Europa League: Juventus ai quarti, Fiorentina e Napoli eliminate

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 22 marzo 2014

Giovedì 20 marzo 2014 si sono giocati gli incontri validi per il ritorno degli ottavi di finale di Europa League.

A Valencia Paco Alcácer (V) decide la sfida tra gli spagnoli e il Ludogorec, che esce dalla competizione (4-0 complessivo). Ai quarti approda anche il Porto che pareggia a Napoli, escludendo i partenopei dal torneo: Pandev (N) illude il Napoli segnando con un pallonetto. La sfida è dominata dalla squadra italiana, quindi Luís Castro decide di inserire l’ala Ghilas al posto di Varela al 66′: la sostituzione si rivela azzeccata e 3′ più tardi, Fernando recupera la palla a centrocampo dopo un fallo su Martínez – l’arbitro Atkinson fa proseguire il gioco per il vantaggio – e serve Ghilas, che infila Reina sul primo palo. Al 76′ Quaresma (ex Inter ora in forza al Porto) s’inventa il gol della giornata: riceve la sfera ai sedici metri, supera Behrami, Ghoulam e Inler nello stretto e tira nel sette, battendo Reina. Nel finale, il neo entrato Zapata (per Higuain) segna il 2-2: Porto ai quarti (3-2 complessivo). Incontro teso alla Red Bull Arena di Wals-Siezenheim tra il Salisburgo e gli svizzeri del Basilea: al 9′ Suchý (B) si fa espellere, lasciando i suoi in inferiorità numerica per quasi tutto l’incontro; gli austriaci passano al 22′ con un inserimento ben concretizzato di Soriano (S); verso la mezz’ora l’arbitro della sfida, Gräfe, sospende l’incontro a causa dei lanci di oggetti nel campo effettuato dai tifosi svizzeri; il gioco è ripreso e il primo tempo si conclude in parità. Nella ripresa gli svizzeri rimontano, prima pareggiando con Streller al 50′ poi siglando l’1-2 con Sauro al 60′. Nel finale Alan (S) è espulso. Gli austriaci, per la prima volta in questa edizione, perdono la partita, e a fine gara si contano 9 cartellini gialli estratti e due rossi. In Russia l’AZ rimedia uno 0-0 contro l’Anži e vola ai quarti grazie all’1-0 conseguito nell’incontro d’andata.

A Pilsen il Viktoria Pilsen è costretto all’impresa contro il Lione: nei minuti di recupero del primo tempo Gomis (L) porta i francesi in vantaggio ma nella ripresa Kolář (V) e Tecl (V) – che al 70′ tira un rigore sul palo – ribaltano il punteggio consentendo ai cechi di chiudere degnamente la competizione (5-3 complessivo). A Lisbona il Benfica passa in vantaggio contro il Tottenham con la rete di Garay (B) ma nella ripresa il belga Chadli (T) sale in cattedra e in 1′ tra il 76′ e il 77′ firma prima il pari poi l’1-2; al 95′, nonostante l’assalto inglese, Lima (B) firma su rigore il 2-2 finale (5-3 totale) che consente ai portoghesi di passare il turno. A Firenze Pirlo (J) realizza una punizione al 70′ su fallo di Rodriguez che permette alla Juventus di accedere ai quarti (2-1 totale). Il Siviglia rimonta il 2-0 patito all’andato contro i cugini del Real Betis con le reti di Reyes e di Bacca. La sfida è decisa ai rigori: dagli undici metri Vitolo (S) sbaglia, segnano Rubén Castro (R), Coke (S), Salva Sivilla (R), Gameiro (S), Antonio Amaya (R) e Alberto Moreno (S) prima dell’errore di N’Daye (R); Rakitić (S) trasforma il proprio penalty quindi, a seguito dell’errore decisivo di Nono (R) il Siviglia raggiunge i quarti di finale (2-2, 4-3 dopo i rigori).

Dopo dieci giornate (le sei della fase a gironi più i sedicesimi e gli ottavi) solo l’AZ rimane imbattuta. Soriano (Salisburgo) è il capocannoniere della competizione con 8 gol.

Sorteggiati i quarti a Nyon (Svizzera): saranno AZ-Benfica, Lione-Juventus, Basilea-Valencia e Porto-Siviglia.


Fonti[]

  • «Matches»UEFA.com, 20 marzo 2014