Wiki Actu it

April 6, 2009

Wikipedia: Matrix

Filed under: — admin @ 11:22 pm
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la trasmissione televisiva di Enrico Mentana, vedi Matrix (programma televisivo).

Matrix


Una scena del trailer
Titolo originale: The Matrix
Lingua originale: {{{linguaoriginale}}}
Paese: USA/Australia
Anno: 1999
Durata: 136 min
Colore: colore
Audio: sonoro
Rapporto: 2.35:1
Genere: azione, fantascienza
Regia: Andy Wachowski, Larry Wachowski
Soggetto: Andy Wachowski, Larry Wachowski
Sceneggiatura: Andy Wachowski, Larry Wachowski
Produttore: {{{nomeproduttore}}}
Produttore esecutivo: {{{produttoreesecutivo}}}
Casa di produzione: Warner Bros
Distribuzione (Italia): Warner Bros
Storyboard: {{{nomestoryboard}}}
Art director: {{{nomeartdirector}}}
Character design: {{{nomecharacterdesign}}}
Mecha design: {{{nomemechadesign}}}
Animatori: {{{nomeanimatore}}}
Interpreti e personaggi
  • Keanu Reeves: Thomas Anderson/Neo
  • Laurence Fishburne: Morpheus
  • Carrie-Anne Moss: Trinity
  • Hugo Weaving: Agente Smith
  • Gloria Foster: l’Oracolo
  • Joe Pantoliano: Cypher
  • Marcus Chong: Tank
  • Julian Arahanga: Apoc
  • Matt Doran: Mouse
  • Belinda McClory: Switch
  • Anthony Ray Parker: Dozer
  • Paul Goddard: Agente Brown
  • Robert Taylor: Agente Jones
Doppiatori originali:
{{{nomedoppiatorioriginali}}}
Doppiatori italiani:
  • Luca Ward: Thomas Anderson/Neo
  • Massimo Corvo: Morpheus
  • Emanuela Rossi: Trinity
  • Ennio Coltorti: Agente Smith
  • Vittoria Febbi: l’Oracolo
  • Sergio Di Giulio: Cypher
  • Fabrizio Vidale: Tank
  • Nanni Baldini: Mouse
  • Claudia Razzi: Switch
Episodi:
Fotografia: Bill Pope
Montaggio: Zach Staenberg
Effetti speciali: Steve Courtley, Brian Cox
Musiche: AA. VV.
Tema musicale: {{{temamusicale}}}
Scenografia: Lisa Brennan, Tim Ferrier, Marta McElroy
Costumi: {{{nomecostumista}}}
Trucco: {{{nometruccatore}}}
Sfondi: {{{nomesfondo}}}
Premi:
  • 4 Oscar 2000: “miglior montaggio”, “migliori effetti speciali”, “miglior montaggio sonoro”, “miglior sonoro”
  • 3 MTV Movie Awards 2000: Miglior film, miglior performance maschile (Keanu Reeves), miglior combattimento (Keanu Reeves contro Laurence Fishburne)
Sequel: {{{nomesequel}}}
Si invita a seguire le linee guida del Progetto Film
« Hai mai fatto un sogno tanto realistico da sembrarti vero? E se da un sogno così non ti dovessi più svegliare? Come potresti distinguere il mondo dei sogni da quello della realtà? »
(Morpheus)

Matrix è un film di fantascienza del 1999, scritto e diretto dai fratelli Wachowsky, Andy e Larry. Il termine matrix deriva dal latino matrix, matricis e può essere tradotto in italiano con “madre” o “nutrice”, “matrice”, “utero”, “stipite” e, in senso lato, anche con “canale”. Le Matrix (Italiano, “matrice”), sono però anche elementi di tipo tabellare molto utilizzate nei programmi per computer per associare tra loro dei dati.

Indice

Trama

Il codice di Matrix

In un indeterminato futuro la specie umana è controllata e sfruttata dalle macchine, che con la loro tecnologia fanno credere loro di vivere liberamente nel mondo del XX secolo mentre in realtà la tengono imprigionata, “coltivando” uomini e donne in speciali contenitori per trarne l’energia necessaria alla loro sopravvivenza meccanica.

Poche migliaia di umani sono liberi dal controllo di “Matrix”, il sistema di controllo cerebrale che imprigiona i loro simili: un sistema di impulsi elettrici inviati al cervello umano che lo convincono di vivere in un mondo che, ormai, non esiste più da centinaia di anni.

All’interno di Matrix la gente vive senza accorgersi minimamente della sua vera condizione; soltanto pochissime persone si rendono conto che “qualcosa non va”, percependo una stranezza che non riescono a descrivere. Una di queste “imperfezioni del sistema” è Thomas Anderson, conosciuto nell’ambiente degli hacker come “Neo”. Convinti che Neo sia “l’eletto” (in grado di restituire la libertà alla specie umana), un gruppo di umani della Resistenza, fra cui spicca la figura di Morpheus, il capitano della nave da guerra Nabucodonosor, lo contatta, convincendolo ad uscire da Matrix ed essere riportato (dopo una sorta di risveglio dalla condizione di larva in cui la realtà era solamente proiettata nella sua mente) nella vera realtà. Qui Neo scopre che in realtà l’uomo è coltivato dalle macchine.

Neo acquisterà poco a poco doti eccezionali, quelli che noi chiameremmo superpoteri, cioè sarà sempre più in grado di contravvenire alle regole di Matrix, acquistando poteri pari a quelli di un programma, ma non è facile per lui capire se sia l’eletto o no. Neo incontrerà molti programmi in Matrix (ogni programma, in quanto tale, ha un proprio scopo; e quando lo compie viene distrutto), come l’Oracolo, un programma con le sembianze di una donna che ha come scopo quello di sbilanciare l’equazione che il suo opposto, “l’Architetto” (ovvero il creatore di Matrix), tenta di bilanciare. Attraverso una morte virtuale per mano dell’Agente Smith, uno dei programmi che vivono in Matrix il cui compito è quello di eliminarlo in quanto “imperfezione”, e la sua “resurrezione” per merito dell’amore sbocciato con Trinity, anche lei membro della Nabucodonosor, Neo prende finalmente coscienza di essere stato scelto per liberare l’umanità dal giogo delle macchine, riportando la pace.

Tematiche

Fra i temi classici troviamo quello della scelta, che è in grado di cambiare se stessi e gli altri; il controverso rapporto con il destino ed il desiderio di conoscerlo; il rapporto fra l’uomo e la tecnologia.

L’ipotesi che il mondo che noi vediamo sia solo un’illusione creata da opportuni programmi è ripresa da altri film, fra cui è doveroso segnalare Il mondo sul filo di Rainer Werner Fassbinder, Il tredicesimo piano e Nirvana di Gabriele Salvatores; film, quest’ultimo, nel quale il riferimento alla cultura orientale del buddismo zen è esplicito fin dal titolo. Il concetto che la propria vita è stata programmata, controllata e manipolata lo possiamo notare in The Truman Show, e la concezione della realtà virtuale è presente in molti film, tra cui Tron ed eXistenZ.

Il Gran Khan domandava a Marco Polo se fosse l’imperatore cinese a sognare di essere una farfalla o l’insetto a sognare di essere un imperatore cinese. Filosofi posteriori a Cartesio dal secolo XVII si ponevano il dubbio se la realtà percepita potesse essere reale. Una risposta plausibile giunse cento anni dopo con l’assioma che – a differenza di Neo e compagni – non vi è nulla a confermarlo e nulla a smentirlo.

L’idea che la ricerca della verità debba passare da un risveglio dal mondo delle illusioni verso un viaggio di rinascita ed emersione alla contemplazione della realtà è presente anche nel mito della caverna di Platone.

La ricerca della propria identità, che si appoggia al topos classico del “Conosci te stesso” (citato in una scena del film dal personaggio dell’Oracolo) è trattata attraverso il complicato rapporto uomo-macchina, all’interno del quale la seconda ha preso il sopravvento sul primo schiavizzandolo e sostituendovisi: l’uomo non è più in grado di distinguere se stesso dalla macchina, e questo lo porta a perdere la coscienza di sé.

Questo viene anche reso più chiaro nella scena in cui Morpheus spiega a Neo come mai in Matrix la coscienza di se stesso cambia e prende il nome di immagine residua di sé cioè la proiezione mentale del proprio essere in digitale. (Citazioni del Film).

Questa alienazione è un tema centrale dei romanzi di fantascienza di Philip Dick, di cui il film si mostra debitore.

Effetti speciali

Il film è noto per la diffusione e l’evoluzione dell’uso dell’effetto speciale conosciuto come bullet time, che consente di vedere ogni momento della scena in slow-motion mentre l’inquadratura sembra girare attorno alla scena alla velocità normale.

Il bullet time è in realtà lo sviluppo di una vecchia tecnica fotografica conosciuta come fotografia time-slice (fetta di tempo), nella quale un grande numero di camere sono disposte attorno ad un oggetto e vengono fatte scattare simultaneamente. Quando la sequenza degli scatti è vista come un filmato, lo spettatore vede come le “fette” bidimensonali formano una scena tridimensionale. Guardare una tale sequenza di “fetta di tempo” è analogo all’esperienza reale di camminare attorno ad una statua e di vedere come appare dalle diverse angolature.

Alcune scene di Matrix implementano l’effetto “fetta di tempo” congelando totalmente personaggi e oggetti. Tecniche di interpolazione consentono di rendere fluido il movimento dell’inquadratura. L’effetto è stato sviluppato ulteriormente dai fratelli Wachowsky e dal supervisore agli effetti speciali John Gaeta per creare il bullet time, che supporta movimenti temporali, in modo tale da non congelare totalmente la scena ma facendola vedere al rallentatore o con velocità variabile. Ingegneri della Manex Visual Effects implementarono metodi per spostare l’inquadratura su complesse curve in modo flessibile. Fu introdotta anche maggiore fluidità con l’uso di interpolazioni non lineari, e la creazione di scene virtuali al computer.

Ispirazioni

Qui di seguito sono elencate alcuni film da cui i registi hanno tratto il film:

  • Ghost in the Shell, il lungometraggio d’animazione di Mamoru Oshii a cui i fratelli Wachowski, per loro stessa ammissione, si sono ispirati per la creazione del film [1] .
  • Potrebbero aver avuto influenza diretta o indiretta dal romanzo Io, Robot di Isaac Asimov, il film Metropolis di Fritz Lang, Terminator di James Cameron [2], gli anime giapponesi e Dark City di Alex Proyas di cui furono riutilizzate anche alcune scenografie [3].

La trilogia

Quando nel 1999 uscì il primo film della saga di Matrix, l’enorme successo riscosso in tutto il mondo convinse i fratelli Andy e Larry Wachowsky a girare i due sequel, che a detta dei due registi furono ideati insieme al primo, i quali però non ottennero lo stesso successo di critica (entrambi), mentre di pubblico solo il secondo si rivelò un successo (raddoppiò gli incassi ottenuti dal primo) [4] mentre il terzo ebbe un risultato discreto ai botteghini (ma inferiore al primo). La trilogia è composta da:

  • Matrix (1999)
  • Matrix Reloaded (2003)
  • Matrix Revolutions (2003)

Per completare la storia della trilogia i fratelli Wachowski hanno deciso di utilizzare anche dei cortometraggi chiamati Animatrix e i videogiochi Enter The Matrix, The Matrix – Path of Neo e The Matrix Online, che racchiudono all’interno veri e propri spezzoni di film inediti e situazioni originali.

Il box-office

Film Data d’uscita Incassi Ranking
Stati Uniti Resto del mondo Worldwide All-time USA All-time worldwide
The Matrix March 31, 1999 $171,479,930 $288,901,000 $460,379,930 #125 #70
The Matrix Reloaded May 15, 2003 $281,576,462 $457,023,240 $738,599,701 #33 #27
The Matrix Revolutions November 5, 2003 $139,313,948 $285,674,263 $424,988,211 #191 #88
Totale serie 1999–2003 $592,370,340 $1,031,597,503 $1,623,967,842 #7

Curiosità

  • Il ruolo di Neo era stato inizialmente offerto a Johnny Depp e Will Smith, che ha rifiutato perché a suo dire non capiva il senso del film, tuttavia ha anche dichiarato di non essersi pentito di aver rifiutato la parte in quanto Keanu Reeves ha recitato perfettamente il ruolo di Neo [5]
  • In tutto il film sono presenti molti elementi del Cristianesimo primitivo, dello gnosticismo e del buddismo, elementi inseriti intenzionalmente dagli autori, come più volte confermato durante varie interviste, chat ed anche articoli scritti a vario titolo. Durante una chat online con gli spettatori che hanno visto il DVD, i Wachowski hanno riconosciuto che i riferimenti Buddisti nel film sono voluti ed espliciti. In ogni caso, quando gli è stato chiesto: “Non vi è mai stato detto che Matrix ha riferimenti allo gnosticismo?”, hanno risposto ambiguamente: “Lo consideri una buona cosa? Io lo farei.” (6 novembre 1999, “Matrix Virtual Theatre”, Wachowski chat). Un esempio per tutti è l’articolo pubblicato presso il sito ufficiale della Warner Bros, intitolato Wake up! Gnosticism & Buddhism in The Matrix, articolo che è possibile trovare tradotto in italiano, insieme ad altre interessantissime note, nel file: – Svegliati! Gnosticismo e Buddismo in the Matrix. Segnaliamo, inoltre, sullo stesso tema dello gnosticismo ed esoterismo nel film “The Matrix” il libro di Rocco Bruno, Matrix – una parabola moderna, pubblicato gratuitamente sul Web e stampato in auto-produzione in una versione rivisitata e corretta al 2008 di cui è possibile leggere alcuni capitoli sulla rete.
  • I due lavavetri, nella scena in cui Mr. Anderson viene rimproverato dal capo, nella versione originale sarebbero dovuti essere i registi (e scrittori) di Matrix, vale a dire i fratelli Wachowski.
  • La lavorazione del secondo film della trilogia è stata segnata dalla sfortuna. Infatti si sono verificati spiacevoli eventi come la morte della figlia, appena partorita, di Keanu Reeves. Si sono verificati inoltre eventi che hanno direttamente influenzato il film come il decesso dell’attrice Gloria Foster, che recitava la parte dell’Oracolo (infatti in Matrix Revolutions viene sostituita con Mary Alice). Anche Marcus Chong (Tank) avrebbe partecipato al film, ma è stato sostituito con Harold Perrineau Jr. (Link) perché pretendeva più soldi per quella parte.
  • I fratelli Wachowski hanno dichiarato di aver pensato subito a Brandon Lee come possibile interprete di Neo, ruolo poi andato a Keanu Reeves a causa della morte di Brandon e delle rinunce di altri attori.

Note

  1. ^ Joel Silver, intervistatoin Scrolls to Screen: A Brief History of Anime negli extra del dvd Animatrix
  2. ^ Dal New York Times del 15 luglio 2004 (EN) For Asimov, Robots Were Friends. Not So for Will Smith
  3. ^ (EN) «…”Dark City” is one of the great modern films. It preceded “The Matrix” by a year (both films used a few of the same sets in Australia)»
  4. ^ Matrix record al botteghino
  5. ^ Will Smith risponde alla domanda (EN) You turned down the part of Neo in The Matrix – any regrets?

Altri progetti

  • Collabora a Commons Wikimedia Commons contiene file multimediali su Matrix
  • Collabora a Wikiquote Wikiquote contiene citazioni di o su Matrix

Voci correlate

  • Animatrix
  • Enter the Matrix

Collegamenti esterni

  • Sito ufficiale italiano
  • Matrix su Open Directory Project (Segnala su DMoz un collegamento pertinente all’argomento “Matrix”)
  • Scheda su Matrix dell’Internet Movie Database
La saga di Matrix
Matrix | Matrix Reloaded | Matrix Revolutions
Animatrix (cortometraggi animati)
Enter the Matrix (videogioco) | The Matrix: Path of Neo (videogioco) | The Matrix Online (MMORPG)
Personaggi:
Neo | Morpheus | Trinity | Niobe | Il Merovingio | Persephone | L’architetto | L’oracolo | Agenti
Portale fantascienza Portale cinema
This text comes from Wikipedia. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikipedia.

No Comments

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Powered by WordPress