Wiki Actu it

May 5, 2008

Wikipedia: Striscia di Gaza

Filed under: — admin @ 1:30 pm

Coordinate: 31°25′N 34°20′E / 31.417, 34.333

Mappa della Striscia di Gaza
Mappa della Striscia di Gaza

Col termine Striscia di Gaza (in arabo قطاع غزة traslitterazione: Qita’ Ġazzah/Qita’ Ghazzah, in ebraico: רצועת עזה Retzu’at ‘Azza) si indica un territorio confinante con Israele e Egitto nei pressi della città di Gaza. Si tratta di una piccola regione costiera (una striscia di circa 360 km² di superficie) ma densamente popolata (circa 1.500.000 abitanti, di cui oltre il 99% palestinesi).

Le principali città sono Gaza (in arabo Ghazzah) e Rafaḥ.

L’area dell’odierna Striscia di Gaza coincide approssimativamente con la Filistia biblica (in ebraico: פלשת Peleshet), abitata dai Filistei (in ebraico: פְלִשְׁתִּים felištīm). Questi erano una popolazione del Medio Oriente antico insediatisi lungo la costa mediterranea approssimativamente intorno al 1175 a.C.. Gli studiosi ipotizzano una possibile continuità culturale tra i Filistei e le popolazioni cretesi pre-greche. Della guerra tra gli Israeliti ed i Filistei, è notissimo dalla Bibbia l’episodio dello scontro tra Davide e Golia. Nell’anno 135 riprendendo l’antico nome dei Filistei l’imperatore romano Adriano rinominò Palestina tutta quella provincia dell’Impero. La denominazione romana, adattata alla fonetica della lingua araba giunta nell’area con l’espansione dell’Islam, è alla base del nome arabo Filasṭīn (in arabo فلسطين), che significa appunto Palestina.

I suoi confini furono definiti dalle Nazioni Unite seguendo la linea dell’armistizio dopo la guerra del 1948 tra Egitto e Israele; fu dapprima occupata e amministrata militarmente dall’Egitto fino al 1967, poi da Israele dopo la sua vittoria nella Guerra dei Sei Giorni. Con gli Accordi israelo-palestinesi di Oslo del 1993, la “Striscia” fu posta sotto il controllo della costituenda Autorità Nazionale Palestinese.

Il 14 agosto 2005 il governo israeliano ha disposto l’evacuazione della popolazione israeliana dalla “Striscia” e lo smantellamento delle colonie che vi erano state costruite.

Il 15 agosto ebbe inizio l’operazione “Mano tesa ai fratelli”, che tendeva a conseguire pacificamente lo sgombero dei coloni israeliani insediatisi nelle Striscia di Gaza e in alcuni insediamenti della Cisgiordania. I soldati israeliani passarono casa per casa, tentando di convincere i coloni rimasti a partire.

Il governo israeliano ordinò ad ogni colono di nazionalità israeliana di abbandonare gli insediamenti entro la mezzanotte, considerando chiunque fosse rimasto oltre il limite prefissato in condizione di illegalità. Dopo la mezzanotte, il governo concesse due giorni di tolleranza, durante i quali le colonie furono progressivamente circondate da 40.000 militari e poliziotti israeliani, in un’area in cui la concentrazione di abitanti per metro quadrato rappresentava una delle più alte in assoluto di tutto il globo, con l’intuibile degrado dei servizi e la scadentissima qualità della vita.

Tutti i coloni che partirono entro la mezzanotte del 16 agosto, ebbero la possibilità di utilizzare mezzi propri e si videro riconosciuto il diritto all’indennizzo stanziato dal governo. Trascorsi i due giorni di tolleranza, dalla mezzanotte del 17 agosto ebbe inizio l’evacuazione forzata: i militari furono autorizzati ad imballare ed a caricare in container beni e mobili rimasti nelle case. I coloni ancora presenti furono spostati di forza dagli insediamenti.

Nella colonia di Nevé Dekalim, l’insediamento più importante della regione, si sono avuti gli scontri più violenti. Qui vivono più di 2.600 persone. In serata era circondato dalla polizia e dai militari. Secondo fonti da verificare un portavoce dell’esercito, parlando degli elementi israeliani più oltranzisti che rifiutavano di abbandonare il territorio palestinese occupato dal 1967, affermò che «il nostro problema non sono gli abitanti originari ma i militanti contrari all’evacuazione che si sono infiltrati illegalmente a Gaza».

Lo sgombero della Striscia terminò il 22 agosto, con il trasferimento delle ultime famiglie della colonia di Netzarim. I soldati impegnati nell’evacuazione furono trasferiti in Cisgiordania, dove vennero evacuati i coloni di Hamesh e Sa-Nur.

L’11 settembre, con una cerimonia molto sobria svoltasi presso i resti della colonia di Nevé Dekalim, i comandanti militari di Israele ammainarono la loro bandiera a Gaza. Verso sera, lunghe colonne di mezzi militari israeliani abbandonarono la Striscia.

Il 12 settembre il territorio della Striscia di Gaza passò in mano palestinese, e gli abitanti ebbero accesso alle aree che erano state loro precedentemente vietate. Alcuni palestinesi ne approfittano per vendicarsi dell’occupazione dando fuoco alle sinagoghe abbandonate e a circa 10 milioni di dollari di infrastrutture fra cui serre per coltivazioni.

Tuttavia, già da diversi anni prima, lo Stato di Israele aveva circondato il territorio di Gaza con un muro invalicabile sorvegliato militarmente, che nel corso degli anni fino al 2008 è diventato non una singola barriera, ma un articolato complesso di centinaia di km di calcestruzzo, reticolati sotto tensione, apparati di videosorveglainza e di sparo, che avvolge e controlla singole comunità palestinesi, privandole di sbocchi vitali per il lavoro e la sopravvivenza, e annettendo di fatto allo Stato di Israele numerose porzioni di territorio. Il controllo ferreo dei pochissimi varchi lasciati nel muro consente a Israele di bloccare ogni movimento da e per Gaza, compresi gli aiuti umanitari di cui la popolazione palestinese privata quasi di ogni mezzo di sussistenza anche più elementare (cibo, carburante, medicine) avrebbe disperato bisogno. Nonostante le molte voci che hanno denunciato la catastrofe umanitaria, ad aprile 2008 il blocco israeliano permane senza allentamenti.[citazione necessaria]

Scontri tra Hamas e Fatah

Durante il mese di giugno 2007 la tensione tra Hamas, uscita vincitrice dalle elezioni, e al-Fatah, il partito del presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese, sfocia in scontri aperti tra le due fazioni che in pochi giorni fanno un centinaio di morti.

Il 14 giugno 2007 Hamas conquista la sede militare dell’Anp arrivando di fatto al controllo dell’intera Striscia di Gaza.

Il 1 marzo 2008, l’esercito dello Stato di Israele, dopo avere per mesi attuato missioni di guerra e assassinii mirati contro esponenti palestinesi giudicati particolarmente pericolosi alla sua sicurezza, invade direttamente l’area con forze blindate e aeree.

Altri progetti

  • Collabora a Wikinotizie Articolo su Wikinotizie: Crisi energetica a Gaza: disattivata la centrale elettrica 21 gennaio 2008

Voci correlate

  • Beit Hanoun
  • Conflitto Fatah-Hamas
  • Storia di Gaza
This text comes from Wikipedia. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikipedia.

No Comments

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Powered by WordPress