Wiki Actu it

May 5, 2008

Wikipedia: Campania

Filed under: — admin @ 1:02 pm

Coordinate: 40°55′20″N 14°44′48″E / 40.92222, 14.74667

Regione Campania

Campania - Bandiera
Campania - Stemma
Stato: bandiera Italia
Zona: Italia meridionale
Capoluogo: Napoli
Superficie: 13.595 km²
Abitanti: 5.808.886 (08/2007)
Densità: 427 ab./km²
Province: Avellino, Benevento, Caserta, Napoli,
Salerno
Comuni: Elenco dei 551 comuni
Politica
Presidente: Antonio Bassolino (PD)
(dal 2000)
Giunta: PD,Sinistra Arcobaleno
Consiglio
({{{seggi}}} seggi):
Ultime elezioni: 4 aprile 2005
Prossime: 2010
Note:

Sito istituzionale
Portale:Portali Visita il [[Portale:{{{portale}}}]]

La Campania è una regione dell’Italia meridionale. Conta 5.808.886residenti (demo.istat.it 31/08/2007) che la collocano al secondo posto per abitanti (dopo la Lombardia) e al primo per la densità. Il suo capoluogo è Napoli.

Confina a ovest, sud-ovest con il Mar Tirreno, a nord-ovest con il Lazio, a nord col Molise, a nord-est con la Puglia e ad est con la Basilicata.

Il nome Campania deriva dal termine latino campus, che vuol dire campagna, e per commistione linguistica, dal termine osco Kampanom, con il quale si indicava l’area nei pressi della città di Capua (v. Campania (antica)).

Indice

Geografia

Superficie della Campania per zone altimetriche

Superficie della Campania per zone altimetriche

La Campania è prevalentemente collinare (50,8%), il 34,6% di essa è montuosa e il 14,7% pianeggiante.

Per approfondire, vedi la voce Zone Altimetriche d’Italia.

Per quanto concerne il rilievo, possiamo innanzitutto distinguere, la dorsale appenninica centrale, decorrente da nord-ovest a sud-est e comprendente diversi massicci (Matese, Taburno, Avella, Terminio, Cervialto, Alburno, Cervati), seguita verso est da una zona di altopiani e conche (Benevento, Montecalvo Irpino, Ariano Irpino, Valle Caudina, ecc). Nella zona litorale troviamo massicci di origine vulcanica (Somma-Vesuvio, Campi Flegrei) e di origine sedimentaria (monti Lattari e Massico). Le pianure più importanti sono a nord quella del fiume Garigliano e quella del fiume Volturno; quest’ultima confina a sud con il solco del fiume Sarno e costituisce la Pianura Campana propriamente detta, fertile ed intensamente popolata. Ricordiamo, inoltre, la pianura del fiume Sele a sud, formante la piana di Pesto e la pianura di Salerno. Ad est dei massicci dell’Alburno e del Cervati si distende il Vallo di Diano attraversato dal fiume Tanagro che in origine era un grande lago pleistocenico .I fiumi si riversano per lo più nel Tirreno ed hanno un corso tortuoso, con ripide gole tra i vari massicci della regione. Le sorgenti sono copiose e sorgono ai piedi dei rilievi calcarei, nei quali sono frequenti fenomeni carsici.

Isole

L’arcipelago campano è composto da 3 isole principali: Ischia, Capri e Procida, famose in tutto il mondo per le loro bellezze naturali

Ischia

L'isola d'Ischia vista da Procida

L’isola d’Ischia vista da Procida

L’isola d’Ischia con i suoi 46 km² di superficie e i circa 58 mila abitanti è la maggiore delle isole del golfo di Napoli. Dal punto di vista amministrativo si divide in sei comuni: Barano d’Ischia, Casamicciola Terme, Forio, Ischia, Lacco Ameno, Serrara Fontana, anche se è stata presentata una proposta di legge regionale di iniziativa popolare per poter giungere ad un Comune Unico dell’Isola d’Ischia, da realizzarsi attraverso un referendum popolare. Attualmente si è in attesa della sua indizione da parte della Regione Campania, anche se non vi è alcun obbligo in merito.Dal punto di vista strettamente naturale l’isola presenta diverse peculiarità, dovute anche alla sua origine vulcanica, che tra l’altro ha reso possibile lo sviluppo di una fiorente attività economica, legata al turismo sia esso turismo termale, che turismo balneare. Il Monte Epomeo, è la cima più alta dell’isola d’Ischia con i suoi 789 metri. Per raggiungerlo si può arrivare sino alla località detta Fontana e poi si deve proseguire a piedi sino alla vetta o, come usavano i contadini di un tempo, a dorso di un asino. In prossimità della vetta in tufo verde vi sono i resti di un eremo e la chiesetta dedicata a S. Nicola di Bari. Dalla cima si può ammirare una scenario di incomparabile bellezza che va da Capri, a Ponza, Gaeta, Napoli, il Vesuvio, i Monti Lattari e la penisola Sorrentina.

