Wiki Actu it

April 30, 2013

Il governo Letta ha ricevuto la fiducia delle Camere

Il governo Letta ha ricevuto la fiducia delle Camere

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 30 aprile 2013

segui lo Speciale Elezioni 2013

Oggi il neo governo Letta è entrato ufficialmente in carica, avendo ottenuto la fiducia del Senato, con 233 voti a favore da parte di PD, PDL e SC e 59 voti contrari da M5S e SEL. I senatori astenuti, quindi di fatto contrari, sono stati 18 della LN e sono stati 9 quelli assenti.

Ieri è stata la volta della Camera, nella quale il governo ha ricevuto 453 voti a favore da parte di PD, PDL e SC, 153 contrari da M5S, SEL e FDI, 17 astenuti della LN e 24 gli assenti.

Il nuovo governo, nominato da Giorgio Napolinato a pochi giorni dalla sua rielezione, è formato da 4 ministri del PD, 4 del PDL, 1 di SC e 4 tecnici. I ministri senza portafoglio sono 5 del PD, 1 del PDL e 2 di SC. Il nuovo Presidente del consiglio Enrico Letta (PD) avrà come vicepresidente Angelino Alfano (PDL).


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Guglielmo Alessandro succede alla madre Beatrice sul trono dei Paesi Bassi

Guglielmo Alessandro succede alla madre Beatrice sul trono dei Paesi Bassi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 30 aprile 2013

Guglielmo Alessandro e la moglie Máxima, i nuovi sovrani dei Paesi Bassi

Il nuovo re davanti alla folla accorsa in Piazza Dam

Con una cerimonia a cui hanno assistito circa 25.000 persone, la regina Beatrice d’Olanda, che tre mesi fa aveva rinunciato al trono, ha passato stamane il testimone al figlio, il quarantaseienne Guglielmo Alessandro, che è diventato così il nuovo sovrano del Paese. Era da 123 anni che l’Olanda non era governata da un re maschio.

Beatrice era salita al trono a 42 anni, il 30 aprile 1980, quando succedette alla madre Giuliana.

Il passaggio di consegne pubblico è avvenuto in un balcone del Palazzo Reale di Amsterdam, dove l’ormai ex-regina, che abdica dopo 33 anni di regno, si è così espressa davanti alla folla ammassatasi in Piazza Dam vestita d’arancione, il colore ufficiale della Casa Reale: “Oggi faccio posto ad una nuova generazione” e “Sono felice di presentarvi il nuovo re, Guglielmo Alessandro”. In seguito è avvenuta l’investitura ufficiale nella Nieuwe Kerk (“Chiesa Nuova”).

Alla cerimonia ufficiale in chiesa hanno assistito circa 500 persone, tra cui molte “teste coronate”, giunte nella capitale olandese da varie parti del mondo. Tra gli assenti, il padre di Máxima Zorreguieta, la moglie argentina del neo-re, per via delle implicazioni dell’uomo nella dittatura di Videla.

Il neo-sovrano si è così espresso: “Vorrei essere un re che si attiene alle tradizioni delle sue predecessore” e “Io sono per la stabilità e la continuità del Paese”.

Al nuovo regnante il popolo olandese ha anche dedicato una canzone, “La canzone del re”, trasmessa a partire dalle 19.30 nelle varie radio.

Con i suoi 46 anni, Guglielmo Alessandro è ora il più giovane sovrano europeo.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 29, 2013

Pallanuoto, A1 maschile: decise le semifinaliste

Filed under: Europa,Italia,Pallanuoto,Pubblicati,Sport — admin @ 5:00 am

Pallanuoto, A1 maschile: decise le semifinaliste

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 29 aprile 2013
Si sono disputati sabato 27 aprile gli incontri di ritorno dei quarti di finale dei playoff scudetto del campionato italiano di serie A1 maschile di pallanuoto.

Risultati[]

Dopo gli incontri di andata disputati mercoledì 24 aprile, si qualificano alle semifinali AN Brescia, Pro Recco, Florentia e Acquachiara.

Finiscono senza sorprese le eliminatorie fra AN Brescia e Bogliasco (rispettivamente prima e ottava in regular season), e fra Pro Recco e Promogest (seconda e settima). Nella prima sfida Bogliasco cede in casa nettamente 5-14, con un Christian Presciutti sugli scudi, autore di sei reti. Il ritorno per i bresciani allenati da Cesare Bovo risulta essere una formalità: al PalaSystema di via Rodi le calottine lombarde si impongono nuovamente, stavolta per 11-4 con Presciutti, autore di tre gol, ancora miglior marcatore della serata.

Fra Pro Recco e Promogest il distacco è, se possibile, ancora maggiore. I liguri campioni d’Italia in carica infliggono ai sardi neopromossi, nonché alla loro prima partecipazione in serie A1, un sonoro risultato globale di 34-10, frutto della vittoria per 19-7 a Quartu Sant’Elena nel match di andata, e del 15-3 in quel di Sori nell’incontro di ritorno. Decisivi Pietro Figlioli con cinque reti nella partita di andata e altrettante in quella di ritorno, e Aicardi con otto gol totali.

