Wiki Actu it

May 12, 2008

Wikipedia: Bangkok

Filed under: — admin @ 9:40 pm
Bangkok
[[Image:|100px|]]

Nome ufficiale: กรุงเทพมหานคร
Stato: Bandiera della Thailandia Thailandia
Provincia: Bangkok
Coordinate:

13°45′N 100°31′E / 13.75, 100.517

Superficie: 1.568.7 km²
Altitudine: 20 m s.l.m.
Popolazione:
– Totale
– Densità
(2000)
6.355.144 ab.
4.051 ab./km²
Sito istituzionale
Bangkok dal fiume Chao Phraya al tramonto, luglio 2004

Bangkok dal fiume Chao Phraya al tramonto, luglio 2004

Bangkok, (in Thailandese กรุงเทพ ฯ, กรุงเทพมหานคร, o Krung Thep, Krung Thep Maha Nakhon), è la capitale e più grande città della Thailandia. La città è situata sull’argine orientale del fiume Chao Phraya, vicino al Golfo della Thailandia.

Bangkok è una città che ha conosciuto uno dei più rapidi sviluppi industriali e rappresenta una delle città più economicamente dinamiche del Sud-est asiatico. La popolazione locale ama pensare che stia emergendo quale centro regionale competitiva nei confronti di Singapore e Hong Kong, ma è minata da infrastrutture precarie e imponenti questioni sociali dovute alla sua rapida crescita. È anche una delle destinazioni più popolari del turismo mondiale.

Indice

Storia

Bangkok all’inizio era un piccolo centro commerciale e portuale, chiamato Bang Makok, e serviva la città di Ayutthaya, che era la capitale del Siam quando questa cadde nelle mani della Birmania nel 1767. In seguito la capitale fu stabilita a Thonburi (ora parte di Bangkok) sopra il lato occidentale del fiume, e successivamente, nel 1782, il Re Rama I si fece costruire il palazzo reale sulla riva orientale e scelse Bangkok come sua nuova capitale, rinominandola Krung Thep, che significa “città degli angeli”. Gli abitanti di Bangkok spesso continuano ad usare il vecchio nome, ma ormai in tutto il mondo non viene più utilizzata.

Amministrazione

L'Ananta Samakom Throne Hall (พระที่นั่งอนันตสมาคม), edificato nel 1907 è stato sede del parlamento sino al 1975.

L’Ananta Samakom Throne Hall (พระที่นั่งอนันตสมาคม), edificato nel 1907 è stato sede del parlamento sino al 1975.

Dal punto di vista amministrativo, Bangkok è una delle due zone ad amministrazione speciale della Thailandia (l’altra è Pattaya), nella quale i suoi abitanti eleggono il governatore cittadino, a differenza delle altre 75 province statali (changwat). Nelle ultime elezioni governative è stato eletto governatore Apirak Kosayothin.

La città di Bangkok si estende oltre la sua provincia toccando anche quelle vicine di Nonthaburi, Samut Prakan e Pathum Thani. La provincia, come è attualmente, fu creata nel 1972, quando la precedente provincia di Bangkok (changwat Phra Nakhon) venne fusa con la provincia di Thon Buri.

Lo scudo della città mostra il dio Indra che cavalca tra le nuvole una creatura mitologica simile ad un elefante (rappresentata a volte con tre teste). Nella sua mano Indra mantiene un raggio lampeggiante, che è la sua arma. Lo scudo si basa su una pittura fatta da Somdej Chaofa Kromphraya Narisranuwattiwong.

Il simbolo della città di Bangkok è una pianta, il ficus benjamina.

Bangkok è suddivisa in 50 distretti (khet, chiamati anche amphoe), che sono suddivisi in 154 khwaeng (แขวง).

Economia

Bangkok è il centro economico della Thailandia. Il fiume Chao Phraya permette il funzionamento del suo porto. La Borsa tailandese ha sede nella città. Il turismo è una delle fonti principali di ricchezza. La città è anche un famoso centro di gioielleria, ricco di botteghe artigianali che lavorano l’argento e il bronzo.

La prostituzione è una delle attività più lucrose di Bangkok, che è per questo conosciuta come meta di turismo sessuale.

Cultura

Il più lungo nome del mondo
กรุงเทพมหานคร อมรรัตนโกสินทร์ มหินทรายุธยามหาดิลกภพ นพรัตน์ราชธานี บุรีรมย์อุดมราชนิเวศน์มหาสถาน อมรพิมานอวตารสถิต สักกะทัตติยะวิษณุกรรมประสิทธิ์ (testo in thailandese; Ascolta la pronuncia ?) è il nome cerimoniale della città di Bangkok. Fu coniato, nel XVIII secolo, dal sovrano siamese Buddha Yodfa Chulaloke (Rama I, 1737-1809) e successivamente modificato da re Rama IV Mongkut (1804-1868). Il lungo nome (190 caratteri a seconda della traslitterazione utilizzata) si compone di vocaboli in pāli e sanscrito, e, in accordo ai metodi di romanizzazione di questi due linguaggi, può essere traslitterato come:

«Krung-dēvamahānagara amararatanakosindra mahindrayudhyā mahātilakabhava navaratanarājadhānī purīramya utamarājanivēsana mahāsthāna amaravimāna avatārasthitya shakrasdattiya vishnukarmaprasiddhi»

che significa:

«Città degli angeli, la grande città, la città della gioia eterna, la città impenetrabile del dio Indra, la magnifica capitale del mondo dotata di gemme preziose, la città felice, che abbonda nel colossale Palazzo Reale, il quale è simile alla casa divina dove regnano gli dei reincarnati, una città benedetta da Indra e costruita per Vishnukam»

Per la sua lunghezza, questo nome è menzionato nel Guinness dei primati come il più lungo nome del mondo riferito ad una località.[1]

Bangkok è anche la capitale culturale del paese con le sue varie università, l’Accademia delle Belle Arti, il Teatro Nazionale e il Museo Nazionale.

La città è ricca di templi buddisti (conosciuti in Thailandia con il nome Wat). I più famosi sono il Wat Pho ed il Wat Phra Kaeo (Tempio del Buddha di smeraldo), situati nei pressi del Palazzo Reale, e il Wat Arun a Thonburi, centro sulla sponda destra del Chao Phraya, e capitale del periodo Rattanakosin prima di Bangkok.

Si segnala per l’importanza delle sue raccolte artistiche e per la conservazione di alcuni esempi di abitazione ed arredi tradizionali la casa di Jim Thompson, ora trasformata in museo.

Wat Phra Kaeo - Palazzo reale a Bangkok

Wat Phra Kaeo – Palazzo reale a Bangkok

Trasporti

Una complessa rete di canali (khlong) ha dato alla città l’appellativo di Venezia dell’est. Ancora oggi i canali sono ricchi di traffici e di imbarcazioni, abitate come in passato, dove si tengono anche numerosi mercati..

Numerose autostrade sopraelevate e un anello autostradale, che circonda l’intera città, stanno per essere completate. Queste infrastrutture dovrebbero attenuare il problema del traffico della città. Altri progetti autostradali sono stati abbandonati per mancanza di fondi, in seguito alla crisi finanziaria asiatica degli scorsi anni.

Nel 1999 è stata aperta una doppia linea ferroviaria sopraelevata (Skytrain), chiamata ufficialmente BTS. La prima linea della metropolitana sotterranea di Bangkok è stata aperta invece al pubblico nel luglio del 2004. Si stima che lo Skytrain abbia ridotto di oltre 300.000 automobili al giorno il traffico di Bangkok, ma la situazione é sempre piu caotica perché con il miglioramento del tenore di vita sono in aumento anche le auto private che si affiancano ai centinaia di migliaia di taxi legali e illegali, ed ai tuk-tuk (veicoli a tre ruote alimentati a gpl somiglianti all’ape della piaggio molto diffusi in tutta l’asia)

Sempre nel luglio del 2004, un nuovo sistema metropolitano, l’MRT, è stato inaugurato, e ha unito la stazione di Bang Sue con quella di Hua Lamphong, passando attraverso tutta la città.

Lo Skytrain al tramonto sul Thanon Silom

Lo Skytrain al tramonto sul Thanon Silom

L’Aeroporto Internazionale di Bangkok, uno dei più trafficati del Sud Est asiatico, è stato sino al 2006 il Don Muang La costruzione del nuovo aeroporto Suvarnabhumi, nel distretto di Bang Phli, della provincia di Samut Prakan, nel sudest della città è iniziata nel 2002 ed è terminata nel 2006.Quest’opera costata cifre da capogiro è diventata il simbolo della corruzione dell’amministrazione del primo ministro Thaksin Shinawatra, che ha poi portato al colpo di stato pacifico del settembre 2006. Dopo un primo periodo, sino a fine 2006, dove sia i voli interni che internazionali erano tutti ospitati nel nuovo aeroporto Suvarnabhumi a partire dal 2007, per questioni logistiche, parte dei voli interni è stata nuovamente riportata nel vecchio aeroporto Don Muang.

Voci correlate

  • Distretti di Bangkok

Altri progetti

  • Collabora a Commons Wikimedia Commons contiene file multimediali su Bangkok
This text comes from Wikipedia. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikipedia.

No Comments

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Powered by WordPress