Procida

È situata all’ imbocco del Golfo di Napoli, fra Ischia e Monte di Procida presso il Capo Miseno. Con i suoi 4 chilometri quadrati di superficie, è la più piccola tra le consorelle Ischia e Capri. Procida è un’ isola di origine vulcanica, e si possono tuttora riconoscere nei suoi golfi, le tracce degli antichi crateri

Clima

La Campania può essere suddivisa in due zone climatiche: quella col clima mite, influenzato dalla presenza del mare, che comprende la costa del casertano, il napoletano e la costa del salernitano (insieme naturalmente all’arcipelago) dove si possono sentire maggiormente i benefici del mare; e quella col clima più rigido, che comprende le zone interne dove si nota l’aumento della presenza della montagna: infatti in inverno nelle zone montuose si registrano temperature rigide, ed anche nelle valli non mancano gelate e banchi di nebbia, talvolta accompagnate da nevicate che si fanno sempre più copiose man mano che ci si addentra nell’entroterra e si sale di altezza. In estate si possono raggiungere temperature alte e vi sono giornate di pieno sole, tuttavia le caratteristiche orografiche e l’influenza benefica del mare, rendono il caldo maggiormente sopportabile.

Storia

Dalla colonizzazione greca all’occupazione romana

La Campania fu abitata da popolazioni molto antiche come gli Osci,Opici, gli Aurunci, gli Ausoni, i Sidicini ed i Sanniti; i quali parlavano la lingua osca, una lingua indioeuropea del gruppo italico. A partire dal II millennio a.C. circa. Successivamente, anche la Campania, come altre zone dell’Italia meridionale, fu soggetta a colonizzazione greca. La più rilevante delle colonie greche fu Cuma. Alcuni abitanti della stessa Cuma si insediarono sul Golfo, fondando un villaggio che prese il nome di Partenope: era il primo nucleo cittadino dell’attuale Napoli. L’insediamento greco avvenne solo lungo le coste, mentre la parte interna era abitata dagli etruschi che diedero vita ad una lega di dodici città con a capo Capua , Nuceria , Nola e altre. La regione venne prima invasa dai sanniti (intorno al V secolo a.C.) e poi divenne un obiettivo espansionistico di Roma. A seguito delle tre guerre sannitiche (343-290 a.C.), con esito infausto per le popolazioni locali, fu occupata dai Romani, che vi fondarono parecchie colonie (come quella di Puteoli, l’attuale Pozzuoli). Durante la seconda guerra punica, solo poche città si allearono ai cartaginesi, mentre la maggior parte della regione restò fedele a Roma. Amministrativamente fece parte della Regio I; ai tempi di Diocleziano acquisì poi autonomia. Durante l’occupazione romana, molti Potenti, costruirono lungo la costa le proprie ville estive. Anche dal punto di vista economico ci fu uno sviluppo dell’agricoltura e del commercio.

Dai longobardi al viceregno spagnolo

Sul finire del V secolo d.C. i longobardi scesero in Italia arrivando fino in Campania. Con la fondazione del Ducato di Benevento e poi con la caduta di Pavia divene principato e verso il XI divene possedimento del pontefice (denominato dagli storici il balcone del Papa sul Sud Italia), la Campania perse la sua unità, poiché il restante territorio rimase a Bisanzio. Nell’anno 1030 i normanni acquisirono il feudo di Aversa, primo loro possedimento nel Sud-Italia. La Campania venne poi compresa nel Regno di Sicilia, e affidata ai rispettivi sovrani (Angioini e Aragonesi). Il Regno di Sicilia divenne poi un viceregno della Spagna, e il viceré resideva a Napoli, che divenne capitale. La politica dei sovrani spagnoli favoriva i ceti più alti: ciò scaturiva in rivolte da parte delle classi più povere. Una delle figure rivoluzionarie di quest’epoca fu Masaniello, che condusse un accesa campagna contro il viceré.

Dai Borbone all’Unità d’Italia

Dopo la guerra di secessione polacca la Campania passò ai Borbone. Il primo re fu Carlo di Borbone, rimasto famoso per avere intrapreso molte riforme in campo economico e legislativo. La capitale, Napoli, divenne centro culturale e intellettuale, oltre a diventare una delle città europee più popolate e avanzate. Dopo la breve esperienza della Repubblica Partenopea di Napoli, nel 1799, Napoleone Bonaparte nominò Re di Napoli suo cognato Gioacchino Murat che abolì definitivamente il feudo. Dopo l’età napoleonica il Congresso di Vienna riaffidò il Regno delle due Sicilie ai Borbone. Anche la Campania fu poi coinvolta nelle rivolte liberali e nei moti per l’Unità d’Italia. Nel 1861 la regione venne annessa al Regno d’Italia. Nonostante la costruzione del centro siderurgico di Bagnoli, e la bonifica di alcune aree malariche la regione fu centro di emigrazione.

Dal dopoguerra a oggi

Durante la seconda guerra mondiale la Campania fu teatro di alcune famose operazioni militari, come lo Sbarco a Salerno e le Quattro giornate di Napoli. Nel dopoguerra la Campania entrò a far parte di quel gruppo di regioni del Sud Italia, fonte di emigrazione soprattutto verso il Nord Italia. Negli Anni 70 e 80 si è visto un aumento della criminalità organizzata (in questo caso la Camorra) che ha portato molti disagi di tipo sociale alla regione. Il 23 novembre 1980 fu sconvolta da un grave terremoto che colpì buona parte di essa. Ancora oggi la Campania resta una delle regioni italiane con molte problematiche, prime su tutte la criminalità organizzata e l’Emergenza rifiuti.

Popolazione

Con i suoi 5.790.187 abitanti, la Campania è tra le regioni più abitate d’Italia, ed è quella con la densità abitativa più alta (425,9 ab/Kmq). Ma gli squilibri della distribuzione degli abitanti sul territorio sono altissimi: le province di Avellino e Benevento hanno rispettivamente 156 e 139 ab/Kmq; quella di Caserta ne ha il doppio (333 ab/Kmq) e addirittura quella di Napoli ne ha 2.632 ab/Kmq, ed è la provincia più densamente popolata d’Italia. Dopo Napoli sono Salerno e Giugliano le città più popolate (l’ultima è la città non capoluogo più popolata d’Italia).

La Campania ha avuto in passato il più alto indice di natalità d’Italia (attualmente è il secondo dopo Trentino-Alto Adige) e oggi vanta la più alta percentuale di giovani; quest’ultimo fattore contribuisce all’aumento della disoccupazione. Si può dire che quella di Napoli è una vera e propria conurbazione, in cui però mancano molti servizi (rete ferroviaria, sicurezza, discariche adeguate).

Nel 2006[1] i nati sono stati 62.279 (10,6‰), i morti 47.177 (8,2‰) con un incremento naturale di 15.102 unità rispetto al 2005 (1,7%). Le famiglie contano in media 2,8 componenti.

Di seguito vengono riportati i primi 12 comuni della regione per popolazione.

Stemma Città Provincia Popolazione
(ab)
Superficie
(km²)
Napoli Provincia di Napoli 974.766 117
Salerno Provincia di Salerno 140.979 58
Giugliano in Campania Provincia di Napoli 112.026 94
Torre del Greco Provincia di Napoli 88.728 30
Pozzuoli Provincia di Napoli 83.132 43
Casoria Provincia di Napoli 80.643 12,03
Caserta Provincia di Caserta 79.161 53,07
Castellammare di Stabia Provincia di Napoli 65.403 17
Afragola Provincia di Napoli 63.857 17,99
Benevento Provincia di Benevento 62.937 130
Avellino Provincia di Avellino 56.996 30,41
Portici Provincia di Napoli 55.786 4

Parlate locali

Per approfondire, vedi la voce Dialetti campani.

In Campania si può riscontrare l’esistenza di vari dialetti, che tuttavia non discendono direttamente dall’italiano, bensì dalla Lingua napoletana. Quest’ultima è parlata ancora oggi soprattutto in ambito familiare in tutta la regione, anche se, come già detto, esistono alcune varianti: il dialetto salernitano, parlato nella Provincia di Salerno, il dialetto casertano parlato nella maggior parte della Provincia di Caserta e che fa parte della parlata del sud Pontino, il dialetto beneventano, parlato nella Provincia di Benevento, il dialetto avellinese parlato in quasi tutta la Provincia di Avellino e il dialetto ischitano parlato nell’isola d’Ischia. Il napoletano vero e proprio è parlato solo nel territorio compreso nella Provincia di Napoli, nell’estremità occidentale della Provincia di Avellino (nel Baianese e nel comune di Marzano di Nola) e nell’estremità meridionale della Provincia di Caserta (a Castelvolturno, Aversa e i comuni limitrofi). In alcune zone meridionali del salernitano esistono alcune parlate del dialetto lucano e del calabrese settentrionale. A sud di Salerno nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano ogni paese ha un dialetto diverso da quello del paese vicino anche a distanza di pochi km.

Usanze e tradizioni locali

  • L’Prijatorie (Cerreto Sannita)
  • Festa di San Nicola (Fragneto Monforte)
  • Processione del Giglio (Provincia di Napoli)
  • Festa dei Montecastello e Disfida dei Trombonieri (Cava de’ Tirreni)
  • Festa della Madonna dell’Olmo (Cava de’ Tirreni)
  • Festa di San Gennaro (Napoli, 19 settembre)
  • Festa della Madonna dell’Arco (Sant’Anastasia)
  • Festa della Madonna delle Grazie (Giugliano in Campania)
  • Festa della Madonna delle Galline (Pagani)
  • Festa dei Gigli (Nola)
  • La Tombola (durante le feste natalizie)
  • Festa dell’uva (Solopaca)
  • Il Carnevale di Capua
  • A Chiena (Campagna)
  • I Fucanoli (Campagna)

Personaggi

Per approfondire, vedi la voce Nativi della Campania.

Sportivi:

  • Pino Maddaloni
  • Massimiliano Rosolino
  • Arturo Lupoli
  • Emanuele Belardi
  • Mauro Esposito
  • Vincenzo Sicignano
  • Antonio Bocchetti
  • Salvatore Bocchetti
  • Francesco Lodi
  • Felice Evacuo
  • Gennaro Iezzo
  • Giuseppe Bruscolotti
  • Cristian Molinaro
  • Francesco Tavano
  • Raffaele Palladino
  • Antonio Nocerino
  • Antonio Floro Flores
  • Antonio Di Natale
  • Pasquale Foggia
  • Paolo Cannavaro
  • Alfredo Cariello
  • Marco Borriello
  • Guglielmo Stendardo
  • Carmine Abbagnale
  • Ciro Ferrara
  • Fabio Cannavaro
  • Fabio Quagliarella
  • Giuseppe Abbagnale
  • Ignazio Abate
  • Simone Barone
  • Raffaele Biancolino
  • Salvatore Bruno
  • Bruno Cirillo
  • Ferdinando Coppola
  • Alfonso De Lucia
  • Giuseppe Taglialatela

Attori:

  • Totò
  • Nino Taranto
  • Biagio Izzo
  • Alessandro Siani
  • Alessandro Preziosi
  • Bud Spencer
  • Massimo Troisi
  • Peppino De Filippo
  • Titina De Filippo
  • Concetta Barra
  • Peppe Barra
  • Giuliana De Sio
  • Valeria Golino
  • Carlo Buccirosso
  • Vincenzo Salemme
  • Maurizio Casagrande

Cantanti, Cantautori e Tenori:

  • Enrico Caruso
  • Edoardo Bennato
  • Eugenio Bennato
  • Gianni Celeste
  • Pino Daniele
  • Teresa De Sio
  • Gigi D’Alessio
  • Gigi Finizio
  • Sal Da Vinci
  • Neri per caso
  • Nino D’Angelo
  • Peppino Di Capri
  • Massimo Ranieri
  • Mario Merola
  • Roberto Murolo
  • Lina Sastri
  • Salvatore Accardo
  • Aurelio Fierro
  • Gianni Fiorellino
  • Gigione
  • Tony Tammaro

Teatro:

  • Antonio Petito
  • Edoardo Scarpetta
  • Raffaele Viviani
  • Eduardo De Filippo
  • Annibale Ruccello
  • Mario Martone
  • Roberto De Simone
  • Manlio Santanelli
  • Francesco Silvestri
  • Aniello Nigro

Giornalismo:

  • Giancarlo Siani

Filosofia:

  • Giordano Bruno
  • Luciano De Crescenzo
  • Parmenide
  • Zenone di Elea

Letteratura e poesia:

  • Alfonso Gatto
  • Roberto Saviano

Economia

La Campania in Italia si classifica al 7° posto come Pil lordo.

Secondo l’Eurostat, l’istituto di statistica dell’Unione Europea, la Campania è tra le regioni più povere d’Europa. Il reddito in regione è uguale al 66,2 per cento della media continentale, il dato più basso nel sud Italia (fermo al 69,6 per cento)[2].

PIL e PIL procapite[3] prodotto nella Campania dal 2000 al 2006
2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006
Prodotto Interno Lordo
(Milioni di Euro)
75.355,0 80.100,0 84.349,4 86.288,4 89.691,0 91.211,0 94.353,0
PIL ai prezzi di mercato per abitante
(Euro)
13.190,8 14.040,8 14.764,0 15.025,8 15.531,7 15.753,2 16.294,2

La Campania, dopo la Puglia, è la regione più industrializzata dell’Italia meridionale. Le province di Napoli e Salerno sono da questo punto di vista le zone più ricche.

Molta importanza detiene il settore alimentare (conservazione di prodotti agricoli, pastifici), legati a una fiorente agricoltura (pomodori specie il San Marzano DOP dell’Agro Nocerino Sarnese e agrumi soprattutto nella costiera amalfitana), frutticoltura e ai derivati dall’allevamento (latticini e formaggi, tra cui la mozzarella di bufala) nelle province di Caserta e Salerno

Importante è anche il settore meccanico, con l’Alfasud a Pomigliano d’Arco e i cantieri navali di Castellamare di Stabia.

Il porto di Napoli e il porto di Salerno sono tra i più attivi in Italia per movimento merci e passeggeri (per questi ultimi in particolare quello di Napoli).

L’attività legata all’artigianato riguarda i merletti, la lavorazione della creta e delle ceramiche (celebri quelle di Capodimonte e di Vietri sul Mare), della pregiata seta di San Leucio a Caserta, dei presepi di via San Gregorio Armeno.

Il turismo è sostenuto dall’abbondante presenza di bellezze artistiche e naturalistiche, che attira ogni anno milioni di persone.

Amministrazione

Le province campane

Le province campane

Dal punto di vista amministrativo, la Campania è suddivisa in 5 provincie: la Provincia di Avellino, che comprende 119 comuni, la Provincia di Benevento, che comprende 78 comuni, la Provincia di Caserta, che comprende 104 comuni, la Provincia di Napoli, che comprende 92 comuni, e la Provincia di Salerno (la più estesa), che comprende 158 comuni. Napoli è una città metropolitana. Il tessuto urbano della regione unisce i cinque capoluoghi in un unica grande conurbazione.

Prodotti agroalimentari tradizionali

Il ministero delle Politiche agricole e alimentari, in collaborazione con la regione Campania, ha riconosciuto 305 prodotti campani come “tradizionali”

Per approfondire, vedi la voce Prodotti agroalimentari tradizionali italiani#Regione Campania.

Politica

Presidente

  • Antonio Bassolino

Vice Presidente

  • Antonio Valiante – risorse umane

Assessori

  • Ennio Cascetta – trasporti e viabilità
  • Andrea Cozzolino – agricoltura ed attività produttive
  • Gabriella Cundari – urbanistica
  • Mariano D’Antonio – bilancio, ragioneria e tributi
  • Alfonsina De Felice – politiche sociali, pari opportunità e politiche giovanili
  • Enzo De Luca – lavori pubblici, opere pubbliche e sport
  • Corrado Gabriele (PRC) – istruzione, formazione e lavoro
  • Walter Ganapini – ambiente e protezione civile
  • Nicola Mazzocca – università e ricerca scientifica
  • Angelo Montemarano – sanità
  • Claudio Velardi – turismo e beni culturali

Galleria immagini

Luoghi turistici nella Regione

  • Matese
  • Baia Domizia
  • Costiera Amalfitana
  • Costiera Cilentana
  • Abazzia Benedettina millenaria (corpo di cava) Cava de’ Tirreni
  • Borgo Scacciaventi Cava de’ Tirreni
  • Reggia di Caserta
  • San Leucio
  • Caserta Vecchia
  • Scavi archeologici di Pompei
  • Scavi archeologici di Stabiae nel comune di Castellammare di Stabia
  • Paestum nel comune di Capaccio-Paestum (Salerno)
  • Elea-Velia nel comune di Ascea (Salerno)
  • Battistero paleocristiano di Santa Maria Maggiore – Nocera Superiore
  • Abbazia Benedettina della Santissima Trinità – Cava de’ Tirreni
  • Portici quattrocenteschi del Centro Storico di Cava de’ Tirreni
  • Roscigno Vecchia nel comune di Roscigno (Salerno)
  • Grotte di Castelcivita nel comune di Castelcivita (Salerno)
  • Grotta dell’Angelo nel comune di Sant’Angelo a Fasanella (Salerno).
  • Certosa di Padula nel comune di Padula (Salerno).
  • Grotte dell’Angelo nel comune di Pertosa [4] (Salerno).
  • Sessa Aurunca (Caserta)
  • Arco di Traiano (Benevento)
  • Teatro Romano di Benevento
  • Centro storico del comune di Capua (Caserta)
  • Salerno – Centro Storico
  • Salerno – Castello di Arechi
  • Salerno – Area archeologica Etrusco – Sannitica di Fratte
  • Salerno – Orto Botanico Villa Comunale di Salerno
  • Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano
  • Belvedere e seterie del comune di Caserta – San Leucio (Caserta)
  • Borgo medioevale nel quartiere di Casertavecchia (Caserta)
  • Parco Archeologico del comune di Baia (Napoli)
  • Parco nazionale del Vesuvio da Pugliano (Napoli)
  • Porto Naturale degli Infreschi a Marina di Camerota (Salerno)
  • Campi Flegrei, circuito che parte da Napoli
  • Nucleo medioevale a Eboli – (Salerno)
  • Santuario di Montevergine a Montevergine (Avellino)
  • Impianto sciistico di Laceno a Bagnoli Irpino (Avellino)
  • Capua
  • Terme e solfatara di Pozzuoli (Napoli)
  • Santuario della Madonna dell’ Arco di Sant’ Anastasia (Napoli)
  • Le sorgenti Termali di Contursi Terme (Salerno)

Musei presenti nella Regione

  • Musasannio Benevento Museo della tecnica e del lavoro in agricoltura
  • Museo del Sannio nella città di Benevento.
  • Museo Archeologico Provinciale nella città di Salerno.
  • Museo Provinciale della Ceramica nel comune di Vietri sul Mare (Salerno).
  • Museo della Carta nel comune di Amalfi (Salerno).
  • Museo Vivo del Mare nel comune di Camerota (Salerno).
  • Museo della “Civiltà Contadina” nel comune di Roscigno (Salerno).
  • Antiquarium e Laboratorio di archeologia sugli scavi di Monte Pruno nel comune di Roscigno (Salerno)
  • Museo Naturalistico nel comune di Corleto Monforte (Salerno).
Basilica - Paestum

Basilica – Paestum

Tempio di Atena - Paestum

Tempio di Atena – Paestum

  • MIDA : Musei integrativi dell’Ambiente (Pertosa ).
  • Museo Archeologico Provinciale nel comune di Nocera Inferiore (Salerno)
  • Pinacoteca nel comune di Nocera Inferiore (Salerno)
  • Museo diocesano nel comune di Nocera Inferiore (Salerno)
  • Museo Archeologico della Lucania Occidentale nel comune di Padula (Salerno)
  • Museo Archeologico Nazionale di Paestum nel comune di Capaccio-Paestum (Salerno)
  • Museo Archeologico Nazionale della Media Valle del Sele nel comune di Eboli (Salerno)
  • Museo Archeologico Nazionale del Sannio Caudino nel comune di Montesarchio (Benevento)
  • Museo archeologico nazionale a Napoli
  • PAN – Palazzo delle Arti di Napoli a Napoli
  • MADRE – Museo d’Arte contemporanea Donna REgina a Napoli
  • Museo Campano a Capua (Caserta)
  • Museo Irpino ad Avellino
  • Museo Ferroviario Nazionale di Pietrarsa a Portici
  • Museo della Ceramica ad Ariano Irpino
  • Museo Vivente della Dieta Mediterranea Ancel Keys a Pioppi nel comune di Pollica (Salerno)

Diocesi ed abbazie Cattoliche

Di seguito sono elencate le diocesi o le abazie Cattoliche della Regione Ecclesiastica Campania.

  • Abbazia di Montevergine, abbazia territoriale suffraganea di Benevento (Superficie: 1 Kmq).
  • Abazia della Santissima Trinità di Cava de’ Tirreni, abbazia territoriale suffraganea di Salerno – Campagna – Acerno (Superficie: 10 Kmq; parrocchie: 4).

  • Arcidiocesi di Amalfi, sede arcivescovile suffraganea di Salerno – Campagna – Acerno (Superficie: 150 Kmq; parrocchie: 76).
  • Arcidiocesi di Benevento, sede metropolitana (Superficie: 1.691 Kmq, parrocchie: 116).
  • Arcidiocesi di Capua, sede arcivescovile suffraganea di Napoli (Superficie: 500 Kmq; parrocchie: 59).
  • Arcidiocesi di Napoli, sede metropolitana (Superficie: 274Kmq; parrocchie: 287).
  • Arcidiocesi di Salerno – Campagna – Acerno, sede metropolitana (Superficie: 1.398 Kmq; parrocchie: 163).
  • Arcidiocesi di Sant’Angelo dei Lombardi – Conza – Nusco – Bisaccia, sede arcivescovile suffraganea di Benevento (Superficie: 1.290 Kmq; parrocchie: 36).

  • Diocesi di Acerra, sede vescovile suffraganea di Napoli (Superficie: 157 Kmq; parrocchie: 27).
  • Diocesi di Alife – Caiazzo, sede vescovile suffraganea di Napoli (Superficie: 580 Kmq; parrocchie: 44.
  • Diocesi di Ariano Irpino – Lacedonia, sede vescovile suffraganea di Benevento (Superficie: 781; parrocchie: 43).
  • Diocesi di Avellino, sede vescovile suffraganea di Benevento (Superficie: 394 Kmq; parrocchie: 64).
  • Diocesi di Aversa, sede vescovile suffraganea di Napoli (Superficie: 361 Kmq; parrocchie: 92).
  • Diocesi di Caserta, sede vescovile suffraganea di Napoli (Superficie: 185 Kmq; parrocchie: 65).
  • Diocesi di Cerreto Sannita – Telese – Sant’Agata de’ Goti, Sede vescovile suffraganea di Benevento (Superficie: 583 Kmq; parrocchie: 60).
  • Diocesi di Ischia, sede vescovile suffraganea di Napoli (Superficie: 46 Kmq; parrocchie: 25).
  • Diocesi di Nocera Inferiore – Sarno, sede vescovile suffraganea di Salerno – Campagna – Acerno (Superficie: 157 Kmq; parrocchie: 54).
  • Diocesi di Nola, sede vescovile suffraganea di Napoli (Superficie: 450 Kmq; parrocchie: 115).
  • Diocesi di Pozzuoli, sede vescovile suffraganea di Napoli (Superficie: 105 Kmq; parrocchie: 67).
  • Diocesi di Sessa Aurunca, sede vescovile suffraganea di Napoli (Superficie: 338 Kmq; parrocchie: 42).
  • Diocesi di Teggiano – Policasto, sede vescovile suffraganea di Salerno – Campagna – Acerno (Superficie: 1.986 Kmq; parrocchie: 81).
  • Diocesi di Teano – Calvi, sede vescovile suffraganea di Napoli (Superficie: 663 Kmq; parrocchie: 70).
  • Diocesi di Vallo della Lucania, sede vescovile suffraganea di Salerno – Campagna – Acerno (Superficie: 1.562 Kmq; parrocchie: 138).

  • Prelatura di Pompei, prelatura territoriale suffraganea di Napoli (Superficie: 12 Kmq; parrocchie: 5).

Sport

Per approfondire, vedi la voce Sport in Campania.

Principali impianti sportivi

  • Stadio “San Paolo” di Napoli
  • Stadio “Simonetta Lamberti” di Cava de’Tirreni
  • Stadio “Arechi” di Salerno
  • Stadio “A. Pinto” di Caserta
  • Stadio Partenio di Avellino
  • Stadio “Santa Colomba” di Benevento
  • Stadio San Francesco di Nocera Inferiore
  • Stadio “Romeo Menti” di Castellammare di Stabia
  • Stadio “Arturo Collana” di Napoli
  • Stadio “Pacevecchia” di Benevento
  • Stadio Meomartini di Benevento
  • Palasport di Ariano Irpino
  • PalaMaggiò di Caserta
  • PalaBarbuto di Napoli
  • Palasport Giacomo Del Mauro di Avellino
  • Palasport di Aversa
  • PalaMangano di Scafati
  • Stadio Comunale “28 Settembre 1943” di Scafati
  • Palasele di Eboli
  • Stadio Comunale “Marcello Torre” di Pagani

Principali società sportive

Calcio: PROFESSIONISTI

  • S.S.C. Napoli Serie A
  • U.S. Avellino Serie B
  • S.S. Cavese 1919 Serie C1
  • S.S. JuveStabia Serie C1
  • Paganese Calcio 1926 Serie C1
  • Salernitana Calcio 1919 Serie C1
  • Sorrento Calcio Serie C1
  • Benevento Calcio Serie C2
  • Real Marcianise Calcio Serie C2
  • Sporting Neapolis Serie C2
  • Scafatese Calcio 1922 Serie C2

DILETTANTI (SERIE D)

  • US Angri 1927
  • Aversa Normanna
  • Casertana
  • Gelbison Cilento
  • Gragnano
  • Società Sportiva Calcio Giugliano
  • Ippogrifo Sarno
  • Ischia Calcio
  • A.G. Nocerina
  • ASD Pomigliano Calcio
  • Quarto
  • Sant´Antonio Abate
  • Sapri Calcio 1928
  • Football Club Savoia 1908
  • Sibilla El Brazil Cuma
  • Football Club Turris 1944
  • Viribus Unitis

Pallacanestro maschile:

  • Scafati Basket
  • Juvecaserta
  • S.S. Basket Napoli
  • Felice Scandone
  • A.S. Pallacanestro Salerno
  • Delta Basket Salerno
  • Folgore Nocera

Pallacanestro femminile:

  • Pallacanestro Napoli-Pozzuoli
  • AS Maddaloni Basket
  • Napoli Basket Vomero
  • Pantere Basket Femminile Caserta

Rugby:

  • Partenope Rugby
  • Amatori Napoli Rugby
  • U.S. Rugby Benevento
  • A.S. Rugby Salerno
  • CUS Salerno
  • A.S. Avellino Rugby
  • Amatori Rugby Torre Del Greco

Pallavolo:

  • Virtus Aversa
  • Indomita Salerno
  • Società Sportiva Genoino New Volley

Pallanuoto:

  • Circolo Nautico Posillipo
  • Circolo Canottieri Napoli
  • Rari Nantes Napoli
  • Rari Nantes Salerno
  • Circolo Nautico Salerno

Pallamano maschile:

  • Handball Salerno
  • Pallamano Capua Serie A2
  • Nova Abellinum Serie B
  • Handball Benevento Serie B
  • ASD Pallamano Interscafati 1995 Serie B

Pallacanestro femminile:

  • Passo dell’Orco Handball Team CSAIN

Hockey:

  • Roller Salerno Hockey su pista
  • ASD Braccobaldo Hockey Napoli Hockey in-line

Baseball:

  • Caserta Baseball Club

Football americano:

  • Briganti Napoli

Pesca Sportiva:

  • SPS ARECHI – Salerno

Argomento correlato: Le principali rappresentative calcistiche nella provincia di Salerno

Voci correlate

  • Elenco dei Presidenti della Campania
  • Campania (antica)
  • Nativi della Campania
  • Emergenza rifiuti in Campania

Altri progetti

  • Collabora a Wikisource Wikisource contiene alcuni canti della Campania
  • Collabora a Commons Wikimedia Commons contiene file multimediali su Campania
This text comes from Wikipedia. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikipedia.

No Comments

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Powered by WordPress