Wiki Actu it

November 30, 2009

Categoria:30 novembre 2009

Filed under: Novembre 2009 — admin @ 5:00 am

Categoria:30 novembre 2009 – Wikinotizie

Categoria:30 novembre 2009

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca
« 30 novembre 2009
1 dicembre 2009 »

Questa categoria raccoglie tutti gli articoli relativi ad avvenimenti accaduti il 30 novembre 2009, o scritti in quel giorno.

Pagine nella categoria “30 novembre 2009”

Questa categoria contiene un’unica pagina, indicata di seguito.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Il caso Marrazzo – Tra ricatti e morti sospette

Filed under: Europa,Italia,Lazio,Roma — admin @ 5:00 am

Il caso Marrazzo – Tra ricatti e morti sospette

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 30 novembre 2009

Il caso Marrazzo è iniziato come una vicenda di estorsione a danno del politico Piero Marrazzo da parte di quattro appartenenti all’arma dei Carabinieri, per lo scandalo conseguente Marrazzo ha rassegnato le dimissioni dalla carica di governatore. Due persone legate alla vicenda sono morte in circostanze non ancora del tutto chiarite.

Nel mese di luglio il governatore della regione Lazio, Piero Marrazzo, era stato sorpreso in compagnia di una transessuale[1], ma solo il 23 ottobre 2009 viene diffusa la notizia[2] che Marrazzo sarebbe stato ricattato da quattro persone, tutte appartenenti all’arma dei Carabinieri, in possesso di un video (mai mostrato pubblicamente sui mass media) che mostrerebbe un incontro tra il Governatore ed una transessuale, con apparente presenza di sostanze stupefacenti, avvenuto nel luglio precedente in un appartamento di via Gradoli, nella zona nord di .[3][4][5] Tale relazione è stata descritta da Marrazzo come un rapporto mercenario occasionale, mentre la transessuale ha dichiarato di essere la fidanzata del Governatore e di frequentarlo da sette anni.[6][7]

In seguito al clamore mediatico sollevato dalla vicenda, dopo aver inizialmente negato il proprio coinvolgimento, Marrazzo ha ammesso il fatto, definendolo “frutto di una mia debolezza della vita privata”,[8] autosospendendosi dalla carica di Presidente della Regione Lazio e trasferendo i poteri al Vice-Presidente e Assessore all’Urbanistica Esterino Montino.[9]

Il provvedimento è stato contestato da alcuni esponenti del Popolo della Libertà, in quanto l’autosospensione «non è prevista dallo statuto» regionale.[10][11] Il 26 ottobre Marrazzo si è dimesso ufficialmente dall’incarico di commissario regionale per la sanità[12] e il giorno successivo, mentre cerca rifugio in un monastero,[13] anche da Presidente della regione, aprendo la strada alle elezioni anticipate.[14]

Morte di Gianguerino Cafasso[]

Il 12 settembre muore Gianguerino Cafasso a 36 anni per arresto cardiaco. I successivi esami autoptici e tossicologici confermano la morte dovuta ad una overdose seguita all’assunzione di droga. Conosciuto negli ambienti della prostituzione transessuale della zona settentrionale di Roma come il protettore dei trans e spacciatore di droga, era stato indicato da un appartenente al gruppo dei carabinieri che ricattò Marrazzo il “confidente” nonché colui che girò di propria mano il filmato di via Gradoli.[1][15]

I genitori di Gianguerino hanno smentito le notizie che lo volevano spacciatore e pappone, e soprattutto confermando l’estraneità alla vicenda del figlio; il padre Pasquale Cafasso, parlò a Il corriere della sera dei timori del figlio dovuti alla vicenda e le paure di morire ed essere seguito da sconosciuti nei giorni subito antecedenti alla sua morte[15][16]:

« Hanno anche detto che era un confidente dei carabinieri arrestati, macché confidente. Poco tempo prima che lo trovassero morto, mi raccontò che voleva lasciare il suo appartamento in affitto a Roma perché li dentro accadevano cose strane cose, lui faceva il guardiano in una fabbrica con la sua compagna che faceva le pulizie, noi sapevamo che si chiamava Jennifer ma ignoravamo che fosse un trans. Mio figlio diceva che quando tornava la sera trovava le cose spostate, una volta le camicie nell’armadio, un’altra gli oggetti personali, anche il mobilio. Diceva: papà, io devo andarmene non mi sento al sicuro… »

