Wiki Actu it

February 20, 2008

Categoria:20 febbraio 2008

Filed under: Febbraio 2008 — admin @ 5:00 am

Categoria:20 febbraio 2008 – Wikinotizie

Categoria:20 febbraio 2008

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca
21 febbraio 2008 »

Questa categoria raccoglie tutti gli articoli relativi ad avvenimenti accaduti il 20 febbraio 2008, o scritti in quel giorno.

Pagine nella categoria “20 febbraio 2008”

Questa categoria contiene le 3 pagine indicate di seguito, su un totale di 3.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Primarie USA 2008: Obama vince nelle Hawaii e nel Wisconsin

Primarie USA 2008: Obama vince nelle Hawaii e nel Wisconsin

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Mercoledì 20 febbraio 2008

Flag of the United States.svg

Segui lo Speciale sulle elezioni presidenziali statunitensi del 2008 su Wikinotizie.

Ancora vittorie per Barack Obama. La CNN ha stimato che alle Hawaii il leader afroamericano abbia ottenuto addirittura il 76% dei voti contro il 24% di Hillary Clinton. La vittoria si aggiunge anche a quella del Wisconsin (58% contro 41%) ed è la decima che Obama riporta nelle primarie del Partito Democratico statunitense. Ora per la Clinton restano essenzialmente il Texas e l’Ohio, dove sono disponibili 334 delegati. Ma solo in Wisconsin Obama ha ottenuto 94 delegati.

A Houston Obama ha anche fatto un discorso in cui ha duramente risposto a Clinton e al candidato repubblicano John McCain, che lo hanno criticato per i suoi discorsi «solo belle parole». Obama ha fatto il suo discorso in diretta TV sui principali canali televisivi e di fronte a 20 000 persone. In 45 minuti ha espresso il suo pensiero anche rispetto alle suddette critiche: «Il cambiamento non si ottiene con i discorsi, non si ottiene solo con le buone idee, perché le buone idee muoiono quando arrivano a Washington».

Obama ha vinto anche una singolare ‘competizione’ delle dirette: mentre la Clinton parlava in Ohio davanti ai suoi sostenitori, è stata ‘sfumata’ per dare la parola al suo rivale che annunciava la vittoria in Wisconsin. Bob Woodeward ha definito il discorso della Clinton ‘vuoto’ e privo di sostanza, se comparato a quello di Obama. Ma ha anche detto che il miglior oratore della notte di annunci è stato McCain, che nel fronte dei repubblicani è il favorito. Per il 4 marzo sono attese le primarie in Ohio e Texas, forse l’ultima spiaggia per la Clinton che già adesso ha 130 delegati meno di Obama.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Antimafia: \’ndrangheta pericolosa come Al-Qaida

Antimafia: ‘ndrangheta pericolosa come Al-Qaida

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 20 febbraio 2008
Secondo la Commissione parlamentare Antimafia, che ha approvato all’unanimità la prima relazione annuale sull’organizzazione mafiosa dell’ndrangheta, Al Qaeda si può paragonare alla mafia calabrese: «La ‘ndrangheta cresce e si espande “alla maniera di al Qaeda, con un’analoga struttura tentacolare priva di una direzione strategica ma caratterizzata da una sorta di intelligenza organica, di una vitalità che è quella delle neoplasie, e munita di una ragione sociale di enorme, temibile affidabilità».

Il rapporto di quest’anno spiega che l’ndrangheta «è oggi la più robusta e radicata organizzazione, diffusa nell’intera Calabria e ramificata in tutte le regioni del Centro-Nord, in Europa e in altri Paesi stranieri cruciali per le rotte del narcotraffico».

«Il contagio delle ‘ndrine va da Rosarno all’Australia, da San Luca a Duisburg. – continua poi il verbale – Molecole criminali che schizzano, si diffondono e si riproducono nel mondo. Una mafia liquida che si infila dappertutto, riproducendo, in luoghi lontanissimi da quelli in cui è nata, il medesimo antico, elementare ed efficace modello organizzativo. Alla maniera delle grandi catene di fast-food, offre in tutto il mondo, l’identico, riconoscibile, affidabile marchio e lo stesso prodotto criminale». Inoltre, è stato fatto presente la sua presenza negli appalti per la Salerno-Reggio Calabria e sopratutto nella sanità, nuovo grande business per la malavita, assieme ai finanziamenti europei. L’estensione della malavita interessa oramai anche le regioni del centro-Italia (come una recente retata ha dimostrato, con arresti anche in Umbria).

Francesco Forgiane, presidente della Commissione parlamentare Antimafia, ha stigmatizzato la Confindustria calabrese, colpevole a suo giudizio di non essersi impegnata a sufficienza per la lotta contro l’estorsione e l’usura: «Da loro non abbiamo sentito una sola delle parole pronunciate da Confindustria Sicilia. In Calabria non abbiamo nessuna denuncia, e la cosa ancora più grave è che nessuno invita a denunciare. Luca Cordero di Montezemolo ha detto che sarebbero state espulse le imprese che non denunciano di pagare il pizzo, ma in Calabria questo non accade».

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Antimafia: ‘ndrangheta pericolosa come Al-Qaida

mercoledì 20 febbraio 2008
Secondo la Commissione parlamentare Antimafia, che ha approvato all’unanimità la prima relazione annuale sull’organizzazione mafiosa dell’ndrangheta, Al Qaeda si può paragonare alla mafia calabrese: «La ‘ndrangheta cresce e si espande “alla maniera di al Qaeda, con un’analoga struttura tentacolare priva di una direzione strategica ma caratterizzata da una sorta di intelligenza organica, di una vitalità che è quella delle neoplasie, e munita di una ragione sociale di enorme, temibile affidabilità».

Il rapporto di quest’anno spiega che l’ndrangheta «è oggi la più robusta e radicata organizzazione, diffusa nell’intera Calabria e ramificata in tutte le regioni del Centro-Nord, in Europa e in altri Paesi stranieri cruciali per le rotte del narcotraffico».

«Il contagio delle ‘ndrine va da Rosarno all’Australia, da San Luca a Duisburg. – continua poi il verbale – Molecole criminali che schizzano, si diffondono e si riproducono nel mondo. Una mafia liquida che si infila dappertutto, riproducendo, in luoghi lontanissimi da quelli in cui è nata, il medesimo antico, elementare ed efficace modello organizzativo. Alla maniera delle grandi catene di fast-food, offre in tutto il mondo, l’identico, riconoscibile, affidabile marchio e lo stesso prodotto criminale». Inoltre, è stato fatto presente la sua presenza negli appalti per la Salerno-Reggio Calabria e sopratutto nella sanità, nuovo grande business per la malavita, assieme ai finanziamenti europei. L’estensione della malavita interessa oramai anche le regioni del centro-Italia (come una recente retata ha dimostrato, con arresti anche in Umbria).

Francesco Forgiane, presidente della Commissione parlamentare Antimafia, ha stigmatizzato la Confindustria calabrese, colpevole a suo giudizio di non essersi impegnata a sufficienza per la lotta contro l’estorsione e l’usura: «Da loro non abbiamo sentito una sola delle parole pronunciate da Confindustria Sicilia. In Calabria non abbiamo nessuna denuncia, e la cosa ancora più grave è che nessuno invita a denunciare. Luca Cordero di Montezemolo ha detto che sarebbero state espulse le imprese che non denunciano di pagare il pizzo, ma in Calabria questo non accade».

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Bologna: donna uccide figlia con handicap e tenta di suicidarsi

Bologna: donna uccide figlia con handicap e tenta di suicidarsi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 20 febbraio 2008
Stamane una donna di 49 anni ha ucciso la figlia handicappata Michela Lelli, 23 anni, che soffriva di problemi mentali, tentando poi il suicidio.

La tragedia è avvenuta alle 11 nel bolognese, nella frazione Sasso Leone di Casalfiumanese a Imola. La 49enne è ricoverata all’Ospedale Maggiore di Bologna, ma comunque non è in pericolo di vita.

La madre ha ucciso la figlia con un matterello e con un coltello da cucina, usato in seguito per il fallito suicidio. Il marito era a lavorare nei campi durante l’omicidio. A indagare sulle indagini, sono intervenuti i Carabinieri.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress