Ciclone Yasi colpisce l’Australia, per ora niente vittime

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 3 febbraio 2011

Immagini NASA da satellite che inquadrano Yasi avvicinarsi alla costa, 2 febbraio 2011

Nella notte il ciclone tropicale Yasi si è abbattuto sul nordest dell’Australia, nel Queensland. Alberi e abitazioni distrutte, tetti sradicati e black-out in diverse zone, ma tra la popolazione ancora non si registrano vittime.

Al contatto con la costa Yasi era classificato di categoria 5, la stessa del terribile uragano Katrina di quasi cinque anni fa, con raffiche di vento a 290 chilometri all’ora. Mentre si spostava nell’entroterra la sua intensità è però scemata a 65 Km/h, ed è stato declassato a categoria 2.

Più di 400 mila persone sono state evacuate dalle zone a rischio, e ad essere in pericolo ora sono le coltivazioni di canna da zucchero delle città di Cairns e Townsville, già colpite dalle piogge torrenziali delle ultime settimane.

Di fronte alla devastazione la memoria della nazione torna al ciclone Tracy, che colpì Darwin la notte del Natale 1974, e al ciclone Larry, altro fenomeno da categoria 4 che colpì Innisfail nel 2006.

Secondo previsioni NASA e del dipartimento di meteorologia australiano, Yasi dovrebbe placarsi nel giro di un paio di giorni.


Fonti[]