Calcio, Euro2012: l’Italia raggiunge la Spagna in finale

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 29 giugno 2012

È l’Italia la seconda finalista di Euro 2012. Nella semifinale contro la Germania gli azzurri vincono 2-1 e si giocheranno il titolo domenica contro le furie rosse vincitrici contro il Portogallo e campioni in carica. Si tratta della terza finale della sua storia, per l’Italia, al torneo continentale: prima sono arrivati un successo (1968) e una sconfitta (2000).

La partita[]

L’Italia si schiera con la stessa formazione che ai quarti aveva battuto l’Inghilterra ai calci di rigore, con l’eccezione del rientrante Giorgio Chiellini a sinistra e Federico Balzaretti spostato a destra.

È la Germania, reduce da quindici vittorie consecutive, che inizia meglio. Prova a segnare infatti prima con Hummels (Pirlo salva sulla linea), poi Boateng esegue un cross e Barzagli manda fuori di poco dopo un rimpallo, quindi Buffon respinge un tiro da fuori area di Kroos. Quindi è l’Italia che prova a passare in vantaggio, con Cassano e Montolivo che da fuori area non centrano lo specchio della porta.

Il primo gol arriva al 20′: Cassano si smarca sul lato sinistro del campo e crossa a centro area per Balotelli che di testa segna la rete dell’1-0. Pochi minuti dopo Montolivo ha un’altra nitida palla gol fra i piedi ma si incarta e non riesce a concludere. Poi Buffon salva su un potente tiro da fuori area di Khedira.

Il secondo gol arriva ancora con Balotelli alla sua prima doppietta azzurra e al terzo gol nel torneo, che lo rendono il miglior marcatore dell’Italia in questa competizione e l’unico a segnare tre reti in una sola edizione: sul filo del fuorigioco, riceve un lungo lancio di Montolivo e da poco fuori area il suo tiro fa viaggiare la palla a 125 km/h che risulta imparabile per Neuer; l’attaccante esulta togliendosi la maglia e venendo ammonito.

Nel secondo tempo la Germania si presenta con due volti nuovi: Klose e Reus sostituiscono rispettivamente Gomez e Podolski; per l’Italia, dopo alcuni minuti, esce Cassano ed entra Diamanti. Una punizione di Reus viene respinta da Buffon sulla traversa e quindi alto, mentre nel finale l’Italia sciupa varie occasioni, come quella in cui Di Natale, nel frattempo subentrato, tira a lato dopo aver corso indisturbato per vari metri da solo. Nel recupero la Germania accorcia le distanze con Ozil che segna su calcio di rigore.

Fonti[]