Smacco americano: Onaga è il governatore di Okinawa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 16 novembre 2014

Smacco americano alle elezioni del governatore a Okinawa: vince a sorpresa l’ex sindaco di Naha, Takeshi Onaga battendo agli scrutini il governatore uscente Hirokazu Nakaima, appoggiato da Abe. Per il premier nipponico, questa sconfitta rappresenta la prima del partito a cui appartiene e soprattutto è una sconfitta che pesa anche nei rapporti di Tokyo con Washington D.C. perché ad Okinawa esiste una base americana che accoglie circa 47mila soldati statunitensi. Onaga si oppone fortemente ai piani concordati dal Governo Centrale e da Washington perché vorrebbero ridare all’isola un riassetto del dispositivo militare statunitense e i cittadini l’hanno scelto perché Nakaima si era fatto convincere da Abe ad accettare questo progetto in cambio di sussidi annuali per circa 300 miliardi di yen per l’isola; infatti i piani di ridisclocamento dei Marines risalgono al 1996 ma finora non c’erano stati dei progressi concreti, continuando ad ospitare i soldati nella base statunitense di Futenma. Secondo gli accordi tra Tokyo e Washington d.C., Futenma verrebbe chiusa e al suo posto sorgerebbe una nuova base con tanto di aeroporto a Henoko; questa pesante sconfitta sarà una nuova sfida da affrontare per il premier Abe, dopo lo scandalo dei conti delle due ministre e dello scandalo che ha coinvolto un ministro a proposito di un festino a luci rosse. Al summit del G20 a Sidney,in Australia, Obama e il premier nipponico si sono incontrati ribadendo la sua volontà di “promuovere il riallineamento delle forze militari statunitensi nel Pacifico” chiedendo anche al premier australiano Tony Abbott per creare una relazione trilaterale al fine di promuovere una relazione di conoscenza per migliorare i rapporti nella regione Asia-Pacifico e garantire un benessere collettivo. Mentre Okinawa si gode la vittoria contro la “tangente” di Abe, il premier dovrà affrontare le elezioni anticipate per la Camera Bassa il 17 dicembre e chissà se queste elezioni non ci riserveranno delle sorprese anche per il cambiamento che sta coinvolgendo il paese nipponico da due mesi.

Fonti[]

|autore = |url = |titolo = Giappone:Sconfitta elettorale per Abe a Okinawa |agenzia = Metro 24 |data = 16 novembre 2014