Più combattuti, come da pronostico, gli altri due quarti di finale tra Savona e Acquachiara da un lato, e Florentia e Posillipo dall’altro. Dopo l’imposizione dei biancorossi savonesi nella gara di andata alla Piscina Felice Scandone di Napoli con il risultato di 10-8, sembrava tutto in discesa per i liguri, grazie soprattutto al solito Valerio Rizzo, capocannoniere del campionato, autore di ben sette dei dieci gol della propria squadra (di cui tre su rigore). Nel ritorno tuttavia l’Acquachiara ribalta il risultato vincendo a Savona 12-7, con un eccezionale primo quarto conclusosi sul 6-3 in favore dei napoletani. Mattatore della serata l’ungherese naturalizzato italiano Tamás Märcz, autore di tre reti. Si tratta dell’unico caso in cui la squadra peggio classificata passa il turno.

Tra Florentia e Posillipo passano il turno i toscani. L’incontro in partenza sulla carta più combattuto (si affrontavano la quarta contro la quinta in classifica) ha effettivamente rispettato i pronostici. Dopo un primo incontro in cui i napoletani si sono imposti 8-6, il ritorno si chiude con un netto 13-7 in favore della Florentia grazie soprattutto ai due spagnoli Guillermo Molina e Albert Español, autori di 5 e 4 gol rispettivamente.

Prossimo turno[]

Le semifinali saranno AN Brescia-Florentia e Pro Recco-Acquachiara. Gli incontri si disputano al meglio delle tre partite: ciò significa che la prima squadra a vincere due partite si qualifica alla finale. Per questa ragione nessun incontro può terminare in parità: in tal caso si procederebbe ai tempi supplementari ed eventualmente ai tiri di rigore. Non conta quindi il numero di reti segnate, ma solo l’esito dell’incontro (vittoria o sconfitta). Lo stesso regolamento è previsto per la finale.

Gara-1 è prevista per sabato 4 maggio, gara-2 per martedì 7 maggio e l’eventuale gara-3 per sabato 11 maggio.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 28, 2013

Calcio, Serie A 2012-2013: 34ª giornata

Filed under: Calcio,Calcio italiano,Europa,Italia,Pubblicati,Sport — admin @ 5:00 am

Calcio, Serie A 2012-2013: 34ª giornata

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 28 aprile 2013
Sabato 27 e domenica 28 aprile 2013 si è giocata la 34ª giornata del campionato di serie A di calcio 2012-2013, nonché 15ª di ritorno. In questa pagina i risultati dettagliati e la classifica.

Risultati[]

28 aprile 2013: risultati 15ª giornata di ritorno
Risultato
Atalanta Atalanta – Bologna Bologna 1 – 1
Cagliari Cagliari – Udinese Udinese 0 – 1
Chievo Chievo – Genoa Genoa 0 – 1
Milan Milan – Catania Catania 4 – 2
Palermo Palermo – Inter Inter 1 – 0
Parma Parma – Lazio Lazio 0 – 0
Pescara Pescara – Napoli Napoli 0 – 3
Roma Roma – Bianco e Nero (Strisce).png Siena 4 – 0
Sampdoria Sampdoria – Fiorentina Fiorentina 0 – 3
Torino Torino – Juventus Juventus 0 – 2

Dettagli[]

Anticipi del sabato[]

Bergamo
27 aprile 2013, ore 18:00 CEST
Atalanta Atalanta 1 – 1
referto
Bologna Bologna Atleti Azzurri d’Italia
Arbitro Claudio Gavillucci (Latina)
Trieste
27 aprile 2013, ore 18:00 CEST
Cagliari Cagliari 0 – 1
referto
Udinese Udinese Nereo Rocco
Arbitro Gianluca Rocchi (Firenze)
Pescara
27 aprile 2013, ore 20:45 CEST
Pescara Pescara 0 – 3
referto
Napoli Napoli Adriatico
Arbitro Andrea Romeo (Verona)

Partite delle 15[]

Verona
28 aprile 2013, ore 15:00 CEST
Chievo Chievo 0 – 1
referto
Genoa Genoa Marcantonio Bentegodi
Arbitro Daniele Doveri (Roma 1)
Palermo
28 aprile 2013, ore 15:00 CEST
Palermo Palermo 1 – 0
referto
Inter Inter Renzo Barbera
Arbitro Daniele Orsato (Schio)
Parma
28 aprile 2013, ore 15:00 CEST
Parma Parma 0 – 0
referto
Lazio Lazio Ennio Tardini
Arbitro Gianpaolo Calvarese (Teramo)
Roma
28 aprile 2013, ore 15:00 CEST
Roma Roma 4 – 0
referto
Bianco e Nero (Strisce).png Siena Olimpico
Arbitro Carmine Russo (Nola)
Genova
28 aprile 2013, ore 15:00 CEST
Sampdoria Sampdoria 0 – 3
referto
Fiorentina Fiorentina Luigi Ferraris
Arbitro Nicola Rizzoli (Bologna)
Torino
28 aprile 2013, ore 15:00 CEST
Torino Torino 0 – 2
referto
Juventus Juventus Olimpico
Arbitro Mauro Bergonzi (Genova)

Posticipo serale[]

Milano
28 aprile 2013, ore 20:45 CEST
Milan Milan 4 – 2
referto
Catania Catania Giuseppe Meazza
Arbitro Davide Massa (Imperia)

Classifica[]

  • Siena con 6 punti di penalità.
  • Atalanta con 2 punti di penalità.
  • Sampdoria e Torino con 1 punto di penalità.
Classifica alla 15ª giornata di ritorno Pt
Scudetto.svg 1. Juventus Juventus 80
Coppacampioni.png 2. Napoli Napoli 69
Coppacampioni.png 3. Milan Milan 62
UEFA Cup (adjusted).png 4. Fiorentina Fiorentina 61
UEFA Cup (adjusted).png 5. Roma Roma 55
6. Udinese Udinese 54
7. Inter Inter 53
8. Lazio Lazio 52
9. Catania Catania 48
10. Cagliari Cagliari 42
11. Bologna Bologna 40
12. Parma Parma 40
13. Atalanta Atalanta 39
14. Chievo Chievo 39
15. Sampdoria Sampdoria 38
16. Torino Torino 36
17. Palermo Palermo 32
1downarrow red.svg 18. Genoa Genoa 32
1downarrow red.svg 19. Bianco e Nero (Strisce).png Siena 30
1downarrow red.svg 20. Pescara Pescara 22


Fonti[]


Le giornate del campionato di Serie A 2012-2013

 1ª ·   2ª ·   3ª ·   4ª ·   5ª ·   6ª ·   7ª ·   8ª ·   9ª ·  10ª ·  11ª ·  12ª ·  13ª ·  14ª ·  15ª ·  16ª ·  17ª ·  18ª ·  19ª
20ª ·  21ª ·  22ª ·  23ª ·  24ª ·  25ª ·  26ª ·  27ª ·  28ª ·  29ª ·  30ª ·  31ª ·  32ª ·  33ª ·  34ª ·  35ª ·  36ª ·  37ª ·  38ª

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 27, 2013

È nato il governo Letta

È nato il governo Letta – Wikinotizie

È nato il governo Letta

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 27 aprile 2013

Il Presidente del Consiglio dei Ministri, Enrico Letta

L’On. Enrico Letta, dopo l’incarico affidatogli dal Capo dello Stato Napolitano il 24 aprile, ha sciolto la riserva e formato il 62º Governo della Repubblica Italiana, il primo della XVII Legislatura della Repubblica Italiana.

Il Governo Letta sarà sostenuto in Parlamento dal Partito Democratico, dal Popolo della Libertà, da Scelta Civica e da Centro Democratico; sarà composto da 21 Ministri.

Il nuovo Governo giurerà domani dinanzi al Presidente della Repubblica.

La lista dei ministri[]

   ministero incaricato partito
1 interno

vicepremier e M. dell’interno

Alfano

Angelino Alfano

PDL
2 giustizia

M. della giustizia

Cancellieri

Anna Maria Cancellieri

indipendente
3 esteri

M. degli esteri

Bonino

Emma Bonino

Radicali
4 economia

M. dell’economia

Saccomanni

Fabrizio Saccomanni

indipendente
5 trasporti

M. dei trasporti

Lupi

Maurizio Lupi

PDL
6 lavoro

M. del lavoro e delle politiche sociali

Giovannini

Enrico Giovannini

indipendente
7 difesa

M. della difesa

Mauro

Mario Mauro

Scelta civica
8 sviluppo

M. dello sviluppo economico

Zanonato

Flavio Zanonato

PD
9 istruzione

M. dell’istruzione

Carrozza

Maria Chiara Carrozza

PD
10 salute

M. della salute

Lorenzin

Beatrice Lorenzin

PDL
11 ambiente

M. dell’ambiente

Orlando

Andrea Orlando

PD
12 politiche

M. delle politiche agricole

Girolamo

Nunzia de Girolamo

PDL
13 beni

M. dei beni culturali e turismo

Bray

Massimo Bray

PD
14 coesione

M. della coesione territoriale

Trigilia

Carlo Trigilia

PD
15 affari europei

M. degli affari europei

Moavero

Carlo Moavero Milanesi

indipendente
16 affari regionali

M. degli affari regionali e autonomie locali

Delrio

Graziano Delrio

PD
17 pubblica

M. della pubblica amministrazione

D’Alia

Giampiero D’Alia

UDC
18 rapporti

M. dei rapporti con il parlamento

Franceschini

Dario Franceschini

PD
19 pari

M. delle pari opportunità, politiche giovanili e sport

Idem

Josefa Idem

PD
20 riforme

M. delle riforme costituzionali

Quagliariello

Gaetano Quagliariello

PDL
21 integrazione

M. dell’integrazione

Kyenge

Cècile Kashetu Kyenge

PD


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Calcio, Serie B 2012-2013: 39ª giornata

Filed under: Calcio,Calcio italiano,Europa,Italia,Pubblicati,Sport — admin @ 5:00 am

Calcio, Serie B 2012-2013: 39ª giornata

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 27 aprile 2013
Venerdì 26, sabato 27 e domenica 28 aprile si è giocata la 18ª giornata di ritorno, 39ª totale, del campionato di serie B di calcio 2012-2013. In questa pagina i risultati dettagliati e la classifica.

Risultati[]

27 aprile 2013: risultati 18ª giornata di ritorno
Risultato
Bianconero ascolano.png Ascoli – Verona Verona 0 – 5
Bari Bari – Spezia Spezia 2 – 1
Empoli Empoli – Cesena Cesena 1 – 0
Giallo e Blu (Strisce).png Juve Stabia – Ternana Ternana 1 – 1
Livorno Livorno – Vicenza Vicenza 2 – 0
Modena Modena – Sassuolo Sassuolo 2 – 1
Bianco e Rosso (Croce) e Rosso.png Padova – 600px Azzurro con scudo Rosso crociato e stella Gialla.png Novara 3 – 3
Pro Vercelli Pro Vercelli – Rosso e Bianco (Diagonale).png Grosseto 0 – 0
600px Amaranto con R bianca.png Reggina – Brescia Brescia 0 – 1
Varese Varese – Cittadella Cittadella 2 – 0
Virtus Lanciano Virtus Lanciano – Crotone Crotone 1 – 1

Dettagli[]

Anticipo del venerdì[]

Modena
26 aprile 2013, ore 20:45 CEST
Modena Modena 2 – 1
referto
Sassuolo Sassuolo Alberto Braglia
Arbitro Francesco Borriello (Mantova)

Partite del sabato[]

Ascoli Piceno
27 aprile 2013, ore 15:00 CEST
Bianconero ascolano.png Ascoli 0 – 5
referto
Verona Verona Cino e Lillo Del Duca
Arbitro Renzo Candussio (Cervignano del Friuli)
Bari
27 aprile 2013, ore 15:00 CEST
Bari Bari 2 – 1
referto
Spezia Spezia San Nicola
Arbitro Massimiliano Irrati (Pistoia)
Castellammare di Stabia
27 aprile 2013, ore 15:00 CEST
Giallo e Blu (Strisce).png Juve Stabia 1 – 1
referto
Ternana Ternana Romeo Menti
Arbitro Gianluca Manganiello (Pinerolo)
Livorno
27 aprile 2013, ore 15:00 CEST
Livorno Livorno 2 – 0
referto
Vicenza Vicenza Armando Picchi
Arbitro Emilio Ostinelli (Como)
Padova
27 aprile 2013, ore 15:00 CEST
Bianco e Rosso (Croce) e Rosso.png Padova 3 – 3
referto
600px Azzurro con scudo Rosso crociato e stella Gialla.png Novara Euganeo
Arbitro Gennaro Palazzino (Ciampino)
Vercelli
27 aprile 2013, ore 15:00 CEST
Pro Vercelli Pro Vercelli 0 – 0
referto
Rosso e Bianco (Diagonale).png Grosseto Silvio Piola
Arbitro Francesco Castrignanò (Roma 2)
Reggio Calabria
27 aprile 2013, ore 15:00 CEST
600px Amaranto con R bianca.png Reggina 0 – 1
referto
Brescia Brescia Oreste Granillo
Arbitro Marco Di Bello (Brindisi)
Varese
27 aprile 2013, ore 15:00 CEST
Varese Varese 2 – 0
referto
Cittadella Cittadella Franco Ossola
Arbitro Filippo Merchiori (Ferrara)
Lanciano
27 aprile 2013, ore 15:00 CEST
Virtus Lanciano Virtus Lanciano 1 – 1
referto
Crotone Crotone Guido Biondi
Arbitro Riccardo Pinzani (Empoli)

Posticipo della domenica[]

Empoli
28 aprile 2013, ore 12:30 CEST
Empoli Empoli 1 – 0
referto
Cesena Cesena Carlo Castellani
Arbitro Angelo Cervellera (Taranto)

Classifica[]

  • Bari e Grosseto rispettivamente con 7 e 6 punti di penalità.
  • Novara e Reggina con 3 punti di penalità.
  • Crotone e Modena con 2 punti di penalità.
  • Ascoli e Varese con 1 punto di penalità.
Classifica alla 18ª giornata di ritorno Pt
1uparrow green.svg 1. Sassuolo Sassuolo 80
1uparrow green.svg 2. Livorno Livorno 76
Noatunloopsong.png 3. Verona Verona 75
Noatunloopsong.png 4. Empoli Empoli 66
Noatunloopsong.png 5. 600px Azzurro con scudo Rosso crociato e stella Gialla.png Novara 60
Noatunloopsong.png 6. Varese Varese 58
7. Brescia Brescia 56
8. Modena Modena 54
9. Bianco e Rosso (Croce) e Rosso.png Padova 51
10. Giallo e Blu (Strisce).png Juve Stabia 49
11. Spezia Spezia 48
12. Ternana Ternana 48
13. Crotone Crotone 48
14. Bari Bari 47
15. Cittadella Cittadella 47
16. Cesena Cesena 46
17. Virtus Lanciano Virtus Lanciano 45
Noatunloopsong.png 18. 600px Amaranto con R bianca.png Reggina 42
Noatunloopsong.png 19. Bianconero ascolano.png Ascoli 40
1downarrow red.svg 20. Vicenza Vicenza 38
1downarrow red.svg 21. Pro Vercelli Pro Vercelli 32
1downarrow red.svg 22. Rosso e Bianco (Diagonale).png Grosseto 24


Le giornate del campionato di Serie B 2012-2013

 1ª ·   2ª ·   3ª ·   4ª ·   5ª ·   6ª ·   7ª ·   8ª ·   9ª ·  10ª ·  11ª ·  12ª ·  13ª ·  14ª ·  15ª ·  16ª ·  17ª ·  18ª ·  19ª ·  20ª ·  21ª
22ª ·  23ª ·  24ª ·  25ª ·  26ª ·  27ª ·  28ª ·  29ª ·  30ª ·  31ª ·  32ª ·  33ª ·  34ª ·  35ª ·  36ª ·  37ª ·  38ª ·  39ª ·  40ª ·  41ª ·  42ª

Collegamenti esterni[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 22, 2013

Pallanuoto, A1 maschile: si conclude la stagione regolare

Filed under: Europa,Italia,Pallanuoto,Pubblicati,Sport — admin @ 5:00 am

Pallanuoto, A1 maschile: si conclude la stagione regolare

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 22 aprile 2013
Si è conclusa sabato 20 aprile la stagione regolare fra le dodici squadre che compongono il massimo campionato italiano maschile di pallanuoto. Il regolamento prevede che, dopo le 22 giornate di campionato regolari, le prime otto in classifica si qualifichino ai playoff scudetto, mentre le ultime due retrocedano direttamente in serie A2. La griglia dei playoff è stabilita in base alla posizione in classifica delle varie squadre, con sfide tra la prima e l’ottava, la seconda e la settima, la terza e la sesta, la quarta e la quinta.

I quarti di finale funzionano ad andata e ritorno. Si disputano quindi due incontri: il primo in casa della peggior classificata, il secondo in casa della squadra meglio classificata. Al termine dei due incontri, in caso di parità globale si effettuano due tempi supplementari di tre minuti ciascuno. Dopodiché, in caso di persistente parità, si effettuano i tiri di rigore (cinque a testa). A differenza del calcio, le reti segnate in trasferta non hanno alcun valore aggiuntivo.

Semifinali e finale playoff, invece, funzionano in modo diverso. La formula è al meglio delle 2 partite su 3. Ciò significa che ogni singola partita deve concludersi necessariamente con la vittoria di una delle due squadre (con tempi supplementari e tiri di rigore, se necessario). La prima delle due squadre a vincere due incontri passerà il turno e, nel caso della finale, sarà proclamata campione d’Italia. Il primo e il terzo eventuale incontro si svolgono in casa della squadra meglio classificata durante la stagione regolare.

Stagione regolare[]


Classifica finale Pt V N P GF GS DR
Noatunloopsong.png 1. AN Brescia AN Brescia 61 20 1 1 282 150 +132
Noatunloopsong.png 2. Pro Recco Pro Recco 60 20 0 2 279 139 +140
Noatunloopsong.png 3. Savona Savona 44 14 2 6 273 212 +71
Noatunloopsong.png 4. Florentia Florentia 41 13 2 7 230 192 +38
Noatunloopsong.png 5. Posillipo Posillipo 39 13 0 9 215 193 +22
Noatunloopsong.png 6. Acquachiara Acquachiara 34 10 4 8 207 165 +42
Noatunloopsong.png 7. Promogest Promogest Quartu 25 8 1 13 191 214 -23
Noatunloopsong.png 8. Bogliasco Bogliasco 23 7 2 13 162 220 -58
9. Lazio Lazio 21 6 3 13 216 258 -42
Noatunloopsong.png 10. 600px Verde Giallo e Bianco.png Ortigia 18 5 3 14 169 244 -75
Noatunloopsong.png 11. Nervi Nervi 18 5 3 14 179 278 -99
1downarrow red.svg 12. 600px Bianco e Nero (Croce).png Camogli 1 0 1 21 170 308 -138

Il primo posto viene conquistato dall’Associazione Nuotatori Brescia, che colleziona 61 punti grazie a venti vittorie, un pareggio e una sconfitta, patita contro la Pro Recco nella penultima giornata. La prima posizione in classifica dà diritto ai lombardi di affrontare l’ottava classificata, quindi sulla carta la più debole del lotto delle partecipanti: la Rari Nantes Bogliasco, che ottiene la qualificazione all’ultima giornata nonostante la sconfitta di misura in trasferta contro la Promogest (che così facendo la sopravanza in classifica), e grazie alla concomitante sconfitta della Lazio in casa dell’Acquachiara.

Al secondo posto si piazzano i campioni in carica della Pro Recco, con 60 punti, frutto di venti vittorie, nessun pareggio e due sconfitte patite contro la Florentia in casa nella seconda giornata (11-12), e contro la stessa AN Brescia in trasferta nella decima giornata (10-8). Nei quarti di finale la compagine allenata da Riccardo Tempestini affronterà i sardi della Promogest Quartu, squadra neopromossa alla prima partecipazione in serie A1, e prima squadra sarda a partecipare al massimo campionato italiano. Se queste due sfide dei quarti di finale hanno un esito abbastanza scontato, a meno di sorprese notevoli, sono sulla carta sicuramente più combattute le altre due sfide.

Savona, terza dopo la stagione regolare con 44 punti, se la vedrà con i napoletani dell’Acquachiara, fermatasi a quota 34, mentre la sfida fra Florentia e Posillipo dovrebbe essere in assoluto quella più incerta di tutte, con i toscani fermi a quota 41 e i napoletani guidati da Carlo Silipo a 39.

Per quanto riguarda invece le retrocessioni, conclude con un solo punto Camogli, frutto del pareggio casalingo contro la Lazio (11-11) nell’ottava giornata, e con 18 punti il duo Ortigia e Nervi, che dovranno quindi disputare una drammatica doppia sfida per stabilire chi accompagnerà Camogli in serie A2 la prossima stagione.

Coppe europee[]

Partecipano alla LEN Champions League (la massima competizione europea maschile per club) un totale di tre squadre italiane: le due finaliste dei playoff e la vincitrice della finale per il 3° posto (da disputarsi fra le due squadre sconfitte in semifinale).

Partecipano alla LEN Euro Cup (la seconda competizione europea maschile per club) un totale di due squadre italiane: la squadra sconfitta nella finale per il 3° posto, e la squadra vincitrice il raggruppamento per il 5° posto, a cui partecipano le quattro formazioni sconfitte nei quarti di finale dei playoff.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 21, 2013

Giorgio Napolitano è stato rieletto Presidente della Repubblica

Giorgio Napolitano è stato rieletto Presidente della Repubblica

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 21 aprile 2013

segui lo Speciale Elezioni 2013

Ieri Giorgio Napolitano è stato rieletto Presidente della Repubblica Italiana al sesto scrutinio. La sua candidatura, appoggiata da PD, PDL, SC e LN, ha ottenuto 738 voti, mentre Stefano Rodotà, appoggiato da M5S e SEL, ha ricevuto 217 voti. I voti ad altri candidati sono stati 20, le schede nulle 12, quelle in bianco 10 e altrettanti gli elettori assenti.

Non era mai successo nella storia della Repubblica che un Presidente venisse eletto per due mandati, ma la sua candidatura è stata proposta a seguito del fallimento delle precedenti votazioni.

Infatti alla prima votazione il candidato appoggiato da PD, PDL, SC e LN è stato Franco Marini, nome scelto a maggioranza dall’assemblea dei grandi elettori del PD con 222 voti a favore, 90 contrari e 30 astenuti. L’assemblea, alla quale SEL non ha partecipato, ha di fatto approvato l’accordo, poi smentito, raggiunto tra Pier Luigi Bersani e Silvio Berlusconi, che aveva portato ad una lista di possibili candidati tra cui Giuliano Amato, Massimo D’Alema, Anna Finocchiaro e lo stesso Franco Marini. Il candidato proposto dal M5S è stato Stefano Rodotà, votato dagli iscritti via web tramite le quirinarie, che è stato poi appoggiato anche da SEL. Nonostante l’accordo, Franco Marini ha ricevuto solo 521 voti, sui 672 necessari durante le prime tre votazioni, Stefano Rodotà ne ha ricevuti 240 e Sergio Chiamparino 41. Sono stati 78 i voti andati ad altri candidati, 104 le schede bianche, 15 quelle nulle e 8 gli assenti.

Alla quarta votazione, a partire dalla quale è richiesta una maggioranza di 504 voti sui 1007 totali, PD e SEL hanno scelto di appoggiare Romano Prodi, che ha ricevuto solo 395 voti sui 498 a disposizione della coalizione, Stefano Rodotà ha ricevuto 213 voti sui 163 disposizione del M5S, Anna Maria Cancellieri ne ha ricevuti 78 sui 70 di SC, mentre PDL e LN non hanno partecipato alla consultazione. Agli altri candidati sono andati 27 voti, le schede bianche sono state 15, quelle nulle 4 e gli assenti 275.

A questo punto Bersani ha annunciato le proprie dimissioni da segretario del PD ed è stata cercata una nuova intesa con il centro destra, che ha portato alla rielezione di Napolitano, dopo che quest’ultimo aveva accettato la sua candidatura solo in seguito alla difficoltà di elezione di un nuovo Presidente.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Calcio, Serie B 2012-2013: 38ª giornata

Filed under: Calcio,Calcio italiano,Europa,Italia,Pubblicati,Sport — admin @ 5:00 am

Calcio, Serie B 2012-2013: 38ª giornata

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 21 aprile 2013
Sabato 20 e lunedì 22 aprile si è giocata la 17ª giornata di ritorno, 38ª totale, del campionato di serie B di calcio 2012-2013. In questa pagina i risultati dettagliati e la classifica.

Risultati[]

20 aprile 2013: risultati 17ª giornata di ritorno
Risultato
Bianconero ascolano.png Ascoli – Bianco e Rosso (Croce) e Rosso.png Padova 0 – 1
Cesena Cesena – Virtus Lanciano Virtus Lanciano 1 – 1
Cittadella Cittadella – Giallo e Blu (Strisce).png Juve Stabia 1 – 0
Crotone Crotone – 600px Amaranto con R bianca.png Reggina 2 – 2
Rosso e Bianco (Diagonale).png Grosseto – Livorno Livorno 0 – 3
600px Azzurro con scudo Rosso crociato e stella Gialla.png Novara – Modena Modena 0 – 1
Sassuolo Sassuolo – Bari Bari 2 – 1
Spezia Spezia – Empoli Empoli 3 – 0
Ternana Ternana – Varese Varese 0 – 1
Verona Verona – Brescia Brescia 4 – 2
Vicenza Vicenza – Pro Vercelli Pro Vercelli 3 – 1

Dettagli[]

Partite del sabato[]

Cesena
20 aprile 2013, ore 15:00 CEST
Cesena Cesena 1 – 1
referto
Virtus Lanciano Virtus Lanciano Dino Manuzzi
Arbitro Luca Pairetto (Nichelino)
Cittadella
20 aprile 2013, ore 15:00 CEST
Cittadella Cittadella 1 – 0
referto
Giallo e Blu (Strisce).png Juve Stabia Piercesare Tombolato
Arbitro Renzo Candussio (Cervignano del Friuli)
Crotone
20 aprile 2013, ore 15:00 CEST
Crotone Crotone 2 – 2
referto
600px Amaranto con R bianca.png Reggina Ezio Scida
Arbitro Dino Tommasi (Bassano del Grappa)
Grosseto
20 aprile 2013, ore 15:00 CEST
Rosso e Bianco (Diagonale).png Grosseto 0 – 3
referto
Livorno Livorno Carlo Zecchini
Arbitro Federico La Penna (Roma 1)
Novara
20 aprile 2013, ore 15:00 CEST
600px Azzurro con scudo Rosso crociato e stella Gialla.png Novara 0 – 1
referto
Modena Modena Silvio Piola
Arbitro Leonardo Baracani (Firenze)
Modena
20 aprile 2013, ore 15:00 CEST
Sassuolo Sassuolo 2 – 1
referto
Bari Bari Alberto Braglia
Arbitro Angelo Martino Giancola (Vasto)
La Spezia
20 aprile 2013, ore 15:00 CEST
Spezia Spezia 3 – 0
referto
Empoli Empoli Alberto Picco
Arbitro Luigi Nasca (Bari)
Terni
20 aprile 2013, ore 15:00 CEST
Ternana Ternana 0 – 1
referto
Varese Varese Libero Liberati
Arbitro Maurizio Ciampi (Roma 1)
Vicenza
20 aprile 2013, ore 15:00 CEST
Vicenza Vicenza 3 – 1
referto
Pro Vercelli Pro Vercelli Romeo Menti
Arbitro Eugenio Abbattista (Molfetta)

Posticipi del lunedì[]

Ascoli Piceno
22 aprile 2013, ore 19:00 CEST
Bianconero ascolano.png Ascoli 0 – 1
referto
Bianco e Rosso (Croce) e Rosso.png Padova Cino e Lillo Del Duca
Arbitro Aleandro Di Paolo (Avezzano)
Verona
22 aprile 2013, ore 21:00 CEST
Verona Verona 4 – 2
referto
Brescia Brescia Marcantonio Bentegodi
Arbitro Maurizio Mariani (Aprilia)

Classifica[]

  • Bari e Grosseto rispettivamente con 7 e 6 punti di penalità.
  • Novara e Reggina con 3 punti di penalità.
  • Crotone e Modena con 2 punti di penalità.
  • Ascoli e Varese con 1 punto di penalità.
Classifica alla 17ª giornata di ritorno Pt
1uparrow green.svg 1. Sassuolo Sassuolo 80
1uparrow green.svg 2. Livorno Livorno 73
Noatunloopsong.png 3. Verona Verona 72
Noatunloopsong.png 4. Empoli Empoli 63
Noatunloopsong.png 5. 600px Azzurro con scudo Rosso crociato e stella Gialla.png Novara 59
Noatunloopsong.png 6. Varese Varese 55
7. Brescia Brescia 53
8. Modena Modena 51
9. Bianco e Rosso (Croce) e Rosso.png Padova 50
10. Giallo e Blu (Strisce).png Juve Stabia 48
11. Spezia Spezia 48
12. Ternana Ternana 47
13. Cittadella Cittadella 47
14. Crotone Crotone 47
15. Cesena Cesena 46
16. Bari Bari 44
17. Virtus Lanciano Virtus Lanciano 44
Noatunloopsong.png 18. 600px Amaranto con R bianca.png Reggina 42
Noatunloopsong.png 19. Bianconero ascolano.png Ascoli 40
1downarrow red.svg 20. Vicenza Vicenza 38
1downarrow red.svg 21. Pro Vercelli Pro Vercelli 31
1downarrow red.svg 22. Rosso e Bianco (Diagonale).png Grosseto 23


Le giornate del campionato di Serie B 2012-2013

 1ª ·   2ª ·   3ª ·   4ª ·   5ª ·   6ª ·   7ª ·   8ª ·   9ª ·  10ª ·  11ª ·  12ª ·  13ª ·  14ª ·  15ª ·  16ª ·  17ª ·  18ª ·  19ª ·  20ª ·  21ª
22ª ·  23ª ·  24ª ·  25ª ·  26ª ·  27ª ·  28ª ·  29ª ·  30ª ·  31ª ·  32ª ·  33ª ·  34ª ·  35ª ·  36ª ·  37ª ·  38ª ·  39ª ·  40ª ·  41ª ·  42ª

Collegamenti esterni[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 19, 2013

Ancora paura a Boston, sparatoria al MIT

Ancora paura a Boston, sparatoria al MIT

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

19 aprile 2013

Non si ferma l’ondata di terrore che ha avvolto la città di Boston dopo le due bombe scoppiate nel corso della maratona cittadina di pochi giorni fa. Ieri sera alle 23 ora locale (le 5 in Italia) nel campus del Massachusetts Institute of Technology (MIT) e più precisamente accanto all’edificio 32, meglio noto come Stata Center, è occorsa una violenta sparatoria che ha causato la morte di un agente di polizia.

Il Massachusetts Institute of Technology, una delle università più prestigiose al mondo se non la più prestigiosa, è situato nella città di Cambridge e si trova proprio di fronte al centro di Boston, dall’altro lato del Charles River, il fiume che separa le due cittadine.

Secondo le prime ricostruzioni due persone armate hanno aperto il fuoco contro un agente di polizia del campus, che stava rispondendo ad una segnalazione per una rapina in un negozio e che è poi deceduto all’ospedale per le ferite riportate durante lo scontro. I responsabili si sono poi allontanati su un’auto e sono stati braccati dalle forze di polizia a Watertown, a pochi chilometri di distanza. Le varie fonti riportano che nel corso di un’ulteriore sparatoria è rimasto seriamente ferito un altro agente di polizia e uno dei malviventi sia stato anch’egli colpito e quindi catturato, ma sia successivamente deceduto, mentre l’altro sospettato sarebbe ancora in libertà e la polizia starebbe ispezionando le zone limitrofe, abitazione per abitazione.

Il commissario di polizia di Boston Edward Davis, ha confermato, in una improvvisata conferenza stampa, l’esistenza di una correlazione con l’attentato terroristico di lunedì. Sembrerebbe infatti che il criminale ucciso nella sparatoria sia uno dei due sospetti individuati dall’FBI per le bombe posizionate durante la maratona, mentre l’altro indiziato sarebbe l’uomo ancora attualmente in fuga.

Nel corso della mattinata statunitense gli organi di polizia hanno individuato e reso note le generalità dei due malviventi: si tratta di due giovani fratelli di origine cecena, il ventiseienne Tamerlan Tsarnaev, rimasto ucciso nel corso della fuga, e Dzhokhar Tsarnaev, di anni diciannove ed ancora latitante. Da tempo i due fratelli risiedevano sul suolo americano, la famiglia era infatti fuggita dalla Cecenia durante la guerra per rifugiarsi in Kirghizistan; nel 2005 i due fratelli erano giunti negli Stati Uniti stabilendosi a Cambridge dove tutt’ora frequentavano la scuola e parevano, a detta dei conoscenti intervistati, ormai integrati nel tessuto sociale.


Fonti[]

Articoli correlati[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »