Wiki Actu it

December 31, 2008

Categoria:31 dicembre 2008

Filed under: Dicembre 2008 — admin @ 5:00 am

Categoria:31 dicembre 2008 – Wikinotizie

Categoria:31 dicembre 2008

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Questa categoria raccoglie tutti gli articoli relativi ad avvenimenti accaduti il 31 dicembre 2008, o scritti in quel giorno.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Val Camonica: recuperato l\’antico vessillo

Val Camonica: recuperato l’antico vessillo

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 31 dicembre 2008

Val Camonica
Val Camonica

Flag of Val Camonica.png

Venerdì 19 dicembre 2008 l’associazione culturale «El Teler» ha regalato alla Comunità Montana l’antico vessillo della Valle Camonica, ricostruito a seguito di un lavoro di ricerca e studio. Eccone la descrizione aradica:

D’azzurro, al cervo d’argento, accasciato sopra un ristretto erboso sovrastato da un’aquila al naturale con le ali spiegate e afferrante con gli artigli il cervo.

Lino Balotti, presidente dell’associazione «El Teler»: «Con i suoi colori e simboli antichi la bandiera valligiana può rappresentare un importante ed elegante segno di distinzione e di arredo urbano e di una tradizione unica. Seguendo questa indicazione, le bandiere locali sono spesso esposte nei più importanti centri turistici, ad esempio delle vallate trentine, dell’Engadina e del Tirolo. Queste ultime, pur avendo diversi emblemi, non possono certo competere con l’antica storia del vessillo camuno».

Secondo gli studi le origini della bandiera risalgono già all’alto Medioevo, sebbene la prima attestazione dello stemma risalga però al 1402, quando venne citata dal cronista milanese Arisio tra l’elenco dei numerosi stemmi del corteo funebre del duca di Milano Giangaleazzo Visconti.


Fonti[]

  • Giuliana Mossoni «Si rivede sventolare l’antico vessillo camuno»Giornale di Brescia, 21 dicembre 2008

Collegamenti esterni[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Economia: l\’annus horribilis di Piazza Affari dimezza la capitalizzazione

Economia: l’annus horribilis di Piazza Affari dimezza la capitalizzazione

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 31 dicembre 2008

L’ultima seduta dell’anno a Piazza Affari, il mercato nazionale italiano, si è chiusa con un buon rialzo dei principali indici: Mibtel +1,33%, S&PMib +1,53% e AllStars +1,59%.

I rialzi di ieri, comunque, non sono certamente serviti ad archiviare quello che, per la borsa di Milano e del mondo in genere, è stato un annus horribilis, paragonabile per dimensioni della crisi economica solamente alla Grande depressione del 1929.

Proprio Piazza Affari ha perso quasi la metà (-49,5%) della capitalizzazione rispetto alla prima seduta dell’anno che va a concludersi: se il 2 gennaio 2008, infatti, l’S&PMib valeva 38.544 punti, ieri ha chiuso a 19.460. E non solo: l’intera “ricchezza” scambiata a Milano è attualmente di 378,8 mld di euro, contro i 731 di fine 2007.

In tutta Europa, sono andati in fumo circa 4.000 miliardi di euro, una somma che fa impallidire, se paragonata all’intero Prodotto interno lordo del Bel Paese, stimato in 1.267 miliardi; l’indice di riferimento Dj Stoxx 600 ha ceduto durante tutto l’anno il 46%. Gli indici Morgan Stanley che rappresentano sia il panorama economico globale sia quello Asia-Pacifico hanno registrato un calo del 43%, mentre lo S&P 500 (borsa di New York City) ha perso il 40%, ben poco comunque rispetto al -86,2% registrato durante la grande crisi, dal 1929 al 1932.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Val Camonica: recuperato l’antico vessillo

mercoledì 31 dicembre 2008

Venerdì 19 dicembre 2008 l’associazione culturale «El Teler» ha regalato alla Comunità Montana l’antico vessillo della Valle Camonica, ricostruito a seguito di un lavoro di ricerca e studio. Eccone la descrizione aradica:

D’azzurro, al cervo d’argento, accasciato sopra un ristretto erboso sovrastato da un’aquila al naturale con le ali spiegate e afferrante con gli artigli il cervo.

Lino Balotti, presidente dell’associazione «El Teler»: «Con i suoi colori e simboli antichi la bandiera valligiana può rappresentare un importante ed elegante segno di distinzione e di arredo urbano e di una tradizione unica. Seguendo questa indicazione, le bandiere locali sono spesso esposte nei più importanti centri turistici, ad esempio delle vallate trentine, dell’Engadina e del Tirolo. Queste ultime, pur avendo diversi emblemi, non possono certo competere con l’antica storia del vessillo camuno».

Secondo gli studi le origini della bandiera risalgono già all’alto Medioevo, sebbene la prima attestazione dello stemma risalga però al 1402, quando venne citata dal cronista milanese Arisio tra l’elenco dei numerosi stemmi del corteo funebre del duca di Milano Giangaleazzo Visconti.

Fonti

  • Giuliana Mossoni «Si rivede sventolare l’antico vessillo camuno»Giornale di Brescia del 21 dicembre 2008, pagina

Collegamenti esterni

  • Associazione El Teler
This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Val Camonica: recuperato l’antico vessillo

mercoledì 31 dicembre 2008

Wikinotizie di oggi
31 dicembre
Collabora con noi!
  • Scrivania
  • Portale:Comunità
  • Guida allo stile – come scrivere
  • Guida al contenuto – cosa scrivere

Venerdì 19 dicembre 2008 l’associazione culturale «El Teler» ha regalao alla Comunità Montana l’antico vessillo della Valle Camonica, ricostruito a seguito di un lavoro di ricerca e studio. Eccone la descrizione aradica:

D’azzurro, al cervo d’argento, accasciato sopra un ristretto erboso sovrastato da un’aquila al naturale con le ali spiegate e afferrante con gli artigli il cervo.

Lino Balotti, presidente dell’associazione «El Teler»: «Con i suoi colori e simboli antichi la bandiera valligiana può rappresentare un importante ed elegante segno di distinzione e di arredo urbano e di una tradizione unica. Seguendo questa indicazione, le bandiere locali sono spesso esposte nei più importanti centri turistici, ad esempio delle vallate trentine, dell’Engadina e del Tirolo. Queste ultime, pur avendo diversi emblemi, non possono certo competere con l’antica storia del vessillo camuno».

Secondo gli studi le origini della bandiera risalgono già all’alto Medioevo, sebbene la prima attestazione dello stemma risalga però al 1402, quando venne citata dal cronista milanese Arisio tra l’elenco dei numerosi stemmi del corteo funebre del duca di Milano Giangaleazzo Visconti.

Fonti

  • Giuliana Mossoni «Si rivede sventolare l’antico vessillo camuno»Giornale di Brescia del 21 dicembre 2008, pagina
This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Malegno: stele degli antichi Camuni in una discarica di materiali edili

Malegno: stele degli antichi Camuni in una discarica di materiali edili

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 31 dicembre 2008

Uno dei Massi di Cemmo

Val Camonica
Val Camonica

È stato veramente un colpo di fortuna quello che ha fatto notare ad Andrea Furloni, proprietario di una ditta edile che stava effettuando degli sbancamenti di terreno, quegli «strani graffi sulla roccia».

Fermato per tempo l’escavatore l’uomo ha avvertito il Dipartimento Valcamonica e Lombardia del Centro Camuno di Studi Preistorici che ha confermato che quegli “strani segni” non erano altro che incisioni rupestri, databili probabilmente al terzo millennio a.C.: l’età del rame.

Il professor Umberto Sansoni, direttore del dipartimento: «Una scoperta eccezionale. Eccezionale per il luogo in cui è stata ritrovata la stele e per alcuni segni che la renderebbero unica. Il masso, scoperto prima di Natale, adesso si trova a Naquane per essere studiato. A febbraio pubblicheremo i risultati e li compareremo con quelli delle altre rocce rinvenute nella zona compresa tra Borno, Ossimo e Malegno».

Sulla pietra sono presenti un simbolo solare, un arco di volta e numerose linee parallele. «Si tratta di un quadro iconografico anomalo. Per questa ragione il valore della scoperta è notevole. Finiti gli studi potremmo aggiungere nuove informazioni a quello che è definito il «rinascimento» dell’arte rupestre».

Ancora incerto il luogo di ritrovamento della stele, anche se si ritiene circoscritto all’area di Borno Ossimo e Malegno, già luoghi di ritrovamenti di steli. Il Centro Camuno: «Sicuramente la stele è riemersa durante qualche scavo edile ed è finita in discarica insieme alla terra e alle pietre di scarto. Solo il caso e l’attenzione dell’impresario della discarica hanno impedito che la “pietra degli dei” andasse perduta per sempre».


Fonti[]

  • Giuseppe Spatola «Stele camuna nella discarica»Corriere della Lombardia, 27 dicembre 2008

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Val Camonica: recuperato l’antico vessillo

mercoledì 31 dicembre 2008

Wikinotizie di oggi
31 dicembre
Collabora con noi!
  • Scrivania
  • Portale:Comunità
  • Guida allo stile – come scrivere
  • Guida al contenuto – cosa scrivere

Venerdì 19 dicembre 2008 l’associazione culturale «El Teler» ha regalao alla Comunità Montana l’antico vessillo della Valle Camonica, ricostruito a seguito di un lavoro di ricerca e studio. Eccone la descrizione aradica:

D’azzurro, al cervo d’argento, accasciato sopra un ristretto erboso sovrastato da un’aquila al naturale con le ali spiegate e afferrante con gli artigli il cervo.

Lino Balotti, presidente dell’associazione «El Teler»: «Con i suoi colori e simboli antichi la bandiera valligiana può rappresentare un importante ed elegante segno di distinzione e di arredo urbano e di una tradizione unica. Seguendo questa indicazione, le bandiere locali sono spesso esposte nei più importanti centri turistici, ad esempio delle vallate trentine, dell’Engadina e del Tirolo. Queste ultime, pur avendo diversi emblemi, non possono certo competere con l’antica storia del vessillo camuno».

Secondo gli studi le origini della bandiera risalgono già all’alto Medioevo, sebbene la prima attestazione dello stemma risalga però al 1402, quando venne citata dal cronista milanese Arisio tra l’elenco dei numerosi stemmi del corteo funebre del duca di Milano Giangaleazzo Visconti.

Fonti

  • Giuliana Mossoni «Si rivede sventolare l’antico vessillo camuno»Giornale di Brescia del 21 dicembre 2008, pagina
This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Scade il copyright su Braccio di Ferro

Filed under: Cultura e società,Europa,Fumetti,Pubblicati — admin @ 5:00 am

Scade il copyright su Braccio di Ferro – Wikinotizie

Scade il copyright su Braccio di Ferro

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 31 dicembre 2008

È il 17 gennaio 1929 quando Braccio di Ferro, il marinaio guercio nerboruto e divoratore di spinaci creato da Elzie Crisler Segar, fa il suo esordio sulla striscia Thimble Theatre; quattro anni più tardi, nel 1933, diventerà anche cartone animato.

Con l’avvento dell’anno nuovo scadrà il copyright sui disegni di Segar, morto ormai da 70 anni, che entreranno a far parte del pubblico dominio come vuole la legge europea.

Tale legge non è valida per gli Stati Uniti, dove il copyright scade dopo 95 anni dalla data di pubblicazione, salvaguardando così Braccio di Ferro fino al 2024.

Ciononostante i diritti sul nome “Popeye” rimarranno di proprietà dell’azienda King Features Syndicate: quindi se utilizzare l’immagine sarà legale, usare il nome del marinaio per promuovere altri prodotti costituirà una violazione del diritto d’autore.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Economia: l’annus horribilis di Piazza Affari dimezza la capitalizzazione

mercoledì 31 dicembre 2008

Wikinotizie di oggi
31 dicembre
Collabora con noi!
  • Scrivania
  • Portale:Comunità
  • Guida allo stile – come scrivere
  • Guida al contenuto – cosa scrivere

L’ultima seduta dell’anno a Piazza Affari, il mercato nazionale italiano, si è chiusa con un buon rialzo dei principali indici: Mibtel +1,33%, S&PMib +1,53% e AllStars +1,59%.

I rialzi di ieri, comunque, non sono certamente serviti ad archiviare quello che, per la borsa di Milano e del mondo in genere, è stato un annus horribilis, paragonabile per dimensioni della crisi economica solamente alla crisi del 1929.

Proprio Piazza Affari ha perso quasi la metà (-49,5%) della capitalizzazione rispetto alla prima seduta dell’anno che va a concludersi: se il 2 gennaio 2008, infatti, l’S&PMib valeva 38.544 punti, ieri ha chiuso a 19.460. E non solo: l’intera “ricchezza” scambiata a Milano è attualmente di 378,8 mld di euro, contro i 731 di fine 2007.

In tutta Europa, sono andati in fumo circa 4.000 miliardi di euro, una somma che fa impallidire, se paragonata all’intero Prodotto interno lordo del Bel Paese, stimato in 1.267 miliardi; l’indice di riferimento Dj Stoxx 600 ha ceduto durante tutto l’anno il 46%. Gli indici Morgan Stanley che rappresentano sia il panorama economico globale sia quello Asia-Pacifico hanno registrato un calo del 43%, mentre lo S&P 500 (borsa di New York City) ha perso il 40%, ben poco comunque rispetto al -86,2% registrato durante la grande crisi, dal 1929 al 1932.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Il 2008 che se ne va: dodici mesi di eventi

Il 2008 che se ne va: dodici mesi di eventi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 31 dicembre 2008

Il 2008 è giunto al termine.

L’anno che se ne va è stato sicuramente molto intenso dal punto di vista degli eventi mondiali: dall’economia, con la crisi economica; alla politica, con l’elezione di Barack Obama a nuovo presidente degli Stati Uniti d’America; alle fastose Olimpiadi di Pechino, durante le quali si consumava però una guerra lampo tra Russia e Georgia.

Si ripercorre, con gli articoli pubblicati in questi dodici mesi, gli eventi più rilevanti.

Gennaio[]

  • 16 gennaio: Clemente Mastella si dimette da Ministro della Giustizia e ritira la fiducia al Governo Prodi II. Il premier si rivolge al Parlamento chiedendo il voto di fiducia: alla Camera dei Deputati, grazie all’ampio margine di maggioranza, la ottiene agevolmente; ma viene sfiduciato dal Senato della Repubblica con 161 voti contro 156. Il mandato esplorativo che il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano affida a Franco Marini si conclude in un nulla di fatto, e così Napolitano scioglie le Camere, dopo poco più di 2 anni, e indice elezioni anticipate.
  • Speciale Crisi Governo Prodi II 2008

Febbraio[]

Marzo[]

  • 2 marzo:
    • Prosegue senza soste la campagna elettorale: consumate le scissioni tra il neonato PdL e l’UDC, nonché quella tra il PD di Walter Veltroni e la sinistra che fa capo a Rifondazione Comunista dell’ex presidente della Camera dei Deputati Fausto Bertinotti, si prosegue con i comizi e le arringhe per indurre gli elettori a votare per l’uno o l’altro schieramento.
    • Lola Ponce e Giò di Tonno vincono il 58° festival di Sanremo con la canzone Colpo di Fulmine.
  • 5 marzo: Muoiono 5 operai a Molfetta, in Puglia, a causa delle esalazioni tossiche emanate da un’autocisterna che gli operai dovevano pulire. Il presidente dimissionario Romano Prodi si reca in Puglia per portare solidarietà alle famiglie colpite.

Aprile[]

  • 14 aprile: Silvio Berlusconi diviene per la quarta volta presidente del Consiglio dei Ministri. La schiacciante vittoria del già tre volte premier è favorita da un ottimo risultato della Lega Nord. Per la prima volta, scompare dall’arco parlamentare la sinistra “estrema” di RC e PDCI nonché il PSI, ma a non trovare rappresentanza è anche La Destra che aveva indicato come candidato premier Daniela Santanchè.

Maggio[]

Giugno[]

  • 1° giugno: Alberto Contador vince il 91° Giro d’Italia. Ultimo corridore d’oltralpe ad aggiudicarsi la corsa rosa fu Pavel Tonkov nel 1996.
  • 29 giugno: La nazionale spagnola di calcio vince gli Europei organizzati in Svizzera e Austria. Era da 44 anni (1964) che la nazionale giallo-rossa non portava a casa il trionfo nella competizione continentale.

Luglio[]

  • 2 luglio: Ingrid Betancourt è stata liberata: dopo quasi sette anni di prigionia, l’ex candidata alla presidenza della Colombia viene liberata, con un blitz delle forze armate, dalla prigionia in mano ai guerriglieri delle FARC. Grande gioia nella famiglia e viva soddisfazione espressa da tutti i capi di stato.

Agosto[]

  • 8 agosto:
    • Il sacro fuoco di Olimpia arde nel cielo di Pechino: sono iniziate le Olimpiadi 2008: una Pechino inchinatasi al lustro dei Giochi Olimpici apre le porte al mondo e inaugura i XXIX giochi estivi dell’era moderna in uno Stadio Nazionale meraviglioso, cornice per ore di uno spettacolo che vede la glorificazione della storia cinese e le sfilate delle quasi duecento nazioni che partecipano ai giochi.
    • Guerra tra Russia e Georgia: la Georgia e la Russia iniziano un conflitto armato che durerà decine di giorni per risolvere, non certo pacificamente, la questione dell’Ossezia del Sud, il territorio autoproclamatosi indipendente dallo stato georgiano, e appoggiato nell’indipendenza dalla Russia. Nella guerra, perderanno la vita duemila persone, in gran parte civili.

Settembre[]

  • 8 settembre: Roger Federer vince gli US Open 2008: sul campo di Flushing Meadows, il tennista svizzero riscatta parzialmente una stagione non proprio ai suoi livelli (persa la finale di Wimbledon contro Rafael Nadal, perso il primo posto nel ranking ATP – conquistato proprio da Nadal – e persa l’occasione di vincere l’oro nel singolo alle Olimpiadi di Pechino – vincendo però l’oro nel doppio con Stanislaw Wawrinka), battendo nettamente lo scozzese Andy Murray 6-2 7-5 6-2. Si tratta del quarto successo di fila per il Mozart della racchetta.
  • 12 settembre: Papa Benedetto XVI parte per la Francia: il pontefice si reca per due giorni in viaggio apostolico in Francia; prima a Parigi, dove riceverà una calorosa – quanto inaspettata – accoglienza da parte dei fedeli d’oltralpe, e poi a Lourdes, per fare visita al santuario della Vergine Maria.
  • 23 settembre: Finlandia: studente spara e uccide dieci persone, poi si suicida: la Finlandia ripiomba nel terrore, a meno di un anno dalla strage di Tuusula. Uno studente fa irruzione armato in una scuola a Kauhajoki e uccide dieci persone, per poi suicidarsi.

Ottobre[]

Novembre[]

  • 5 novembre: USA: Barack Obama è il nuovo presidente degli Stati Uniti d’America: Barack Obama è il primo afro-americano della storia a divenire presidente degli Stati Uniti d’America, battendo nettamente (sia in termini di voto popolare che di grandi elettori) il 72enne repubblicano, veterano della Guerra del Vietnam, John McCain. Tutto il mondo festeggia l’elezione del 47enne senatore dell’Illinois, uno dei più giovani presidenti della storia a stelle e strisce.
  • 26 novembre: Attentati terroristici a Mumbai: la città indiana di Mumbai (Bombay) è sconvolta da una serie di attentati nei principali hotel turistici della città, che per quaranta ore tengono il mondo col fiato sospeso. Quasi 200 i morti, tra i quali moltissimi occidentali e un italiano.

Dicembre[]

  • 27 dicembre: Israele bombarda Gaza: sono centinaia le vittime dei bombardamenti a tappeto che Israele attua sulla Striscia di Gaza, con l’obiettivo di distruggere le infrastrutture di Hamas e uccidere quanti più esponenti possibile dell’organizzazione islamica.
  • 31 dicembre: Economia: l’annus horribilis di Piazza Affari dimezza la capitalizzazione: Piazza Affari chiude il 2008 con un calo di quasi il 50%, in linea con i crolli registrati durante tutto il 2008 – a causa della crisi economica – dalle principali piazze azionarie mondiali.


Ricerca originale
Questo articolo (o parte di esso) si basa su informazioni frutto di ricerche o indagini condotte da parte di uno o più contributori della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »

Powered by WordPress