Onu: voto favorevole alla moratoria contro la pena di morte

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 16 novembre 2007

Nella tarda serata italiana di ieri, la Terza Commissione dell’assemblea generale dell’ONU ha approvato la risoluzione L29 contro la pena di morte, presentata da Nuova Zelanda e Brasile e di cui l’Italia è la principale sostenitrice, con 99 voti a favore, 52 contrari e 33 astenuti. La maggioranza necessaria affinché la risoluzione passasse era di 97 voti e ora toccherà all’assemblea generale esprimere il proprio parere, entro la metà del mese di dicembre.

La sede dell’ONU a New York, dove ieri si è svolta la votazione

L’Italia già in passato aveva proposto delle risoluzioni contro la pena di morte, nel 1994, 1999 e 2003, ma in tutti i casi furono rigettate. Massimo D’Alema, Ministro degli Esteri e Vice Presidente del Consiglio, non ha nascosto la propria gioia riguardo all’esito favorevole di questa votazione:

« Il voto della Terza Commissione costituisce un passo decisivo verso l’adozione definitiva della risoluzione da parte della plenaria dell’Assemblea Generale, che dovrebbe avvenire nel mese di dicembre. L’Italia conferma di essere in prima linea nel mondo in materia di tutela dei diritti umani la lotta contro la pena di morte a livello internazionale è uno dei temi prioritari di politica estera, che vede impegnati Governo, Istituzioni, forze politico-parlamentari e organizzazioni non governative in una campagna corale, convinta e tenace che ha prodotto un primo, rilevante risultato. »

Intanto, proprio ieri, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha bloccato l’esecuzione di un’iniezione letale in Florida nei confronti di Mark Dean Schwab, accusato di violenza e omicidio di un bambino di 11 anni, che sarebbe dovuta essere effettuata alle ore 18 locali (mezzanotte in Italia).

Articoli correlati[]

  • «L’Onu approva la moratoria sulla pena di morte» – Wikinotizie, 18 dicembre 2007

Fonti[]