Wiki Actu it

July 30, 2008

Categoria:30 luglio 2008

Filed under: Luglio 2008 — admin @ 5:00 am

Categoria:30 luglio 2008 – Wikinotizie

Categoria:30 luglio 2008

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca
31 luglio 2008 »

Questa categoria raccoglie tutti gli articoli relativi ad avvenimenti accaduti il 30 luglio 2008, o scritti in quel giorno.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Tensione tra Berlusconi e deputati PDL, Bocchino: «Parole premier inconcepibili»

Tensione tra Berlusconi e deputati PDL, Bocchino: «Parole premier inconcepibili»

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 30 luglio 2008

Palazzo Montecitorio, sede della Camera dei Deputati

Clima teso tra i banchi della maggioranza e quelli del governo. Il Presidente del Consiglio ha accusato indirettamente i deputati del suo partito di essere dei fannulloni. Infatti 67 deputati del Popolo della Libertà erano assenti durante la votazione sulle “milleproroghe”, che ha fatto andare sotto di 4 voti il governo.

«I senatori della Pdl sono superiori, questa è una verità indiscussa e indiscutibile», accusa il premier e capo del primo partito in Italia per elettori. A replicare in difesa dei parlamentari di Montecitorio, il vicecapogruppo del PDL alla camera Italo Bocchino, che apostrofa le parole del Cavaliere come «infelici, irrispettose e irricevibili». Bocchino, inoltre, sferra una seconda accusa, rivolta anche al governo: «Le parole di Berlusconi provocano, inoltre, un ulteriore disagio ai deputati, già costretti a convertire decreti blindati del governo».


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Rivoluzione nella cura dell\’Alzheimer: un farmaco lo blocca nelle prime fasi

Rivoluzione nella cura dell’Alzheimer: un farmaco lo blocca nelle prime fasi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 30 luglio 2008
Nuove speranze per curare il morbo di Alzheimer: scienziati inglesi hanno trovato in un farmaco il pregio di bloccare questa malattia cerebrale nelle fasi iniziali. Studiosi dell’università di Aberdeen, in Scozia, hanno spiegato che questo medicinale, chiamato Rember, è in grado di bloccare la nascita della proteina Tau, che provoca danni al cervello.

Su un campione di 321 persone è stata riscontrata una differenza dell’81% sul tasso di perdita delle attività cerebrali, diversamente dalle persone in uno stato avanzato del morbo.

Nel meeting internazionale su questa malattia svoltosi a Chicago, gli scienziati hanno detto che i risultati ottenuti sono ottimistici, ma hanno denunciato il bisogno di nuovi esperimenti. Secondo le previsioni, durante il 2012 il farmaco entrerà nel mercato.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Mediaset fa causa a Google e YouTube per mezzo miliardo di euro: «Perse 315.672 giornate di visione»

Mediaset fa causa a Google e YouTube per mezzo miliardo di euro: «Perse 315.672 giornate di visione»

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 30 luglio 2008

La torre Mediaset a Cologno Monzese.

Mediaset, l’azienda di Cologno Monzese proprietaria di Canale 5, Rete 4 ed Italia 1, ha diffuso oggi il suo comunicato stampa dove viene annunciata l’azione legale contro You Tube e Google.

Il comunicato recita: «Mediaset ha depositato al tribunale Civile di Roma un atto di citazione contro YouTube e Google per illecita diffusione e sfruttamento commerciale di file audio-video di proprietà delle società del Gruppo. Alla data del 10 giugno 2008, dalla rilevazione a campione effettuata da Mediaset sono stati infatti individuati sul sito YouTube almeno 4.643 filmati di nostra proprietà, pari a oltre 325 ore di materiale emesso senza possedere i diritti. Alla luce dei contatti rilevati e vista la quantità dei documenti presenti illecitamente sul sito, è possibile stabilire che le tre reti televisive italiane del Gruppo abbiano perduto ben 315.672 giornate di visione da parte dei telespettatori. Il risarcimento richiesto da Mediaset è di almeno 500 milioni di euro, per il solo danno emergente. A questo bisognerà aggiungere le perdite subite per la mancata vendita di spazi pubblicitari sui programmi illecitamente diffusi in rete.»

La mossa da parte del Gruppo Mediaset, che ha come presidente Fedele Confalonieri e come vicepresidente Pier Silvio Berlusconi, è dura, e va a colpire uno dei servizi più utilizzati e più famosi in rete e non solo.

La decisione presa sembra rimarcare quella affrontata da Telecinco, società spagnola di Mediaset insieme a Publiespana, che ha vinto la causa contro You Tube pochi giorni fa per lo stesso motivo[1].

Mediaset non è la prima volta che affronta battaglie di questo genere: l’11 ottobre scorso, pur non intentando causa, diffidò VCast, un sito che permetteva di registrare programmi dei canali generalisti, per poi far pervenire all’utente il file richiesto, che non poteva essere inviato ad altri siti hosting o di video streaming[2].

Note[]

  1. Articolo del TGCom sulla vittoria dell’azione legale di Telecinco
  2. Notizia della diffida di VCast da parte di Mediaset su TvBlog


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Israele: Ehud Olmert si dimetterà entro settembre

Israele: Ehud Olmert si dimetterà entro settembre

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 30 luglio 2008

Ehud Olmert

Con un comunicato in diretta TV, il leader del partito Kadima e primo ministro d’Israele, Ehud Olmert, ha annunciato che si dimetterà dalla carica entro settembre, «appena il partito avrà eletto un nuovo leader».

«Dopo l’elezione del mio successore darò le dimissioni per consentire la formazione di un nuovo governo», ha detto Olmert, il quale ha annunciato che lascerà la carica «in modo dignitoso», dichiarandosi totalmente estraneo all’accusa di corruzione formulata contro di lui: «Il tempo mi darà ragione», ha concluso il primo ministro.

Le accuse rivolte a Ehud Olmert sono pesanti: tra il 1993 e il 2006, avrebbe prima ricevuto fondi da associazioni ebraiche per svariati viaggi privati, e successivamente avrebbe preso tangenti dal miliardario statunitense Morris Talansky, per un totale di 150.000 dollari su un periodo di quattro anni.

L’Associated Press ha inoltre riferito che negli USA circolino seri dubbi che l’abbandono della politica da parte di Olmert, che non si ricandiderà neanche alle primarie di Kadima, possa costituire un pericolo per il processo di pace avviatosi tra Israele e Palestina.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Atletica leggera, Elena Isinbaeva centra il suo 23º record mondiale al Galà di Montecarlo

Atletica leggera, Elena Isinbaeva centra il suo 23º record mondiale al Galà di Montecarlo

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 30 luglio 2008

Elena Gadžievna Isinbaeva

Elena Gadžievna Isinbaeva ha centrato il suo 23° primato mondiale (tenendo conto anche dei record indoor) al Galà di Montecarlo, saltando con l’asta a 5.04 metri. Ha avuto bisogno del terzo salto per poter nuovamente migliorare il record che già le apparteneva

Nello stesso Galà, primato stagionale nei 1500 metri del 23enne kenyano Daniel Kipchirchir Komen con il tempo di 3’31″49 e dell’etiope Yimer Ayalew che ha percorso i 3000 metri in 8’35″50.

Il giamaicano Asafa Powell, invece, ha corso i 100 metri piani nel tempo di 9″82, a solo un decimo di secondo dal record del mondo detenuto da Usain Bolt.[1]


Note[]

  1. «Bolt fantastico sui 100 m Record del mondo: 9″72!»La Gazzetta dello Sport, 1 giugno 2008

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Il Milan vince il Trofeo TIM 2008

Il Milan vince il Trofeo TIM 2008 – Wikinotizie

Il Milan vince il Trofeo TIM 2008

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 30 luglio 2008
Il Milan batte ai rigori Inter e Juventus, conquistando per la terza volta il Trofeo TIM.

Nella prima gara, tra rossoneri e bianconeri, il Milan segna con Seedorf, poi la Juve ribalta il risultato con Marchionni e Trezeguet, prima del pareggio con un bel gol sempre di Seedorf. Si va ai rigori, ed il Milan segna 4 tiri su 4, vincendo grazie ai due goffi sbagli di Trezeguet e Tiago.

Nella seconda sfida, l’Inter di Mourinho va KO con la Juve per 1-0 (gol di Iaquinta). Nella partita finale, il Milan e l’Inter pareggiano 0-0, poi i rossoneri hanno la meglio per 4-3 al sesto rigore. Decisivo l’errore di Muntari, con paratona di Abbiati che consegna la coppa al Milan.


Fonti


Ricerca originale
Questo articolo (o parte di esso) si basa su informazioni frutto di ricerche o indagini condotte da parte di uno o più contributori della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress