Elezioni politiche italiane 2008, Piceno: Veltroni batte Berlusconi. UDC e SA bocciati

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 15 aprile 2008

La Provincia di Ascoli Piceno, dopo la giornata di ieri passata tra exit-poll poco affidabili, proiezioni e dati ufficiali che davano una parità tra i due partiti, alla fine, i dati definitivi hanno dato il Partito Democratico di Walter Veltroni vincente, sia alla Camera dei Deputati che al Senato della Repubblica.

Per il Senato hanno votato 122.410 aventi diritto per un’affluenza dell’81,63%, mentre per la Camera si sono recati al voto 134.073 aventi diritto, con un’affluenza dell’82,03%.

È stato un testa a testa, ed ha visto la provincia divisa a metà, tra città di destra e di sinistra. Il dato alla Camera ha visto la coalizione di Walter Veltroni al 43,15% mentre quella di Silvio Berlusconi al 39,38%, con una UDC decisamente sotto le aspettative rispetto alle scorse elezioni (6,63%). A seguire, si è affermata sopra la Sinistra Arcobaleno (3,15%), La Destra che ha ottenuto il 3,61%. Per il Senato, il PD insieme all’Italia dei Valori ha ottenuto il 43,57%, mentre il Popolo della Libertà insieme alla Lega Nord ha ottenuto il 40,77%. A seguire, l’UDC con il 6,47% ed una debole Sinistra Arcobaleno, al 3,169%, seguita a ruota da La Destra con il 3,161%.

Nonostante i risultati non di certo convincenti, visti i dati dell’opposizione molto vicini, Mauro Gionni, coordinatore provinciale del Partito Democratico si è comunque complimentato con i giovani che hanno potuto contribuire alla realizzazione di una campagna elettorale, che ha potuto determinare il risultato finale.

Gli unici a rimanere a bocca asciutta, sono stati l’Unione di Centro e la Sinistra Arcobaleno fortemente in calo in questa provincia, rispetto al 2006.

Fonti