Wiki Actu it

October 3, 2008

Categoria:3 ottobre 2008

Filed under: Ottobre 2008 — admin @ 5:00 am

Categoria:3 ottobre 2008 – Wikinotizie

Categoria:3 ottobre 2008

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca
4 ottobre 2008 »

Questa categoria raccoglie tutti gli articoli relativi ad avvenimenti accaduti il 3 ottobre 2008, o scritti in quel giorno.

Pagine nella categoria “3 ottobre 2008”

Questa categoria contiene le 4 pagine indicate di seguito, su un totale di 4.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

L’arte rupestre di Malonno presentata da Umberto Sansoni

venerdì 3 ottobre 2008

Conferenza a Malonno, Val Camonica

Umberto Sansoni

«Malonno entra di diritto nel quadro del World Heritage dell’ UNESCO». Con queste parole Umberto Sansoni del Dipartimento Valcamonica e Lombardia del Centro Camuno di Studi Preistorici sentenzia l’importanza delle scoperte avvenute sino ad oggi.

Dalla gremita Sala Auditorum dell’ex scuola elementare di Lava, a Malonno, il professore ha illustrato agli intervenuti il risultato degli scavi e i rilievi raccolti in un’area che fino a poco tempo fa era considerata marginale al grande ciclo delle incisioni rupestri della Valcamonica.

«Sono emerse di recente figure rupestri sulla costa di Malonno: un cavaliere, un guerriero, oranti, figurine animali e simboli. Immagini databili a 3000 anni fa, che si aggiungono ad altre figurazioni già note, di pari o maggiore antichità: le enigmatiche coppelle, mappiformi e impronte, poste in luoghi dove si individuano tracce di antiche miniere, di castellieri, di siti abitativi o cultuali. E vi sono infine i segni cristiani, medioevali e recenti».

Una presentazione correlata da numerose immagini esplicative, che hanno stupito soprattutto gli stessi malonnesi, increduli di possedere un patrimonio archeologico paragonabile a quello di altre famose aree della vallata. Umberto Sansoni non esclude infatti che, proseguendo nei lavori, le raffigurazioni di località Còrnola, Còste dei Pondécc e Castél di Moscio possano divenire presto nomi molto conosciuti.

Fonti

Articoli correlati

Collegamenti esterni

  • Dipartimento Valcamonica e Lombardia


Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Calcio, Jérôme Rothen critica Zinédine Zidane nel suo libro

Filed under: Calcio,Francia,Principato di Monaco,Pubblicati,Sport — admin @ 5:00 am

venerdì 3 ottobre 2008

Jérôme Rothen

Jérôme Rothen

Jerome Rothen, apprezzato calciatore francese e compagno, nella selezione transalpina, di Zinedine Zidane, ha lanciato diverse critiche sull’atteggiamento del campione di Juventus e Real Madrid, accusandolo di mancanza di fair play attraverso il suo libro Non mi crederete, in vendita dall’8 ottobre.

Nella partita valida per i quarti di finale della Champions League 2003-2004, durante la sfida tra il Real Madrid di Zidane e il Monaco di Rothen, che vincerà per 3-1, passando il turno e arrivando poi alla finale (persa 3-0 col Porto di Josè Mourinho) avviene l’episodio cui si riferisce Rothen, che attualmente milita nel Paris Saint Germain, così descirtto:

Collabora a Wikiquote
«In una delle ultime azioni, sono in uno contro uno con Zinedine Zidane. Il pallone gli è incollato ai piedi, (…) ma riesco comunque a togliergli il pallone. Tento il rilancio ma un tackle mi mette a terra. Non ho proprio male, ma visto che resta poco tempo, crollo come un pessimo attore cinematografico e simulo. (…) Zidane si avvicina e mi dice: “Alzati figlio di puttana”»

L’insulto rifilato da Zidane sarebbe la stessa presunta frase a lui pronunciata dal difensore italiano Marco Materazzi nella finale del campionato mondiale di calcio 2006, che si guadagnò la famosa testata, immagine finale della carriera del fenomeno di origini algerine.

Tutto ciò viene poi aggravato dal fatto che Zidane non si è mai scusato con Rothen, che si è sempre sentito molto ferito da ciò.

Immediate le reazioni dell’entourage di Zidane: i suoi sponsor stanno cercando di convincere Rothen a “ritrattare”, mentre Canal+, per cui Zidane fa il commentatore, ha ignorato il libro.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

L\’arte rupestre di Malonno presentata da Umberto Sansoni

L’arte rupestre di Malonno presentata da Umberto Sansoni

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 3 ottobre 2008

Conferenza a Malonno, Val Camonica

Umberto Sansoni

«Malonno entra di diritto nel quadro del World Heritage dell’ UNESCO». Con queste parole Umberto Sansoni del Dipartimento Valcamonica e Lombardia del Centro Camuno di Studi Preistorici sentenzia l’importanza delle scoperte avvenute sino ad oggi.

Dalla gremita Sala Auditorum dell’ex scuola elementare di Lava, a Malonno, il professore ha illustrato agli intervenuti il risultato degli scavi e i rilievi raccolti in un’area che fino a poco tempo fa era considerata marginale al grande ciclo delle incisioni rupestri della Valcamonica.

«Sono emerse di recente figure rupestri sulla costa di Malonno: un cavaliere, un guerriero, oranti, figurine animali e simboli. Immagini databili a 3000 anni fa, che si aggiungono ad altre figurazioni già note, di pari o maggiore antichità: le enigmatiche coppelle, mappiformi e impronte, poste in luoghi dove si individuano tracce di antiche miniere, di castellieri, di siti abitativi o cultuali. E vi sono infine i segni cristiani, medioevali e recenti».

Una presentazione correlata da numerose immagini esplicative, che hanno stupito soprattutto gli stessi malonnesi, increduli di possedere un patrimonio archeologico paragonabile a quello di altre famose aree della vallata. Umberto Sansoni non esclude infatti che, proseguendo nei lavori, le raffigurazioni di località Còrnola, Còste dei Pondécc e Castél di Moscio possano divenire presto nomi molto conosciuti.

Fonti

Articoli correlati

Collegamenti esterni


Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Marco Travaglio presenta il suo ultimo libro a Canosa di Puglia

Marco Travaglio presenta il suo ultimo libro a Canosa di Puglia

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Canosa di Puglia, venerdì 3 ottobre 2008

Marco Travaglio, poco prima dell’inizio della presentazione

Il giornalista e scrittore Marco Travaglio, su invito dell’associazione locale culturale La Piccola Roma, ha presentato nel pomeriggio il suo ultimo libro, Il bavaglio, scritto a sei mani con i colleghi Peter Gomez e Marco Lillo, nella piazza principale di Canosa di Puglia.

«Questo libro» dice Travaglio «è stato scritto in quindici giorni durante l’estate. È nato dall’esigenza di informare i cittadini sui rischi del “pacchetto sicurezza”» proposto dai membri legislativi ed applicati e discussi da quelli esecutivi della Repubblica. Lunga l’analisi in base alla cosiddetta legge “blocca-processi” (sospensione per un anno di tutti i procedimenti ancora in fase di dibattimento in 1° grado per reati commessi fino al 30 giugno 2002 e che prevedono una pena inferiore ai 10 anni), al “Lodo Alfano” (che permette la sospensione di ogni processo penale e l’immunità nei confronti di Presidente della Repubblica, Presidente del Consiglio, Presidenti del Senato e Camera nel corso dei loro mandati) e alla riforma sulle intercettazioni telefoniche e ambientali (che modifica il codice di procedura penale con nuovi parametri), condita da considerazioni personali in base a problematiche, perplessità e persino dubbi di incostituzionalità.

Travaglio viene introdotto dai moderatori

Il previsto dibattito, successivo alla presentazione, è saltato a causa della pioggia. Travaglio ha comunque risposto ad alcune domande secche rivolte dai cittadini. A proposito dell’incidente denunciato da Daniela Santanchè durante la diretta di AnnoZero di ieri, ad esempio, Travaglio testimonia che l’ex onorevole de La Destra era stata «apostrofata pesantamente» da uno dei ragazzi di colore presenti in studio. Sulla presenza di Margherita Granbassi in trasmissione, invece, ha sottolineato che l’atleta «non ha passato un bel periodo».

Il giornalista torinese è poi convogliato a Bari per commentare ancora la propria pubblicazione.


Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Papa Benedetto XVI critica la contraccezione: «Esclude la verità dell\’amore matrimoniale»

Papa Benedetto XVI critica la contraccezione: «Esclude la verità dell’amore matrimoniale»

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 3 ottobre 2008

Papa Benedetto XVI

Papa Benedetto XVI è intervenuto oggi dalla Città del Vaticano sul tema della procreazione.

In un messaggio inviato ad un congresso per i 40 anni dell’enciclica Humanae Vitae emessa da Paolo VI, ha preso atto di come vi siano difficoltà da parte di molti fedeli nell’accettare gli insegnamenti della Chiesa.

Il papa sottolinea che l’amore coniugale non è giustificato se non genera figli: «Escludere questa dimensione comunicativa mediante un’azione che miri ad impedire la procreazione significa negare la verità intima dell’amore sponsale, con cui si comunica il dono divino».

Ma Benedetto XVI è cosciente che «nel cammino della coppia possono verificarsi delle circostanze gravi che rendono prudente distanziare le nascite dei figli o addirittura sospenderle», ma ciò non rende leciti i metodi antiprocreativi artificiali, che anzi vanno sostituiti con «la conoscenza dei ritmi naturali della fertilità della donna». Conclude: «I metodi di osservazione, che permettono alla coppia di determinare i periodi di fertilità consentono di amministrare quanto il Creatore ha sapientemente iscritto nella natura umana, senza turbare l’integro significato della donazione sessuale».


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress