Wiki Actu it

May 31, 2007

Stefano Rodotà al Festival dell\’Economia di Trento

Stefano Rodotà al Festival dell’Economia di Trento

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 31 maggio 2007

Stefano Rodotà durante la conferenza

Nell’ambito del Festival dell’Economia di Trento oggi alle 19 a Palazzo Geremia ha tenuto una conferenza Stefano Rodotà. L’intervento è stato introdotto dall’assessore comunale Lucia Maestri, che ha sostitutito Bianca Berlinguer, trattenuta a casa da un improvviso problema familiare. Fra il pubblico c’era anche Tullio De Mauro, ex ministro della Pubblica Istruzione.

Rodotà ha parlato del ruolo del corpo, intendendolo sia in quanto a fisico che a livello “elettronico”, e di come questo sia cambiato con il progresso della scienza e della tecnica. Ha trattato della commercializzazione degli organi, della proliferazione nelle apposite banche e di quello che secondo lui è l’«equivoco della fine naturale».

Ha spiegato che la necessità del consenso della persona per interventi medici sul proprio corpo (garantito anche dalla Costituzione italiana) è stata una reazione alla sperimentazione nazista; eppure un principio simile, quello dell’habeas corpus era stato stabilito già dalla Magna Charta nel 1215.

Ha parlato dell’idea di «corpo come costruzione continua» e di quella di corpo come macchina di cui aumentare la potenza. Ha descritto gli attuali fenomeni di “turismo procreativo” e “turismo eutanasico”, con quelli di “turismo abortivo” e del “divorzio”. Più in generale ha sottolineato il “turismo del diritto”, legato alle disponibità culturali e finanziarie. Secondo lui, ciò costituisce una forma di rinascita del censo.


Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Processo doping: comunicate le motivazioni della Cassazione

Processo doping: comunicate le motivazioni della Cassazione

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 31 maggio 2007
Sono state pubblicate le motivazioni della sentenza della Corte di Cassazione, emessa il 29 marzo scorso, relativa al processo di Torino nel quale l’ex-Amministratore Delegato della Juventus Giraudo ed il medico Agricola erano stati accusati di somministrazione di doping ed abuso di farmaci.

La sentenza della Cassazione ha confermato l’assoluzione degli imputati, già sentenziata dalla Corte d’Appello, dall’accusa legata al doping, ovvero la presunta somministrazione ai calciatori di eritropoietina.

Per quanto invece riguarda la questione dell’abuso di farmaci la Corte di Cassazione ha ritenuto inamissibile la motivazione dell’assoluzione della Corte d’Appello, secondo la quale “l’abuso di farmaci non era punito dalla legge all’epoca dei fatti”. Secondo la Corte di Cassazione infatti: “chi somministra ai partecipanti alla competizione, sostanze atte ad alterarne le prestazioni, e che fraudolentemente mira a menomare o ad esaltare le capacità atletiche del giocatore, pone in essere una condotta che consiste in un espediente occulto per far risultare una prestazione diversa da quella reale, in un artifizio capace di alterare il genuino svolgimento della competizione, con palese violazione dei principi di lealtà e di correttezza: per l’effetto, gli atti posti in essere sono agevolmente riconducibili alla nozione di atti fraudolenti di cui alla normativa in esame” (legge sulla frode sportiva). La Corte ha quindi ritenuto che la somministrazione eccessiva di farmaci possa configurarsi come reato di frode sportiva e ha quindi annullato la sentenza di assoluzione della Corte d’Appello.

L’effetto della sentenza è quindi la necessità di svolgere un nuovo processo che però non si farà perché nel frattempo è sopraggiunta la prescrizione del reato.

Articoli correlati[]

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Giro d\’Italia 2007: diciottesima tappa

Giro d’Italia 2007: diciottesima tappa – Wikinotizie

Giro d’Italia 2007: diciottesima tappa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

31 maggio 2007

Alessandro Petacchi

È Alessandro Petacchi il vincitore della diciottesima tappa del Giro d’Italia, da Udine a Riese Pio X, che si impone in volata su Richeze della Panaria e Breschel della CSC.

Per Petacchi è la quarta tappa vinta in questa edizione, che gli permette di ipotecare la maglia ciclamino.

Poco movimento sul percorso totalmente pianeggiante: una fuga di 7 uomini (tra cui spiccava Pachi Vila della Lampre – Fondital) è stata mantenuta a “bagnomaria” dal gruppo lanciato a 46 di media oraria, per essere ripresi a pochi chilometri dall’arrivo.