Morte di Brenda[]

Il 20 novembre Brenda, una delle due transessuali coinvolte nello scandalo, viene trovata morta soffocata nel suo appartamento in via dei Due Ponti in seguito a un incendio scoppiato nella notte all’interno della casa[17]. L’autopsia sul cadavere confermerà la morte per asfissia dovuta all’esalazione di monossido di carbonio. L’8 novembre, Brenda era stata aggredita da alcuni sconosciuti, da lei identificati come romeni, che le avevano portato via il cellulare. Nella scena del crimine viene ritrovato il suo computer bagnato nel lavandino, alcune valigie vicino alla porta – forse chiusa dall’esterno, e un secondo cellulare sparito. Le indagini che seguono volgono a ricostruire i tabulati delle chiamate della trans partiti da un terzo cellulare. Le transessuali vicine alla vittima confermano in seguito che lei «è stata ammazzata in casa sua, abbiamo subito pensato noi tutte: non suicida ma suicidata, secondo una consolidata tradizione italiana», non solo per i suoi rapporti con Marrazzo ma anche per altri nomi più importanti che avrebbe intrattenuto e per i quali sarebbe stata uccisa.[18][19][20]

Dopo che dalle prime rilevazioni effettuate dalla polizia scientifica non sono apparsi segni evidenti della presenza di altri soggetti oltre Brenda nell’appartamento, non è andato a escludersi la pista dell’incidente in casa, anche se elementi come il computer immerso nell’acqua e la porta chiusa con delle mandate ma con le chiavi ugualmente inserite hanno fatto riaprire il caso della morte di Cafasso, giudicando ambedue le morti come «misteriose e strane». Secondo gli inquirenti il computer potrebbe essere stato messo nell’acqua per due motivi totalmente opposti: salvare le informazioni dal fuoco scoppiato nell’appartamento, rendere inutilizzabile e illeggibili i dati al suo interno.[20]

Secondo le colleghe della vittima, Brenda era in procinto di partire per il Brasile a causa della vicenda e della depressione che le era sorta.[20]


Fonti[]

Vedi alle sottostanti note

Note[]

  1. 1,0 1,1 http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/associata/2009/11/20/visualizza_new.html_1619369720.html
  2. «Marrazzo ricattato per un video». La Repubblica, 23-10-2009. URL consultato in data 26-10-2009.
  3. «Lo stesso condominio del sequestro Moro». La Repubblica, 24-10-2009. URL consultato in data 26-10-2009.
  4. «”Siamo stati usati per ricattarlo”», La Stampa, 25-10-2009. URL consultato in data 26-10-2009.
  5. «Marrazzo, per l’incontro con il trans 5mila euro e una banconota arrotolata». URL consultato il 28-10-2009.
  6. «Natalie interrogata dal Ros: Ero la fidanzata di Piero». URL consultato il 1-11-2009.
  7. «Lazio, Marrazzo si autosospende». URL consultato il 1-11-2009.
  8. «Marrazzo lascia: “Mi autosospendo. Una debolezza della mia vita privata”». La Repubblica, 24-10-2009. URL consultato in data 26-10-2009.
  9. «”Lazio, Marrazzo si autosospende “È stata una debolezza privata”»». La Stampa, 24-10-2009. URL consultato in data 26-10-2009.
  10. «Caso Marrazzo, il Pdl chiede elezioni. «Autosospensione incostituzionale»». Corriere della Sera, 25-10-2009. URL consultato in data 27-10-2009.
  11. Marrazzo autosospeso, è polemica Gasparri: “Pronti ad azioni legali”. Repubblica.it, 25-10-2009. URL consultato il 28-10-2009.
  12. «Marrazzo rimette il mandato di commissario regionale per la sanità». Corriere della Sera, 26-10-2009. URL consultato in data 27-10-2009.
  13. «Marrazzo, il giallo del ritiro spirituale. — Nessun monastero lo vuole accogliere». Corriere della Sera, 27-10-2009. URL consultato in data 27-10-2009.
  14. «Marrazzo, ufficializzate le dimissioni. «Basta, voglio chiudere con la politica»». Corriere della Sera, 27-10-2009. URL consultato in data 27-10-2009.
  15. 15,0 15,1 http://www.libero-news.it/adnkronos/view/229153
  16. http://www.corriere.it/cronache/09_novembre_22/caccia-cafasso-genitori_7c0eb216-d745-11de-a7cd-00144f02aabc.shtml
  17. «Morta trans Brenda, il corpo carbonizzato». URL consultato il 20-11-2009.
  18. http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo466606.shtml
  19. http://www.ilgiornale.it/roma/brenda_ora_tutti_abbiamo_paura/21-11-2009/articolo-id=400784-page=0-comments=1
  20. 20,0 20,1 20,2 http://www.repubblica.it/2009/10/sezioni/cronaca/marrazzo-spiato-1/morta-brenda/morta-brenda.html
CC-BY-SA icon.svg Articolo pubblicato con licenza CC BY-SA,
in quanto importato da Wikipedia.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

