Wiki Actu it

December 22, 2008

Israele: politica richiede una “difesa attiva” per destituire Hamas

lunedì 22 dicembre 2008

Wikinotizie di oggi
22 dicembre
Collabora con noi!
  • Scrivania
  • Portale:Comunità
  • Guida allo stile – come scrivere
  • Guida al contenuto – cosa scrivere

La decisione di Hamas di non rinnovare la tregua e una trentina di razzi caduti da venerdì scorso sul Neghev e Sderot, hanno spinto la politica israeliana ad esprimersi duramente, con toni che presegiscono una prossima operazione di “difesa attiva”.

Ieri il premier Ehud Olmert ha affermato: «Un governo responsabile non è mai ansioso di andare in battaglia ma nemmeno la teme. Noi prenderemo tutte le misure necessarie. Ho discusso la situazione col ministro della difesa e col ministro degli esteri: gli scenari sono chiari e il governo saprà cosa fare e quando».

Tzipi Livni, attualmente il Primo Ministro Designato: «Lo stato di Israele e l’esecutivo da me condotto avranno come obiettivo strategico il rovesciamento del governo di Gaza. I mezzi per arrivare a ciò devono essere militari, economici e diplomatici».

Anche Benjamin Netanyahu, del partito Likud, sostiene: «Dobbiamo passare dall’accettazione passiva del lancio di razzi sulle nostre città alla difesa attiva. Ormai è necessario. A termine non tollereremo più Hamas, una base iraniana vicina alle nostre città».

Le affermazioni di un attacco imminente sono rese più robuste dall’avvertimento fatto da Israele al segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon, che tramite la sua ambasciatrice all’Onu, Gabriella Shalev, ha sostenuto che reagirà duramente ai lanci di razzi dalla Striscia di Gaza.

Questa mossa, congiuntamente a quella di convocare gli ambasciatori accreditati in Israele per informarli della situazione, ha come scopo la preparazione dell’opinione pubblica all’eventualità bellica.

Da Gaza un portavoce della Jihad Islamica palestinese ha rivendicato il lancio dei razzi, sostenendo che gli abitanti israeliani non avranno quiete fino a quando resteranno chiusi i valichi.

Contemporaneamente scritte di odio verso arabi sono comparsi sulla moschea di Giaffa, a Tel Aviv. Un precedente nel 2005, quando era stata gettata ingiuriosamente la testa di un maiale contro un luogo di culto islamico: il responsabile venne condannato a nove mesi di prigione.

Articoli correlati

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

No Comments

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Powered by WordPress