Wiki Actu it

September 3, 2007

Visita non annunciata di Bush in Iraq

Visita non annunciata di Bush in Iraq – Wikinotizie

Visita non annunciata di Bush in Iraq

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 3 settembre 2007

Il presidente degli Stati Uniti d’America George W. Bush si è recato per la terza volta inaspettatamente in Iraq. Il presidente è accompagnato dal segretario di stato Condoleeza Rice e dal consigliere per la sicurezza nazionale Steven Hadley. La visita prevede l’arrivo del nuovo ministro della Difesa, Robert Gates, che però giungerà in Iraq con un altro volo.

Partito ieri notte da Washington utilizzando un Boeing 747-200B, è giunto stamattina ad Al Anbar, ad ovest di Baghdad. Fino a ieri sera, il presidente americano avrebbe dovuto recarsi in visita in Australia.

La visita odierna di Bush è la terza dall’inizio del conflitto: già in Iraq il 27 novembre 2003, giorno del Ringraziamento, era ritornato all’indomani dell’uccisione del leader di Al Qaida in Iraq, Abu Al-Zarqawi, il 13 giugno 2006. Questa terza visita giunge a pochi giorni da un crocevia politico sull’Iraq: la prossima settimana, infatti, ci saranno due audizioni al Congresso sull’Iraq, che precedono la stesura di un nuovo piano militare per l’Iraq. Il presidente, infatti, ha deciso l’invio di altri 30 000 uomini sul fronte.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

L\’uragano Felix raggiunge il quinto grado della scala di intensità

L’uragano Felix raggiunge il quinto grado della scala di intensità

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 3 settembre 2007

L’uragano Felix in una foto scattata dal Navy Research Laboratory

L’uragano tropicale Felix, che ieri aveva raggiunto il secondo grado nella scala delle tempeste, ha raggiunto nella notte tra domenica e oggi (ora italiana) il grado cinque della scala di intensità.

I meteorologi affermano che Felix ha raggiunto il quinto grado di intensità in un lasso di tempo straordinariamente breve.

Già qualche settimana fa, alla metà di agosto, l’uragano Dean aveva raggiunto il quinto grado della scala; Felix è quindi il secondo in un anno a raggiungere tale livello.

È un dato preoccupante, anche messo in relazione alle registrazioni effettuate negli anni precedenti: prima della devastante stagione degli uragani del 2005 (che vide uragani come Katrina e Wilma abbattersi sulle città distruggendole completamente), solo due volte nella storia degli uragani furono registrati più di un uragano di livello 5 nello stesso anno.

Articoli correlati

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Gli Stati Uniti: la Corea del Nord non è più nella lista delle nazioni ostili

Filed under: Asia,Politica e conflitti,Pubblicati,Stati Uniti d'America — admin @ 5:00 am

Gli Stati Uniti: la Corea del Nord non è più nella lista delle nazioni ostili

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 3 settembre 2007
Un portavoce del ministro degli esteri degli USA ha dichiarato oggi che la Corea del Nord è stata rimossa dall’elenco delle nazioni che supportano i terroristi.

L’assistente del Segretario di Stato Americano, Chris Hill

Questa notizia arriva dopo l’accordo bilaterale avvenuto nel weekend a Ginevra tra, diplomatico nordcoreano, e l’assistente del Segretario di Stato americano, Chistopher Hill; quest’ultimo ha dichiarato in seguito: “Ci siamo accordati che la DPRK (Democratic People’s Republic of Korea, ndr) interromperà i suoi programmi nucleari entro la fine di quest’anno“.

La notizia è poi stata smentita dallo stesso Chistopher Hill il quale ha affermato che, per adesso, la Corea dal Nord rimane nella lista delle nazioni che sostengono il terrorismo e che ogni variazione è subordinata da come procederà la denuclearizzazione.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Tenta di abbattere casa del sindaco con una ruspa

Tenta di abbattere casa del sindaco con una ruspa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 3 settembre 2007

A Lubriano, in provincia di Viterbo, S.D., ristoratore quarantacinquenne ha tentato di demolire la casa del sindaco del suo comune usando un caterpillar, per poi nascondersi in casa di un amico.

L’uomo ha causato danni per circa 100 000 euro, distruggendo, oltre parte dell’edificio, anche il cancello della villa e l’Alfa Romeo del primo cittadino.

Agli inquirenti che l’hanno prelevato e portato in caserma ha spiegato che il movente del suo gesto è riconducibile ad una licenza edilizia negata oltre che ad attriti personali precedenti.

S.D. ha assicurato ai carabinieri di provvedere al risarcimento dei danni. Prima di essere rimesso in libertà è stato denunciato per danneggiamento aggravato.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Andreotti condannato per diffamazione, imminenti le motivazioni

Andreotti condannato per diffamazione, imminenti le motivazioni

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 3 settembre 2007

Imminenti le motivazioni della sentenza con la quale il senatore a vita Giulio Andreotti, lo scorso 15 giugno 2007, è stato condannato a 2 mila euro di multa (pena interamente condonata per effetto dell’indulto) dal Tribunale di Perugia per avere diffamato il magistrato Mario Almerighi, al quale è stata assegnata una provvisionale come risarcimento del danno di 20 mila euro.

La vicenda trae origine dalla deposizione che, nel giugno del 1997, Almerighi, attualmente Presidente del Tribunale di Civitavecchia, rese davanti alla Procura e al Tribunale di Palermo in occasione del processo per mafia ad Andreotti.

In particolare, Almerighi riferì relativamente ad un colloquio telefonico intercorso tra il senatore ed il ministro della Giustizia dell’epoca, durante il quale il primo avrebbe invitato l’altro a non far nulla contro il magistrato Corrado Carnevale, nei cui confronti era stato presentato un esposto al Consiglio superiore della magistratura.

Nell’ottobre del 1999, il senatore a vita criticò, in tv e sui giornali, la deposizione del magistrato, dichiarando quanto segue: «Almerighi ha detto infamie, si tratta di un falso testimone”; “Almerighi è pazzo, dica quello che vuole, mi procura solo divertimento”; “magari mi fa un’azione penale: mi farebbe guadagnare forse qualche cosa in sede civile, potrei guadagnare qualcosa in sede civile e ciò non guasterebbe».

Andreotti, inoltre, aggiunse che era molto grave che a rendere dichiarazioni false fosse un magistrato e che della vicenda doveva essere investito anche il Csm.

Almerighi, ritenendo quelle dichiarazioni gravemente lesive del suo onore e della sua immagine, presentò querela nei confronti del senatore.

Di qui il relativo procedimento penale del quale si è occupata la procura di Perugia, per il coinvolgimento come parte offesa di un magistrato in servizio a Roma.

Della vicenda si è occupata anche la Corte Costituzionale, a seguito del conflitto di attribuzione sollevato dal G.U.P. del Tribunale di Perugia, la quale ha avuto modo di rimarcare come le dichiarazioni del senatore Andreotti, oltre a contenere «valutazioni prettamente soggettive»” che comportano l’attribuzione di un reato ben preciso, ossia quello di falsa testimonianza («Almerighi ha detto infamie», «si tratta di un falso testimone» etc.), si risolverebbero anche nell’emissione di un giudizio di colpevolezza, che certamente spetta all’Autorità giudiziaria («la verità è emersa in modo molto netto e questo scredita la testimonianza di Almerighi»), nonché evidenziare che la prerogativa di cui all’art. 68, primo comma, Cost. come non si estende fino a coprire gli insulti, non può neppure riguardare dichiarazioni che, risolvendosi nell’attribuzione di illeciti penali, non possono certamente essere espressione della funzione parlamentare.

La Corte Costituzionale ha anche osservato come le dichiarazioni, tra l’altro, oltre a caratterizzarsi per la pesantezza di alcune espressioni («Almerighi è pazzo, dica quello che vuole. Mi procura solo divertimento»), farebbero anche emergere un interesse del tutto personale (e patrimoniale) del senatore Andreotti verso la vicenda, interesse sicuramente estraneo alla funzione parlamentare («magari mi fa un’azione penale: mi farebbe guadagnare forse qualche cosa in sede civile», «potrei guadagnare qualcosa in sede civile e ciò non guasterebbe»).

I legali di Andreotti – gli avvocati Franco Coppi, Giulia Bongiorno e Chiara Lazzari – hanno, invece, sostenuto che quella del loro assistito fu una “critica assolutamente legittima” e preannunciato l’appello, ritenendo ingiusta la sentenza di primo grado, anche alla luce della sentenza della Corte di Appello di Palermo, che aveva ritenuto inattendibile il teste Almerighi.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress