Wiki Actu it

May 5, 2008

Wikipedia: Radio Vaticana

Filed under: — admin @ 3:42 pm
Radio Vaticana
Anno di lancio: 1931
Anno di chiusura:
Share di ascolti: ( )
Posseduto da: bandiera Vaticano
Compagnia di Gesù
Nomi precedenti:
Sostituisce:
Canali gemellati:
Claim: Laudetur Jesus Christus
Servizio di differita:
Indirizzo web: www.radiovaticana.org
Diffusione
Terrestre
Analogico FM, in Italia per Roma e provincia (frequenze 93.30; 103.80; 105.00 MHz,)
Digitale DAB
Satellitare
Digitale Hot Bird 2
Via cavo

Via rete cellulare

Streaming web
Internet In formato WMP e RealPlayer
Administration building and radio masts at Vatican City

Administration building and radio masts at Vatican City

Radio Vaticana è l’emittente radiofonica della Santa Sede e ha sede nello Stato della Città del Vaticano. Ciò nonostante non è un suo organo ufficiale della e di conseguenza è interamente responsabile per i contenuti che diffonde. La gestione è affidata alla Compagnia di Gesù.

Indice

Storia

Fu inaugurata da Pio XI con il radio messaggio “Qui arcano Dei” il 12 febbraio 1931.

Uno dei primi programmi, in latino, intitolato “Scientiarum Nuncius Radiophonicus”, era una rassegna dell’attività della Pontificia Accademia delle Scienze. Nel 1933 venne inaugurata la Stazione Radio a onde ultracorte. Nel 1939, dopo la morte di Pio XI, la Radio seguì il conclave e poi la cerimonia di insediamento di Pio XII.

Nel corso della Seconda guerra mondiale la radio si rivelò – nonostante il tentativo di ridurla in silenzio da parte del ministro tedesco della propaganda, il nazista Joseph Goebbels – un importante strumento d’informazione: durante gli anni di guerra vennero infatti trasmessi appelli per ritrovare civili e militari dispersi durante il conflitto; si stima che dal 1940 al 1946 furono inviati oltre 1 milione e 200 mila messaggi, pari a più di 12 mila ore di trasmissione. Dopo la fine del conflitto e l’inizio della guerra fredda, vennero inaugurati programmi in altre lingue; nel 1957 Pio XII inaugurò il Centro Trasmittente di Santa Maria di Galeria. Si potenziarono le trasmissioni rivolte verso Africa, America Latina e Asia.

Dopo l’elezione di Papa Giovanni XXIII, la Radio dedicò ai lavori del Concilio Vaticano II oltre 3 mila ore di trasmissione in 30 lingue. Nel 1964 la Radio Vaticana seguì il primo viaggio di un Papa all’estero in occasione del viaggio in Terra Santa di Papa Paolo VI. Con Paolo VI la Radio Vaticana venne collocata in una nuova sede: Palazzo Pio, all’inizio di via della Conciliazione.

Nel 1970 la Radio trasmetteva 20 ore al giorno in 32 lingue diverse.

In quel periodo, mentre nei programmi RAI infuriava la censura, Radio Vaticana si dimostrò essere di ben più larghe vedute, mandando in onda alcuni brani di Fabrizio De André e di altri cantautori vietati nella televisione e nella radio di stato. L’esempio più famoso riguarda il brano Dio è morto di Francesco Guccini, trasmesso da questa emittente radiofonica già nel 1967 quando fu cantata per la prima volta da i Nomadi.

Per la cronaca, il primo brano di musica leggera trasmesso in questo network fu Ragazzo triste di Patty Pravo nel 1966, brano anch’esso censurato dalla RAI.

Negli anni ’90 hanno inizio le trasmissioni satellitari e le trasmissioni via Internet. Emittenti di vario genere e dimensione, soprattutto cattoliche, ritrasmettono i programmi della Radio Vaticana: nel 2005 erano più di 1000.

Nel 2006 la Radio ha festeggiato il suo 75° anniversario con la visita di Papa Benedetto XVI. Attualmente (2007), alla Radio Vaticana lavorano circa quattrocento persone di 59 nazioni e trasmette in 40 lingue.

Controversie sulle emissioni

Radio Vaticana occupa una vasta superficie all’interno del Comune di Roma, a beneficio di extraterritorialità, come stabilito dalla Legge n. 680 del 13 giugno 1952. Per riuscire a coprire praticamente l’intero Globo Terrestre, la radio dispone di una trentina di antenne alte più di 100 metri [1], in grado di produrre emissioni che in alcuni casi raggiungono il doppio del limite stabilito dalla legge Italiana, come è stato rilevato da una verifica ufficiale del Dipartimento Ambiente e Protezione Civile della Regione Lazio nel 1999. Tale situazione, a parte provocare disagi di ogni tipo, da “citofoni parlanti” a bizzarri comportamenti di numerose apparecchiature elettriche, è stata connessa anche all’elevata incidenza di leucemie fra la popolazione abitante nelle zone circostanti, come rilevato da due diverse indagini condotte dalla Regione Lazio [2]. Nel 1999, dopo una denuncia della ASL, è stato aperto un procedimento contro Radio Vaticana per “Getto pericoloso di cose“ (art. 674 C.P.).

Il 18 giugno 2002 vi è stato un Comunicato pubblicato al termine della riunione della Commissione bilaterale Italia-Santa Sede, la Commissione ha esaminato i risultati delle misurazioni congiunte effettuate dagli esperti italiani dell’ANPA, dell’ARPA Lazio e del Ministero delle Comunicazioni insieme agli esperti di Radio Vaticana nei mesi di febbraio e marzo 2002 ed ha potuto rilevare che, in tutti i siti osservati, tali risultati registrano il mantenimento dei livelli di emissione al di sotto dei valori di cautela indicati dal D.M.381/1998.

Le misurazioni sono state condotte sugli stessi siti individuati nell’anno 2001 come significativi ai fini di una corretta valutazione dell’esposizione della popolazione alle emissioni della stazione radio, con le stesse metodologie concordate e nel rispetto del protocollo tecnico messo a punto dai tecnici italiani e accettato integralmente dalla Santa Sede, che corrisponde ai più elevati livelli scientifici e tecnici di misurazione.

La Commissione bilaterale si è pertanto rallegrata che le misure correttive adottate da Radio Vaticana nell’agosto del 2001 in base alle intese raggiunte tra Italia e Santa Sede abbiano dato i risultati attesi, che consentono di tranquillizzare la popolazione residente nell’area circostante alla stazione radio di Santa Maria di Galeria. (fonte: http://www.radiovaticana.org/archivio/020618_rv_em.html)

La commissione bilaterale italo-vaticana per la soluzione dei problemi legati all’intensità delle emissioni elettromagnetiche della stazione Radio Vaticana di Santa Maria di Galeria, riunitasi il 16 maggio 2005, ha diffuso un comunicato in cui rende noto il mantenimento dei livelli di emissione in conformità con gli obiettivi di qualità indicati dal D.P.C.M. dell’8 luglio 2003, e quindi il perdurante rispetto degli impegni reciprocamente assunti con il Verbale di Accordo dell’8 giugno 2001. (fonte: Osservatorio Radiofonia Internazionale in Lingua Italiana , http://www.italradio.org/portale/index.php)

Voci correlate

  • L’Osservatore Romano
  • L’Osservatore della Domenica
  • Vatican Information Service
  • Centro Televisivo Vaticano
This text comes from Wikipedia. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikipedia.

No Comments

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Powered by WordPress