La conclusione è in volata. Una prima caduta di due corridori della AG2R agli 800 m e un’altra ai -500 falsano lo sprint, con i velocisti subito al vento: Petacchi è immediatamente in prima posizione ai 700 metri, ma resiste alla scia di Richeze (giungerà stremato alle interviste).

Nulla cambia nelle classifiche, con Di Luca che rimane leader prima dell’arrivo di domani a Comano Terme, tappa potenzialmente adatta agli scattisti, di 179 Km.

Risultati odierni

Classifica di tappa
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Alessandro Petacchi Flag of Italy.svg Italia Team Milram 4h 32′ 51″
2 Ariel Maximiliano Richeze Flag of Argentina.svg Argentina Ceramiche Panaria – Navigare s. t.
3 Matti Breschel Flag of Denmark.svg Danimarca Team CSC s. t.
4 Thomas Fothen Flag of Germany.svg Germania Gerolsteiner s. t.
5 Oscar Gatto Flag of Italy.svg Italia Gerolsteiner s. t.
Classifica generale
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Danilo Di Luca Flag of Italy.svg Italia Liquigas 82h 8′ 26″
2 Andy Schleck Flag of Luxembourg.svg Lussemburgo Team CSC a 2′ 24″
3 Gilberto Simoni Flag of Italy.svg Italia Saunier Duval – Prodir a 2′ 28″
4 Damiano Cunego Flag of Italy.svg Italia Lampre – Fondital a 3′ 29″
5 Eddy Mazzoleni Flag of Italy.svg Italia Astana a 3′ 46″
Classifica a punti
Posizione Atleta Nazione Squadra Punti
1 Alessandro Petacchi Flag of Italy.svg Italia Team Milram 160
Classifica del Gran Premio della Montagna
Posizione Atleta Nazione Squadra Punti
1 Leonardo Piepoli Flag of Italy.svg Italia Saunier Duval – Prodir 73
Classifica Miglior Giovane
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Andy Schleck Flag of Luxembourg.svg Lussemburgo Team CSC 82h 10′ 50″


Fonti


Resoconto del Giro d’Italia 2007
Maglia rosa del Giro d'Italia

Scegli la tappa: 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21

Segui lo Speciale Giro d’Italia 2007.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Viaggio umanitario del C.I.S.S. in Libano

Viaggio umanitario del C.I.S.S. in Libano

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 31 maggio 2007

Beirut-1.JPG

Partiti da Canelli (AT) con un furgone Iveco della concessionaria Garelli di Asti grazie all’interessamento del dott. Franco Oriolo, dirigente Iveco a Torino, dopo una breve sosta a Taranto per un ulteriore carico ci siamo imbarcati a Brindisi per Igoumenitsa in Grecia dopo aver pagato una onerosa somma per il furgone. Attraversata la Grecia in circa 16 ore siamo arrivati alla frontiera turca dove abbiamo dovuto ugualmente versare una non indifferente cauzione per il carico. Dopo 22 ore di viaggio ininterrotto siamo arrivati al confine turco-siriano e rimandati indietro per la chiusura della dogana. Antiochia in Turchia conserva sempre un suo fascino particolare abbarbicata come è sul fianco di ardite montagne rocciose. Altra cauzione onerosa in Siria con strane supertasse per i possessori di motori diesel. Nel primo pomeriggio entriamo nel magico paesaggio orientale con le dune desertiche dipinte di rosa ed i monumentali ritratti dell’attuale presidente e del padre, la gente però non sembra farci caso. Si nota una cordialità diffusa con molteplici segni di simpatia e gentilezza, molti i punti internet e le ragazze con il velo non sono molto frequenti.

Personale dell’associazione a Beirut

Purtroppo per questioni doganali per noi incomprensibili appena entrati in Siria abbiamo ricevuto una scorta armata che ci ha accompagnati direttamente alla frontiera libanese raggiunta verso le ore 24, anche qui per chiusura degli uffici abbiamo dovuto pernottare in dogana sul furgone aiutati molto dall’ospitalità del personale doganale gentile all’inverosimile.In tarda mattinata siamo entrati a Beirut sud dove sono molto visibili i segni dell’ultimo bombardamento israeliano con notevoli case distrutte, i ponti tutti inservibili e molte strade con enormi voragini causate da bombe.

Una parte della popolazione dei quartieri orientali della città ci è subito sembrata ostile. I 3 giorni successivi sono trascorsi visitando ospedali e centri della salute nel sud del Libano dove abbiamo fatto base a Tiro bellissima città balneare con numerosi resti romani. I soldati dell’UNIFIL sono ovunque e per arrivare qui i posti di blocco non si contano, e alcuni di questi sono controllati dalle forze Hezbollah. Notiamo un’ottima assistenza dei paz, specie se indigenti per la gratuità dei servizi medicine incluse. Qualche ospedale è stato anche donato da alcuni stati arabi come l’Iran, il Kuwait e l’Arabia Saudita.

Non c’è nessun aiuto visibile da parte dei paesi occidentali anche se i nostri amici libanesi ripetono che l’Europa coopera per progetti sanitari e sociali. Simpatica la visita al nostro contingente di stanza a sud di Tiro con momenti toccanti. Molto più drammatica la visita poco dopo di un campo profughi che ospita oltre 10 000 persone con l’accesso alle strade sbarrato.

Nel ritorno a Beirut purtroppo abbiamo assistito ad una sparatoria nel quartiere dove eravamo ospiti per cui ci è stato vivamente consigliato di non uscire di casa per tutta la permanenza in città. Durante il viaggio compiuto con Vincenzo Leone, cardiologo a Taranto e Guido Imanon, manager marketing a Torino, abbiamo tenuto 5 collegamenti in diretta con Radio Veronica One di Torino. Tutti gli obiettivi posti sono stati raggiunti riuscendo a scaricare nell’ospedale pubblico di Tiro presso l’associazione volontaria di assistenza sanitaria il materiale consistente in 2 apparecchi radiologici portatili completi, un defibrillatore, una centrifuga, una lampada scialitica per sala operatoria, 9 computer, 8 carrozzelle e numerosi farmaci. Se non avessimo guidato ininterrottamente giorno e notte non avremmo potuto farcela nel tempo stabilito di 14 giorni.

Articoli correlati

Fonte


Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

May 30, 2007

Giro d\’Italia 2007: diciassettesima tappa

Giro d’Italia 2007: diciassettesima tappa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

30 maggio 2007

Il Gibo nella cronometro di Pontedera del Giro 2006. Nel 2006 aveva solo sfiorato la vittoria di tappa.

Gilberto Simoni è il vincitore dell’attesa diciassettesima tappa con arrivo sul Monte Zoncolan, dopo 142 Km e 10 di ascesa finale con tratti al 22% di pendenza.

Simoni, che ottiene la seconda vittoria sulla cima friulana a 4 anni di distanza, anticipa il compagno di squadra Piepoli, distanziando di 7″ Andy Schleck, sempre più leader dei giovani e nuovo secondo in classifica generale. I due uomini della Saunier Duval – Prodir hanno praticamente tagliato il traguardo in sincronia, entrambi alzando le mani in segno di vittoria.

Più defilati Danilo Di Luca, che ha preferito la difesa, mantenendo il simbolo del primato, e Damiano Cunego.

La corsa si è tenuta ad una media altissima, anche grazie ad una fuga di 12 uomini, compresi Massimo Codol, Dario David Cioni e gli habituée Paolo Bettini e Fortunato Baliani, che acquisiscono in prossimità di Sappada il vantaggio massimo di 5′ 30″.

I battistrada saranno poi ripresi tutti alla spicciolata sullo Zoncolan. Simoni fa la manovra e, con l’aiuto di Piepoli, anche Di Luca e Cunego non tengono il ritmo (primi a cedere Riccò, Mazzoleni e Bruseghin, giunti con un ritardo comunque non abissale). L’ultimo a cedere, negli ultimi metri, è Schleck, a causa di uno scatto secco di Piepoli, in grado di lanciare il suo capitano verso il successo di tappa.

Qualche cambiamento nella classifica generale, dove Di Luca conserva la leadership. Piepoli svetta nella classifica di miglior grimpeur.

Domani tappa di trasferimento, ideale per i velocisti, da Udine a Riese Pio X di 203 Km.

Risultati odierni

Classifica di tappa
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Gilberto Simoni Flag of Italy.svg Italia Saunier Duval – Prodir 3h 51′ 52″
2 Leonardo Piepoli Flag of Italy.svg Italia Saunier Duval – Prodir s. t.
3 Andy Schleck Flag of Luxembourg.svg Lussemburgo Team CSC a 7″
4 Danilo Di Luca Flag of Italy.svg Italia Liquigas a 31″
5 Damiano Cunego Flag of Italy.svg Italia Lampre – Fondital a 37″
Classifica generale
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Danilo Di Luca Flag of Italy.svg Italia Liquigas 77h 35′ 35″
2 Andy Schleck Flag of Luxembourg.svg Lussemburgo Team CSC a 2′ 24″
3 Gilberto Simoni Flag of Italy.svg Italia Saunier Duval – Prodir a 2′ 28″
4 Damiano Cunego Flag of Italy.svg Italia Lampre – Fondital a 3′ 29″
5 Eddy Mazzoleni Flag of Italy.svg Italia Astana a 3′ 46″
Classifica a punti
Posizione Atleta Nazione Squadra Punti
1 Alessandro Petacchi Flag of Italy.svg Italia Team Milram 135
Classifica del Gran Premio della Montagna
Posizione Atleta Nazione Squadra Punti
1 Leonardo Piepoli Flag of Italy.svg Italia Saunier Duval – Prodir 73
Classifica Miglior Giovane
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Andy Schleck Flag of Luxembourg.svg Lussemburgo Team CSC 77h 37′ 59″


Fonti


Resoconto del Giro d’Italia 2007
Maglia rosa del Giro d'Italia

Scegli la tappa: 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21

Segui lo Speciale Giro d’Italia 2007.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

May 29, 2007

Giro d\’Italia 2007: sedicesima tappa

Giro d’Italia 2007: sedicesima tappa – Wikinotizie

Giro d’Italia 2007: sedicesima tappa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

29 maggio 2007

Vista di Lienz: la cittadina tirolese è stata già sede di arrivo di tappa nel ’94.

La 16a tappa del Giro è andata a Stefano Garzelli, autore di una grande rimonta.

Per il varesino della Acqua & Sapone è la seconda vittoria in questa edizione della kermesse, ottenuta con una rimonta sui fuggitivi partita a 49 Km dall’arrivo.

Prima parte di gara vissuta con incertezza dai corridori, vista la situazione climatica sul Passo di Campolongo, dove la temperatura era di 0°C e vi era presenza di neve. L’asperità è stata percorsa ad andatura amatoriale, con i corridori fermi a valle in galleria per cambiarsi dopo la fatica e la pioggia.

Tappa tranquilla fino a Dobbiaco, meta del rifornimento, dove il francese della AG2R Prèvoyance Laurent Mangel rompe gli indugi e scatta, trainandosi altri corridori. Lungo i diversi strappi che portano sul Bannberg, in territorio austriaco, si formano in testa diversi gruppi di atleti, che guadagnano su Di Luca (che lascia fare) un cospicuo vantaggio. Sul tratto duro dell’ascesa, parte Stefano Garzelli, ormai non più interessato alla vittoria finale (20′ 2″ il ritardo dal leader): prende tanto vantaggio in pochi chilometri da riportarsi sul gruppo di testa (composto da Lastras, Caucchioli, Mangel, Serrano e Rubiera) e staccarlo nella discesa verso Lienz.

Negli ultimi 5 Km, nel circuito di Lienz, il vincitore del Giro 2000 approfitta della melina di scatti e controscatti degli inseguitori, aggiudicandosi la tappa con un vantaggio di 1′ e 1″ su Mangel. Alle spalle di questi, arriva un altro gruppo trainato da Commesso e Visconti (quest’ultimo scattato appena dopo Garzelli, ma senza riuscire nella stessa impresa) a 2′ 29″. Il plotone della maglia rosa giunge con un ritardo di 8′ 10″.

In classifica generale Garzelli guadagna 4 posizioni, e 8′ 30″ su Di Luca, tranquilla maglia rosa, almeno prima della tappa di domani che termina sullo Zoncolan dopo altri 2 GPM e 142 Km. Piepoli rafforza la leadership per la maglia verde (2° sul “Campolongo”).

Risultati odierni

Classifica di tappa
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Stefano Garzelli Flag of Italy.svg Italia Acqua & Sapone – Caffè Mokambo 5h 34′ 7″
2 Laurent Mangel Flag of France.svg Francia AG2R Prévoyance a 1′ 1″
3 Ricardo Serrano Gonzalez Flag of Spain.svg Spagna Tinkoff a 1′ 1″
4 José Luis Rubiera Vigil Flag of Spain.svg Spagna Discovery Channel a 1′ 1″
5 Pietro Caucchioli Flag of Italy.svg Italia Crédit Agricole a 1′ 1″
Classifica generale
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Danilo Di Luca Flag of Italy.svg Italia Liquigas 73h 43′ 12″
2 Eddy Mazzoleni Flag of Italy.svg Italia Astana a 1′ 51″
3 Andy Schleck Flag of Luxembourg.svg Lussemburgo Team CSC a 2′ 56″
4 Gilberto Simoni Flag of Italy.svg Italia Saunier Duval – Prodir a 3′ 19″
5 Damiano Cunego Flag of Italy.svg Italia Lampre – Fondital a 3′ 23″
Classifica a punti
Posizione Atleta Nazione Squadra Punti
1 Alessandro Petacchi Flag of Italy.svg Italia Team Milram 135
Classifica del Gran Premio della Montagna
Posizione Atleta Nazione Squadra Punti
1 Leonardo Piepoli Flag of Italy.svg Italia Saunier Duval – Prodir 63
Classifica Miglior Giovane
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Andy Schleck Flag of Luxembourg.svg Lussemburgo Team CSC 73h 46′ 8″


Fonti


Resoconto del Giro d’Italia 2007
Maglia rosa del Giro d'Italia

Scegli la tappa: 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21

Segui lo Speciale Giro d’Italia 2007.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

May 28, 2007

Sardegna: Giovanni Battista Pinna è stato liberato

Filed under: Europa,Giustizia e criminalità,Italia,Pubblicati,Sardegna — admin @ 5:00 am

Sardegna: Giovanni Battista Pinna è stato liberato

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 28 maggio 2007

Termina il sequestro dell’imprenditore sardo Giovanni Battista “Titti” Pinna. L’uomo è stato probabilmente liberato dai suoi rapitori, a causa della stretta investigativa delle forze dell’ordine: Pinna, infatti, era stato lasciato solo in un fosso, dove si è liberato autonomamente. L’uomo era segregato dal 19 settembre, giorno in cui era stato rapito a Bonorva, in provincia di Sassari: secondo le prime parole rilasciate dallo stesso Pinna, egli sarebbe stato tenuto con le catene ai polsi in uno spazio angusto per tutti gli otto mesi. Pinna aveva chiamato casa in mattinata da uno stabilimento per la lavorazione del basalto a Sedilo, provincia di Oristano, nei pressi del luogo dove era stato liberato.

Pinna si trova in buone condizioni, ha perso venti chili e il suo viso, dominato da una barba lunghissima, non nasconde i segni della lunga prigionia. Titti non avrebbe mai conversato con i suoi rapitori, e si è ritrovato praticamente isolato dal mondo, tanto che ha chiesto notizie circa il campionato di calcio italiano e si è detto “soddisfatto” della vittoria dello scudetto da parte dell’Inter e la salvezza del Cagliari.

Manifestazioni di gioia e sollievo a Bonorva, il paese dell’imprenditore, dove i suoi concittadini correggono le scritte “TITTI LIBERO” che tappezzano muri e magliette, aggiungendo a penna una “e” accentata: “TITTI è LIBERO”.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Elezioni provinciali italiane 2007: risultati

Elezioni provinciali italiane 2007: risultati

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 28 maggio 2007

Il 27 e 28 maggio 2007 si è votato per il rinnovo delle amministrazioni di 7 province.

Provincia di Ancona[]

Le liste che si sono presentate sono:

  • Partito Comunista dei Lavoratori con candidato presidente Luca Torselletti
  • coalizione di centro-destra formata da Forza Italia, Unione dei Democratici Cristiani e di Centro, Partito Repubblicano Italiano, Democrazia Cristiana per le Autonomie, Identità e tradizione per Ancona, Alleanza Nazionale; con candidata presidente Ivana Ballante
  • liste civiche Latini presidente, con candidato presidente Dino Latini
  • coalizione di centro-sinistra formata da Partito dei Comunisti Italiani, Federazione dei Verdi, Nuovo Partito Socialista Italiano, Partito della Rifondazione Comunista, Italia dei Valori-Popolari UDEUR, Repubblicani Europei, L’Ulivo; con candidata presidente Patrizia Casagrande Esposto
  • Forza Nuova, con candidato presidente Gianni Correggiari

Risultati[]

Candidato presidente Voti candidato Voti coalizione
Esposto Patrizia Casagrande 55,638 % 55,690 %
Ivana Ballante 38,431 % 38,837 %
Dino Latini 3,874 % 3,461 %
Luca Torselletti 1,078 % 1,018 %
Gianni Correggiari 0,976 % 0,990 %

Con 115.094 voti è eletta nuovo presidente della provincia di Ancona Esposto Patrizia Casagrande.

Provincia di Como[]

Le liste che si sono presentate sono:

  • coalizione di centro-destra formata da Alleanza Nazionale, Partito Pensionati, Unione dei Democratici Cristiani e di Centro, Italia unita-Movimento liberaldemocratico per basta tasse, Movimento per l’autonomia, Forza Italia, Lega Nord; con candidato presidente Ambrogio Leonardo Carioni
  • Polo civico di Centro, con candidato presidente Daniele Galimberti
  • Fiamma Tricolore, con candidato presidente Silvano Busetti
  • coalizione di centro-sinistra formata da Italia dei Valori, Partito dei Comunisti Italiani, Lista civica territoriale con Mauro Guerra, Partito della Rifondazione Comunista, Federazione dei Verdi, L’Ulivo; con candidato presidente Mauro Guerra
  • Como provincia autonoma, con candidato presidente Paolo Lazzati

Risultati[]

Candidato presidente Voti candidato Voti coalizione
Leonardo Ambrogio Carioni 67,803 % 69,395 %
Mauro Guerra 28,551 % 27,102 %
Daniele Galimberti 1,457 % 1,461 %
Silvano Busetti 1,428 % 1,368 %
Paolo Lazzati 0,759 % 0,671 %

Con 179.748 voti è eletto nuovo presidente della provincia di Como Leonardo Ambrogio Carioni.

Provincia di Genova[]

Le liste che si sono presentate sono:

  • coalizione di centro-destra formata da Forza Italia, Alleanza Nazionale, Lega Nord, Lista Sandro Biasotti, Unione dei Democratici Cristiani e di Centro, Partito Pensionati; con candidata presidente Renata Oliveri
  • coalizione di centro-sinistra formata da L’Ulivo, Partito della Rifondazione Comunista, La nostra provincia, Partito dei Comunisti Italiani, Italia dei Valori, Socialisti Uniti, Federazione dei Verdi, Federazione Pensionati, Popolari UDEUR; con candidato presidente Alessandro Giovanni Repetto
  • L’Italia di Mezzo, con candidato presidente Fabio Broglia
  • Democrazia Cristiana, con candidato presidente Nicola Bisso
  • Partito Comunista dei Lavoratori, con candidato presidente Renzo Ravera
  • Forza Nuova, con candidato presidente Mario Troviso
  • MIL, con candidato presidente Pietro Campodonico
  • Democrazia Cristiana per le Autonomie, con candidata presidente Anna Maria Monti
  • Città Partecipata, con candidato presidente Luigi Stagnaro
  • Partito Repubblicano Italiano-Altri, con candidato presidente Paolo Bertuccio
  • De Gregorio italiani nel mondo, con candidato presidente Francesco De Simone

Risultati[]

Candidato presidente Voti candidato Voti coalizione
Alessandro Giovanni Repetto 49,063 % 49,388 %
Renata Oliveri 46,381 % 46,070 %
Fabio Broglia 1,284 % 1,229 %
Nicola Bisso 0,802 % 0,823 %
Renzo Ravera 0,569 % 0,597 %
Pietro Campodonico 0,510 % 0,502 %
Mario Troviso 0,460 % 0,492 %
Luigi Stagnaro 0,362 % 0,323 %
Anna Maria Monti 0,231 % 0,239 %
Paolo Bertuccio 0,184 % 0,181 %
Francesco De Simone 0,150 % 0,152 %

Nella provincia di Genova nessun candidato ha superato il 50% dei consensi, per cui fra due settimane avrà luogo il ballottagio fra Alessandro Giovanni Repetto e Renata Oliveri.

Provincia della Spezia[]

Le liste che si sono presentate sono:

  • coalizione di centro-destra formata da Democrazia Cristiana per le Autonomie, Forza Italia, Alleanza Nazionale, Unione dei Democratici Cristiani e di Centro e Lega Nord; con candidato presidente Renato Chironna
  • Albero dei Diritti, con candidato presidente Giovanni Pampana
  • Lista Schiffini, con candidato presidente Davide Rapallini
  • coalizione di centro sinistra formata da Democrazia Cristiana, Socialisti Uniti, Federazione dei Verdi, L’Ulivo, Partito dei Comunisti Italiani, Italia dei Valori, Partito della Rifondazione Comunista; con candidato presidente Marino Fiasella.

Risultati[]

Candidato presidente Voti candidato Voti coalizione
Marino Fiasella 53,104 % 52,892 %
Renato Chironna 39,776 % 40,308 %
Davide Rapallini 5,557 % 5,303 %
Giovanni Pampana 1,561 % 1,496 %

Con 57.151 voti è eletto nuovo presidente della provincia della Spezia Marino Fiasella.

Provincia di Varese[]

Le liste che si sono presentate sono:

  • coalizione di centro-destra formata da Forza Italia, Lega Nord, Alleanza Nazionale, UDC-Casini, Partito Pensionati, Democrazia Cristiana per le Autonomie, Movimento per l’Autonomia; con candidato presidente Marco Giovanni Reguzzoni
  • coalizione di centro-sinistra formata da L’Ulivo, Partito dei Comunisti Italiani, Partito della Rifondazione Comunista, Federazione dei Verdi; con candidato presidente Mario Anastasio Aspesi
  • Popolari UDEUR, Democrazia Cristiana, Polo Civico di Centro; con candidato presidente Paolo Pietro Cesare Caccia
  • Italia dei Valori, con candidato presidente Alessandro Milani
  • Fronte Indipendentista Lombardia, con candidato presidente Massimiliano Ferrari
  • Socialisti Uniti per la Costituente, Partito Repubblicano Italiano; con candidata presidente Angela Forno
  • Azione Sociale Mussolini, con candidato presidente Angelo Claudio Ottaviani
  • Movimento Libero, con candidato presidente Alessio Nicoletti

Risultati[]

Candidato presidente Voti candidato Voti coalizione
Marco Giovanni Reguzzoni 67,147 % 67,663 %
Mario Anastasio Aspesi 25,332 % 24,883 %
Paolo Pietro Cesare Caccia 2,466 % 2,440 %
Alessandro Milani 1,771 % 1,789 %
Massimiliano Ferrari 0,867 % 0,854 %
Alessio Nicoletti 0,855 % 0,811 %
Angelo Claudio Ottaviani 0,791 % 0,827 %
Angela Forno 0,766 % 0,729 %

Con 243.207 voti è eletto nuovo presidente della provincia di Varese Marco Giovanni Reguzzoni.

Provincia di Vercelli[]

Le liste che si sono presentate sono:

  • coalizione di centro-destra formata da Forza Italia, Lega Nord-Buonanno, Alleanza Nazionale, Unione dei Democratici Cristiani e di Centro, Partito Pensionti, Nuovo PSI, Fiamma Tricolore, Con Masoero per la Valsesia, Democrazia Cristiana per le Autonomie, Lista Consumatori; con candidato presidente Renzo Masoero
  • coalizione di centro-sinistra formata da L’Ulivo, Partito della Rifondazione Comunista, Federazione dei Verdi-Partito dei Comunisti Italiani, Italia dei Valori, SDI-Radicali; con candidato presidente Francesco Carcò
  • Ippodromo e Lavoro, con candidato presidente Gian Mario Ferraris
  • Democrazia Cristiana, con candidato presidente Angelo Bresciani
  • Vieni al Centro, con candidato presidente Renzo Debianchi
  • Popolari Udeur-Altri, con candidato presidente Teonesto Franchino

Risultati[]

Candidato presidente Voti candidato Voti coalizione
Renzo Masoero 66,734 % 69,036 %
Francesco Carcò 28,410 % 26,109 %
Gian Mario Ferraris 2,245 % 2,297 %
Angelo Bresciani 1,642 % 1,661 %
Teonesto Franchino 0,529 % 0,488 %
Renzo Debianchi 0,438 % 0,407 %

Con 61.282 voti è eletto nuovo presidente della provincia di Vercelli Renzo Masoero.

Provincia di Vicenza[]

Le liste che si sono presentate sono:

  • Forza Italia, Lega Nord, Alleanza Nazionale, Unione dei Democratici Cristiani e di Centro; con candidato presidente Attilio Schneck
  • L’Ulivo, Socialisti Riformatori Uniti, Lista Civica per il Vicentino; con candidato presidente Pietro Maria Collareda
  • Veneto per il PPE, Democrazia Cristiana, Liga Veneta Repubblica, Italia dei Valori, Popolari UDEUR, Under 35; con candidato presidente Giorgio Carollo
  • Partito della Rifondazione Comunista, Federazione dei Verdi, Partito dei Comunisti Italiani; con candidato presidente Emilio Franzina
  • No Privilegi Politici, Vicenza Autonoma, Solo Donne; con candidato presidente Silvano Giometto
  • Progetto Nordest con candidato presidente Ettore Beggiato
  • Democrazia Cristiana per le Autonomie, Forza Nuova, Movimento Triveneto; con candidato presidente Silvano Miotello
  • Alternativa con Alessandra Mussolini, con candidato presidente Alex Cioni
  • Fiamma Tricolore, con candidato presidente Rinaldo Veronese
  • Alternativa Comunista, con candidato presidente Patrizia Cammarata
  • Riscossa Democratica, con candidato presidente Franca Equizi
  • Lista Civica sette comuni, con candidato presidente Edoardo Sartori

Risultati[]

Candidato presidente Voti candidato Voti coalizione
Attilio Schneck 59,962 % 61,444 %
Pietro Maria Colareda 17,191 % 16,925 %
Giorgio Carollo 9,886 % 9,721 %
Emilio Franzina 5,230 % 4,357 %
Silvano Giometto 2,566 % 2,455 %
Ettore Beggiato 2,295 % 2,349 %
Silvano Miotello 0,826 % 0,822 %
Alex Cioni 0,551 % 0,539 %
Rinaldo Veronese 0,452 % 0,462 %
Franca Equizi 0,426 % 0,393 %
Patrizia Cammarata 0,350 % 0,334 %
Edoardo Sartori 0,260 % 0,194 %

Con 222.865 voti è eletto nuovo presidente della provincia di Vicenza Attilio Schneck.

