Wiki Actu it

November 30, 2008

Categoria:30 novembre 2008

Filed under: Novembre 2008 — admin @ 5:00 am

Categoria:30 novembre 2008 – Wikinotizie

Categoria:30 novembre 2008

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Questa categoria raccoglie tutti gli articoli relativi ad avvenimenti accaduti il 30 novembre 2008, o scritti in quel giorno.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Mumbai: «L\’obiettivo erano gli israeliani». Il ministro dell\’interno si dimette

Mumbai: «L’obiettivo erano gli israeliani». Il ministro dell’interno si dimette

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

30 novembre 2008

Area di Mumbai interessata dagli attacchi terroristici

Sembra finita dopo tre giorni di tensione la lunga battaglia con i terroristi autodenomitatisi Mujahideen del Deccan nel pieno centro di Mumbai, in India. I dati ufficiali parlano di 174 morti confermati (il bilancio precedente parlava di 195 vittime).

Oggi il ministro dell’interno indiano Shivraj Patil ha presentato le sue dimissioni motivandole con una propria «responsabilità morale» dell’accaduto.

L’unico terrorista catturato, Azam Amir Kasab 21 anni di origini pachistane, ha affermato: «La nostra missione specifica era colpire gli israeliani per vendicare le atrocità commesse sui palestinesi» . Per questo motivo il commando ha preso di mira il centro ebraico Chabad Lubavitch presso la Nariman House, uccidendo sei israeliani.

Le forze di sicurezza ebraiche, che si sono viste rispondere negativamente alla loro offerta di collaborazione dalle forze speciali indiane, hanno espresso irritazione verso il governo di Nuova Delhi per l’intervento “rischioso e prematuro”, che avrebbero causato in modo indiretto la morte degli ostaggi.


Articoli correlati[]

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Magdi Allam fonda il partito «Protagonisti per l\’Europa Cristiana»

Filed under: Articoli archiviati,Europa,Italia,Politica,Pubblicati,Religione — admin @ 5:00 am

Magdi Allam fonda il partito «Protagonisti per l’Europa Cristiana»

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 30 novembre 2008

Magdi Allam

Oggi a Fabrica di Roma, in provincia di Viterbo, è stato presentato il nuovo partito della scena politica italiana: Protagonisti per l’Europa Cristiana, fondato dallo scrittore e giornalista Magdi Cristiano Allam.

Il simbolo del nuovo gruppo è una bandiera tricolore in campo azzurro circondata da 12 stelle, con in alto il nome del partito e in basso le tre endiadi: “Verità e Libertà”, “Fede e Ragione” e “Valori e Regole”.

Dice Allam: «Nasciamo nella consapevolezza che la nostra Europa è in preda ad una deriva etica che si alimenta in una concezione materialista e consumistica della vita. Nel quadro politico italiano, da destra a sinistra, c’è una preoccupante anarchia dei valori che noi vogliamo colmare. Per questo nasce il nostro partito, laico e autonomo».

Tra i punti qualificanti del partito il no all’aborto, al divorzio, ai matrimoni gay, alla ricerca sulle cellule embrionali, all’eutanasia. Un convinto supporto invece alla famiglia costituita da un uomo e una donna in grado di procreare e al rispetto di regole etiche universali.


Fonti

Collegamenti esterni

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Magdi Allam fonda il partito «Protagonisti per l’Europa Cristiana»

Filed under: Europa,Italia,Politica,Pubblicati,Religione — admin @ 5:00 am

domenica 30 novembre 2008

File:Magdi allam.jpg

Oggi a Fabrica di Roma, in provincia di Viterbo, è stato presentato il nuovo partito della scena politica italiana: Protagonisti per l’Europa Cristiana, fondato dallo scrittore e giornalista Magdi Cristiano Allam.

Il simbolo del nuovo gruppo è una bandiera tricolore in campo azzurro circondata da 12 stelle, con in alto il nome del partito e in basso le tre endiadi: “Verità e Libertà”, “Fede e Ragione” e “Valori e Regole”.

Dice Allam: «Nasciamo nella consapevolezza che la nostra Europa è in preda ad una deriva etica che si alimenta in una concezione materialista e consumistica della vita. Nel quadro politico italiano, da destra a sinistra, c’è una preoccupante anarchia dei valori che noi vogliamo colmare. Per questo nasce il nostro partito, laico e autonomo».

Tra i punti qualificanti del partito il no all’aborto, al divorzio, ai matrimoni gay, alla ricerca sulle cellule embrionali, all’eutanasia. Un convinto supporto invece alla famiglia costituita da un uomo e una donna in grado di procreare e al rispetto di regole etiche universali.

Fonti

Collegamenti esterni

  • Sito di “Protagonisti per l’Europa Cristiana”
This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Israele: il governo approva scarcerazione detenuti, da Gaza ancora razzi

domenica 30 novembre 2008

Israele e territori palestinesi

Prosegue il lancio di razzi dalla Striscia di Gaza verso il sud d’Israele: oggi un razzo è caduto nel centro di Sderot, mentre altri tue sono stati indirizzati verso il valico di Kerem Shalom. Non si registrano vittime colpite dalle esplosioni.

Hamas ha inoltre rivendicato l’attacco di venerdì scorso alla base militare israeliana presso il kibbuz di Nahal Oz, dove erano rimasti feriti sei militari. Secondo l’organizzazione terroristica che governa Gaza in «risposta ai crimini dell’occupazione (israeliana NdR), le Brigate Ezzedin al-Qassam hanno attaccato la base militare di Nahal Oz».

Sul fronte orientale continuano invece le misure distensive tra Israele e la Cisgiordania guidata da Abu Mazen. È stata confermata entro i fine settimana la scarcerazione di 250 detenuti arabo-palestinesi detenuti nelle prigioni israeliane.

Secondo il portavoce del presidente uscente Ehud Olmert essa «è una misura volta a rafforzare la fiducia» tra i due popoli.

Articoli correlati

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Magdi Allam fonda il partito «Protagonisti per l’Europa Cristiana»

Filed under: Europa,Italia,Politica,Pubblicati,Religione — admin @ 5:00 am

domenica 30 novembre 2008

Wikinotizie di oggi
30 novembre
Collabora con noi!
  • Scrivania
  • Portale:Comunità
  • Guida allo stile – come scrivere
  • Guida al contenuto – cosa scrivere

Oggi a Roma è stato presentato il nuovo partito della scena politica italiana: Protagonisti per l’Europa Cristiana, fondato dallo scrittore e giornalista Magdi Cristiano Allam.

Il simbolo del nuovo gruppo è una bandiera tricolore in campo azzurro circondata da 12 stelle con il nome del partito ed i termini “Valori e libertà” e “Fede e religione”.

Dice Allam: «Nasciamo nella consapevolezza che la nostra Europa è in preda ad una deriva etica che si alimenta in una concezione materialista e consumistica della vita. Nel quadro politico italiano, da destra a sinistra, c’è una preoccupante anarchia dei valori che noi vogliamo colmare. Per questo nasce il nostro partito, laico e autonomo».

Tra i punti qualificanti del partito il no all’aborto, al divorzio, ai matrimoni gay, alla ricerca sulle cellule embrionali, all’eutanasia. Un convinto supporto invece alla famiglia costituita da un uomo e una donna in grado di procreare e al rispetto di regole etiche universali.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Bombay: «L’obiettivo erano gli israeliani». Il ministro dell’interno si dimette

30 novembre 2008

Area di Mumbai interessata dagli attacchi terroristici

Sembra finita dopo tre giorni di tensione la lunga battaglia con i terroristi autodenomitatisi Mujahideen del Deccan nel pieno centro di Mumbai, in India. I dati ufficiali parlano di 174 morti confermati (il bilancio precedente parlava di 195 vittime).

Oggi il ministro dell’interno indiano Shivraj Patil a presentato le sue dimissioni motivandole con una propria «responsabilità morale» dell’accaduta.

L’unico terrorista catturato, Azam Amir Kasab 21 anni di origini pachistane, ha affermato: «La nostra missione specifica era colpire gli israeliani per vendicare le atrocità commesse sui palestinesi» . Per questo motivo il commando ha preso di mira il centro ebraico Chabad Lubavitch presso la Nariman House, uccidendo sei israeliani.

Le forze di sicurezza ebraiche, che si sono viste rispondere negativamente alla loro offerta di collaborazione dalle forze speciali indiane, hanno espresso irritazione verso il governo di Nuova Delhi per l’intervento “rischioso e prematuro”, che avrebbero causato in modo indiretto la morte degli ostaggi.

