Wiki Actu it

February 12, 2008

Yahoo! chiude la porta a Microsoft: «Offerta troppo bassa»

Yahoo! chiude la porta a Microsoft: «Offerta troppo bassa»

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 12 febbraio 2008

Sede centrale di Yahoo

Il consiglio d’amministrazione di Yahoo! ha rifiutato oggi l’offerta di Microsoft per l’acquisto dell’azienda. Il cda ha ritenuto che la cifra (44,6 miliardi di dollari) «non valorizzerebbe a sufficienza» l’importanza pubblicitaria dei siti gestiti dall’azienda. Jerry Yang, co-fondatore di Yahoo, tramite un’e-mail inviata ai suoi 14000 dipendenti ha spiegato: «L’offerta non è nel migliore interesse di Yahoo e dei suoi azionisti».

Si comincia intanto a parlare di alleanze per contrastare la società di Bill Gates: sembrerebbe siano in corso le trattative per un accordo con Google riguardo le inserzioni pubblicitarie, accordo che coinvolgerebbe anche America Online. Questo obbligherebbe la Microsoft ad alzare la portata delle offerte.

Si legge da un frammento del comunicato del board di Yahoo: «Il board sta valutando tutte le sue opzioni strategiche nel contesto di un ambiente in rapida evoluzione, e resta impegnato nel ricercare iniziative che massimizzino il valore per tutti gli azionisti».

Articoli correlati[]

  • «Microsoft lancia un’offerta pubblica di acquisto da 45 miliardi di dollari su Yahoo!» – Wikinotizie, 1 febbraio 2008

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Il premier israeliano Olmert attacca l\’Iran: «Siamo certi che Teheran sta procedendo nella corsa alle armi nucleari»

Il premier israeliano Olmert attacca l’Iran: «Siamo certi che Teheran sta procedendo nella corsa alle armi nucleari»

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 12 febbraio 2008

Questione nucleare iraniana

Durante la visita in Germania, iniziata ieri, il primo ministro israeliano Ehud Olmert ha tenuto una conferenza stampa col cancelliere tedesco Angela Merkel, nel quale ha esposto gli argomenti trattati durante la loro conversazione privata, soprattutto sul caso Iran.

Nella conferenza stampa, effettuata assieme al capo del governo, Olmert ha dichiarato: «Siamo certi che l’Iran è impegnato in un’operazione segreta per costruire armi nucleari, nessuna opzione dovrebbe essere esclusa per evitare che l’Iran vada avanti». «Siamo certi che gli iraniani stiano ora lavorando in modo serio su armi non convenzionali e la metà di queste operazioni si stanno svolgendo in segreto» continua.

Il primo ministro di Israele ha poi invitato la Germania a sostenere la proposta del governo israeliano di irrigidire le sanzioni inviate a Teheran. La Germania, nazione in prima linea per combattere la costruzione dell’atomica per l’Iran, è stata obiettivo di Olmert per contrastare il piano iraniano sul nucleare.

L’annuncio della strategia del primo ministro israeliano, che si è incontrato con Angela Merkel a Meseberg, 70 km dalla capitale tedesca, Berlino, era già stato pronunciato e prevedeva di proporre all’Europa di inasprire le posizioni contro l’Iran e a invitarlo a sospendere il proprio programma nucleare.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Berlusconi preme sull\’UDC: «Io indispensabile, l\’Udc di Casini rinunci al suo simbolo»

Berlusconi preme sull’UDC: «Io indispensabile, l’Udc di Casini rinunci al suo simbolo»

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 12 febbraio 2008

Il leader del Popolo della Libertà, Silvio Berlusconi

Questa sera andrà in onda su Rai Uno una puntata di Porta a Porta, in cui Silvio Berlusconi farà entrare per la prima volta in questi studi la campagna elettorale del Popolo della Libertà. Il leader del centrodestra ha lanciato un nuovo avvertimento all’UDC sull’annessione e sull’alleanza col PDL: «Anche noi siamo molto legati al nostro marchio e An lo è al suo. Entrambi abbiamo rinunciato, chiediamo la stessa generosità a Casini e ai suoi». Il capo di FI ha annunciato poi che il simbolo del Popolo della Libertà sarà presente sulle schede elettorali sia alle elezioni, sia alle amministrative. Continua in seguito: «Su Mastella e Dini non abbiamo ancora preso una decisione e non sappiamo se saranno nel Pdl. A Casini chiediamo la stessa cosa. Non vogliamo liste collegate perché il programma di governo sarebbe a rischio. Se Casini – preme il cavaliere – si dovesse presentare da solo, non ci sarebbe garanzia di coesione e si tornerebbe alla scorsa legislatura, quando di fronte a svolte di modernità, i partiti, spesso il suo, si sono messi di traverso».

Il leader dell’UDC, Pier Ferdinando Casini, ospite al Tg1 della sera, non accetta la proposta: «Diciamo no all’annessione. Riconosciamo la premiership di Berlusconi, ma vogliamo rispetto per la nostra identità. E alle elezioni ci presenteremo con il nostro simbolo».

«Sono sicuro di farcela» parla il fondatore del Popolo della Libertà, riguardo le elezioni. «C’è bisogno di un cambio di governo – continua nella registrazione – perché questo ha scontentato tutti». «Sarebbe molto saggio non ricandidarsi a premier – aggiunge ancora Berlusconi – ma sono ancora indispensabile».

Flag of Italy.svg

Segui lo Speciale sulle Elezioni politiche italiane del 2008 su Wikinotizie.

Il discorso tocca molti argomenti dell’Italia (problema immondizia a Napoli, TAV e ponte sullo stretto) Berlusconi parla ironicamente di sé come di un supereroe: «In certi settori – scherza – un po’ superman lo sono stato, sono il presidente della squadra di calcio che ha vinto di più in assoluto». La proposta di Giuliano Ferrara di formare una lista contro l’aborto non è piaciuta al cavaliere: «Credo che questo sia un tema che debba restare fuori dalla competizione elettorale», spiega Silvio Berlusconi e conclude la battuta dicendo che «questione dell’aborto debba rientrare nell’agone politico».

Berlusconi ha affermato a Porta a Porta che la lotta all’evasione fiscale promossa dall’esecutivo di Prodi ha creato «un’atmosfera che ha frenato i consumi, la produzione e gli investimenti». «Bisogna condurre una lotta all’evasione, ma senza terrorizzare» e poi parla anche della tassa dell’ICI, spiegando che «quella sulla prima casa non comporta una grande diminuzione delle entrate per lo Stato, per questo si può sostenere». Propone anche di «detassare gli straordinari, la tredicesima e quattordicesima» e ha annunciato che prima delle elezioni emanerà la lista dei ministri che comparirebbero un suo eventuale governo.

Se la CDL vincesse le elezioni, Berlusconi ha annunciato che riadotteranno la legge Maroni sulle pensioni: «Torneremo alla nostra riforma». Conclude sottolineando che «la riforma delle pensioni fatta dalla sinistra va cambiata, perché ha portato costi insostenibili per le casse dello Stato».

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Calcio Italia campionato nazionale Serie B 2007-2008 4ª giornata ritorno

Filed under: Calcio,Europa,Italia,Pubblicati,Sport — admin @ 5:00 am

Calcio Italia campionato nazionale Serie B 2007-2008 4ª giornata ritorno

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 12 febbraio 2008

Campionato italiano di calcio Serie B 2007-2008 (4ª giornata ritorno)[]

Per vedere il calendario completo vai alla pagina Speciale Calcio Serie B.

Classifica
Bologna 53
Chievo 53
Lecce 49
AlbinoLeffe 49
Pisa 49
Brescia 47 (*)
Mantova 40
Rimini 39
Messina 35
Ascoli 33 (*)
Modena 33 (*) Una partita in meno
Spezia 1 punto di penalità

  Frosinone 33
Triestina 30
Bari 27
Grosseto 27
Piacenza 26
Treviso 21
Avellino 21
Vicenza 21
Spezia 20
Cesena 20
Ravenna 18

  • AlbinoLeffe-Ravenna 3-1
  • Ascoli-Lecce 2-1
  • Bari-Piacenza 2-1
  • Bologna-Avellino 3-1
  • Brescia-Pisa 1-0
  • Cesena-Grosseto 0-0
  • Frosinone-Messina 4-0
  • Mantova-Vicenza 2-3
  • Modena-Chievo 1-2
  • Treviso-Rimini 0-2
  • Triestina-Spezia 0-0

Tabellini[]

AlbinoLeffe-Ravenna[]

Reti: Sforzini (R) 19′ rig., Foglio (A) 55′, Garlini (A) 87′, Cellini (A) 92′

Ascoli-Lecce[]

Reti: Belingheri (A) 20′, Zanchetta (L) 25′ , Soncin (A) 39′ rig.

Bari-Piacenza[]

Reti: Bonanni (B) 29′, Tulli (P) 60′ , Santoruvo (B) 90′

Bologna-Avellino[]

Reti: Moras (B) 41′, Salgado (A) 48′ , Marazzina (B) 63′, Valiani (B) 93′

Brescia-Pisa[]

Reti: Mareco (B) 39′

Cesena-Grosseto[]

Reti: –

Frosinone-Messina[]

Reti: Evacuo (F) 4′ e 33′, Amerini (F) 12′, Lucenti (F) 83′

Mantova-Vicenza[]

Reti: Raimondi (V) 19′ e 72′, Matteini (V) 37′ , Do Prado (M) 71′, Schwoch aut. (M) 89′

Modena-Chievo[]

Reti: Bolaño (M) 6′, Pellissier (C) 26′, Bentivoglio (C) 33′

Treviso-Rimini[]

Reti: Pagano (R) 46′ pt, Vantaggiato (R) 69′

Triestina-Spezia[]

Reti: –

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress