Wiki Actu it

July 5, 2009

Tour de France 2009: seconda tappa

Tour de France 2009: seconda tappa – Wikinotizie

Tour de France 2009: seconda tappa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 5 luglio 2009

Mark Cavendish (a destra con la divisa della Columbia) si è aggiudicato la seconda tappa del Tour 2009.

Il britannico Mark Cavendish si è aggiudicato oggi la prima tappa in linea del Tour de France 2009. La frazione, con partenza dal Principato di Monaco e traguardo a Brignoles, nel dipartimento del Var, e lunga 182 chilometri, si è risolta con un arrivo in volata. Fabian Cancellara ha mantenuto la maglia gialla di leader della generale.

La tappa è stata caratterizzata dalla fuga di quattro corridori, i francesi Cyril Dessel (della Ag2r-La Mondiale) e Stéphane Augé (Cofidis), il finlandese Jussi Veikkanen (Française des Jeux) e l’olandese Stef Clement (Rabobank). I quattro, staccatisi poco dopo la partenza, sono giunti ad avere 4 minuti e 15 secondi di vantaggio sul gruppo, prima che il gap cominciasse a ridursi grazie al lavoro degli uomini Saxo Bank, la squadra della maglia gialla Cancellara.

A 10,5 km dalla linea d’arrivo, dal gruppo è scattato il russo Mikhail Ignatiev (Team Katusha), che, raggiunti i fuggitivi, ha cercato di andarsene da solo. I quattro usciti allo scoperto a inizio tappa vengono ripresi a 9,8 chilometri dal traguardo, mentre Ignatiev, che aveva guadagnato solo una decina di secondi, subisce la stessa sorte poco dopo, a cinque dalla fine. Comincia il lavoro delle squadre dei velocisti, fra cui la Columbia, con quattro uomini per il treno del grande favorito Cavendish, e la Milram, per Ciolek.

Poco dopo l’arco dell’ultimo chilometro una caduta all’ultima curva scompone un po’ i piani delle squadre, spaccando in due il peloton e lasciando davanti solo i velocisti. Cavendish, lasciato al vento da Mark Renshaw a 300 metri dall’arrivo, riesce a vincere quasi indisturbato la volata; dietro di lui si piazzano lo statunitense Tyler Farrar (Garmin-Slipstream), incapace di superarlo pur avendogli preso la ruota, e il francese Romain Feillu (Agritubel). A seguire Hushovd, il giapponese Yukiya Arashiro e gli altri velocisti.

Classifica generale, giovani e a squadre invariate; la maglia a pois di miglior scalatore passa invece sulle spalle del fuggitivo di giornata Jussi Veikkanen, primo a passare sotto i traguardo volanti della Côte de Roquefort-les-Pins (218 m), della Côte de Tournon (270 m) e del Col de l’Ange (260 m), tutti e tre gran premi della montagna di quarta categoria. La vittoria di tappa consente inoltre a Cavendish di indossare la maglia verde di leader della classifica a punti.

Risultati odierni[]

Profilo altimetrico della seconda tappa.

Classifica di tappa[]

# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of the United Kingdom.svg Mark Cavendish Flag of the United States.svg Team Columbia 4.30’02”
2 Flag of the United States.svg Tyler Farrar Flag of the United States.svg Garmin s.t.
3 Flag of France.svg Romain Feillu Flag of France.svg Agritubel s.t.
4 Flag of Norway.svg Thor Hushovd Flag of Switzerland.svg Cervélo s.t.
5 Flag of Japan.svg Yukiya Arashiro Flag of France.svg Bbox Bouygues s.t.
6 Flag of Germany.svg Gerald Ciolek Flag of Germany.svg Milram s.t.
7 Flag of France.svg William Bonnet Flag of France.svg Bbox Bouygues s.t.
8 Flag of Ireland.svg Nicolas Roche Flag of France.svg Ag2r s.t.
9 Flag of the Netherlands.svg Koen de Kort Flag of the Netherlands.svg Skil-Shimano s.t.
10 Flag of France.svg Lloyd Mondory Flag of France.svg Ag2r s.t.

Classifica generale – Maglia gialla[]

# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of Switzerland.svg Fabian Cancellara Flag of Denmark.svg Saxo Bank 4.49’34”
2 Flag of Spain.svg Alberto Contador Flag of Kazakhstan.svg Astana a 18″
3 Flag of the United Kingdom.svg Bradley Wiggins Flag of the United States.svg Garmin a 19″
4 Flag of Australia.svg Cadel Evans Flag of Belgium.svg Silence a 22″
5 Flag of Germany.svg Andreas Klöden Flag of Kazakhstan.svg Astana a 23″
6 Flag of the United States.svg Levi Leipheimer Flag of Kazakhstan.svg Astana a 30″
7 Flag of the Czech Republic.svg Roman Kreuziger Flag of Italy.svg Liquigas a 32″
8 Flag of Germany.svg Tony Martin Flag of the United States.svg Team Columbia a 33″
9 Flag of Italy.svg Vincenzo Nibali Flag of Italy.svg Liquigas a 37″
10 Flag of the United States.svg Lance Armstrong Flag of Kazakhstan.svg Astana a 40″

Classifica a punti – Maglia verde[]

# Corridore Squadra Punti
1 Flag of the United Kingdom.svg Mark Cavendish Flag of the United States.svg Team Columbia 35
2 Flag of the United States.svg Tyler Farrar Flag of the United States.svg Garmin 30
3 Flag of France.svg Romain Feillu Flag of France.svg Agritubel 26
4 Flag of Norway.svg Thor Hushovd Flag of Switzerland.svg Cervélo 24
5 Flag of Japan.svg Yukiya Arashiro Flag of France.svg Bbox Bouygues 22

Classifica squadre – Numero giallo[]

# Squadra Tempo
1 Flag of Kazakhstan.svg Astana Team 14.29’52”
2 Flag of Denmark.svg Team Saxo Bank a 31″
3 Flag of the United States.svg Team Garmin-Slipstream a 44″
4 Flag of Italy.svg Liquigas a 1’25”
5 Flag of the United States.svg Team Columbia-HTC a 1’46”

Classifica scalatori – Maglia a pois[]

# Corridore Squadra Punti
1 Flag of Finland.svg Jussi Veikkanen Flag of France.svg Franç. des Jeux 9
2 Flag of Germany.svg Tony Martin Flag of the United States.svg Team Columbia 6
3 Flag of France.svg Cyril Dessel Flag of France.svg Ag2r 5
4 Flag of Spain.svg Alberto Contador Flag of Kazakhstan.svg Astana 3
5 Flag of Germany.svg Markus Fothen Flag of Germany.svg Milram 3

Classifica giovani – Maglia bianca[]

# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of the Czech Republic.svg Roman Kreuziger Flag of Italy.svg Liquigas 4.50’06”
2 Flag of Germany.svg Tony Martin Flag of the United States.svg Team Columbia a 1″
3 Flag of Italy.svg Vincenzo Nibali Flag of Italy.svg Liquigas a 5″
4 Flag of France.svg Jérôme Coppel Flag of France.svg Franç. des Jeux a 19″
5 Flag of Luxembourg.svg Andy Schleck Flag of Denmark.svg Saxo Bank a 28″

Premio combattività di tappa – Numero rosso[]

Corridore Squadra
Flag of the Netherlands.svg Stef Clement Flag of the Netherlands.svg Rabobank


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

L\’Affresco animato del Castello di Susa

Filed under: Arte,Cultura e società,Europa,Italia,Piemonte,Pubblicati — admin @ 5:00 am

L’Affresco animato del Castello di Susa – Wikinotizie

L’Affresco animato del Castello di Susa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 5 luglio 2009
Anche la Marchesa Adelaide si sarebbe sentita osservata nel w.c.

I secoli, l’ignoranza e l’incuria umana lo avevano relegato sull’umido soffitto di una toilette. Stiamo parlando di un capolavoro d’arte antica, tale affresco animato a distorsione centrale, risalente al 1800, posto in una camera di servizio raramente frequentata del Castello della Marchesa Adelaide di Susa a Susa, in provincia di Torino.

Il soffitto reca un groviglio d’oggetti simbolici, incorniciato da rami di quercia e d’ulivo, che pare osservare dall’alto il visitatore. Chi guarda, col naso all’insù, potrà riconoscere nella composizione gli strumenti delle arti e dei mestieri: una tavolozza da pittore, una squadra, una riga, un compasso, un’asta con tampone, chiodi e martello, un rotolo, uno spartito musicale, una penna con il calamaio, un mappamondo, lampade a gas ed altro ancora.

Muovendo qualche passo nella stanza l’impressione che l’affresco sia animato è evidente: basta, infatti, spostarsi e cambiare il proprio punto d’osservazione per vedere l’immagine ruotare insieme all’angolo visuale, come se dal centro del dipinto un personaggio invisibile allungasse il collo verso il visitatore seguendolo, e spiandone i movimenti.

L’affresco segusino, fu scoperto nel 1994 dai soci del C.A.U.S. Centro Arti Umoristiche e Satiriche guidato dal professor Raffaele Palma, in occasione di una mostra fotografica allestita proprio nel castello di Susa. Qualcosa si è mosso, seppur lentamente, solo dopo la segnalazione a molti giornali locali e nazionali. L’attenzione della Soprintendenza ai Beni Artistici è stata anche sollecitata da un pubblico concorso organizzato da Raffaele Palma, rivolto a progettisti esperti in disegno prospettico e in tecniche di anamorfosi per riformulare con calcoli progettuali moderni l’affresco del castello di Susa.

Oggi, nel restaurato maniero della Marchesa Adelaide, si può finalmente ammirare, con rinnovato fascino, l’affresco ottocentesco realizzato con la tecnica della distorsione asimmetrica. La toilette, per fortuna, è sparita e l’opera fa bella mostra di sé al piano terra, sul soffitto dell’ingresso, adiacente lo spazio destinato a mostre e dibattiti.

Si tratta di un lavoro prezioso, per i complessi calcoli prospettici impiegati per realizzarlo e rappresenta una rarità, nel panorama artistico italiano e del Piemonte. Analogo esempio si può osservare nella Palazzina di Caccia di Stupinigi di Torino, dove un putto dipinto da Charles.André Van Lob, nel 1735, prende di mira con arco e freccia il visitatore, seguendolo con acrimonia. Un altro dipinto con le stesse caratteristiche si trova nella Villa Farnese di Roma.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

L’Affresco animato del Castello di Susa

Filed under: Arte,Cultura e società,Pubblicati — admin @ 5:00 am

domenica 5 luglio 2009
Anche la Marchesa Adelaide si sarebbe sentita osservata nel w.c.

I secoli, l’ignoranza e l’incuria umana lo avevano relegato sull’umido soffitto di una toilette. Stiamo parlando di un capolavoro d’arte antica, tale affresco animato a distorsione centrale, risalente al 1800, posto in una camera di servizio raramente frequentata del Castello della Marchesa Adelaide di Susa a Susa, in provincia di Torino.

Il soffitto reca un groviglio d’oggetti simbolici, incorniciato da rami di quercia e d’ulivo, che pare osservare dall’alto il visitatore. Chi guarda, col naso all’insù, potrà riconoscere nella composizione gli strumenti delle arti e dei mestieri: una tavolozza da pittore, una squadra, una riga, un compasso, un’asta con tampone, chiodi e martello, un rotolo, uno spartito musicale, una penna con il calamaio, un mappamondo, lampade a gas ed altro ancora.

Muovendo qualche passo nella stanza l’impressione che l’affresco sia animato è evidente: basta, infatti, spostarsi e cambiare il proprio punto d’osservazione per vedere l’immagine ruotare insieme all’angolo visuale, come se dal centro del dipinto un personaggio invisibile allungasse il collo verso il visitatore seguendolo, e spiandone i movimenti.

L’affresco segusino, fu scoperto nel 1994 dai soci del C.A.U.S. Centro Arti Umoristiche e Satiriche guidato dal professor Raffaele Palma, in occasione di una mostra fotografica allestita proprio nel castello di Susa. Qualcosa si è mosso, seppur lentamente, solo dopo la segnalazione a molti giornali locali e nazionali. L’attenzione della Soprintendenza ai Beni Artistici è stata anche sollecitata da un pubblico concorso organizzato da Raffaele Palma, rivolto a progettisti esperti in disegno prospettico e in tecniche di anamorfosi per riformulare con calcoli progettuali moderni l’affresco del castello di Susa.

Oggi, nel restaurato maniero della Marchesa Adelaide, si può finalmente ammirare, con rinnovato fascino, l’affresco ottocentesco realizzato con la tecnica della distorsione asimmetrica. La toilette, per fortuna, è sparita e l’opera fa bella mostra di sé al piano terra, sul soffitto dell’ingresso, adiacente lo spazio destinato a mostre e dibattiti.

Si tratta di un lavoro prezioso, per i complessi calcoli prospettici impiegati per realizzarlo e rappresenta una rarità, nel panorama artistico italiano e del Piemonte. Analogo esempio si può osservare nella Palazzina di Caccia di Stupinigi di Torino, dove un putto dipinto da Charles.André Van Lob, nel 1735, prende di mira con arco e freccia il visitatore, seguendolo con acrimonia. Un altro dipinto con le stesse caratteristiche si trova nella Villa Farnese di Roma.

Fonti

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Tennis, Roger Federer vince il suo sesto Wimbledon e batte il record di Slam di Pete Sampras

Filed under: Europa,Gran Bretagna,Pubblicati,Roger Federer,Sport,Tennis — admin @ 5:00 am

domenica 5 luglio 2009

Wikinotizie di oggi
Collabora con noi!

L’esacampione di Wimbledon, Roger Federer, con la vittoria odierna raggiunge il record di 15 vittorie negli Slam (superando Pete Sampras a quota 14), si avvicina ai 7 Championships vinti proprio da Sampras e da lunedì 6 luglio torna al primo posto nel Ranking ATP

La 123esima edizione del Torneo di Wimbledon si è conclusa con la vittoria del già pentacampione Roger Federer. Lo svizzero ha battuto in finale lo statunitense Andy Roddick, dopo 4 ore e 14 minuti, con il punteggio di 5-7 7-6(6) 7-6(5) 3-6 16-14. Per Federer è la sesta vittoria nell’erba inglese che porta a 15 il numero di Slam totali vinti. Con la vittoria odierna a Wimbledon, Federer supera il record di Slam di Pete Sampras, che aveva eguagliato con la storica vittoria al Roland Garros nello scorso giugno contro Robin Söderling, giustiziere del quattro volte campione Rafael Nadal agli ottavi di finale.

Il primo set della gara è stato sostanzialmente equilibrato, fino al 5-5 servizio Roddick, durante il quale Federer ha avuto diverse palle break. Lo statunitense è riuscito a tenere il servizio e a strapparlo all’avversario nel game successivo: 7-5 il primo set a favore di Roddick.

Il secondo set è stata la fotocopia del primo: pochi scambi, giocatori molto solidi al servizio. Questa volta, tuttavia, Federer ha tenuto il servizio per tentare il tutto per tutto al tie-break. Roddick scappa subito e ottiene 4 set point sul 6-2, ma li spreca tutti e 4, e alla fine cede il set per 8 punti a 6.

Anche il terzo set non ha visto l’ombra di break, e si è ovviamente concluso al tie-break. Qui Federer ha giocato bene i punti importanti e si è aggiudicato il terzo set per 7 punti a 5.

Nel quarto set si è rivisto Roddick, che riesce a strappare il servizio nei primi giochi e in seguito a tenere agevolmente la battuta e protraendo il match al quinto set: 6-3 il punteggio del quarto set a favore dello statunitense.

Il quinto set è stata una vera e propria bagarre che ha visto il servizio dominare. Si è andati avanti fino a al 15-14 per Federer, con Roddick al servizio. Qui, Federer riesce a concretizzare il primo match point della gara, grazie a un diritto fuori misura di Roddick.

Federer, grazie a tre tornei vinti consecutivamente (Madrid, Roland Garros e Wimbledon), tornerà domani 6 luglio 2009 in vetta alla classifica ATP, dopo 46 settimane di dominio Nadal.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Tennis, Roger Federer vince il suo sesto Wimbledon e batte il record di Slam di Pete Sampras

Filed under: Europa,Gran Bretagna,Pubblicati,Roger Federer,Sport,Tennis — admin @ 5:00 am

domenica 5 luglio 2009

Wikinotizie di oggi
Collabora con noi!

La 123esima edizione del Torneo di Wimbledon si è conclusa con la vittoria del già pentacampione Roger Federer. Lo svizzero ha battuto in finale lo statunitense Andy Roddick, dopo 4 ore e 14 minuti, con il punteggio di 5-7 7-6(6) 7-6(5) 3-6 16-14. Per Federer è la sesta vittoria nell’erba inglese che porta a 15 il numero di Slam totali vinti. Con la vittoria odierna a Wimbledon, Federer supera il record di Slam di Pete Sampras, che aveva eguagliato con la storica vittoria al Roland Garros nello scorso giugno contro Robin Söderling, giustiziere del quattro volte campione Rafael Nadal agli ottavi di finale.

Il primo set della gara è stato sostanzialmente equilibrato, fino al 5-5 servizio Roddick, durante il quale Federer ha avuto diverse palle break. Lo statunitense è riuscito a tenere il servizio e a strapparlo all’avversario nel game successivo: 7-5 il primo set a favore di Roddick.

Il secondo set è stata la fotocopia del primo: pochi scambi, giocatori molto solidi al servizio. Questa volta, tuttavia, Federer ha tenuto il servizio per tentare il tutto per tutto al tie-break. Roddick scappa subito e ottiene 4 set point sul 6-2, ma li spreca tutti e 4, e alla fine cede il set per 8 punti a 6.

Anche il terzo set non ha visto l’ombra di break, e si è ovviamente concluso al tie-break. Qui Federer ha giocato bene i punti importanti e si è aggiudicato il terzo set per 7 punti a 5.

Nel quarto set si è rivisto Roddick, che riesce a strappare il servizio nei primi giochi e in seguito a tenere agevolmente la battuta e protraendo il match al quinto set: 6-3 il punteggio del quarto set a favore dello statunitense.

Il quinto set è stata una vera e propria bagarre che ha visto il servizio dominare. Si è andati avanti fino a al 15-14 per Federer, con Roddick al servizio. Qui, Federer riesce a concretizzare il primo match point della gara, grazie a un diritto fuori misura di Roddick.

Federer, grazie a tre tornei vinti consecutivamente (Madrid, Roland Garros e Wimbledon), tornerà domani 6 luglio 2009 in vetta alla classifica ATP, dopo 46 settimane di dominio Nadal.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Tennis, Roger Federer vince il suo sesto Wimbledon e batte il record di Slam di Pete Sampras

Tennis, Roger Federer vince il suo sesto Wimbledon e batte il record di Slam di Pete Sampras

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 5 luglio 2009

L’esacampione di Wimbledon, Roger Federer, con la vittoria odierna raggiunge il record di 15 vittorie negli Slam (superando Pete Sampras a quota 14), si avvicina ai 7 Championships vinti proprio da Sampras e da lunedì 6 luglio torna al primo posto nel Ranking ATP.

La 123ª edizione del Torneo di Wimbledon si è conclusa con la vittoria del già pentacampione Roger Federer. Lo svizzero ha battuto in finale lo statunitense Andy Roddick, dopo 4 ore e 14 minuti, con il punteggio di 5-7 7-6(6) 7-6(5) 3-6 16-14.

Per Federer è la sesta vittoria nell’erba inglese che porta a 15 il numero di Slam totali vinti. Con la vittoria odierna a Wimbledon, Federer supera il record di Slam di Pete Sampras, già eguagliato con la storica vittoria al Roland Garros nello scorso giugno contro Robin Söderling, giustiziere del quattro volte campione Rafael Nadal agli ottavi di finale.