Articoli correlati

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Mumbai: «L’obiettivo erano gli israeliani». Il ministro dell’interno si dimette

30 novembre 2008

Wikinotizie di oggi
30 novembre
Collabora con noi!
  • Scrivania
  • Portale:Comunità
  • Guida allo stile – come scrivere
  • Guida al contenuto – cosa scrivere

Area di Mumbai interessata dagli attacchi terroristici

Sembra finita dopo tre giorni di tensione la lunga battaglia con i terroristi autodenomitatisi Mujahideen del Deccan nel pieno centro di Mumbai, in India. I dati ufficiali parlano di 174 morti confermati (il bilancio precedente parlava di 195 vittime).

Oggi il ministro dell’interno indiano Shivraj Patil a presentato le sue dimissioni motivandole con una propria «responsabilità morale» dell’accaduta.

L’unico terrorista catturato, Azam Amir Kasab 21 anni di origini pachistane, ha affermato: «La nostra missione specifica era colpire gli israeliani per vendicare le atrocità commesse sui palestinesi» . Per questo motivo il commando ha preso di mira il centro ebraico Chabad Lubavitch presso la Nariman House, uccidendo sei israeliani.

Le forze di sicurezza ebraiche, che si sono viste rispondere negativamente alla loro offerta di collaborazione dalle forze speciali indiane, hanno espresso irritazione verso il governo di Nuova Delhi per l’intervento “rischioso e prematuro”, che avrebbero causato in modo indiretto la morte degli ostaggi.

Articoli correlati

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Bombay: «L’obiettivo erano gli israeliani». Il ministro dell’interno si dimette

30 novembre 2008

Area di Mumbai interessata dagli attacchi terroristici

Sembra finita dopo tre giorni di tensione la lunga battaglia con i terroristi autodenomitatisi Mujahideen del Deccan nel pieno centro di Mumbai, in India. I dati ufficiali parlano di 174 morti confermati (il bilancio precedente parlava di 195 vittime).

Oggi il ministro dell’interno indiano Shivraj Patil a presentato le sue dimissioni motivandole con una propria «responsabilità morale» dell’accaduta.

L’unico terrorista catturato, Azam Amir Kasab 21 anni di origini pachistane, ha affermato: «La nostra missione specifica era colpire gli israeliani per vendicare le atrocità commesse sui palestinesi» . Per questo motivo il commando ha preso di mira il centro ebraico Chabad Lubavitch presso la Nariman House, uccidendo sei israeliani.

Le forze di sicurezza ebraiche, che si sono viste rispondere negativamente alla loro offerta di collaborazione dalle forze speciali indiane, hanno espresso irritazione verso il governo di Nuova Delhi per l’intervento “rischioso e prematuro”, che avrebbero causato in modo indiretto la morte degli ostaggi.

Articoli correlati

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Bombay: «L’obiettivo erano gli israeliani». Il ministro dell’interno si dimette

30 novembre 2008

Area di Mumbai interessata dagli attacchi terroristici

Sembra finita dopo tre giorni di tensione la lunga battaglia con i terroristi autodenomitatisi Mujahideen del Deccan nel pieno centro di Mumbai, in India. I dati ufficiali parlano di 174 morti confermati (il bilancio precedente parlava di 195 vittime).

Oggi il ministro dell’interno indiano Shivraj Patil a presentato le sue dimissioni motivandole con una propria «responsabilità morale» dell’accaduta.

L’unico terrorista catturato, Azam Amir Kasab 21 anni di origini pachistane, ha affermato: «La nostra missione specifica era colpire gli israeliani per vendicare le atrocità commesse sui palestinesi» . Per questo motivo il commando ha preso di mira il centro ebraico Chabad Lubavitch presso la Nariman House, uccidendo sei israeliani.

Le forze di sicurezza ebraiche, che si sono viste rispondere negativamente alla loro offerta di collaborazione dalle forze speciali indiane, hanno espresso irritazione verso il governo di Nuova Delhi per l’intervento “rischioso e prematuro”, che avrebbero causato in modo indiretto la morte degli ostaggi.

Articoli correlati

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »

Powered by WordPress