Previsioni del tempo per venerdì 25 luglio 2008

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 24 luglio 2008

Previsioni del tempo sull’Italia per domani venerdì 25 luglio 2008.

Italia settentrionale[]

Weather-few-clouds.svg Weather-few-clouds.svg

Sulle regioni settentrionali il cielo è previsto generalmente sereno o poco nuvoloso, con probabile sviluppo di nuvolosità cumuliforme ad evoluzione diurna, che potrà dar luogo nelle ore più calde della giornata a locali fenomeni a carattere temporalesco sulle zone alpine e prealpine centro-orientali. Tra il tardo pomeriggio e la serata è previsto un graduale peggioramento sull’arco alpino occidentale, con possibili temporali sparsi tra la serata e la nottata.

Italia centrale[]

Weather-clear.svg Weather-clear.svg

Sulle regioni centrali e sulla Sardegna sono previste generali condizioni di tempo soleggiato, con moderato sviluppo di nubi imponenti ad evoluzione diurna sui rilievi appenninici del versante orientale, ma con scarsa probabilità di fenomeni ed in graduale dissoluzione tra il tardo pomeriggio e la serata.

Italia meridionale[]

Weather-clear.svg Weather-few-clouds.svg

Sulle regioni meridionali e sulla Sicilia il cielo è previsto generalmente sereno o poco nuvoloso, con qualche nube cumuliforme che potrebbe attardarsi tra i rilievi dell’Appennino meridionale e la Puglia, ma con scarsa probabilità di fenomenologia associata ed in ulteriore graduale miglioramento tra il tardo pomeriggio e la serata.

Temperature, venti e mari[]

Le temperature sono previste in generale aumento, più sensibile nei valori minimi sulle regioni settentrionali e nei valori massimi su quelle centrali e meridionali.

I venti sono previsti da deboli a moderati da ovest sulle regioni centrali e meridionali, mentre sulle regioni settentrionali si prevedono deboli di direzione variabile. Nel corso della giornata i venti tenderanno a disporsi da ostro sulla Sardegna e sui bacini circostanti l’isola, mentre sul Mar Ligure tenderanno ad orientarsi da libeccio e a rinforzare.

I mari sono previsti mossi il Mar Ligure, l’Adriatico meridionale, lo Jonio; da poco mosso a mosso il Mar Tirreno, genralmente poco mossi tutti gli altri mari.


Fonti[]