Il primo set della gara è stato sostanzialmente equilibrato, fino al 5-5 servizio Roddick, durante il quale Federer ha avuto diverse palle break. Lo statunitense è riuscito a tenere il servizio e a strapparlo all’avversario nel game successivo: 7-5 il primo set a favore di Roddick. Il secondo set è stata la fotocopia del primo: pochi scambi, giocatori molto solidi al servizio. Questa volta, tuttavia, Federer ha tenuto il servizio per tentare il tutto per tutto al tie-break. Roddick scappa subito e ottiene 4 set point sul 6-2, ma li spreca tutti e 4, e alla fine cede il set per 8 punti a 6. Anche il terzo set non ha visto l’ombra di break, e si è ovviamente concluso al tie-break. Qui Federer ha giocato bene i punti importanti e si è aggiudicato il terzo set per 7 punti a 5.

Nel quarto set si è rivisto Roddick, che riesce a strappare il servizio nei primi giochi e in seguito a tenere agevolmente la battuta e protraendo il match al quinto set: 6-3 il punteggio del quarto set a favore dello statunitense. Il quinto set è stata una vera e propria bagarre che ha visto il servizio dominare. Si è andati avanti fino a al 15-14 per Federer, con Roddick al servizio. Qui, Federer riesce a concretizzare il primo match point della gara, grazie a un diritto fuori misura di Roddick.

Federer, grazie a tre tornei vinti consecutivamente (Madrid, Roland Garros e Wimbledon), tornerà domani 6 luglio 2009 in vetta alla classifica ATP, dopo 46 settimane di dominio Nadal.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Tennis, Wimbledon 2009: Federer torna vincitore

Filed under: Europa,Gran Bretagna,Pubblicati,Roger Federer,Sport,Tennis — admin @ 5:00 am

domenica 5 luglio 2009

Wikinotizie di oggi
Collabora con noi!

La 123esima edizione del Torneo di Wimbledon si è conclusa con la vittoria del già pentacampione Roger Federer. Lo svizzero ha battuto in finale lo statunitense Andy Roddick, dopo 4 ore e 14 minuti, con il punteggio di 5-7 7-6(6) 7-6(5) 3-6 16-14. Per Federer è la sesta vittoria nell’erba inglese che porta a 15 il numero di Slam totali vinti. Con la vittoria odierna a Wimbledon, Federer supera il record di Slam di Pete Sampras, che aveva eguagliato con la storica vittoria al Roland Garros nello scorso giugno contro Robin Söderling, giustiziere del quattro volte campione Rafael Nadal agli ottavi di finale.

Il primo set della gara è stato sostanzialmente equilibrato, fino al 5-5 servizio Roddick, durante il quale Federer ha avuto diverse palle break. Lo statunitense è riuscito a tenere il servizio e a strapparlo all’avversario nel game successivo: 7-5 il primo set a favore di Roddick.

Il secondo set è stata la fotocopia del primo: pochi scambi, giocatori molto solidi al servizio. Questa volta, tuttavia, Federer ha tenuto il servizio per tentare il tutto per tutto al tie-break. Roddick scappa subito e ottiene 4 set point sul 6-2, ma li spreca tutti e 4, e alla fine cede il set per 8 punti a 6.

Anche il terzo set non ha visto l’ombra di break, e si è ovviamente concluso al tie-break. Qui Federer ha giocato bene i punti importanti e si è aggiudicato il terzo set per 7 punti a 5.

Nel quarto set si è rivisto Roddick, che riesce a strappare il servizio nei primi giochi e in seguito a tenere agevolmente la battuta e protraendo il match al quinto set: 6-3 il punteggio del quarto set a favore dello statunitense.

Il quinto set è stata una vera e propria bagarre che ha visto il servizio dominare. Si è andati avanti fino a al 15-14 per Federer, con Roddick al servizio. Qui, Federer riesce a concretizzare il primo match point della gara, grazie a un diritto fuori misura di Roddick.

Federer, grazie a tre tornei vinti consecutivamente (Madrid, Roland Garros e Wimbledon), tornerà domani 6 luglio 2009 in vetta alla classifica ATP, dopo 46 settimane di dominio Nadal.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress