Rugby Coppa del Mondo 2007: Nuova Zelanda – Italia 76 – 14

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 8 settembre 2007

VI Coppa del Mondo di rugby

Era noto che ad attendere gli Azzurri al Vélodrome di Marsiglia vi fosse un impegno proibitivo già prima di scendere in campo, ma la sconfitta contro gli All Blacks neozelandesi nella seconda giornata della Coppa del Mondo di rugby è di quelle dure, benché gli italiani possano andare soddisfatti di avere tenuto il campo fino all’ultimo minuto e di non aver mai rinunciato a cercare la meta: lo score finale parla di 11 mete (di cui 9 trasformate, più un piazzato) a 2 (trasformate) per la Nuova Zelanda, ma su questo pesa soprattutto il black-out azzurro nei primi 20’, in cui il punteggio è salito fino a 43-0. Da quel momento la squadra di Berbizier ha iniziato a reagire e a placcare più duro in mischia, i neozelandesi non hanno più marcato e, anzi, su un errore della propria difesa hanno permesso a Stanojevic di andare in meta (trasformata da Bortolussi) e chiudere il primo tempo 7-43.

Nel secondo tempo, l’Italia ha continuato a giocare in maniera più aggressiva sui portatori di palla, ma la superiore abilità tecnica dei neozelandesi alla lunga ha pesato, sebbene non in maniera così vistosa come nel primo tempo: se nella prima frazione, infatti, era bastato poco più di un minuto agli All Blacks per andare in meta, nella seconda ci hanno messo 11’, per poi arrotondare il punteggio intorno alla mezz’ora. Anche nel secondo tempo la meta di chiusura è stata italiana, con Mirco Bergamasco. Un’ulteriore meta di Galon a pochi minuti dal termine, inizialmente convalidata dall’arbitro inglese Barnes, è stata poi annullata dopo consulto con il giudice televisivo.

La Nuova Zelanda si porta subito in testa al girone C con 5 punti (4 + 1 di bonus per via delle mete segnate) mentre l’Italia rimane a 0. I prossimi impegni per gli Azzurri saranno contro la Romania, il Portogallo e soprattutto Scozia, sconfitta a Edimburgo nell’ultima edizione del Sei Nazioni.

Tabellino

Marsiglia, Vélodrome, 8 settembre 2007, ore 13:30

NUOVA ZELANDA – ITALIA 76-14 (43-7)

Marcatori: 2’ e 7’ McCaw mt (2 tr. Carter), 11’ Carter cp, 12’, 55’ e 59’ Howlett mt (2 tr. Carter), 15’ Muliaina (tr. Carter), 18’ e 28’ Sivitavu mt (2 tr. Carter), 38’ Stanojevic mt (tr. Bortolussi), 51’ Jack mt (tr. Carter), 69’ e 70’ Collins meta (1 tr. Carter), 71’ Mirco Bergamasco mt (tr. de Marigny).

NUOVA ZELANDA: MacDonald; Howlett, Muliaina, McAlister, Sivivatu; Carter (61’ Mauger), Kelleher (51’ Leonard); So’oialo, McCaw, Collins (44’ Tialata); Williams (55’ Lauaki), Jack; Hayman, Mealamu (51’ Oliver), Woodcock.
Allenatore: Graham Henry.

ITALIA: Bortolussi (67’ Galon); Robertson, Masi, Mirco Bergamasco, Stanojevic; de Marigny, Troncon (67’ Griffen); Mauro Bergamasco, Parisse, Zanni (41’ Vosawai); Dellapè (58’ Bernabò), Bortolami; Castrogiovanni (54’ Perugini), Ongaro (55’ Festuccia), Perugini (41’ Lo Cicero).
Allenatore: Pierre Berbizier.

ARBITRO: Flag of England (bordered).svg Wayne Barnes.

Fonti