November 29, 2009

Italia: concorso n. 100/2009 del Totocalcio

Filed under: Europa,Giochi a premi,Italia,Pubblicati — admin @ 5:00 am

Italia: concorso n. 100/2009 del Totocalcio

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Domenica 29 novembre 2009

Totocalcio concorso n. 100 di Domenica 29 novembre 2009
1 Atalanta Roma 1 2 2
2 Bari Siena 2 1 1
3 Cagliari Juventus 2 0 1
4 Chievo Palermo 1 0 1
5 Inter Fiorentina 1 0 1
6 Lazio Bologna 0 0 X
7 Parma Napoli 1 1 X
8 Reggina Brescia 4 0 1
9 Monza Varese 3 1 1
10 Cremonese Novara 0 2 2
11 Cavese Giulianova 2 2 X
12 Ravenna Cosenza 3 1 1
13 Spal Reggiana 1 1 X
14 Catania Milan 0 2 2

Montepremi[]

  • Concorso n. 100: 672.352,40 euro
  • Jackpot (riporto concorso precedente): 175.965,34 euro
  • Montepremi totale: 848.317,74 euro
  • Jackpot prossimo concorso: – euro

Quote[]

  • n. 14: 222.453,00 euro (2 vincitori)
  • n. 13: 3.361,00 euro (60 vincitori)
  • n. 12: 269,00 euro (748 vincitori)

Montepremi “Il 9”[]

  • Concorso n. 100: 217.845,08 euro
  • Jackpot (riporto concorso precedente): – euro
  • Montepremi totale: 217.845,08 euro
  • Jackpot prossimo concorso: – euro

Quote[]

  • n. 9: 2.367,00 euro (92 vincitori)

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

November 28, 2009

Italia: concorso n. 143/2009 del SuperEnalotto

Filed under: Europa,Giochi a premi,Italia,Pubblicati,Superenalotto — admin @ 5:00 am

Italia: concorso n. 143/2009 del SuperEnalotto

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 28 novembre 2009

Concorso Superenalotto n. 143 di sabato 28 novembre 2009
Colonna vincente Numero Jolly SuperStar
3 42 52 67 78 86 57 44

Montepremi e quote[]

Montepremi
  • Concorso n. 143: 4.791.940,88 euro
  • Jackpot (riporto concorso precedente): 93.982.376,77 euro
  • Montepremi totale: 98.774.317,65 euro
Quote Superenalotto
  • ai “6”: – (0 vincitori)
  • ai “5+1”: – (0 vincitori)
  • ai “5”: 39.932,85 (18 vincitori)
  • ai “4”: 354,95 (2.025 vincitori)
  • ai “3”: 19,32 (74.398 vincitori)
Quote Superstar
  • “5 stella”: – (0 vincitori)
  • “4 stella”: 35.495,00 (11 vincitori)
  • “3 stella”: 1.932,00 (306 vincitori)
  • “2 stella”: 100,00 (5.730 vincitori)
  • “1 stella”: 10,00 (34.718 vincitori)
  • “0 stella”: 5,00 (76.933 vincitori)

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Estrazione del Lotto, sabato 28 novembre 2009

Filed under: Europa,Giochi a premi,Italia,Lotto,Pubblicati — admin @ 5:00 am

Estrazione del Lotto, sabato 28 novembre 2009

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 28 novembre 2009

Estrazioni del lotto del 28 novembre 2009
Bari 73 82 71 3 56
Cagliari 4 78 68 45 77
Firenze 21 78 22 38 66
Genova 29 34 13 74 9
Milano 55 50 3 82 42
Napoli 75 33 32 51 67
Palermo 16 19 58 77 46
Roma 38 7 8 69 81
Torino 90 67 64 81 44
Venezia 87 54 59 76 56
Ruota nazionale 39 28 46 75 1

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Calcio Italia campionato nazionale Serie B 2009-2010 16ª giornata andata

Filed under: Calcio,Europa,Italia,Pubblicati,Sport — admin @ 5:00 am

Calcio Italia campionato nazionale Serie B 2009-2010 16ª giornata andata

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 28 novembre 2009

Risultati[]

Per vedere il calendario completo vai alla pagina Speciale Calcio Serie B.
15ª giornata
17ª giornata

Classifica
Ancona 30
Lecce 30
Empoli 27 (*)
Cesena 26
Modena 26
Torino 23
Vicenza 23
Triestina 23
Sassuolo 22 (*)
Padova 22
Frosinone 22 (*)

(*) 1 partita in meno

 
Gallipoli 22
Brescia 21 (*)
Cittadella 20
Crotone 20
Grosseto 19 (*)
Reggina 16 (*)
Piacenza 16
Albinoleffe 15 (*)
Ascoli 15
Mantova 13
Salernitana 6 (*)

27 novembre 2009: anticipo 16ª giornata

20:45 Granata.png Salernitana 1 – 3 600px Giallo e Rosso3.png Gallipoli Arechi, Salerno
Arbitro: Gervasoni
Soligo Segnato dopo 5 minuti 5′ Referto Segnato dopo 39 minuti 39′ Pallante
Segnato dopo 63 minuti 63′ Di Carmine
Segnato dopo 91 minuti 91′ Di Gennaro

28 novembre 2009: risultati 16ª giornata

15:30 Rosso e Bianco.png Ancona 2 – 2 Sassuolo Sassuolo Del Conero, Ancona
Arbitro: Orsato
Mastronunzio Segnato dopo 31 minuti 31′
Mastronunzio Segnato dopo 74 minuti 74′
Referto Segnato dopo 25 minuti 25′ Masucci
Segnato dopo 83 minuti 83′ Noselli


15:30 Empoli Empoli 2 – 0 Cesena Cesena Carlo Castellani, Empoli
Arbitro: Gava
Coralli Segnato dopo 44 minuti 44′
Valdifiori Segnato dopo 74 minuti 74′
Referto


15:30 Frosinone Frosinone 2 – 2 Azzurro chiaro e Azzurro scuro.png AlbinoLeffe Matusa, Frosinone
Arbitro: Giancola
Basha Segnato dopo 65 minuti 65′
Santoruvo Segnato dopo 90 minuti 90′
Referto Segnato dopo 29 minuti 29′ Cellini
Segnato dopo 80 minuti 80′ Perico
Espluso dopo 91' 91′ Piccinni


15:30 600px Giallo e Rosso (Strisce) con Bordo Blu Scuro.png Lecce 3 – 2 Rosso e Bianco (Diagonale).png Grosseto Via del Mare, Lecce
Arbitro: Peruzzo
Fabiano Segnato dopo 45 minuti 45′
Ângelo Segnato dopo 46 minuti 46′
Giacomazzi Segnato dopo 74 minuti 74′
Referto Segnato dopo 2 minuti 2′ Pinilla
Segnato dopo 34 minuti 34′ Pinilla


15:30 Modena Modena 2 – 0 Rosso con alabarda Bianca.png Triestina Alberto Braglia, Modena
Arbitro: Pierpaoli
Bruno Segnato dopo 17 minuti 17′
Bruno Segnato dopo 66 minuti 66′
Referto


15:30 Bianco e Rosso (Croce) e Rosso.png Padova 1 – 2 Vicenza Vicenza Euganeo, Padova
Arbitro: Saccani
Trevisan Segnato dopo 12 minuti 12′
Faísca Espluso dopo 15' 15′
César Espluso dopo 65' 65′
Referto Segnato dopo 11 minuti 11′ Sestu
Segnato dopo 45+3 minuti 45+3′ Bjelanović


15:30 Piacenza 2 – 1 Bianconero ascolano.png Ascoli Leonardo Garilli, Piacenza
Arbitro: Romeo
Rincón Segnato dopo 58 minuti 58′
Moscardelli Segnato dopo 61 minuti 61′
Referto Segnato dopo 45 minuti 45′ Bernacci
Espluso dopo 82' 82′ Micolucci


15:30 Torino Torino 1 – 2 Crotone Crotone Olimpico, Torino
Arbitro: Tommasi
Bianchi Segnato dopo 29 minuti 29′ Referto Segnato dopo 22 minuti 22′ Petrilli
Segnato dopo 26 minuti 26′ Bonvissuto

29 novembre 2009: I posticipo 16ª giornata

15:00 600px Amaranto con R bianca.png Reggina 4 – 0 Brescia Brescia Oreste Granillo, Reggio Calabria
Arbitro: Celi
Pagano Segnato dopo 3 minuti 3′ (R)
Pagano Segnato dopo 19 minuti 19′
Cascione Segnato dopo 73 minuti 73′
Lanzaro Segnato dopo 89 minuti 89′
Referto Espluso dopo 2' 2′ Bega

30 novembre 2009: II posticipo 16ª giornata

20:45 600px Rosso e Bianco con colori di Mantova.png Mantova 1 – 3 Cittadella Cittadella Danilo Martelli, Mantova
Arbitro: Gallione
Carrus Segnato dopo 20 minuti 20′
Tarana Espluso dopo 55' 55′
Referto Segnato dopo 44 minuti 44′ Ardemagni
Segnato dopo 68 minuti 68′ (R) Iunco
Segnato dopo 78 minuti 78′ Iunco

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

November 27, 2009

Comitato “Navi affondate al largo del Gargano”, Di Carlo sarà il presidente

Filed under: Uncategorized — admin @ 5:00 am

venerdì 27 novembre 2009

Wikinotizie di oggi

Collabora con noi

A pochi giorni dalla costituzione del Comitato Civico “Navi affondate a largo del Gargano” spunta il nome del futuro presidente del Comitato. E’ Michele Eugenio di Carlo, garganico di Vieste, docente e grande personalità dell’Associazionismo Attivo del Gargano da sempre impegnata nella tutela del patrimonio ambientale garganico e non solo. In questi giorni il consenso intorno al “padre dell’ambientalismo garganico”, come qualcuno lo definisce, è cresciuto notevolmente nell’ambito associativo, ma soprattutto nell’ambito politico nazionale e regionale, per ricoprire questa prestigiosa carica. Oggi la conferma: diCarlo sarà il presidente del Comitato Civico “Navi affondate a largo del Gargano”, un comitato che, lo ricordiamo, nasce a seguito del Convegno organizzato il 28 Ottobre a San Nicandro Garganico a cui hanno partecipato, oltre allo stesso diCarlo (moderatore), l’assessore regionale Minervini e il giornalista Gianni Lannes, autore dell’inchiesta “madre” che ha portato agli occhi di tutti una situazione preoccupante anche per la salute pubblica dei cittadini garganici. Un comitato che si pone ambiziosi (per il Gargano) obbiettivi come la sensibilizzazione della popolazione, ma soprattutto la creazione di un canale diretto con le istituzioni locali, finora chiuse in uno sconcertante “non vedo, non sento, non parlo”. Buona fortuna presidente!


Fonti

Articolo scritto da Giuseppe Bruno

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

November 26, 2009

Val Camonica: furto di antichi camini al castello di Gorzone

Val Camonica: furto di antichi camini al castello di Gorzone

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 26 novembre 2009

Val Camonica
Val Camonica

La notizia che ha iniziato a circolare ieri mattina ha lasciato a molti l’amaro in bocca: alcuni delinquenti, approfittando della notte, si sono introdotti nel Castello di Gorzone (Val Camonica) e, dopo aver praticato un foro nel muro, hanno asportato due antichi camini.

Facciata del Castello di Gorzone in Valle Camonica.

Uno dei camini rubati al Castello di Gorzone.

L’amara scoperta è stata effettuata da dei manovali che da alcuni giorni operavano in riparazione del tetto dell’antica struttura e che hanno subito avvertito il proprietario dell’edificio, il dott. Giovanni Citroni.

Secondo le ricostruzioni i malviventi hanno atteso il calare della notte di martedì 24 per introdursi nel parco del castello; qui hanno aperto un varco nel muro, nei pressi dei un portale del 1599, per poi addentrarsi nell’edificio disabitato. Salendo al primo piano hanno quindi operato indisturbati demolendo gli antichi camini ed asportandone le pregevoli parti in pietra Simona. A questo punto, con l’ausilio di coperte e manici di badile trovati in loco, hanno trascinato al refurtiva fino al loro automezzo andandosene indisturbati.

Il proprietario: «Un danno inestimabile perché questi camini non potranno essere più rifatti. Coloro che hanno agito non si possono chiamare ladri ma solo delinquenti».

I camini si trovavano nelle due sale posizionata nell’ala sud-est del castello, sopra il portale d’accesso principale; essi erano stati costruiti con la tipica pietra rossa locale e si presentavano pressoché identici: un architrave sorretto da due semi-colonnette. Su entrambi trovava l’iscrizione “1495” e l’unico dettaglio per cui si distinguevano era che su uno vi era scolpito l’antico stemma della famiglia Federici, sull’altro lo stemma della famiglia della Scala.

Secondo gli esperti che avevano studiato i camini la datazione al XV secolo con l’associazione agli Scaligeri lasciava molto perplessi, dato che al quel tempo il peso politico della famiglia veronese era alquanto ridotto. Inoltre sia la lavorazione, che il carattere delle cifre, avevano fatto avanzare l’ipotesi i manufatti fossero in realtà un falso storico risalente all’inizio del XX secolo.

Il Castello di Gorzone, già esistente nel XII secolo, fu la principale rocca della famiglia Federici di Valle Camonica. A partire dal XV secolo, sotto la dominazione veneta, la struttura venne adattata fino a divenire una sontuosa dimora signorile. Abitata dai membri della famiglia Fedeirici fino a metà del XIX secolo, passò successivamente in mano alla famiglia Alberzoni, che nel 1928 operò un profondo restauro della struttura. Chiuso e disabitato nell’ultima parte del XX secolo, dal 2008 l’associazione non-proft LOntànoVerde si era impegnata per riaprire la struttura e renderla visitabile.

Il furto dei camini è, a detta dei diretti interessati, stato effettuato su commissione. Si sollecita comunque chiunque possa fornire aiuto al recupero dei materiali a contattare il proprietario o l’associazione LOntànoVerde.


Fonti[]

Collegamenti esterni[]


Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Italia: concorso n. 142/2009 del SuperEnalotto

Filed under: Europa,Giochi a premi,Italia,Pubblicati,Superenalotto — admin @ 5:00 am

Italia: concorso n. 142/2009 del SuperEnalotto

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 26 novembre 2009

Concorso Superenalotto n. 142 di giovedì 26 novembre 2009
Colonna vincente Numero Jolly SuperStar
26 31 32 50 61 77 55 51

Montepremi e quote[]

Montepremi
  • Concorso n. 142: 3.771.063,02 euro
  • Jackpot (riporto concorso precedente): 92.851.057,87 euro
  • Montepremi totale: 96.622.120,89 euro
Quote Superenalotto
  • ai “6”: – (0 vincitori)
  • ai “5+1”: – (0 vincitori)
  • ai “5”: 51.423,59 (11 vincitori)
  • ai “4”: 442,61 (1.278 vincitori)
  • ai “3”: 21,97 (51.491 vincitori)
Quote Superstar
  • “5 stella”: – (0 vincitori)
  • “4 stella”: 44.261,00 (9 vincitori)
  • “3 stella”: 2.197,00 (198 vincitori)
  • “2 stella”: 100,00 (3.528 vincitori)
  • “1 stella”: 10,00 (24.633 vincitori)
  • “0 stella”: 5,00 (58.092 vincitori)

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Estrazione del Lotto, giovedì 26 novembre 2009

Filed under: Europa,Giochi a premi,Italia,Lotto,Pubblicati — admin @ 5:00 am

Estrazione del Lotto, giovedì 26 novembre 2009

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 26 novembre 2009

Estrazioni del lotto del 26 novembre 2009
Bari 61 56 81 82 9
Cagliari 63 75 19 21 46
Firenze 42 11 47 13 63
Genova 52 15 48 67 21
Milano 76 15 61 90 50
Napoli 36 85 84 60 37
Palermo 79 50 68 23 16
Roma 45 10 23 62 25
Torino 24 90 57 31 76
Venezia 57 49 78 3 90
Ruota nazionale 81 67 19 16 39

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »

Powered by WordPress