Wiki Actu it

May 17, 2008

Wikipedia: Breno

Filed under: — admin @ 12:55 pm
bussola Nota disambigua – Se stai cercando il calciatore brasiliano, vedi Breno Vinicius Borges.

Breno

Panorama di Breno
Breno - Stemma
Nome ufficiale: {{{nomeUfficiale}}}
Stato: bandiera Italia
Regione: Lombardia
Provincia: stemma Brescia
Coordinate: 45°57′0″N 10°18′0″E / 45.95, 10.3
Altitudine: 343 m s.l.m.
Superficie: 58 km²
Abitanti:
4.957
Densità: 85 ab./km²
Frazioni: Astrio, Pescarzo, Mezzarro
Comuni contigui: Bagolino, Bienno, Braone, Ceto, Cividate Camuno, Condino (TN), Daone (TN), Losine, Malegno, Niardo, Prestine
CAP: 25043
Pref. tel: 0364
Codice ISTAT: 017028
Codice catasto: B149
Nome abitanti: brenesi
Santo patrono: San Valentino
Giorno festivo: 14 febbraio
Comune

Posizione del comune nell'Italia

Sito istituzionale
Portale:Portali Visita il Portale Italia
Il territorio di Breno in Valle Camonica

Il territorio di Breno in Valle Camonica

Breno (dialetto camuno: Bré)[1] è un comune di 4.957 abitanti della Valle Camonica, in provincia di Brescia.

Indice

Geografia fisica

Questa sezione è ancora vuota; aiutaci a scriverla!

Clima

Per approfondire, vedi la voce Stazione meteorologica di Breno.

I dati provenienti dalla stazione meteorologica di Breno indicano, in base alla media trentennale di riferimento 1961-1990, che la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta a -1,0°C, mentre quella del mese più caldo, luglio, è di +20,5°C [2].

BRENO Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Anno
Temp. max. media (°C) 3.8 7.1 10.4 14.8 19.1 23.0 26.4 25.3 21.9 15.8 10.3 5.6 15.3
Temp. min. media (°C) -5.8 -3.4 0.0 3.9 8.1 12.1 14.5 14.1 10.6 5.7 0.9 -3.5 4.8

Storia

Nel XII secolo è riportata una lotta tra Breno e Niardo per il possesso del monte Stabio.[3]

Il 19 ottobre 1336 il vescovo di Brescia investe iure feudi dei diritti di decima nei territori di Breno, Borno, Astrio, Monno e Ossimo Girardo del fu Giovanni Ronchi di Breno.[4]

Il 28 gennaio 1350 il vescovo di Brescia investe iure feudi dei diritti di decima nei territori di Breno, Borno, Pescarzo, Cerveno e Corteno Bertolino e Giacomo Alberzoni di Breno.[4]

Il 15 maggio 1365 il vescovo di Brescia investe iure feudi dei diritti di decima nei territori di Breno, Vione, Vezza, Sonico, Malonno, Berzo Demo, Astrio, Ossimo e Losine Giovanni e Gerardo del fu Pasino Federici di Mù.[4]

Il 14 agosto 1423 il vescovo di Brescia investe iure feudi dei diritti di decima nei territori di Breno e Borno Andriolo Ronchi di Breno.[4]

Feudatari locali

  • Ronchi (1336 – )
  • Alberzoni (1350 – )
  • Federici (1365 -)
  • Ronchi (1423 – )

Simbolo

Descrizione ufficiale

« Aquila reale con apertura alare completa, corona sul capo, su sfondo azzurro, su cervo adagiato su manto erboso verde »
( Fonte: [5])

Demografia

Evoluzione demografica

Abitanti censiti

Geografia antropica

Breno è il principale centro amministrativo della Valle Camonica. L’economia locale è fondata essenzialmente sui servizi: Scuole, Tribunale (sezione distaccata del Tribunale di Brescia), fino a pochi anni fa l’Ospedale (ora trasferito nella vicina Esine).

Toponimo

Il nome del comune potrebbe derivare dal celtico Brig (monte).[6]

Frazioni

Le frazioni del comune di Breno sono:

  • Astrio
  • Pescarzo
  • Mezzarro

Monumenti e luoghi d’interesse

Castelli e fortificazioni

Il Castello di Breno sorge sopra una collina abitata già nella preistoria, fu il principale baluardo per il controllo della Valle Camonica fino al XVII secolo.

Chiese

  • Chiesa di Sant’Antonio, conserva notevoli opere artistiche: tra di esse va innanzi tutto menzionato l’importante ciclo di affreschi realizzato dal Romanino.
  • Chiesa di Santa Maria al Ponte (o della Minerva), del ‘500; addossato alla struttura vi è il tempietto della Minerva.
  • Parrocchiale di San Salvatore, di struttura seicentesca, con affreschi di Antonio Guadagnini e del Romanino. Gli altari sono in marmo occhialino di Ono San Pietro.
  • Chiesetta di San Carlo, del XVII secolo, con notevole serie di ex-voto.
  • Chiesa di San Maurizio, antica parrocchiale.
  • Cappella di Sant’Apollonia, lungo la strada che porta a San Valentino.
  • Chiesa di San Valentino, costruzione quattrocentesca, interni forse di Giovanni Pietro da Cemmo.

Palazzi

  • Case-torri, in via Mazzini, le mura di Casa Domenighini e Gobbetti (via Cappellini).

Cultura

Chiesa di Sant'Antonio

Chiesa di Sant’Antonio

Feste e sagre

  • 15 agosto:Ferragosto Brenese, con fiera medievale e fuochi d’artificio che illuminano il castello

Folklore

Gli scotöm sono nei dialetti camuni dei soprannomi o nomiglioli, a volte personali, altre indicanti tratti caratteristici di una comunità. Quello che contraddistingue gli abitanti di Breno è Maia càrte (mangia carte) oppure Pèla pàsser.[7]

Esistono nel folklore della Val Camonica alcuni proverbi in dialetto camuno riguardanti Lozio:

  • Cumudàla sa de sùra de Bré. Sistemarla al di sopra di Breno: con questo modo di dire si intendeva, un tempo, di risolvere una questione senza fare ricorso al tribunale di Breno.[8]

Musei

  • Museo Civico Camuno
  • Santuario di Minerva

Economia

Industria

E’ presente sul territorio del comune l’acciaieria Carlo Tassara e piccole attività artigianali e di trasformazione dei prodotti locali.

Turismo

  • Il Castello di Breno
  • La chiesa di Sant’Antonio

Infrastrutture e trasporti

Strade

Il territorio comunale è attraversato dalla Strada Statale 42 del Tonale e della Mendola in tre gallerie, a oriente dell’abitato. Dal paese diparte la Strada Statale 345 delle Tre Valli che porta fino al Passo di Crocedomini.

Ferrovie

La stazione di Breno è una delle principali della Valle Camonica si trova nella parte nord dell’abitato. È una fermata della linea Brescia-Iseo-Edolo.

Sport

Per approfondire, vedi la voce Associazione Sportiva Dilettantistica Breno.

La squadra di calcio del paese è l’A.S.D. Breno, che attualmente milita in Seconda Categoria.

Sul finire degli anni ’90 la società era però riuscita a conquistare la Serie D e a vincere la Coppa Italia Dilettanti.

Amministrazione

A Breno vi è la sede della Comunità Montana della Valle Camonica.

Sindaco: Edoardo Andrea Mensi (lista civica) dal 14/06/2004
Centralino del comune: 0364 22041
Email del comune: info@comune.breno.bs.it

Voci correlate

  • Chiesa di Sant’Antonio
  • Comunità Montana della Valle Camonica

Altri progetti

  • Collabora a Wikiquote Wikiquote contiene citazioni di o su Breno
  • Collabora a Commons Wikimedia Commons contiene file multimediali su Breno
  • Collabora a Wikinotizie Wikinotizie contiene notizie di attualità su Breno
  • Val Camonica Portale Val Camonica: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di Val Camonica
This text comes from Wikipedia. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikipedia.

No Comments

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Powered by WordPress