Vacanze: italiani sempre piú “infedeli” alla propria regione

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 25 agosto 2008

Piazza San Marco, una delle mete preferite dei turisti stranieri in Italia

Sempre meno italiani viaggiano in Italia, è il risultato di una ricerca dell’Eurostat.

Solo il 75% dei nostri concittadini sceglie l’Italia come meta delle vacanze, contro l’83% dei francesi e l’86% degli spagnoli. È un dato elaborato da Eurostat che ci comunica anche che gli italiani non conoscono bene le risorse turistiche del proprio paese. E le associazioni turistiche cercano di rimediare.

Invito alle istituzioni[]

Bernabò Bocca, presidente del Confturismo e Confcommercio ha invitato le istituzioni a riprende i lavori subito dopo la pausa estiva con il seguente commento: “occorre che l’Enit (acronimo di Ente Nazionale Italiano per il Turismo) promuova l’Italia anche agli italiani. Non dobbiamo infatti dimenticare come di tutti i pernottamenti alberghieri ed extralberghieri che l’Italia annualmente registra, quasi il 60% siano fatti segnare da connazionali, tanto che noi riteniamo giusto ed importante per l’economia del Paese che tale percentuale cresca. E per farlo occorre investire sull’immagine nazionale, realizzando iniziative promo-pubblicitarie che informino gli italiani sulle numerosissime località di svago o vacanza di un Paese che se conosciuto a fondo non potrà mai finire di stupire ed assecondare le esigenze di chiunque”.

Statistiche[]

I più “infedeli”[]

Da un’indagine fatta all’inizio dell’estate da Federalberghi, Confturismo e Confcommercio emergono questi risultati (per quanto riguarda le regione a maggiore densità abitativa) sui turisti italiani che non hanno scelto un paese straniero come meta di vacanza:

  • Piemontesi – quest’estate sono loro i più “infedeli”. Solo 2,9% di loro è rimasto in Piemonte, mentre, il restante 97,1%, come l’anno scorso hanno preferito altre regioni per trascorrere le loro vacanze.
  • Liguri – sono secondi in classifica con le percentuali molti vicini ai piemontesi.
  • Lombardi – occupano il terzo posto con 6,7% dei abitanti che passano vacanze in Lombardia.
  • Laziali – subito dopo ci sono i laziali con 13,6% dei vacanzieri che rimangono nella propria regione, quando 86,4% scelgono di spostarsi, in particolare in Toscana.
  • Campani – 85,8% hanno scelto di rilassarsi in altre regioni, in particolare in Puglia. Ovviamente il restante 14,2% ha scelto quest’anno di rimanere in Campania.

I più “fedeli”[]

Panorama di Alicudi e Filicudi.
Sicilia offre molte attrattive turistiche, sia culturali, che naturali.
  • Toscani – tra quelli che amano di più la propria terra quest’estate ci sono i toscani. Tra loro, il 70,4% ha apprezzato le risorse turistiche della propria regione, mentre solo 29,6% hanno attraversato i confini regionali (per di più verso Sardegna).
  • Siciliani – anche se sono molto distanti dai toscani, sono loro ad occupare il secondo posto tra i più “fedeli”: maggior parte di loro, 55,2% sono rimasti a casa.

Metodi di prenotazioni[]

Quest’anno gli italiani per prenotare le proprie vacanze, per di più si sono rivolte alle agenzie di viaggi (il 23,1%) ma sono numerosi anche quelli che prenotano via internet (il 22,7%). Il 20,2% ha preferito telefonare direttamente al proprio albergo, residence o agriturismo che sia. Il restante 17,9% non ha chiamato neanche: ha preferito di trascorrere le ferie nella propria casa delle vacanze o quella dei amici o parenti.


Fonti[]