Wiki Actu it

January 6, 2009

Wikipedia: Operazione Piombo fuso

Filed under: — admin @ 5:13 pm
Operazione Piombo fuso
Parte dei conflitto Israele-Striscia di Gaza
Data: 27 dicembre 2008 – oggi
Luogo: Striscia di Gaza – Sud d’Israele
Esito:
Casus belli: Interruzione della tregua da parte di Hamas, lancio di razzi nel sud d’Israele
Schieramenti
bandiera Israele (IDF) Hamas
Jihad islamica palestinese
Comandanti
Bandiera d'Israele Ehud Barak (DefMin)
Bandiera d'Israele Gabi Ashkenazi (CoS)
Bandiera d'Israele Yoav Galant (CSC)
Ismail Haniyeh
Mahmud al-Zahar
Ahmed al-Ja’abari
Osama Mazini
Effettivi
176.500 (10.000 riservisti)[1] 20.000 militanti (totale) [2]
Perdite
Morti: 4 (1 soldato, 3 civili)[3]
Feriti:
~60 civili [senza fonte]
~30 soldati[4]
Uccisi: 464[5] (~75% polizia, forze di sicurezza e militanti[6], ~25% civili)
~35 sospetti collaboratori di Fatah uccisi da Hamas secondo il Jerusalem Post[7]
Feriti: 2.200[8]
1 guardia di confine egiziana uccisa e 1 ferita da palestinesi [9]

L’operazione “Piombo Fuso” (ebraico: מבצע עופרת יצוקה, Mivtza Oferet Yetzukah) è una campagna militare lanciata dall’esercito israeliano negli ultimi giorni del 2008 ai danni di cellule dell’organizzazione islamica Hamas, responsabili del lancio di razzi in atto dal 2001. Questi ultimi da postazioni installate nel nord della Striscia di Gaza raggiungono insediamenti abitativi e cittadine del sud di Israele, provocando danni ad abitazioni e altre infrastrutture urbane, nonché un certo numero di vittime.

Indice

Origine dell’attacco

Per approfondire, vedi la voce Conflitto_Israele-Striscia_di_Gaza#Tregua.

La reazione israeliana è stata provocata dalla violazione della tregua di sei mesi stabilita con Hamas da parte di quest’ultima, quando il 19 dicembre ha deciso il ripristino del lancio di razzi e attacchi d’artiglieria da Gaza,[10] che, secondo la stessa Hamas, sarebbero stati realizzati in risposta al continuo blocco della Striscia di Gaza che sarebbe stato operato da Israele.[11]

L’operazione è scattata il 27 dicembre 2008 (11:30 ora locale, 9:30 UTC) dopo il completamento della raccolta di informazioni di intelligence proseguita per un periodo di tempo imprecisato. La prima parte dell’azione è consistita nell’abbattimento da parte dell’aviazione di vari punti di alto profilo militare e altri obiettivi sospettati di essere legati al governo di Hamas. [12][13][14]

L’obiettivo dichiarato di Israele è di distruggere Hamas e inibirne la capacità offensiva, affinché non possa più essere nelle condizioni di effettuare il lancio di razzi e colpire obiettivi civili israeliani.[15][16]

Dinamiche

I raid aerei israeliani a partire dal 27 dicembre 2008 hanno provocato circa 400 morti, dei quali 100 sono civili, mentre dalla Striscia di Gaza continua il lancio di razzi Qassam e Grad nel sud d’Israele.[17]

Nell’arco di tempo che va dal 31 dicembre 2008 al 3 gennaio 2009, i raid di Israele hanno ucciso un leader politico di Hamas, Nizar Rayyan, e altre due figure di rilievo, fra cui un non meglio precisato alto comandante del braccio armato di Hamas.[18]

Proteste internazionali in Tanzania

Successivamente, all’alba della mattina del 3 gennaio 2009 Israele ha cominciato a colpire Hamas con colpi di artiglieria, provenienti da mezzi stanziati a poche centinaia di metri dal confine con Gaza, preannunciando un’azione di terra. Già il 3 gennaio a Gaza il sistema sanitario era collassato; a 250.000 abitanti mancava l’elettricità mentre l’acqua corrente era disponibile a intermittenza ed essendo stato colpito il principale canale fognario gli scoli avevano occupato le strade. Per via dei 18 mesi di embargo, mancavano gas e carburante e scarseggiavano anche farina, riso, zucchero, latticini e conserve, mentre il 46% dei bambini soffriva di anemia acuta.[19]

Alle 20:00 circa (ora locale) del 3 gennaio Israele è penetrata con truppe armate, carri e mezzi blindati di vario tipo, all’interno della Striscia di Gaza da tre punti, dando inizio ai primi scontri a fuoco, e riuscendo ad assumere il controllo di alcune postazioni di lancio dei razzi Qassam.[20]

Nella mattina successiva all’inizio dell’azione di terra, le forze speciali dello stato d’Israele sono penetrate fin nella zona urbana periferica di Gaza, in particolare nella frequentata area commerciale.[21] I conflitti con i miliziani di Hamas hanno provocato un numero elevato di morti e feriti soprattutto da parte palestinese, mentre da quella israeliana poche decine di feriti. Attualmente la città di Gaza risulta parzialmente accerchiata dalle forze armate israeliane e aspri combattimenti hanno avuto luogo nelle zone di Beit Hanun e Beit Lahia. Sono segnalati scontri a fuoco all’altezza di Jabalya, nel nord, e nel quartiere di Zeitoun, a est di Gaza City.[22] Quest’ultima è stata complessivamente isolata dal sud del territorio, privando così i combattenti di Hamas di eventuali rifornimenti di armi e munizioni. L’offensiva tuttavia non ferma i razzi; questi continuano ad essere sparati da postazioni nascoste e a raggiungere il Negev israeliano.[23] [24]

Il 6 gennaio gli scontri si estendono fino ala città di Khan Younis situata a sud della striscia di Gaza e considerata roccaforte di Hamas. Nel contempo continuano i lanci di razzi verso Israele che colpiscono arrivano fino alla cittadina di Gedera a 30 km da Tel Aviv.[25]

Note

  1. ^ BARZAK, Ibrahim, Josef FEDERMAN. “Israel blasts Hamas targets, diplomacy gains steam”, Google, 2009-01-03. URL consultato il 2009-01-03.
  2. ^ ABC News: Israeli Troops Mobilize as Gaza Assault Widens. Abcnews.go.com. URL consultato il 2008-12-28.
  3. ^ Sources: Gaza death toll from Israeli offensive exceeds 375 CNN.
  4. ^ (EN) IAF kills 2 senior Hamas terrorists
  5. ^ Israeli ground troops enter Gaza Al-Jazeera. 2009-01-02.
  6. ^ Secondo stime dell’ONU citate in “Escalation Feared as Israel, Continuing Bombing, Lets Foreigners Leave Gaza”, New York Times, January 2, 2008.
  7. ^ Hamas moves on Fatah Collaborators Jerusalem Post. 2009-01-02.
  8. ^ Kerishner; Taghreed El-Khodary. Israel Allows Foreigners to Leave Gaza. New York Times, January 2, 2009
  9. ^ סוכנויות הידיעות. Hebrew קצין מצרי נהרג מירי אנשי חמאס סמוך למעבר רפיח. nana10.co.il. URL consultato il 2009-01-01.
  10. ^ Robert Berger. “Tensions Rise as Hamas Ends Truce With Israel”, ‘VOA News’. URL consultato il December 19, 2008.
  11. ^ Israeli jets target Gaza tunnels. BBC news, December 28, 2008. URL consultato il December 28, 2008.
  12. ^ “Israel braced for Hamas response”, BBC, 01-01-2009.
  13. ^ http://news.bbc.co.uk/1/hi/world/middle_east/7804051.stm
  14. ^ “Israel vows war on Hamas in Gaza”, BBC, December 30, 2008. URL consultato il December 30, 2008.
  15. ^ JPost Staff. “Barak: Operation Cast Lead will continue until all aims are met”, ‘The Jerusalem Post’. URL consultato il December 30, 2008.
  16. ^ Infolive television. The live television from Jerusalem
  17. ^ Striscia di Gaza: Israele lancia volantini. Centrale nucleare a rischio razzi, 2 gennaio 2009
  18. ^ Striscia di Gaza: 400 morti. Voci di una tregua, poi Hamas smentisce, 2 gennaio 2009
  19. ^ Vedi il manifesto, 4 gennaio 2009, p. 2 (Le truppe invadono Gaza) e 4 («Un crimine terribile»).
  20. ^ Striscia di Gaza: Israele inizia l’offensiva via terra, 3 gennaio 2009
  21. ^ L’esercito israeliano spara a Gaza City in centro commerciale: «Morti civili», Corriere della sera, 4 gennaio 2009.
  22. ^ Israele attacca, i carri entrano a Gaza, La Stampa
  23. ^ Israele avanza su Gaza, bombardati 30 obiettivi. In Egitto la delegazione europea, Rai News24
  24. ^ Gaza City parzialmente circondata Barak: «L’operazione continua», Corriere della Sera
  25. ^ Israele assedia la roccaforte di Hamas. Corriere.it, 6-1-2009. URL consultato il 6-1-2009.

Voci correlate

  • Conflitto Israele-Striscia di Gaza

Altri progetti

  • Collabora a Commons Wikimedia Commons contiene file multimediali su Operazione Piombo fuso

Wikinotizie

  • Collabora a Wikinotizie Articolo su Wikinotizie: Striscia di Gaza: terzo giorno di offensiva terrestre israeliana. Razzi a 40 km da Tel Aviv 6 gennaio 2009
  • Collabora a Wikinotizie Articolo su Wikinotizie: Striscia di Gaza: Israele inizia l’offensiva via terra 3 gennaio 2009
  • Collabora a Wikinotizie Articolo su Wikinotizie: Striscia di Gaza: Israele lancia volantini. Centrale nucleare a rischio razzi 2 gennaio 2009
  • Collabora a Wikinotizie Articolo su Wikinotizie: Striscia di Gaza: Israele prepara l’assalto via terra. ANP pronto a riprendere il controllo dell’area 28 dicembre 2008
  • Collabora a Wikinotizie Articolo su Wikinotizie: Striscia di Gaza: iniziata l’offensiva israeliana 27 dicembre 2008
This text comes from Wikipedia. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikipedia.

No Comments

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Powered by WordPress