Wiki Actu it

February 28, 2008

Sarkozy sulla Betancourt: «Disposto a cercarla io stesso»

Sarkozy sulla Betancourt: «Disposto a cercarla io stesso»

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 28 febbraio 2008

«Sono pronto ad andare io stesso, al confine tra il Venezuela e la Colombia, per cercare Ingrid Betancourt». Così il presidente della Francia, Nicolas Sarkozy, è intervenuto a commentare le ultime notizie, secondo le quali la candidata alla presidenza colombiana, da oltre 6 anni ostaggio dei guerrieri rivoluzionari delle FARC, sarebbe affetta da una grave forma di epatite B che la starebbe condannando a morte sicura.

Il presidente Sarkozy, in visita in Sudafrica, ha poi «rivolto appello alle Farc affinché liberino senza indugi Ingrid Betancourt, è una questione di vita o di morte. Una questione umanitaria» per poi rivolgersi al presidente Hugo Chávez, invitandolo a «usare tutta la sua influenza per salvare la vita d’Ingrid Betancourt».

Un appello ai guerrieri colombiani è giunto anche da Javier Solana, responsabile della politica estera per l’Unione Europea, che ha detto: «Confido che questo passo condurre alla liberazione immediata e senza condizioni degli altri prigionieri, incluso Ingrid Betancourt».

Negli ultimi tempi, la guerriglia ha rilasciato diversi parlamentari, i quali hanno riferito dei gravi problemi di salute dell’ex parlamentare.

E i guerriglieri delle FARC hanno direttamente risposto al presidente francese, chiedendogli «maggiore imparzialità nella mediazione internazionale, che non deve trasformarsi in una serie di favori che facciano perdere la credibilità di una o di entrambi le parti».

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

L\’UDC e la Rosa Bianca alleati: candidato premier Casini

L’UDC e la Rosa Bianca alleati: candidato premier Casini

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 28 febbraio 2008
Mario Baccini ha annunciato che l’UDC e il neonato movimento Rosa Bianca hanno raggiunto l’accordo in vista delle elezioni di aprile. Definita “Costituente di centro” dal candidato capo del governo comune, Pier Ferdinando Casini. Probabile l’entrata nello schieramento dell’ex esponente del PD Ciriaco de Mita. Coordinatore della fase costituente Savino Pezzotta. Fa strada a Casini come candidato premier Bruno Tabacci: «Farà un passo indietro, per farne due avanti: perché il progetto che si va delineando è quello che avevamo indicato da tempo».

Il simbolo sarà simili a quello dell’UDC, con il simbolo della DC, lo scudo crociato e il nome del candidato Casini. Forse sarà aggiunto al simbolo anche “Costituente di Centro”, chiede il leader della Rosa Bianca. Però conta soprattutto il progetto: «Non vogliamo rifare la Dc, ma ci siamo messi in discussione. Noi per primi abbiamo abbandonato i comfort degli schieramenti e senza paracadute abbiamo lanciato la sfida di rompere questo schema bipolare malato, per offrire una alternativa agli italiani che non si rassegnano a votare o lui o l’altro».

Flag of Italy.svg

Segui lo Speciale sulle Elezioni politiche italiane del 2008 su Wikinotizie.

Baccini auspica l’entrata in campo di de Mita: «Lo spero, anzi faccio un forte appello a De Mita a entrare anche lui in questa costituente di centro». Afferma poi che «la Rosa bianca non muore, si presenterà a livello amministrativo». Per Roma garantisce «grandi e straordinarie novità».

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress