Wiki Actu it

March 24, 2008

La Corea del Sud blocca le importazioni di mozzarella di bufala dalla Campania

La Corea del Sud blocca le importazioni di mozzarella di bufala dalla Campania

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 24 marzo 2008

Mozzarella di bufala

La Corea del Sud ha temporaneamente bloccato tutte le importazioni di mozzarella di bufala dalla Campania, a causa di alcune analisi che avrebbero riscontrato in un carico di mozzarella, facente parte del quantitativo medio di 10 tonnellate di prodotto caseario importato annualmente dal paese asiatico, la presenza della famigerata diossina, sostanza tossica la cui origine potrebbe essere riconducibile all’inquinamento del foraggio delle bufale da parte dei rifiuti.

Il bando, comunque, è provvisorio e secondo le autorità potrà essere revocato una volta svolti tutti gli accertamenti in merito; dal ministero dell’agricoltura sudcoreano è stato fatto sapere infatti che «appena avremo identificato il produttore responsabile della contaminazione e il periodo di produzione, potremo togliere il bando in tempi brevi».

Mentre la polizia italiana prosegue con gli accertamenti per capire se realmente ci sia e quanto sia esteso l’inquinamento da diossina negli allevamenti, si solleva un coro di polemiche dalle varie associazioni. Il presidente della Società italiana di medicina veterinaria preventiva, Aldo Grasselli, avverte che «l’allarme diossina e il bando sudcoreano non sono giustificati. In questo momento c’è un’attentissima vigilanza e una quantità di controlli tali da consentirci di dire che i servizi veterinari permettono l’immissione sul mercato solo di mozzarelle controllate».

Franco Consalvo, del Consorzio per la tutela della mozzarella di bufala, si ritiene contrario al progetto, promosso dalla Regione Lazio, di istituire «un marchio di qualità con un disciplinare sul latte e la mozzarella di bufala per controllare l’eccellenza del prodotto e la tracciabilità degli animali».

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Al-Zawahiri minaccia Israele e USA

Al-Zawahiri minaccia Israele e USA – Wikinotizie

Al-Zawahiri minaccia Israele e USA

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 24 marzo 2008

File:Ayman al Zawahiri.jpg
Ayman al-Zawahiri

Ayman al-Zawahiri lancia ancora accuse contro Israele e Stati Uniti: «Oh musulmani, oggi è il vostro giorno. Colpite gli interessi degli ebrei e degli americani, e di tutti quelli che partecipano all’aggressione contro i musulmani». È questo un pezzo dei 4 minuti e 44 secondi del messaggio audio pubblicato in rete. Questo messaggio, rivolto agli aderenti del terrorismo islamista, segue altri due di Osama bin Laden, capo di Al-Qaida.

«Monitorate gli obiettivi, raccogliete fondi, preparate il necessario, pianificate accuratamente e attaccate e – afferma – , invocando Allah, cercate il martirio e il paradiso». Nell’audio non è citato un obiettivo, ma dice che «non è detto che si debba combattere contro Israele solo in Palestina», in base agli attacchi a Gaza. Il medico egiziano ha accuso i leader dei paesi musulmani di fare accordi segreti con gli USA e Israele, definite dal terrorista una «alleanza satanica».

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Nuove prospettive per Wikimedia Italia nel 2008: intervista al direttivo

Nuove prospettive per Wikimedia Italia nel 2008: intervista al direttivo

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca
logo Wiki@Home

Wikimedia Italia in cerca di segnali dal mondo
intervista a cura di team Wiki@Home

logo


Wikimedia-logo.svg Questo articolo cita la Wikimedia Foundation o uno dei suoi progetti o persone ad essi legati. Vi informiamo che Wikinotizie è un progetto della Wikimedia Foundation.

lunedì 24 marzo 2008

Introduzione

Il 9 marzo scorso si è svolta, nel Negozio Civico a Milano in Corsia dei Servi, la quarta assemblea di Wikimedia Italia. Cosa siamo e dove vogliamo andare noi enciclopedisti (e non solo) del terzo millennio? Dopo l’assemblea nazionale di WMI lo staff di Wiki@Home, incurante delle festività pasquali, ha pensato di fare il punto della situazione intervistando il direttivo di Wikimedia Italia.

Il direttivo WMI: chi sono

Da sinistra a destra: Gvf, P.Tasso, Frieda, Paginazero all’assemblea di marzo

Il direttivo dell’associazione è formato da:

  • Gianluigi Gamba, al primo mandato da presidente, per la seconda volta nel consiglio direttivo
  • Giovanni Fasano, vice presidente e tesoriere (I mandato)
  • Giulia Clonfero, segretario (I mandato, unica donna con funzioni esecutive)
  • Piero Grandesso, consigliere, subentrato a Ivan Vighetto nel gennaio ’08
  • Nicolò Zamperini, consigliere e addetto alle relazioni internazionali, (II mandato)
  • Frieda Brioschi, consigliere emerito, Wikimedia evangelist, già presidente di WMI dalla fondazione a settembre ’07.

L’intervista

W@H waves left.svgW@HW@H waves right.svg Domenica 9 marzo si è tenuta la quarta assemblea di Wikimedia Italia: molti convenuti e un certo interesse mediatico. Normale routine o un momento alto della vita comunitaria wiki? Vi siete stupiti della presenza di tanta stampa?

Gianluigi Gamba (Paginazero): No, la presenza della stampa non mi sorprende, anche se mi pare che la “luna di miele” con i media stia iniziando a raffreddarsi. Continuo però a pensare che l’assemblea sia un momento interno della vita comunitaria di Wikimedia Italia e che tutto sommato sia abbastanza noiosa per chi non fa parte dell’associazione o non segue in prima persona i wiki-progetti (ma sono anche stato smentito da un amico – folle – che si è guardato tutta la registrazione audio/video fatta da Radio Radicale…). Penso che valga la pena, in futuro, di pensare ad eventi che prevedano a fianco del momento interno dell’assemblea anche un momento esterno di presentazione, celebrazione, rendicontazione, sensibilizzazione, contatto-coi-media etc. disgiunto dai lavori assembleari in senso stretto.
Piero Grandesso (piero tasso): L’assemblea doveva esser semplice routine, ma come altre volte ne è uscito un bel momento di confronto: penso che sia normale per i soci sfruttare e apprezzare i momenti dal vivo, dato che i nostri contatti solitamente avvengono via internet. La stampa, nelle apparizioni di Wikimedia Italia e di wikipediani a Milano, è sempre stata numerosa, quindi me l’aspettavo; mi stupisce semmai il fatto che ciò valga meno per altre città, ed il fatto che continuiamo ad essere un argomento molto appetibile.

W@H waves left.svgW@HW@H waves right.svg Quanto è difficile mettere d’accordo le persone e tenere insieme degli spiriti indipendenti quali sono in genere gli appartenenti alle comunità wiki?

Gamba:Credo che gli spiriti indipendenti debbano essere lasciati liberi di esprimersi, finché restano all’interno della cornice dei nostri obiettivi statutari. Sono felice, ad esempio, dello strascico di “voglia di fare” sul territorio che ha fatto seguito all’assemblea milanese. Spero trovi modo di concretizzarsi.
Giulia Clonfero (Xaura):Non è possibile e non è l’obiettivo dell’associazione “mettere d’accordo” e “tenere insieme gli spiriti indipendenti” dei soci. Diventa facile solo quando abbiamo molto chiaro l’obiettivo per cui lavoriamo. Il direttivo non tiene assieme nulla, si limita a cercare di coinvolgere i soci nelle iniziative dell’associazione.
Grandesso:Direi che ci si riesce bene e la cosa viene da sola, non è il direttivo a mediare, sono i soci che discutono; d’altra parte si tratta di comunità wiki basate sul consenso… 🙂

W@H waves left.svgW@HW@H waves right.svg I giornalisti presenti hanno ventilato l’ipotesi che la comunità di Wikipedia, con particolare riferimento agli amministratori, stia diventando un “potere forte”. Che ne pensate di tale ipotesi?

