Pecoraro Scanio ride ai funerali dei caduti di Nassiriya

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

2 maggio 2006
A Roma il presidente dei Verdi Alfonso Pecoraro Scanio è stato fotografato mentre, assieme a Vasco Errani (presidente della Regione Emilia-Romagna), ride tirando fuori la lingua nella Chiesa di S. Maria degli Angeli durante i solenni funerali dei tre caduti nell’Attentato a Nassiriya del 27 aprile 2006.

La pubblicazione della foto, avvenuta prima su Il Giornale e Libero e riportata poi sui maggiori quotidiani nazionali, ha suscitato una scia di polemiche. Il centrodestra ha attaccato il gesto del leader dei Verdi. Luca Volontè (UDC) afferma: “Irridere i morti di Nassiriya è indecente per chiunque. Una vergogna al pari dei cori macabri del centri sociali”, mentre il leghista Calderoli rincara la dose: “Mi auguro sinceramente che la foto e il commento di Libero sulla foto che ritrae Vasco Errani e Alfonso Pecoraro Scanio durante i funerali dei nostri caduti a Nassiriya siano soltanto un falso di pessimo gusto. Diversamente gli interessati dovrebbero sparire non soltanto dalla scena politica, ma anche da quella delle persone civili, perché indegni di appartenervi”.

Successivamente i Verdi con un comunicato parlano di “una grave strumentalizzazione messa in piedi per attaccare il presidente Alfonso Pecoraro Scanio” e di “indegna campagna che mette in dubbio il dolore autentico e sincero dei Verdi per le vittime dell’agguato di Nassiriya. Negare l’onestà dei sentimenti del presidente dei Verdi è profondamente offensivo ed è una forma di imbarbarimento del confronto politico e dell’informazione”.

Anche Errani dice di sentirsi “profondamente offeso e diffamato dalla campagna che “Libero” e “Il Giornale” provano a inventare”. E aggiunge: “Negare l’onestà dei miei sentimenti e della mia partecipazione a Santa Maria degli Angeli come sa bene chi mi conosce, è una vergogna e una forma di imbarbarimento del confronto che io rifiuterò sempre”.

Fonti