Articoli correlati[]

  • «Elezioni amministrative: 10 milioni di persone al voto oggi e domani» – Wikinotizie, 27 maggio 2007
  • «Elezioni provinciali 2007: affluenza alle urne» – Wikinotizie, 27 e 28 maggio 2007

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Wikinotizie:Amministratori/Elezioni/Leoman3000

Filed under: Uncategorized — admin @ 5:00 am

Indice

Leoman3000

Leoman3000 è stato candidato e ha accettato la candidatura.

L’elezione comincia alle ore 21:59 (CEST) del 28 maggio 2007 e termina alle ore 21:59 (CEST) del 4 giugno 2007. Per essere eletto, l’utente dovrà raggiungere un quorum di 3 voti e ottenere un consenso superiore ai 2/3 dei voti totali.

Conteggio contributi

Pro

  1. TØØcome ti chiami? 21:59, 28 mag 2007 (CEST)
  2. Olando 22:01, 28 mag 2007 (CEST)
    –Giovanni 22:02, 28 mag 2007 (CEST) non ha i requisiti necessari. –valepert 22:04, 28 mag 2007 (CEST)
  3. Ho 144 edit totali ma 32 distinti dato che molti sono nella pagina dei report dei copyviol… vannò bene lo stesso, vero? 😛 😛 Filnik 14:37, 29 mag 2007 (CEST)
    # non ho i requisiti ma sostengo leo, con la forza dei miei 20 edit ma dopo non ti dimenticare di wikipedia :X –dario ^_^ (cossa ghe se?) 07:52, 31 mag 2007 (CEST)
  4. senza dubbio! –Wappi76 21:03, 1 giu 2007 (CEST)

Contro

Astenuti

  1. non mi è andato giù il fatto che recentemente mi ha dovuto far inserire le immagini ai suoi articoli sul giro. –valepert 22:02, 28 mag 2007 (CEST)
    Tzè! Mica l’ho non fatto per pigrizia. :p E poi non sono così obbligato nel metterle. :p —Leoman3000 22:10, 28 mag 2007 (CEST)
    devi lasciare gli articoli di news senza immagini? a che pro allora abbiamo attivato l’upload “privato”? inoltre noto che non hai un monobook personalizzato… –valepert 22:12, 28 mag 2007 (CEST)
    -.-‘ Ovviamente no. Ma un wiki è un wiki, no? Se me ne dimentico, so che ci sei tu a rimediare XD. Il monobook alleggerisce le operazioni… mmm… mi sa che lo metterò :p —Leoman3000 22:21, 28 mag 2007 (CEST)
    frecciata mi troverò a rimediare le dimenticanze di un admin da semplice utente? 😛 –valepert 22:36, 28 mag 2007 (CEST)
    scudo Non credo che tra i compiti degli admin ci sia [inserisci coattivamente l’immagine] :p —Leoman3000 22:38, 28 mag 2007 (CEST)
    un admin che non ha mai letto questo è solamente da stigmatizzare 😛 –valepert 22:44, 28 mag 2007 (CEST)
    Mo ve faccio cap’e ccap’ a tutti e due. 😛 —TØØcome ti chiami? 22:45, 28 mag 2007 (CEST)
    Ha cominciato lui :p E poi IO li leggo i manuali :pLeoman3000 22:47, 28 mag 2007 (CEST)
  2. mi spiace non poter votare visti i miei pochi edit su ‘news, ma se potessi sarebbe sì. Roberto82 16:24, 3 giu 2007 (CEST)

Tipologie Voti % tot. % rel.
Pareri favorevoli 4 66.667% 100%
Pareri contrari 0 0% 0%
Astenuti 2 33.333%
Totale votanti 6 ( 4 ) 100% ( 66.667% )

L’utente è stato eletto amministratore


–Wappi76 21:59, 4 giu 2007 (CEST)

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

May 27, 2007

Irlanda: 78 seggi a partito Fianna Fail

Filed under: Elezioni,Europa,Irlanda,Politica e conflitti,Pubblicati — admin @ 5:00 am

Irlanda: 78 seggi a partito Fianna Fail – Wikinotizie

Irlanda: 78 seggi a partito Fianna Fail

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Bertie Ahern

domenica 27 maggio 2007
I risultati quasi definitivi delle recentissime elezioni irlandesi danno al partito Fianna Fail di Bertie Ahern, il capo del governo uscente, 78 seggi su 166 in parlamento. Questo partito è schierato con il centro-destra ed è al potere in Irlanda da dieci anni. Nelle scorse elezioni il partito di Ahern aveva 3 seggi in più rispetto ad adesso.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »

Powered by WordPress