Gamba: Definiamo per favore “potere forte”. Se è nell’accezione con cui ho sempre sentito usare quest’espressione in campo politico, allora è un’ipotesi ridicola. E gli amministratori di Wikipedia sono una novantina, un numero sufficiente a garantire un pluralismo di opinioni, sempre all’interno dell’obiettivo di realizzare un’enciclopedia (e non qualcos’altro).
Clonfero:Mi sembra un po’ esagerato. Al limite può essere interessante che la massa dei contributori diventi un po’ più consapevole e interpreti un ruolo attivo nella ricerca di informazioni, nella scelta della fonti, nel discernere le notizie. Non so se questo sia un potere forte, direi di no. Certamente considero auspicabile che ogni persona sia capace di comprendere e valutare quello che legge, l’ignoranza è una forma di debolezza. Forse dal punto di vista dei giornalisti questo è un “potere forte”… può darsi, visto che siamo in una democrazia.
Grandesso:Penso sia facile, per un esterno, approcciarsi alla comunità di Wikipedia e rimanerne un poco scottato: il “libera” e l’apertura di Wikipedia creano grandi aspettative, mentre l’approccio collaborativo richiede umiltà ed una forma mentis che non sono ovvie né automatiche nella vita reale; poi ammettiamo pure che non tutti i wikipediani hanno troppo senso dell’ironia!
Ma da qui a parlare di potere forte degli amministratori mi sembra sia lunga, anche perché semmai si dovrebbe parlare di utenti, non solo di amministratori (che operano sotto mandato della comunità ed in maniera trasparente).

W@H waves left.svgW@HW@H waves right.svg Si è sentita la necessità di una lettera, scritta da Frieda in qualità di Wikimedia Evangelist, per ribadire ancora una volta dei messaggi che non sembrano riuscire ad affermarsi sui media, per esempio che Wikimedia Italia non è responsabile per Wikipedia e altri progetti e che non esiste la fantomatica “Wikipedia Italia” continuamente citata dalla stampa. Perché la filosofia e il funzionamento dell’enciclopedia sembrano ancora così “oscure” alle masse?

Gamba: Pigrizia mentale di alcuni operatori dei media che pensano che per parlare di Wikipedia e Wikimedia sia sufficiente leggere due discussioni al bar di Wikipedia. Il wiki-microcosmo è molto più articolato e complesso.
Clonfero:La gente che incontriamo ci dice che conosce wikipedia, ma solo perchè la consulta. Al mio admin di fiducia dico continuamente che le pagine di aiuto sono inservibili: troppe, troppo lunghe e difficili. Io penso ai progetti WMF come alla rivoluzione copernicana della nostra epoca: cambia il fulcro, non è lo stesso modo di concepire la conoscenza. Le persone in genere hanno bisogno di confrontarsi con esperienze note, rassicuranti, pertanto la filosofia wiki va ricondotta a qualcosa di già visto, già sperimentato, già vissuto. Mi ricorda certe volte del Palladio, che per decenni sono state studiate senza che un solo programma di architettura per computer fosse in grado di giustificarne il funzionamento: non avrebbero dovuto stare in piedi, mancava qualcosa (qualcosa come un comitato editoriale o un interesse, un “potere forte” che dettasse legge). Alla fine si è scoperto che erano semplicemente gli strumenti ad essere rozzi ed imprecisi. Infatti la volta è lì da quasi 500 anni.
Grandesso:La struttura dei progetti Wikimedia non è l’argomento più avvincente del mondo ed i nomi sembrano fatti apposta per creare confusione. In questo senso i giornalisti fan confusione come la fa qualsiasi altra persona che non sia sufficientemente addentro ai progetti WMF.
Il fatto che la filosofia non sia ancora chiara ai più è probabilmente legato al fatto che il sistema è realmente rivoluzionario: un sito pieno di informazioni, senza doversi registrare per visualizzarle, qualche anno fa era raro; qui invece non serve registrarsi nemmeno per scriverle, le informazioni! E’ un passo non ovvio ed è comprensibile che la maggior parte delle persone si limiti a consultarla.
Nel merito di quella lettera c’è poi anche il problema che un giornalista dovrebbe leggere il materiale informativo che forniamo proprio per evitare gli errori più comuni.

Da sinistra a destra: Xaura, Sbisolo, Gvf, Nick1915 all’assemblea di settembre ’07

W@H waves left.svgW@HW@H waves right.svg Anche i casi Domenici e Di Bello sono legati alla scarsa conoscenza dei meccanismi base dei siti WMF? Qual è la vostra reazione davanti a critiche e accuse,specie se percepite come ingiuste?

Gamba: Segnalare allo studio legale che di volta in volta ci contatta che (1) Wikimedia Italia non gestisce l’edizione in lingua italiana di Wikipedia, né è responsabile dei suoi contenuti. Che (2), per statuto, il ruolo di Wikimedia Italia si limita alla promozione e diffusione sul suolo italiano di Wikipedia e degli altri progetti della Wikimedia Foundation simili ad essa per finalità e modalità e che (3) l’affiliazione esistente tra Wikimedia Foundation e Wikimedia Italia è limitata al solo concedere a Wikimedia Italia l’utilizzo sul suolo della Repubblica Italiana dei marchi e dei loghi di Wikipedia e dei progetti gestiti dalla Wikimedia Foundation per poter perseguire le proprie finalità di promozione e raccolta fondi.
Naturalmente, se dipendesse da me eliminerei da Wikipedia tutte le voci di aziende, di persone viventi e di persone morte da meno di un secolo, ma mi rendo conto che la mia è una posizione un poco estremista, e non ci salverebbe comunque dalle liti tra sedicenti casati nobiliari.
Clonfero:Non credo sia solo scarsa conoscenza dei meccanismi di Wikipedia. Semplicemente l’obiettivo di alcune persone è diverso dal nostro. Il nostro obiettivo sarebbe convincere anche loro a pensare secondo i cinque pilastri dei progetti, forse col tempo la situazione migliorerà.
Grandesso:Non so se si tratta di scarsa conoscenza dei meccanismi; penso che quando vi sono problemi di questo tipo (seri, quindi) il rimando all’indirizzo e-mail a cui scrivere sia ben in vista.
E’ evidente che vi sono persone che sfruttano l’apertura di Wikipedia per proprio tornaconto anche inserendo informazioni diffamanti: la soluzione a questo problema non è però ridurre l’apertura di Wikipedia, è semmai perseguire chi inserisce queste informazioni, facendo capire che Wikipedia non è terra di nessuno. Penso poi che la comunità stia facendo davvero grandi sforzi per limitare questi problemi, considerando che sono tutti semplici volontari.
E’ un po’ come una città nella quale chi lascia cadere in terra una carta venga redarguito da altri cittadini (che si occupano anche di pulire…); non capita tutti i giorni nelle nostre città!

W@H waves left.svgW@HW@H waves right.svg Presidente, come stemperi la tensione in momenti difficili o particolarmente stressanti della vita associativa? Qual è il pensiero ultimo che aiuta un wikimediano a non mollare e a mantenere (in modo volontario, com’è noto) una posizione che, con il passare del tempo e l’aumento di polemiche esterne all’associazione, diventa sempre più scomoda?

Gamba: Non la stempero. Infatti ho bisogno di almeno sei mesi di esilio dorato. :o) Fuor di scherzo, ho sempre trovato aiuto nel constatare cosa Wikipedia è diventata nonostante gli schizzi di fango che possono caderle addosso, e questo semplicemente leggendo le voci e restando alla larga dalle nostre polemiche ombelicali e autoreferenziali. Un’altra grande “ricarica” mi viene dalla comunità stessa e dal vedere quanto è motivata, l’assemblea milanese non ha fatto eccezione.

W@H waves left.svgW@HW@H waves right.svg Wikipedia occupa sempre più di frequente spazi sui mezzi d’informazione, l’ultimo articolo rilevante, in ordine di tempo, è quello sull’Economist. Ma quali sono a vostro parere le vere prospettive del progetto? E l’associazione in che direzione si muoverà, quali sono i progetti per i prossimi mesi?

Gamba: Non possiamo prescindere dalla direzione in cui si muoverà Wikimedia Foundation, che dovrà anch’essa prendere decisioni impegnative sul futuro dei progetti (non ultimo, la carsicamente ricorrente discussione sull’apertura alle inserzioni pubblicitarie). La “vera prospettiva” del progetto Wikipedia non è un segreto: realizzare un’enciclopedia che sia considerata un common, un “bene comune”, per tutto il mondo. La tecnologia potrà cambiare il modo di fruirla, ma lo scopo è chiaro.
Clonfero:Non sono capace di fare previsioni sul futuro di Wikipedia, spero abbia la capacità di arricchirsi, rinnovarsi e rimanere autenticamente aperta ai nuovi contenuti. L’associazione sta tastanto un terreno nuovo: stiamo andando ad incontrare i protagonisti della cultura tradizionale ovvero i bibliotecari, gli editori e gli autori di libri, i cinefili… Ottima occasione per far crescere l’associazione.
Grandesso:I progetti minori hanno ancora un enorme potenziale di crescita, nessuno escluso, e così pure le Wikipedie nelle lingue minori. Wikipedia, anche in lingua italiana, ha raggiunto dimensioni ragguardevoli. Un futuro che mi piacerebbe vedere (e forse qualche timido accenno c’è già) è la nascita di nuovi progetti – anche esterni a WMF – che facciano proprio il contenuto di Wikipedia, chi per validarlo (immagino quanto potrebbero fare le Università in questo senso), chi per approfondirlo ed adattarlo secondo i vari interessi settoriali. Il contenuto dei progetti WMF è di tutti, basta usarlo (e restituirlo al mondo migliorato ed ampliato, possibilmente).
L’Associazione sta cercando nuovi contatti con quanti, per lavoro o per passione, “fanno sapere” o comunque partecipano al sapere. Per i prossimi mesi prevediamo interessanti partecipazioni; per cominciare saremo a Galassia Gutenberg dal 28 al 31 marzo, quindi i campani vengano a trovarci, che è la nostra prima apparizione in zona!

W@H waves left.svgW@HW@H waves right.svg Grazie a tutti per la disponibilità, e buon lavoro.

Wiki@Home-video

Alcuni partecipanti e la stampa in fondo

La massiccia presenza della stampa all’assemblea ci ha incuriosito. Quelli qui proposti sono alcuni brevi video fatti alla stampa e ad altri personaggi presenti e in qualche modo esterni all’associazione, e che inaugurano una nuova modalità di interviste W@H: wiki@home-video.

I filmati

Non è la prima volta che siamo sotto osservazione da parte dell’accademia, ma forse è la prima volta che lo sguardo è quello dell’antropologia. La comunità wikipediana verrà studiata come una tribù del Borneo…

Molta stampa all’assemblea, due telecamere e una mezza dozzina di giornalisti di svariate testate (Gazzetta dello Sport, Repubblica, Corriere, Gioia, Rai ecc.); abbiamo chiesto a due di queste il perché della loro presenza.

Uno dei progetti sostenuti da WMI è WikiAfrica: il tentativo, ancora in fieri, di contattare e sviluppare la parte africana dei progetti wiki. Due rappresentanti di Lettera 27, l’associazione che segue e dirige il progetto, hanno risposto alle nostre domande.

Collegamenti esterni

Wikinotizie
Questa intervista esclusiva riporta notizie di prima mano da parte di uno dei membri di Wikinotizie. Vedi la pagina di discussione per avere maggiori dettagli.


This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Di Pietro: «Abrogheremo le leggi ad personam»

Di Pietro: «Abrogheremo le leggi ad personam»

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca
Flag of Italy.svg

Segui lo Speciale sulle Elezioni politiche italiane del 2008 su Wikinotizie.

lunedì 24 marzo 2008
Il presidente dell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, dice dal suo blog: «Il partito di Berlusconi non vuole che diventi ministro della Giustizia. Da parte del capo del Pdl è assolutamente comprensibile. Il mio obiettivo è infatti di cancellare subito le leggi ad personam». «Se vinciamo il mio obiettivo è di far funzionare la macchina della Giustizia — afferma — per ripristinare in questo Paese la certezza della pena e l’uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge». «Se la coalizione di cui faccio parte vincerà le elezioni dovrà affrontare immediatamente un problema: Quale ministero assegnare ad Antonio Di Pietro?. È un problema così serio da essere dibattuto continuamente, e senza che io abbia avanzato alcuna richiesta, — ha scritto sul blog — sia dal centrodestra che dal centrosinistra».

Per il ministro della Infrastrutture «i veti che arrivano da esponenti del centro-sinistra, un giorno sì e l’altro pure, non sono altrettanto comprensibili e neppure accettabili. Che cosa deve fare Antonio Di Pietro per avere la possibilità di diventare ministro della Giustizia? Quali qualità deve avere? Gli ultimi due ministri sono stati Castelli e Mastella. Hanno ridotto la Giustizia in macerie, nessuno dei due aveva la minima competenza in materia. Nessuno, però — dice infine — si è opposto a priori, come sta avvenendo ora per una mia eventuale candidatura. Mani Pulite brucia ancora a gran parte della classe politica, forse hanno il timore che voglia finire il lavoro».

Dal Popolo della Libertà, risponde la vicepresidente dei deputati forzisti Isabella Bertolini: «Di Pietro Ministro della Giustizia? Non sarà possibile perché le elezioni le vincerà il Pdl. Queste scenette sono patetiche. Ormai il Pd e i suoi alleati perdono colpi e passano le loro giornate in liti e recriminazioni. Dopo aver tentato di raccontare agli Italiani che la rimonta era cosa fatta, il caravanserraglio messo in piedi da Veltroni ha il fiato corto».


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress