Wiki Actu it

March 2, 2008

Categoria:2 marzo 2008

Filed under: Marzo 2008 — admin @ 5:00 am

Categoria:2 marzo 2008 – Wikinotizie

Categoria:2 marzo 2008

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Russia: si vota per le elezioni presidenziali

Russia: si vota per le elezioni presidenziali

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 2 marzo 2008

Il favorito, Dmitrij Medvedev

Oltre 109 milioni di persone sono chiamate quest’oggi alle urne, in Russia, per eleggere il nuovo presidente della nazione, che succederà a Vladimir Putin, eletto nel 2000, che ha ricoperto l’incarico per 2 volte consecutive, e che, esauriti i termini per la ricandidatura, non ha potuto presentarsi all’elettorato.

I sondaggi danno per favorito Dmitrij Medvedev, 42 anni, attuale vice primo-ministro ed ex presidente della Gazprom, la maggiore compagnia di vendita del gas naturale; Medvedev, che si è recato a votare di buon ora in un seggio della capitale Mosca, non dovrebbe risentire minimamente della concorrenza dei suoi tre avversari, il comunista Gennady Zyuganov, il nazionalista Vladimir Zhirinovsky ed Andrey Bodganov, che, in totale, raccoglierebbero massimo il 26% dei voti, lasciando così al vice premier una fetta dell’elettorato tra il 61 e l’80%.

Qualora Medvedev venisse eletto con una percentuale superiore al 71% supererebbe il record di preferenze ottenute da Putin nelle elezioni del 2004, nelle quali venne riconfermato alla carica con appunto una percentuale del 71,31%.

Molto complicato sarà avere dati omogenei sull’affluenza e sui voti espressi: il territorio della Federazione Russa, oltre 17 milioni di chilometri quadrati (circa 56 volte maggiore di quello dell’Italia), copre nove fusi orari differenti: alle 12 chiuderanno i seggi aperti ieri sera alle 21.00 ora italiana nell’Estremo Oriente, mentre gli ultimi a poter votare saranno gli abitanti di Kaliningrad, dove i seggi serreranno gli ingressi alle 19.00 italiane, le 21 di Mosca.

Articoli correlati[]

  • «Russia: Putin sceglie il “suo” candidato per le presidenziali del 2008» – Wikinotizie, 10 dicembre 2007

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Lola Ponce e Giò Di Tonno vincono il Festival della Canzone Italiana 2008

Lola Ponce e Giò Di Tonno vincono il Festival della Canzone Italiana 2008

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 2 marzo 2008

Classifica finale
Artista Canzone
1 Lola Ponce e Giò Di Tonno Colpo di fulmine
2 Anna Tatangelo Il mio amico
3 Fabrizio Moro Eppure mi hai cambiato la vita
4 Toto Cutugno Un falco chiuso in gabbia
5 Finley Ricordi
6 Paolo Meneguzzi Grande
7 Sergio Cammariere L’amore non si spiega
8 Gianluca Grignani Cammina nel sole
9 Little Tony Non finisce qui
10 Eugenio Bennato Grande sud

Lola Ponce e Giò Di Tonno hanno vinto l’edizione 58 del Festival di Sanremo con la canzone Colpo di Fulmine, scritta da Gianna Nannini. Al secondo posto Anna Tatangelo, che ha presentato come canzone Il mio amico di Gigi D’Alessio, sul gradino più basso Fabrizio Moro che ha cantato Eppure mi hai cambiato la vita.

Il Premio della Critica “Mia Martini” è stato consegnato a Tricarico e alla sua Vita Tranquilla.

La serata finale si è aperta con le parole di Pippo Baudo sulle morti bianche, «un tributo doveroso per una tragedia che sta colpendo il nostro Paese. Sono morti ingiuste. Siamo vicini col cuore alle famiglie e al dolore di chi soffre», ricordando la recente tragedia nel porto di Genova, dove un operaio ha perso la vita.

Di nuovo hanno cantato tutti i Campioni in gara, con le esibizioni chiuse da Tricarico, che alla fine della canzone ha rivolto uno «stronzo» all’indirizzo del co-conduttore Piero Chiambretti, che lo aveva provocato sul fatto che, nelle varie serata della kermesse, avesse sempre cantato per ultimo.

Insieme alle esibizioni degli artisti in gara, c’è stato anche spazio per gli ospiti: dalla coppia Claudia Gerini e Carlo Verdone, che si è esibita in una performance sulle note di Fortune Teller, dei Rolling Stones, a Sandra Mondaini e Raimondo Vianello, ai quali è andato il premio SIAE per la creatività.

Spazio anche per la giuria di qualità, composta da dieci giurati d’eccezione: Fabrizio Frizzi, Giancarlo Magalli, Gianni Boncompagni, Tiziana Ferrario, Giampiero Mughini, Martina Colombari, Emilio Fede, Gloria Guida, Mariolina Simone ed Eleonora Abbagnato.

Si conclude così un Festival di Sanremo offuscato in parte dagli ascolti molto bassi: la prima parte della trasmissione è stata seguita da 9 milioni 641 mila telespettatori, pari al 39.47% di share, mentre la seconda parte, che pure ha superato la metà del pubblico televisivo, attestandosi al 52.89%, ha segnato un record negativo. La media delle cinque serate è del 35.44%, quasi venti punti in meno della media dell’edizione 2007, condotta da Baudo insieme a Michelle Hunziker, che aveva segnato il 54.27%.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Il presidente iraniano Ahmadinejad compie una visita storica in Iraq

Il presidente iraniano Ahmadinejad compie una visita storica in Iraq

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 2 marzo 2008
Mahmud Ahmadinejad, presidente dell’Iran, è arrivato oggi nella capitale dell’Iraq, Baghdad. Questa è la sua prima visita nel territorio iracheno come presidente iraniano, carica che ricopre dal 3 agosto 2005.

Il viaggio è stato programmato per essere simbolico e per rafforzare le relazioni tra Baghdad e Teheran, stati cui la maggioranza religiosa è composta da sciiti. Sarà seguito molto da vicino dagli USA, stato che ha stanziato più di 150 000 persone in Iraq.

Costò più di un milione di morti la guerra Iraq-Iran del 1980, che causò uno stallo e uno strappo nella relazione tra i due paesi mediorientali. Le relazioni hanno subito un miglioramento dopo la disfatta del regime di Saddam Hussein nel 2003.

Wikinews

Questo articolo, o parte di esso, deriva da una traduzione di Iranian President Ahmadinejad to make landmark visit to Iraq, pubblicato su Wikinews in lingua inglese.

Ahmedinejad incontrerà il premier Nuri al-Maliki e il presidente Jalal Talabani, che hanno visitato in precedenza l’Iran.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Motociclismo: campionato mondiale Superbike 2008: Gran Premio di Australia

Motociclismo: campionato mondiale Superbike 2008: Gran Premio di Australia

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 2 marzo 2008

Il circuito di Phillip Island in Australia

Dopo aver conquistato la superpole, Troy Bayliss (Ducati Xerox) vince tutte e due le gare del secondo appuntamento del campionato mondiale Superbike 2008. In gara 1 salgono sul podio anche Troy Corser (Yamaha Motor Italia) e Michel Fabrizio (Ducati Xerox), mentre in gara 2 conquistano il podio gli spagnoli Carlos Checa (HANNspree Ten Kate Honda) e Fonsi Nieto (Alstare Suzuki).

Il pilota italiano Max Biaggi si è invece ritirato in tutte e due le gare a causa di due cadute, la seconda delle quali gli ha procurato anche la frattura del radio sinistro.

Troy Bayliss, vincitore in gara 1 e in gara 2, durante una gara del 2007

Gara 1

La gara 1 ha avuto una doppia partenza a causa di un incidente avvenuto al primo avvio che ha coinvolto Michel Fabrizio, fermo con la sua moto al semaforo, colpito da Vincenzo Iannuzzo. Per Fabrizio una contusione al polpaccio destro, per Iannuzzo frattura al polso sinistro.

Troy Bayliss vince dopo essere stato in testa alla gara dal primo giro, precedendo Troy Corser e Michel Fabrizio. Subito dopo si piazzano tre piloti spagnoli: Xaus, Nieto e Checa. Il giapponese Haga alle prese con problemi di gomme finisce solamente all’ottavo posto. Max Biaggi, partito dalla quarta fila, è stato protagonista di una rimonta che lo ha portato fino al secondo posto, in costante rimonta rispetto a Bayliss. Nel corso del sedicesimo giro si è però fermato l’inseguimento del pilota italiano a causa di una scivolata dovuta alla perdita del controllo dell’anteriore.

Ordine di arrivo

Phillip Island Grand Prix Circuit.svg Circuito di Phillip Island – Lunghezza: 4.445 m
Superbike 2008 – Gran Premio di Australia – Gara 1 – 22 giri = 97,790 Km
Tempo totale di gara: 34’22.933 – Velocità media = 170,652 km/h
Pos. Pilota Naz. Moto Distacco Giro veloce Velocità
1 Troy Bayliss AUS Ducati 1098 F08 1’32.516 305,4
2 Troy Corser AUS Yamaha YZF-R1 4.221 1’32.772 314,3
3 Michel Fabrizio ITA Ducati 1098 F08 4.738 1’32.640 308,9
4 Ruben Xaus ESP Ducati 1098 RS 08 5.171 1’33.129 307,1
5 Fonsi Nieto ESP Suzuki GSX-R1000 5.543 1’33.077 308,9
6 Carlos Checa ESP Honda CBR1000RR 5.895 1’32.749 311,6
7 Max Neukirchner GER Suzuki GSX-R1000 5.964 1’32.773 313,4
8 Noriyuki Haga JPN Yamaha YZF-R1 14.826 1’32.964 312,5
9 Ryuichi Kiyonari JPN Honda CBR1000RR 18.899 1’33.366 308,0
10 Roberto Rolfo ITA Honda CBR1000RR 20.633 1’33.304 309,8
11 Gregorio Lavilla ESP Honda CBR1000RR 21.601 1’33.513 302,8
12 Karl Muggeridge AUS Honda CBR1000RR 29.281 1’33.978 305,4
13 Lorenzo Lanzi ITA Ducati 1098 RS 08 29.500 1’34.251 301,1
14 Kenan Sofuoglu TUR Honda CBR1000RR 30.030 1’33.783 313,4
15 Shinichi Nakatomi JPN Yamaha YZF-R1 30.223 1’34.261 304,5
16 Sébastien Gimbert FRA Yamaha YZF-R1 30.800 1’34.330 302,0
17 Russel Holland AUS Honda CBR1000RR 50.107 1’34.533 302,8
18 Shunei Aoyama JPN Honda CBR1000RR 1’07.385 1’35.349 307,1
Non classificati
Max Biaggi ITA Ducati 1098 RS 08 7 giri 1’32.517 310,7
Makoto Tamada JPN Kawasaki ZX-10R 10 giri 1’34.510 308,0
Ayrton Badovini ITA Kawasaki ZX-10R 13 giri 1’35.033 297,8
Loic Napoleone FRA Yamaha YZF-R1 15 giri 1’37.806 286,0
Régis Laconi FRA Kawasaki ZX-10R 16 giri 1’33.193 311,6
Jakub Smrz CZE Ducati 1098 RS 08 20 giri 1’33.776 310,7
David Checa ESP Yamaha YZF-R1 0 giri
Luca Morelli ITA Honda CBR1000RR 0 giri
Vincenzo Iannuzzo ITA Kawasaki ZX-10R 0 giri
Altri dati
Meteo: aria: umidità: 42%, temperatura: 22° C; pista: condizioni: asciutto, temperatura: 30° C
Giro più veloce: 4°, Troy Bayliss, 1’32.516, 172.965 Km/h
Record sul giro: 2007, Troy Corser, 1’31.826, 174.260 Km/h
Miglior giro (comprese tutte le sessioni di prove): 2008, Troy Bayliss (Superpole), 1’31.493, 174,900 Km/h

Gara 2

Anche in gara 2 Bayliss domina dal primo all’ultimo giro. Al secondo posto Carlos Checa, che conquista così il suo primo podio in Superbike, mentre al terzo l’altro spagnolo Fonsi Nieto, al secondo posto della classifica piloti. Quarto posto per un altro spagnolo, Xaus, mentre Neukirchner finisce quinto precedendo Kiyonari, al suo miglior piazzamento nell’attuale stagione. L’italiano Max Biaggi cade come in gara 1 mentre era secondo, fratturandosi il radio del braccio sinistro. Dovrebbe rientrare comunque nella gara del 6 aprile a Valencia. Tra i ritirati anche l’australiano Troy Corser.

Ordine di arrivo

Phillip Island Grand Prix Circuit.svg Circuito di Phillip Island – Lunghezza: 4.445 m
Superbike 2008 – Gran Premio di Australia – Gara 2 – 22 giri = 97,790 Km
Tempo totale di gara: 34’35.284 – Velocità media = 169,637 km/h
Pos. Pilota Naz. Moto Distacco Giro veloce Velocità
1 Troy Bayliss AUS Ducati 1098 F08 1’33.714 298,6
2 Carlos Checa ESP Honda CBR1000RR 1.127 1’33.699 298,6
3 Fonsi Nieto ESP Suzuki GSX-R1000 4.395 1’33.681 301,1
4 Ruben Xaus ESP Ducati 1098 RS 08 6.621 1’33.640 299,5
5 Max Neukirchner GER Suzuki GSX-R1000 11.550 1’34.149 310,7
6 Ryuichi Kiyonari JPN Honda CBR1000RR 11.620 1’33.826 301,1
7 Noriyuki Haga JPN Yamaha YZF-R1 12.049 1’33.928 302,0
8 Gregorio Lavilla ESP Honda CBR1000RR 12.134 1’33.931 304,5
9 Russel Holland AUS Honda CBR1000RR 13.462 1’33.980 307,1
10 Karl Muggeridge AUS Honda CBR1000RR 15.519 1’33.965 302,8
11 Kenan Sofuoglu TUR Honda CBR1000RR 16.225 1’34.016 312,5
12 David Checa ESP Yamaha YZF-R1 21.959 1’34.214 300,3
13 Sébastien Gimbert FRA Yamaha YZF-R1 21.989 1’34.201 297,8
14 Makoto Tamada JPN Kawasaki ZX-10R 29.106 1’34.370 297,8
15 Shinichi Nakatomi JPN Yamaha YZF-R1 29.219 1’34.560 295,4
16 Roberto Rolfo ITA Honda CBR1000RR 32.994 1’33.904 308,0
17 Régis Laconi FRA Kawasaki ZX-10R 34.380 1’33.741 302,8
18 Jakub Smrz CZE Ducati 1098 RS 08 42.537 1’34.026 302,0
19 Michel Fabrizio ITA Ducati 1098 F08 46.623 1’33.789 302,8
20 Lorenzo Lanzi ITA Ducati 1098 RS 08 47.030 1’34.762 295,4
21 Ayrton Badovini ITA Kawasaki ZX-10R 1’08.601 1’35.202 298,6
Non classificati
Max Biaggi ITA Ducati 1098 RS 08 16 giri 1’33.477 305,4
Troy Corser AUS Yamaha YZF-R1 18 giri 1’33.706 305,4
Shunei Aoyama JPN Honda CBR1000RR 19 giri 1’36.543 289,8
Loic Napoleone FRA Yamaha YZF-R1 19 giri 1’37.903 283,0
Altri dati
Meteo: aria: umidità: 29%, temperatura: 28° C; pista: condizioni: asciutto, temperatura: 47° C
Giro più veloce: 6°, Max Biaggi, 1’33.477, 171.186 Km/h
Record sul giro: 2007, Troy Corser, 1’31.826, 174.260 Km/h
Miglior giro (comprese tutte le sessioni di prove): 2008, Troy Bayliss (Superpole), 1’31.493, 174,900 Km/h

Classifica piloti

  1. Troy Bayliss – 88
  2. Fonsi Nieto – 61
  3. Ruben Xaus – 59
  4. Troy Corser – 45
  5. Carlos Checa – 45

Classifica costruttori

  1. Ducati – 95
  2. Suzuki – 63
  3. Yamaha – 54
  4. Honda – 46
  5. Kavasaki – 7

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Nuove scosse di terremoto nel Mugello

