Wiki Actu it

May 16, 2008

Wikipedia: Harold Pinter

Filed under: — admin @ 12:45 pm

Harold Pinter


Medaglia del Premio Nobel Nobel per la letteratura 2005

Harold Pinter CBE (Londra, 10 ottobre 1930) è un drammaturgo, regista teatrale e attore teatrale britannico. Ha scritto per teatro, radio, televisione e cinema. I suoi primi lavori sono considerati fra i capolavori del teatro dell’assurdo.

Indice

I primi anni e l’inizio della carriera

« Le prime rappresentazioni delle opere di Harold Pinter furono massacrate dai critici. Ad eccezione di Harold Hobson, scrissero tutti che era un autore eccentrico, inaccettabile, incomprensibile, che non aveva nulla da dire. Oggi forse è l’autore [vivente] più rappresentato al mondo ma, come dice egli stesso, Adesso sono diventato comprensibile, accettabile, eppure le mie commedie sono sempre le stesse di allora. Non ho cambiato una sola battuta! . »
(Alessandra Serra[1])

Pinter nacque a Hackney, Londra e studiò alla Hackney Downs Grammar school e, per breve tempo, alla Royal Academy of Dramatic Art (RADA). Pubblicò da giovane alcune poesie e iniziò a recitare in teatro col nome d’arte di David Baron. La sua prima commedia, The Room, fu rappresentata per la prima volta dagli studenti dell’università di Bristol nel 1957.

The Birthday Party (rappresentato nel 1958) fu inizialmente un fiasco, nonostante la recensione positiva sul Sunday Times fattagli dal critico teatrale Harold Hobson ma il successo del suo lavoro successivo, The Caretaker (1960), la riportò in auge e questa volta riscosse successo. Queste commedie ed altri dei suoi primi lavori, come The Homecoming (1964), sono a volte etichettate come “commedia della minaccia”. Di solito cominciano con una situazione apparentemente innocente che diventa assurda e minacciosa poiché gli attori si comportano in modo inspiegabile sia per il pubblico che, a volte, per gli altri personaggi. Questo stile ha ispirato l’aggettivo “Pinteresque”. Le opere di Pinter sono segnate dall’influenza di Samuel Beckett fin dall’inizio e i due divennero presto buoni amici.

Nuovi sviluppi

Pinter negli anni ’70 si dedicò maggiormente alla regia, cominciando come regista associato al Royal National Theatre nel 1973. I suoi lavori più recenti tendono ad essere più brevi e di argomento maggiormente politico apparendo spesso come allegorie dell’oppressione. Fu negli anni ’70 che Pinter si interessò maggiormente alla politica con un orientamento verso la sinistra. Egli continuamente cerca di portare all’attenzione dell’opinione pubblica casi di violazione dei diritti umani e di oppressione. Lettere di Pinter spesso appaiono sui giornali britannici come The Guardian e The Independent.

Nel 1985 Pinter si recò in Turchia con il commediografo statunitense Arthur Miller dove incontrò molte vittime dell’oppressione politica. Durante una cerimonia all’ambasciata statunitense in onore di Miller, invece dei convenevoli, Pinter parlò delle persone torturate con scosse elettriche ai genitali e per questo venne cacciato (Miller, per sostenerlo, lasciò l’ambasciata con lui). L’esperienza di Pinter sull’oppressione in Turchia e la soppressione della lingua curda ispirarono la commedia del 1988 Mountain Language.

Pinter si oppose sia all’invasione dell’Afghanistan che all’invasione dell’Iraq da parte degli Stati Uniti. Nel 2005 annunciò di smettere di scrivere commedie per dedicarsi alla politica. Pinter è dichiaratamente critico sulla guerra in Iraq e ha definito il presidente degli Stati Uniti Bush un assassino di massa e Blair un idiota.

Pinter è stato insignito del CBE nel 1966 e proclamato Companion of Honour nel 2002, dopo aver precedente rifiutato la carica di cavaliere. È un sostenitore della coalizione RESPECT.

Nell’ottobre 2005 l’Accademia di Svezia annunciò che Pinter era il vincitore del premio Nobel 2005 per la letteratura con la seguente motivazione: “nelle sue commedie [egli] scopre il baratro che sta sotto le chiacchiere di tutti i giorni e spinge ad entrare nelle stanze chiuse dell’oppressione”.

Nel 2006 gli viene invece conferito il Premio Europa per il Teatro.

Nel gennaio 2007 il primo ministro francese Dominic de Villepin gli ha assegnato la Legion d’onore.

Lavori cinematografici

Pinter ha scritto la sua prima sceneggiatura cinematografica, The Servant, nel 1962. In seguito ha scritto la sceneggiatura per i film, tra gli altri, Messaggero d’amore e per La donna del tenente francese di John Fowles. Ha anche pubblicato una sceneggiatura basata su Alla ricerca del tempo perduto di Marcel Proust, da cui però non è mai stato realizzato un film. Le sceneggiature sono state scritte per il regista Joseph Losey. È interessante citare il saggio di Rosario Pipolo “Percorsi liberi a limite dell’immagine: Harold Pinter sceneggiatore per Losey” (Edisu, Napoli 1999), che analizza da vicino il rapporto tra il drammaturgo inglese e il regista anglossassone. Tale saggio è stato relazionato da Pipolo in occasione dell’ultimo convegno italiano dedicato al Pinter sceneggiatore, che si è svolto a Fiesole nel settembre 2001. Alcune commedie di Pinter hanno avuto una trasposizione cinematografica: The Caretaker (1963), The Birthday Party (1968), The Homecoming (1973) e Betrayal (1983). Ha ricevuto la nomina per un premio Oscar per la miglior sceneggiatura non originale due volte (“La donna del tenente francese” nel 1981 e “Betrayal” nel 1983). Ha recitato nel film Il sarto di Panama con Pierce Brosnan.

Vita personale

Nel 1977, Pinter ha causato uno scandalo pubblico lasciando la moglie, l’attrice piena di problemi Vivien Merchant che aveva sposato nel 1956 e che lo amava ancora, per Antonia Fraser, la maggiore delle figlie del settimo Lord Longford, cattolica, che poi ha sposato nel 1980 dopo il suo divorzio. Merchant è deceduta nel 1982. La commedia di Pinter Betrayal (1978) è a volte considerata una rappresentazione di questa storia d’amore, ma in realtà è basata su una relazione che l’autore aveva avuto sette anni prima con Joan Bakewell, una presentatrice televisiva.

In seguito Pinter ha avuto uno scontro pubblico con il registra teatrale Peter Hall perché questi nel suo Diario di Hall del 1983 lo raffigurava come sovente ubriaco. I due, tuttavia, ritornarono amici la stagione successiva.

Pinter è stato un forte fumatore, nel 2002 si è sottoposto a chemioterapia per un tumore esofageo e da allora la sua salute è rimasta fragile.

Pinter è un grande tifoso di cricket ed è presidente del Gaieties Cricket Club. È anche socio onorario del National Secular Society.

Opere principali

Teatro

  • La stanza (The Room) (1957)
  • Il compleanno (The Birthday Party) (1957)
  • Il calapranzi (The Dumb Waiter) (1957)
  • La serra (The Hothouse) (1958)
  • Il guardiano (The Caretaker) (1959)
  • Il ritorno a casa (The Homecoming) (1964)
  • Il seminterrato (The Basement) (1966)
  • Paesaggio (Landscape) (1967)
  • Silenzio (Silence) (1968)
  • Vecchi tempi (Old Times) (1970)
  • Monologo (Monologue) (1972)
  • Terra di nessuno (No Man’s Land) (1974)
  • Tradimenti (Betrayal) (1978)
  • Voci di famiglia (Family Voices) (1982)
  • Victoria Station (1982)
  • Una specie di Alaska (A Kind of Alaska) (1982)
  • Il bicchiere della staffa (One for the Road) (1984)
  • Il linguaggio della montagna (Mountain Language) (1988)
  • Party Time (1991)
  • Chiaro di luna (Moonlight) (1993)
  • Ceneri alle ceneri (Ashes to Ashes) (1996)
  • Anniversario (Celebration) (1999)
  • Alla ricerca del tempo perduto (Remembrance of Things Past) (adattamento teatrale dell’opera di Marcel Proust) (2000)

Prosa

  • Kullus (1949)
  • I nani (The Dwarfs) (1952-56)
  • Latest Reports from the Stock Exchange (1953)
  • The Black and White (1954-55)
  • The Examination (1955)
  • Tea Party (1963)
  • The Coast (1975)
  • Problem (1976)
  • Lola (1977)
  • Short Story (1995)
  • Girls (1995)
  • Sorry About This (1999)
  • God’s District (1997)
  • Tess (2000)
  • Voices in the Tunnel (2001)

Poesia

  • War (2003)

Altri progetti

  • Collabora a Wikiquote Wikiquote contiene citazioni di o su Harold Pinter
  • Collabora a Wikinotizie Wikinotizie contiene notizie di attualità su Harold Pinter
This text comes from Wikipedia. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikipedia.

No Comments

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Powered by WordPress