A Barack Obama il Nobel per la pace

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 9 ottobre 2009

Barack Obama insieme a Wangari Maathai, premio Nobel per la pace nel 2004 (Nairobi, 2006)

Il premio Nobel per la pace 2009 sarà assegnato al presidente degli Stati Uniti d’America Barack Obama. Lo ha reso noto oggi il presidente del comitato che assegna il prestigioso premio, Thorbjørn Jagland. La motivazione recita che Obama ha meritato il riconoscimento «per i suoi sforzi straordinari volti a rafforzare la diplomazia internazionale e la cooperazione tra i popoli».

In una nota della commissione si legge anche che «molto di rado una persona è stata capace di dare speranza in un mondo migliore e di catturare l’attenzione del mondo quanto è riuscito a Obama», e che «come Presidente, Obama ha creato un clima nuovo nella politica internazionale: la diplomazia multilaterale ha riguadagnato una posizione centrale, con un’enfasi sul ruolo che le Nazioni Unite e le altre organizzazioni internazionali possono svolgere».

Sebbene lo stesso comitato riconosca come «il premio possa sembrare prematuro» e che l’agenda di Obama debba ancora fare i conti con numerosi nodi non facili da sciogliere, primo tra tutti lo stallo della situazione in Afghanistan, secondo lo statuto dello stesso comitato il premio deve essere assegnato a chi ha prodotto i massimi sforzi per la pace nell’anno precedente.

Gli altri premi Nobel 2009

  • Medicina o fisiologia: Elizabeth H. Blackburn, Carol W. Greider, Jack W. Szostak «per la scoperta di come i cromosomi sono protetti dai telomeri e dall’enzima telomerasi».
  • Fisica: Charles Kao «per il pionieristico progresso riguardante la trasmissione di luce in fibre ottiche per la comunicazione»; Willard Boyle e George E. Smith «per l’invenzione di un circuito semiconduttore per la raccolta di immagini – il sensore CCD».
  • Chimica: Venkatraman Ramakrishnan, Thomas A. Steitz, Ada E. Yonath «per gli studi sulla struttura e sulla funzione dei ribosomi».
  • Letteratura: Herta Müller, che «con la concentrazione di poesia e la franchezza della prosa ha rappresentato lo scenario degli espropriati».
  • Economia: sarà assegnato lunedì 12 ottobre.


Fonti