ariatti 19′ s.t.), Ventola (Zampagna 35′ s.t.). All. Colantuono.
Arbitro: Orsato.

Siena-Livorno 0-0[]

Reti: –
Siena: Manninger, Bertotto, Gastaldello, Portanova, Molinaro, Antonini, Codrea (Eremenko 40′ s.t.), Vergassola, Cozza (Locatelli 21′ s.t.), Frick (Corvia 21′ s.t.), Maccarone. All. Beretta.
Livorno: Amelia, Grandoni, Rezaei, Galante, Pasquale, Pfertzel, Coppola (Morrone 15′ s.t.), Passoni, Cesar R., Lucarelli C., Paulinho (Vidigal 33′ s.t.). All. Arrigoni.
Arbitro: Dondarini.

Torino-Cagliari 1-0[]

Reti: Bovo (T) 23′ p.t.
Torino: Abbiati, Comotto, Brevi O., Bovo, Balestri, Gallo, Ardito, Lazetic (Cioffi 36′ s.t.), Muzzi (De Ascentis 14′ s.t.), Rosina (Oguro 42′ s.t.), Abbruscato. All. De Biasi.
Cagliari: Fortin, Ferri, Lopez, Bianco, Agostini (Del Grosso 27′ s.t.), Biondini (Marchini 16′ s.t.), Conti D., Colucci L., D’Agostino (Pepe 1′ s.t.), Capone, Suazo. All. Giampaolo.
Arbitro: Farina.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

February 27, 2007

Vuelta Valenciana 2007

Filed under: Articoli archiviati,Ciclismo,Europa,Pubblicati,Spagna,Sport — admin @ 5:00 am

Vuelta Valenciana 2007 – Wikinotizie

Vuelta Valenciana 2007

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca
Altre corse a tappe di ciclismo
Italia
  • Sett. Coppi e Bartali (27/31-3)
  • Giro d’Abruzzo (19/22-4)
  • Giro Friuli Venezia Giulia (9/13-5)
  • Giro della Toscana (6/9-9)
Altri Paesi

La 65° edizione della Vuelta Ciclistica Comunidad Valenciana di ciclismo è giunta oggi alla conclusione. La vittoria finale è andata allo spagnolo Alejandro Valverde, davanti allo sloveno Tadej Valjavec. Primo degli italiani, Emanuele Sella, giunto nono.

Le tappe

  • 1° tappa, 27 febbraio: Alzira-Alzira (162,7 km)
  • 2° tappa, 28 febbraio: Calp-Calp (148,2 km)
  • 3° tappa, 1 marzo: Vila Real-Vila Real (151,8 km)
  • 4° tappa, 2 marzo: Albaida-Vallada (Alt del Campello) (162 km)
  • 5° tappa, 3 marzo: Valencia-Valencia (146,9 km)

Classifiche di tappa

1° tappa

27 febbraio 2007
Duello italiano sul traguardo di Alzira nella prima tappa della Vuelta Valenciana. Daniele Bennati batte Alessandro Petacchi di una bicicletta. Petacchi è rimasto penalizzato da due forature, di cui l’ultima a 9 km dal traguardo.
Paride Grillo non è partito, bloccato dall’organizzazione dopo i controlli ematici del mattino. Il velocista, fermato come da prassi per 15 giorni, ora rischia il posto in squadra.

  • 1° Daniele Bennati (Flag of Italy.svg Italia) in 3h34’31” (abb. 10″)
  • 2° Alessandro Petacchi (Flag of Italy.svg Italia) s.t. (abb. 6″)
  • 3° Vicente Reynes (Flag of Spain.svg Spagna) s.t. (abb. 4″)
  • 4° Tiziano Dall’Antonia (Flag of Italy.svg Italia) s.t.
  • 5° Antonio Bucchero (Flag of Italy.svg Italia) s.t.
  • 6° Luciano Pagliarini (Flag of Brazil.svg Brasile) s.t.
  • 7° Javier Benitez (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 8° Volodymyr Bileka (Flag of Ukraine.svg Ucraina) s.t.
  • 9° Borut Bozichz (Flag of Slovenia.svg Slovenia) s.t.
  • 10° Erik Zabel (Flag of Germany.svg Germania) s.t.

Non partito: Paride Grillo ITA.

2° tappa

28 febbraio 2007
Vittoria in volata per Alessandro Petacchi, che nella seconda tappa non si lascia sorprendere, battendo lo spagnolo Vicente Reynes e Daniele Bennati. Grazie agli abbuoni, Petacchi conquista il primato anche in classifica.
La prima della gara è stata controllata dalla Lampre che ha ripreso un gruppo di fuggitivi composto da Alarcon, Martinez, Ruiz e Luca Solari. Nel finale, lungo la discesa dall’Alto de Benissa, fuga di Ivan Gutierrez, che non arriva a conclusione. Quindi il lavoro della Milram, squadra di Petacchi, che porta lo spezzino nella miglior posizione al traguardo.

  • 1° Alessandro Petacchi (Flag of Italy.svg Italia) in 3h38’19” (abb. 10″) (Media 40,730 km/h)
  • 2° Vicente Reynes (Flag of Spain.svg Spagna) s.t. (abb. 6″)
  • 3° Daniele Bennati (Flag of Italy.svg Italia) s.t. (abb. 4″)
  • 4° Javier Benitez (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 5° Antonio Bucchero (Flag of Italy.svg Italia) s.t.
  • 6° Borut Bozichz (Flag of Slovenia.svg Slovenia) s.t.
  • 7° Daniel Moreno (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 8° Samuel Sanchez (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 9° Laurent Brochard (Flag of France.svg Francia) s.t.
  • 10° Diego Milan (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.

Ritirato: Ruben Bongiorno ITA

3° tappa

1 marzo 2007

Battaglia alla Vuelta Valenciana tra Daniele Bennati e Alessandro Petacchi, che dominano le tappe e la classifica. Bennati oggi fa il bis e ritorna alla prima posizione in classifica, da cui, ieri, Petacchi lo aveva scalzato. A Bennati non era mai riuscito di battere Petacchi, ma in questo giro ci è riuscito due volte su tre. Una grande sfida, che pone buone premesse per la Milano-Sanremo del prossimo 24 marzo.
A sobbarcarsi il lavoro lungo tutto il percorso è stata la Milram, che ha chiuso ogni varco, bloccando i tentativi di De La Fuente e Zubeldia.

  • 1° Daniele Bennati (Flag of Italy.svg Italia) in 3h33’30” (abb. 10″) (Media 42,660 km/h)
  • 2° Alessandro Petacchi (Flag of Italy.svg Italia) s.t. (abb. 6″)
  • 3° Javier Benitez (Flag of Spain.svg Spagna) s.t. (abb. 4″)
  • 4° Daniele Colli (Flag of Italy.svg Italia) s.t.
  • 5° Erik Zabel (Flag of Germany.svg Germania) s.t.
  • 6° Marco Velo (Flag of Italy.svg Italia) s.t.
  • 7° Borut Bozichz (Flag of Slovenia.svg Slovenia) s.t.
  • 8° Ruben Perez (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 9° Mikel Pradera (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 10° Maxim Iglinskiy (Flag of Kazakhstan.svg Kazakistan) s.t.

Ritirati: José Antonio Baños Ballester ESP
Non partiti: Ignacio Gutierrez ESP, Jurgen Van Goolen BEL

4° tappa

2 marzo 2007
Lo spagnolo Alberto Contador si aggiudica la quarta tappa, con 13″ di vantaggio sul connazionale Alejandro Valverde, che, con questo piazzamento, ottiene il primo posto in classifica generale.

  • 1° Alberto Contador (Flag of Spain.svg Spagna) in 4h04’49” (abb. 10″) (Media 39,703 km/h)
  • 2° Alejandro Valverde (Flag of Spain.svg Spagna) a 13″ (abb. 6″)
  • 3° Tadej Valjavec (Flag of Slovenia.svg Slovenia) s.t. (abb. 4″)
  • 4° Frank Schleck (Flag of Luxembourg.svg Lussemburgo) s.t.
  • 5° Janez Brajkovic (Flag of Slovenia.svg Slovenia) a 15″
  • 6° Jose Miguel Elias (Flag of Spain.svg Spagna) a 17″
  • 7° Luis Leon Sanchez (Flag of Spain.svg Spagna) a 20″
  • 8° Angel Vicioso (Flag of Spain.svg Spagna) a 24″
  • 9° Samuel Sanchez (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 10° Danail Petrov (Flag of Bulgaria.svg Bulgaria) s.t.

5° tappa

3 marzo 2007
3-1 per Daniele Bennati su Allessandro Petacchi. L’aretino si è imposto anche in quest’ultima tappa della Vuelta Valenciana, sempre davanti a Petacchi.
Primo nella classifica finale lo spagnolo Alejandro Valverde.

  • 1° Daniele Bennati (Flag of Italy.svg Italia) in 3h15’49” (abb. 10″) (Media 45,778 km/h)
  • 2° Alessandro Petacchi (Flag of Italy.svg Italia) s.t. (abb. 6″)
  • 3° Claudio Corioni (Flag of Italy.svg Italia) s.t. (abb. 4″)
  • 4° Alejandro Valverde (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 5° Vicente Reynes (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 6° Javier Benitez (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 7° Erik Zabel (Flag of Germany.svg Germania) s.t.
  • 8° Tiziano Dall’Antonia (Flag of Italy.svg Italia) s.t.
  • 9° Marco Velo (Flag of Italy.svg Italia) a 3″
  • 10° Assan Bazayev (Flag of Kazakhstan.svg Kazakistan) s.t.

Non partito: Alexandre Vinokourov KAZ.
Ritirati: David Millar GBR, Enrico Poitschke GER.

Classifica generale finale

Partiti: 144.
Arrivati: 134.

  • 1° Alejandro Valverde (Flag of Spain.svg Spagna) in 18h07’02” (Media 42,727 km/h)
  • 2° Tadej Valjavec (Flag of Slovenia.svg Slovenia) a 8″
  • 3° Fränk Schleck (Flag of Luxembourg.svg Lussemburgo) a 12″
  • 4° Janez Brajkovic (Flag of Slovenia.svg Slovenia) a 14″
  • 5° Jose Miguel Elias (Flag of Spain.svg Spagna) a 16″
  • 6° Thomas Voeckler (Flag of France.svg Francia) a 17″
  • 7° Luis León Sánchez (Flag of Spain.svg Spagna) a 19″
  • 8° Patxi Xabier Vila Errandonea (Flag of Spain.svg Spagna) a 20″
  • 9° Emanuele Sella (Flag of Italy.svg Italia) a 21″
  • 10° Mikel Astarloza Chaurreau (Flag of Spain.svg Spagna) a 23″
  • 11° Ezequiel Mosquera (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 12° Samuel Sanchez Gonzalez (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 13° Ángel Vicioso (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 14° Daniel Petrov (Flag of Bulgaria.svg Bulgaria) s.t.
  • 15° Mirko Celestino (Flag of Italy.svg Italia) s.t.
  • 16° Thomas Dekker (Flag of the Netherlands.svg Paesi Bassi) s.t.
  • 17° José-Iván Gutiérrez (Flag of Spain.svg Spagna) a 41″
  • 18° Laurent Brochard (Flag of France.svg Francia) a 43″
  • 19° Juan José Cobo (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 20° Luis Pérez Rodriguez (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 21° Andy Schleck (Flag of Luxembourg.svg Lussemburgo) s.t.
  • 22° Josè Antonio Redondo (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 23° Alessandro Petacchi (Flag of Italy.svg Italia) a 45″
  • 24° Alberto Fernández De La Puebla (Flag of Spain.svg Spagna) a 47″
  • 25° Adrián Palomares (Flag of Spain.svg Spagna) a 48″
  • 26° Vicente Reynes (Flag of Spain.svg Spagna) a 50″
  • 27° Jorge Ferrío (Flag of Spain.svg Spagna) a 52″
  • 28° Jérôme Pineau (Flag of France.svg Francia) a 56″
  • 29° Pieter Weening (Flag of the Netherlands.svg Paesi Bassi) s.t.
  • 30° Francisco Pérez (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 31° Pierrick Fedrigo (Flag of France.svg Francia) s.t.
  • 32° Iker Camaño (Flag of Spain.svg Spagna) a 1’04”
  • 33° Alexandr Kolobnev (Flag of Russia.svg Russia) s.t.
  • 34° Daniel Moreno (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 35° Inigo Cuesta (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 36° Thomas Frei (Flag of Switzerland.svg Svizzera) a 1’07”
  • 37° Ángel Vallejo (Flag of Spain.svg Spagna) a 1’16”
  • 38° Joost Posthuma (Flag of the Netherlands.svg Paesi Bassi) s.t.
  • 39° David Bernabeu (Flag of Spain.svg Spagna) a 1’19”
  • 40° Alberto Contador (Flag of Spain.svg Spagna) a 1’20”
  • 41° Didac Ortega (Flag of Spain.svg Spagna) a 1’18”
  • 42° Sergey Yakovlev (Flag of Kazakhstan.svg Kazakistan) a 1’31”
  • 43° Rui Lavarinhas (Flag of Portugal.svg Portogallo) s.t.
  • 44° Didier Rous (Flag of France.svg Francia) s.t.
  • 45° Michael Boogerd (Flag of the Netherlands.svg Paesi Bassi) a 1’36”
  • 46° Maxim Iglinsky (Flag of Kazakhstan.svg Kazakistan) a 1’37”
  • 47° Ivan Velasco Murillo (Flag of Spain.svg Spagna) a 1’38”
  • 48° Ruben Pérez Moreno (Flag of Spain.svg Spagna) a 1’41”
  • 49° Javier Cherro (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 50° Mikel Pradera (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 51° Roberto Traficante (Flag of Italy.svg Italia) s.t.
  • 52° Aitor Hernández Gutierrez (Flag of Spain.svg Spagna) a 1’57”
  • 53° William Walker (Flag of Australia.svg Australia) a 2’04”
  • 54° Juan Antonio Olmo Menacho (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 55° Christian Knees (Flag of Germany.svg Germania) a 2’11”
  • 56° Andrey Mizourov (Flag of Kazakhstan.svg Kazakistan) a 2’12”
  • 57° Volodymir Gustov (Flag of Ukraine.svg Ucraina) s.t.
  • 58° Ramon Sobrino (Flag of Spain.svg Spagna) a 2’14”
  • 59° Gustavo Dominguez (Flag of Spain.svg Spagna) a 2’17”
  • 60° Enrique Gutierrez (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 61° Daniele Nardello (Flag of Italy.svg Italia) s.t.
  • 62° Christophe Rinero (Flag of France.svg Francia) a 2’26”
  • 63° Volodymyr Bileka (Flag of Ukraine.svg Ucraina) a 2’33”
  • 64° Pedro Lopes (Flag of Portugal.svg Portogallo) a 2’37”
  • 65° Pablo De Pedro Garcia (Flag of Spain.svg Spagna) a 2’38”
  • 66° Michael Blaudzun (Flag of Denmark.svg Danimarca) s.t.
  • 67° Antonio Bucciero (Flag of Italy.svg Italia) a 2’41”
  • 68° Javier Benitez (Flag of Spain.svg Spagna) a 2’43”
  • 69° Gaizka Lasa Larraya (Flag of Spain.svg Spagna) a 2’44”
  • 70° Trent Lowe (Flag of Australia.svg Australia) a 2’45”
  • 71° Erik Zabel (Flag of Germany.svg Germania) a 2’47”
  • 72° Oleg Chuzhda (Flag of Ukraine.svg Ucraina) a 2’50”
  • 73° Manuel Ortega (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 74° Eduard Vorganov (Flag of Russia.svg Russia) a 2’59”
  • 75° Assan Bazayev (Flag of Kazakhstan.svg Kazakistan) a 3’06”
  • 76° Xavier Florencio (Flag of Spain.svg Spagna) a 3’11”
  • 77° Óscar Sevilla (Flag of Spain.svg Spagna) a 3’17”
  • 78° Enrico Franzoi (Flag of Italy.svg Italia) a 3’19”
  • 79° Imanol Erviti (Flag of Spain.svg Spagna) a 3’23”
  • 80° Daniele Bennati (Flag of Italy.svg Italia) a 3’30”
  • 81° José Luis Rubiera (Flag of Spain.svg Spagna) a 3’35”
  • 82° Pavel Padrnos (Flag of the Czech Republic.svg Repubblica Ceca) a 3’37”
  • 83° Vicente Ballester (Flag of Spain.svg Spagna) a 3’48”
  • 84° Marco Velo (Flag of Italy.svg Italia) a 3’55”
  • 85° Koos Moerenhout (Flag of the Netherlands.svg Paesi Bassi) a 4’00”
  • 86° Matteo Priamo (Flag of Italy.svg Italia) a 4’06”
  • 87° Joseba Aguirre Zubeldia (Flag of Spain.svg Spagna) a 4’26”
  • 88° Marcus Ljungqvist (Flag of Sweden.svg Svezia) a 4’39”
  • 89° Luis Pérez Romero (Flag of Spain.svg Spagna) a 4’42”
  • 90° Maxim Gourov (Flag of Kazakhstan.svg Kazakistan) a 5’11”
  • 91° Tiziano Dall’Antonia (Flag of Italy.svg Italia) a 5’12”
  • 92° Laurent Lefèvre (Flag of France.svg Francia) a 5’15”
  • 93° Egoi Martinez (Flag of Spain.svg Spagna) a 5’34”
  • 94° Carlos Castaño (Flag of Spain.svg Spagna) a 5’44”
  • 95° Luca Celli (Flag of Italy.svg Italia) a 5’48”
  • 96° Diego Milan (Flag of Spain.svg Spagna) a 5’50”
  • 97° Jon Bru Pascal (Flag of Spain.svg Spagna) a 5’57”
  • 98° Marco Marcato (Flag of Italy.svg Italia) a 6’07”
  • 99° Francesco Tomei (Flag of Italy.svg Italia) a 6’14”
  • 100° Damiano Cunego (Flag of Italy.svg Italia) a 6’27”
  • 101° David Muñoz (Flag of Spain.svg Spagna) a 6’29”
  • 102° Gorka Verdugo Marcotegui (Flag of Spain.svg Spagna) a 6’31”
  • 103° Jesús Hernández (Flag of Spain.svg Spagna) a 6’34”
  • 104° Claudio Corioni (Flag of Italy.svg Italia) a 7’02”
  • 105° Borut Bozichz (Flag of Slovenia.svg Slovenia) a 7’19”
  • 106° Volodymyr Dyudya (Flag of Ukraine.svg Ucraina) a 7’44”
  • 107° Sérgio Ribeiro (Flag of Portugal.svg Portogallo) a 7’46”
  • 108° Yoann Le Boulanger (Flag of France.svg Francia) a 7’59”
  • 109° David De La Fuente (Flag of Spain.svg Spagna) a 8’05”
  • 110° Dailos Manuel Diaz Armas (Flag of Spain.svg Spagna) a 8’07”
  • 111° Rick Flens (Flag of the Netherlands.svg Paesi Bassi) a 8’12”
  • 112° Fabio Baldato (Flag of Italy.svg Italia) a 8’14”
  • 113° Raúl García De Mateo (Flag of Spain.svg Spagna) a 8’18”
  • 114° Vicente Peiro Marqueno (Flag of Spain.svg Spagna) a 8’19”
  • 115° Miguel Ochoa (Flag of Spain.svg Spagna) a 8’37”
  • 116° Pablo Lastras (Flag of Spain.svg Spagna) a 9’41”
  • 117° David Belda (Flag of Spain.svg Spagna) a 9’43”
  • 118° Luciano Pagliarini (Flag of Brazil.svg Brasile) a 9’54”
  • 119° José Rafael Martínez (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 120° Thorwald Veneberg (Flag of the Netherlands.svg Paesi Bassi) a 9’59”
  • 121° Raúl Alarcón (Flag of Spain.svg Spagna) a 11’28”
  • 122° Francesco Gavazzi (Flag of Italy.svg Italia) a 11’47”
  • 123° Luca Solari (Flag of Italy.svg Italia) a 11’49”
  • 124° José Ruiz (Flag of Spain.svg Spagna) a 12’24”
  • 125° Juan Carinema (Flag of Spain.svg Spagna) a 13’36”
  • 126° Gorka Amuriza Gumucio (Flag of Spain.svg Spagna) a 13’54”
  • 127° Florent Brard (Flag of France.svg Francia) a 16’01”
  • 128° Helder Miranda (Flag of Portugal.svg Portogallo) a 16’23”
  • 129° Serafín Martínez Acevedo (Flag of Spain.svg Spagna) a 16’42”
  • 130° José Antonio López Gil (Flag of Spain.svg Spagna) a 18’14”
  • 131° Javier Echarri (Flag of Spain.svg Spagna) a 20’37”
  • 132° Egoitz Murgoitio (Flag of Spain.svg Spagna) a 24’43”
  • 133° Lars Michaelsen (Flag of Denmark.svg Danimarca) a 25’25”
  • 134° Gustavo Cesar (Flag of Spain.svg Spagna) a 34’52”

Classifica a punti

  • 1° Daniele Bennati (Flag of Italy.svg Italia) 92p
  • 2° Alessandro Petacchi (Flag of Italy.svg Italia) 85p
  • 3° Vicente Reynes (Flag of Spain.svg Spagna) 49p
  • 4° Javier Benitez (Flag of Spain.svg Spagna) 49p
  • 5° Alejandro Valverde (Flag of Spain.svg Spagna) 40p
  • 6° Erik Zabel (Flag of Germany.svg Germania) 27p
  • 7° Borut Bozichz (Flag of Slovenia.svg Slovenia) 26p
  • 8° Alberto Contador (Flag of Spain.svg Spagna) 25p
  • 9° Antonio Bucciero (Flag of Italy.svg Italia) 24p
  • 10° Tiziano Dall’Antonia (Flag of Italy.svg Italia) 22p
  • 11° Marco Velo (Flag of Italy.svg Italia) 17p
  • 12° Tadej Valjavec (Flag of Slovenia.svg Slovenia) 16p
  • 13° Claudio Corioni (Flag of Italy.svg Italia) 16p
  • 14° Samuel Sanchez Gonzalez (Flag of Spain.svg Spagna) 15p
  • 15° Fränk Schleck (Flag of Luxembourg.svg Lussemburgo) 14p
  • 16° Janez Brajkovic (Flag of Slovenia.svg Slovenia) 13p
  • 17° Laurent Brochard (Flag of France.svg Francia) 12p
  • 18° Luis León Sánchez (Flag of Spain.svg Spagna) 11p
  • 19° Volodymyr Bileka (Flag of Ukraine.svg Ucraina) 11p
  • 20° Thomas Voeckler (Flag of France.svg Francia) 10p
  • 21° José Miguel Elías (Flag of Spain.svg Spagna) 10p
  • 22° Ruben Pérez Moreno (Flag of Spain.svg Spagna) 10p
  • 23° Luciano Pagliarini (Flag of Brazil.svg Brasile) 10p
  • 24° Daniel Moreno (Flag of Spain.svg Spagna) 9p
  • 25° Marco Marcato (Flag of Italy.svg Italia) 9p

Classifica scalatori

  • 1° David De La Fuente (Flag of Spain.svg Spagna) 34p
  • 2° Raúl Alarcón (Flag of Spain.svg Spagna) 14p
  • 3° José Ruiz (Flag of Spain.svg Spagna) 13p
  • 4° Alberto Contador (Flag of Spain.svg Spagna) 10p
  • 5° Alejandro Valverde (Flag of Spain.svg Spagna) 10p
  • 6° Joseba Aguirre Zubeldia (Flag of Spain.svg Spagna) 10p
  • 7° Fränk Schleck (Flag of Luxembourg.svg Lussemburgo) 8p
  • 8° Luis Pérez Rodriguez (Flag of Spain.svg Spagna) 6p
  • 9° Óscar Sevilla (Flag of Spain.svg Spagna) 6p
  • 10° Luca Solari (Flag of Italy.svg Italia) 6p
  • 11° David Muñoz (Flag of Spain.svg Spagna) 5p

Classifica a squadre

  • 1º Lampre 54h22’08”
  • 2º Caisse d’Epargne 54h22’14”
  • 3º Relax-GAM 54h22’49”
  • 4º Euskaltel-Euskadi 54h22’56”
  • 5º CSC 54h23’05”
  • 6º Bouygues Tel. 54h23’08”
  • 7º Saunier 54h23’40”
  • 8º Rabobank 54h23’41”
  • 9º Astana 54h24’00”
  • 10º Discovery Channel 54h24’04”
  • 11º Benfica 54h24’25”
  • 12º Andalucia-Cayasur 54h24’45”
  • 13º Milram 54h24’51”
  • 14º Fuerteventura-Canarias 54h24’59”
  • 15º Karpin 54h26’03”
  • 16º Panaria 54h27’05”
  • 17º LPR 54h27’21”
  • 18º GN Mateos 54h29’12”

Partecipanti

Andalucia-Cayasur
Carinema ESP
Ferrío ESP
López ESP
Olmo ESP
Ortega ESP
Pérez Rodr. ESP
Pérez Rom. ESP
Ruiz ESP

Astana
Bazayev KAZ
Frei SUI
Gourov KAZ
Iglinsky KAZ
Mizourov KAZ
Redondo ESP
Vinokourov KAZ np 5°
Yakovlev KAZ

Benfica
Benitez ESP
Lavarinhas POR
Lopes POR
Miranda POR
Ortega ESP
Petrov BUL
Pradera ESP
Ribeiro POR

Bouygues Tel.
Brochard
Fédrigo FRA
Florencio ESP
Le Boulanger FRA
Lefèvre
Pineau FRA
Rous
Voeckler FRA

Caisse d’Epargne
Brard FRA
Erviti ESP
Gutiérrez ESP
Lastras ESP
Pérez F. ESP
Reynes ESP
Sánchez ESP
Valverde ESP

CSC
Blaudzun
Cuesta ESP
Gustov UKR
Kolobnev RUS
Ljungqvist SWE
Michaelsen DEN
Schleck A. LUX
Schleck F. LUX

Discovery Channel
Bileka UKR
Brajkovic SLO
Contador ESP
Lowe AUS
Martinez ESP
Padrnos CZE
Rubiera ESP
Van Goolen BEL rit 3°

Euskaltel-Euskadi
Astarloza ESP
Bru ESP
Hernández ESP
Pérez Moreno ESP
Sanchez ESP
Velasco ESP
Verdugo ESP
Zubeldia J. ESP

Fuerteventura
Ballester ESP
Belda ESP
Bernabeu ESP
Cherro ESP
Chuzhda UKR
Diaz ESP
Muñoz ESP
Palomares ESP

GN Mateos
Amuriza ESP
Baños ESP rit 3°
De Pedro ESP
Echarri ESP
Ochoa ESP
Milan ESP
Murgoitio ESP
Peiro ESP

Karpin
Castaño ESP
Cesar ESP
Dominguez ESP
Lasa ESP
Martínez ESP
Mosquera ESP
Sobrino ESP
Vorganov

Lampre
Baldato ITA
Bennati ITA
Corioni ITA
Cunego ITA
Franzoi ITA
Gavazzi ITA
Valjavec SLO
Vila ESP

LPR
Bozichz SLO
Celli ITA
Gutierrez E. ESP
Gutierres I. ESP np 3°
Marcato ITA
Nardello ITA
Solari ITA
Traficante ITA

Milram
Celestino ITA
Dyudya UKR
Knees GER
Lancaster AUS rit 4°
Petacchi ITA
Poitschke GER rit 5°
Velo ITA
Zabel GER

Panaria
Bongiorno ITA rit 2°
Bucciero ITA
Dall’Antonia ITA
Colli ITA rit 4°
Grillo ITA np 1°
Priamo ITA
Sella ITA
Tomei ITA

Rabobank
Boogerd NED
Thomas Dekker NED
Flens NED
Moerenhout NED
Posthuma NED
Veneberg NED
Walker AUS
Weening NED

Relax-GAM
Elías ESP
García De Mateo ESP
Hernández ESP
Martínez ESP
Moreno ESP
Sevilla ESP
Vallejo ESP
Vicioso ESP

Saunier
Alarcón ESP
Camaño ESP
Cobo ESP
De La Fuente ESP
Fernández ESP
Millar GBR rit 5°
Pagliarini BRA
Rinero FRA

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Sri Lanka, diplomatici feriti in un attacco delle Tigri del Tamil

Filed under: Guerre civili,Pubblicati,Sri Lanka — admin @ 5:00 am

Sri Lanka, diplomatici feriti in un attacco delle Tigri del Tamil

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 27 febbraio 2007

Stamane personale diplomatico dell’Unione Europea e statunitense è rimasto coinvolto in un attacco da parte delle Tigri del Tamil, presso la base aerea di Batticaloa, nella parte est dello Sri Lanka.

La delegazione, composta da personale diplomatico dell’Unione Europea e dagli ambasciatori di Canada, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Italia e Stati Uniti, era accompagnata dal ministro dei Diritti umani e la Protezione civile e quello della Riabilitazione dello Sri Lanka, ed era da poco giunta alla base tramite elicotteri, in visita alla regione, recentemente soggetta ad un acuirsi degli scontri tra le truppe governative e i guerriglieri del Tamil.

L’attacco è stato portato tramite il lancio di alcune granate, una delle quali ha investito la delegazione ferendo in maniera lieve l’ambasciatore italiano Pio Mariani (con ferite al cuoio capelluto) e quello statunitense Robert Blake, che sono stati riportati alla capitale Colombo per esser curati, mentre l’ambasciatore tedesco Jurgen Weerth ha ricevuto ferite più lievi ed è stato medicato sul posto. Gli ambasciatori feriti sarebbero in buone condizioni e starebbero bene.

I feriti, in totale, sono undici, tra soldati e civili. Non è chiaro se gli elicotteri siano stati colpiti in volo o quando già atterrati.

Le Tigri del Tamil esprimono profondo rammarico per il ferimento degli ambasciatori, ma accusano ora il governo dello Sri Lanka di non aver avvertito, come da prassi, della presenza di personale diplomatico. Il portavoce dell’LTTE (Esercito di liberazione delle Tigri Tamil), Irasiah Ilanthirayan, ha anche aggiunto che l’attacco era una risposta ai tiri d’artiglieria che durante la mattinata erano partiti dalla base.

Il conflitto[]

Lo Sri Lanka, isola a sud est dell’India

Il conflitto tra le Tigri del Tamil e le truppe governative dura da ormai quasi trent’anni, ed il cessate il fuoco stipulato a Oslo nel 2002 regge a malapena. La regione in cui sono avvenuti i fatti odierni è stata da poco riconquistata ai Tamil dalle truppe governative.

collegamenti esterni

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Milano: maestra taglia lingua a bambino

Filed under: Cronaca,Europa,Italia,Milano,Pubblicati — admin @ 5:00 am

Milano: maestra taglia lingua a bambino – Wikinotizie

Milano: maestra taglia lingua a bambino

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

27 febbraio 2007
A Milano una maestra di sostegno ha tagliato parte della lingua a un bambino di 7 anni italiano di origini tunisine. Il bambino è stato subito portato al pronto soccorso ed ha avuto 5 punti di sutura. La maestra ha riferito che si sarebbe trattato di un gioco. I genitori del bambino hanno denunciato la scuola e hanno chiesto un risarcimento per danni morali e fisici. Il ministro dell’istruzione Fioroni ha subito avviato il licenziamento della maestra.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Il vulcano Stromboli aumenta l\’attività: stato di emergenza nella zona

Il vulcano Stromboli aumenta l’attività: stato di emergenza nella zona

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 27 febbraio 2007

Il vulcano situato nell’isola di Stromboli è in fase eruttiva dal primo pomeriggio.

Si sono aperte due fratture in cima, con colate laviche che hanno raggiunto già il Tirreno.

È in corso l’evacuazione di parte della cittadinanza dell’isola dell’arcipelago delle Eolie. È stato anche impedito agli abitanti delle isole di avvicinarsi alle coste (ci sarebbe rischio tsunami). La protezione civile, insieme all’INGV, sta compiendo un sopralluogo nelle Lipari per verificare la reale situazione.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Giocatore di golf vuole denunciare alcuni editori di Wikipedia per diffamazione

Giocatore di golf vuole denunciare alcuni editori di Wikipedia per diffamazione

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 27 febbraio 2007

Wikimedia-logo.svg Questo articolo cita la Wikimedia Foundation o uno dei suoi progetti o persone ad essi legati. Vi informiamo che Wikinotizie è un progetto della Wikimedia Foundation.

Il logo di Wikipedia in nero

Il giocatore di golf Fuzzy Zoeller vuole processare gli editori di Wikipedia che hanno vandalizzato la sua voce sull’enciclopedia libera che chiunque può modificare.

Un IP risalente a Josef Silny & Associates, una società di consulenza di Miami, aveva scritto un paragrafo non neutrale su di lui che ha destato lo scalpore del golfista. Il paragrafo era stato inserito due volte: una prima volta nel corso dello scorso anno, e quindi di nuovo a dicembre 2006. Il paragrafo non neutrale è stato rimosso il mese scorso. Zoeller vuole citare in giudizio l’azienda per capire chi aveva scritto quel paragrafo.

Wikinews

Questo articolo, o parte di esso, deriva da una traduzione di Golfer sues Wikipedia editor over article defacement, pubblicato su Wikinews in lingua inglese.

«La famiglia Zoeller vuole fermare questa azione diffamatoria. Altrimenti noi tutti saremo vittime dei vandali su internet. Costoro non possono agire nell’impunità» ha detto l’avvocato di Zoeller, Scott Sheftall.

Secondo la corte, Wikipedia non può essere citata in giudizio per modifiche vandaliche. Le persone o la società in questione, invece, possono essere perseguite.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Lanciata la versione 3.0 delle licenze Creative Commons

Lanciata la versione 3.0 delle licenze Creative Commons

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 27 febbraio 2007

Il logo della Creative Commons

La Creative Commons ha rilasciato ieri una nuova versione delle proprie licenze. Si tratta della versione 3.0, che segue la 2.5, lanciata alcuni anni fa.

Fra le novità introdotte con questa licenza, ci sono:

  • l’introduzione di una licenza generica (unported), slegata da quella relativa agli Stati Uniti d’America;
  • un miglioramento del trattamento dei diritti morali d’autore, che vengono adesso tutelati, e il riconoscimento delle Società degli Autori;
  • viene reso esplicito il divieto di usare l’attribuzione per indicare una relazione con il detentore dei diritti o l’autore che ha licenziato un testo in CC;
  • viene creata una rete di licenze compatibili con la CC-BY-SA, per permettere alle opere derivate di sfruttare una licenza diversa;
  • inserimento di alcuni chiarimenti per dirimere alcune obiezioni sollevate da Debian e MIT.

Durante la preparazione della versione 3.0 è stata proposta anche la possibilità di rilasciare opere in CC sotto DRM a certe condizioni – la cosiddetta “distribuzione parallela” – ma non è stata introdotta nella versione 3.0.

L’aggiornamento dalle licenze meno recenti alla versione 3.0 non è automatico, e deve essere espresso in termini espliciti.


Ricerca originale
Questo articolo (o parte di esso) si basa su informazioni frutto di ricerche o indagini condotte da parte di uno o più contributori della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

Collegamenti esterni

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »

Powered by WordPress