Nuove scosse di terremoto nel Mugello – Wikinotizie

Nuove scosse di terremoto nel Mugello

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 2 marzo 2008

Ancora delle scosse di terremoto – tre, per la precisione – sono state registrate in tarda mattinata nel Mugello. La prima è delle ore 11.58 con magnitudo 2,7 a 5.8 km di profondità. Gli epicentri sono stati più o meno gli stessi e sono stati localizzati tra i comuni di Barberino del Mugello (FI), Scarperia (FI), Vernio (PO) e Castiglione dei Pepoli (BO).

La seconda scossa è stata la più forte delle tre ed è stata registrata alle ore 12.32 con una magnitudo di 3,2 ed una profondità di 6.5 km.

La terza ed ultima scossa è stata avvertita solo 25 minuti dopo, alle 12.57.

Già ieri si erano verificate diverse scosse telluriche nella stessa zona senza provocare particolari danni.

La cronologia delle scosse[]

  • 1 – ore 11.58 (magnitudo 2,7 e profondità 5.8 km)
  • 2 – ore 12.32 (magnitudo 3,2 e profondità 6.5 km)
  • 3 – ore 12.57 (magnitudo 3,0 e profondità 8.0 km)

Articoli correlati[]

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Domenica di campagna elettorale, Berlusconi ad un collaboratore: «Vecchio, non rincoglionito»

Questa è una voce in vetrina. Clicca qui per maggiori informazioni

Domenica di campagna elettorale, Berlusconi ad un collaboratore: «Vecchio, non rincoglionito»

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 2 marzo 2008

Fausto Bertinotti

Nuova domenica di campagna elettorale in Italia, in vista delle elezioni anticipate del 13 e 14 aprile prossimi. Definite già le alleanze nei due schieramenti principali, è maggiore lo spazio dedicato al confronto/scontro tra i candidati e i rispettivi partiti; a tenere banco, inoltre, è il caso Antonio Bassolino, governatore della Campania, che dopo il rinvio a giudizio sull’emergenza rifiuti non ha presentato le dimissioni dalla carica che ricopre, dimissioni chieste dall’opposizione di centro-destra ma anche da alcuni esponenti della sinistra.

Fausto Bertinotti, presidente della Camera dei Deputati e candidato primo ministro per La Sinistra – l’Arcobaleno ha spinto sulla necessità delle dimissioni di Bassolino: «Un intero ciclo è finito ed occorre tornare rapidamente alle elezioni».

Walter Veltroni, leader del Partito Democratico, nel corso di un comizio a Pisa è nuovamente tornato sulla necessità di riformare i regolamenti parlamentari e sulle riforme del sistema istituzionale: «Una riforma si può fare subito in questo Parlamento e non mi stancherò di ripeterlo nei prossimi giorni fino al voto: i capigruppo vadano in aula e si approvi la riforma dei regolamenti parlamentari. Il nostro è un Parlamento dove ci sono 40 partiti, ripeto 40, che talvolta nascono a cena e che godono di benefici, che poi sono risorse dei cittadini. Basta, basta». Ha poi aggiunto: «Insieme si scrivono le regole del gioco, ma poi ciascuno governa sulla base della propria linea e la nostra è quella dell’innovazione e del riformismo».

Walter Veltroni

Nella coalizione di centro-destra si affrontano molte questioni, dalla criminalità alle alleanze, sino al federalismo, bandiera della Lega Nord; proprio oggi, nel corso del comizio del carroccio, il leader Umberto Bossi ha annunciato che il suo partito «vincerà senza usare la spada», ma ha anche avvisato: «Sappia Roma e sappia l’Italia che la Padania ha comunque milioni di giovani disposti a battersi per la libertà. Noi cerchiamo la via democratica ma siamo pericolosi come tutti i popoli a cui viene negata la libertà».

Il senatur annuncia poi che, in caso di vittoria, la coalizione proporrà una riforma della carta costituzionale: «Cambieremo la Costituzione in senso federalista», per poi dire: «Sarà l’ultima volta che la Lega tenterà per via democratica. Dopo se, come l’altra volta, i partiti racconteranno bugie sulla devoluzione per non cambiare niente, questo parlamento si muoverà in un’altra direzione seguendo la via della lotta per la libertà».

Pier Ferdinando Casini

Gianfranco Fini, leader di Alleanza Nazionale, interviene sulla sicurezza e sulle pene per i criminali e coloro che assumono sostanze stupefacenti: «Chi assume droga va sanzionato» dice, per poi dire che «I criminali vanno condannati a lavorare per lo Stato, per pagare il loro debito». Attacca poi Veltroni: «Veltroni è un caso da psicanalisi, come Houdini cerca di nascondere la realtà, parla come se fosse il segretario di un partito dell’opposizione […] Persino nei manifesti del Pd che sono da gaffe freudiana. Veltroni dice di voler cambiare il governo, ma questo è il suo governo. Non si è mai visto il leader di un partito, che ha tra i suoi esponenti ministri del governo attuale, aprire i suoi comizi dicendo che ‘l’Italia che fa schifo, ma…»

Simpatico intervento del leader del Popolo delle Libertà, Silvio Berlusconi, che ad un suo collaboratore, intento a suggerirgli parti del suo intervento nel corso di un comizio elettorale a Torino, dice: «È inutile che suggerisci perché sarò vecchio ma non sono ancora rincoglionito»; Berlusconi poi, sull’elettorato di centro-sinistra, sottolinea: «Non credo ci sia un italiano dotato di un minimo di buonsenso che possa volere la continuazione di governo di questa sinistra».

Flag of Italy.svg

Segui lo Speciale sulle Elezioni politiche italiane del 2008 su Wikinotizie.

Commenti anche al centro, da parte del leader dell’UDC Pier Ferdinando Casini, che parla di un quadripolo sulla scena politica attuale: «La politica si sta semplificando e in campo ci sono quattro poli: la destra, il centro, il centrosinistra moderato di Veltroni e la sinistra di Bertinotti. Anche i grandi partiti al loro interno hanno grandissima confusione e contraddittorietà su temi eticamente sensibili».

E la politica entra anche nello spettacolo: Pippo Baudo, intervistato dai giornalisti sulle sue preferenze politiche, non nasconde la sua ideologia, ma richiama comunque ad un miglioramento della scena politica: «La mia collocazione politica è nota da quando sono nato. Sono storicamente, familiarmente, psicologicamente, idealmente di centrosinistra: mio padre era allievo di don Sturzo, nella mia vita ho sempre ragionato in quei termini. Lo sa anche Berlusconi» e poi chiude con la speranza che «la situazione politica si chiarisca, la definizione dei poli sia più chiara: mi pare che ci si stia arrivando in maniera confusionale».

Fonti

Vetrina Questo è un articolo in vetrina, il che significa che è stato identificato come uno dei migliori articoli prodotti dalla comunità.
Qualsiasi miglioramento che non comprometta il lavoro svolto è comunque ben accetto.
Vai alla votazione · Segnalazioni · Archivio

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Calcio Italia campionato nazionale Serie A 2007-2008 7° giornata ritorno

Filed under: Calcio,Coppa Intertoto 2007,Europa,Italia,Pubblicati,Sport — admin @ 5:00 am

Calcio Italia campionato nazionale Serie A 2007-2008 7° giornata ritorno

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 2 marzo 2008

Calcio
Campionati nazionali
Coppa Italia
Coppe internazionali

Per vedere il calendario completo vai alla pagina Speciale Calcio Serie A.

Risultati[]

2 marzo 2008: risultati 26ª giornata
Cagliari – Genoa 2 – 1
Empoli – Siena 0 – 2
Juventus – Fiorentina 2 – 3
Livorno – Catania 1 – 0
Milan – Lazio 1 – 1
Napoli – Inter 1 – 0
Reggina – Palermo 0 – 0
Roma – Parma 4 – 0
Sampdoria – Torino 2 – 2
Udinese – Atalanta 2 – 0

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress