Wiki Actu it

May 22, 2008

Wikipedia: Cividate Camuno

Filed under: — admin @ 4:58 pm

Cividate Camuno

Panorama di Cividate Camuno
Cividate Camuno - Stemma
Nome ufficiale: {{{nomeUfficiale}}}
Stato: bandiera Italia
Regione: Lombardia
Provincia: stemma Brescia
Coordinate: 45°57′0″N 10°17′0″E / 45.95, 10.28333
Altitudine: 275 m s.l.m.
Superficie: 3 km²
Abitanti:
2.633
Densità: 878 ab./km²
Frazioni:
Comuni contigui: Berzo Inferiore, Bienno, Breno, Esine, Malegno, Ossimo, Piancogno
CAP: 25040
Pref. tel: 0364
Codice ISTAT: 017055
Codice catasto: C760
Nome abitanti: cividatesi
Santo patrono: Santo Stefano
Giorno festivo: 26 dicembre
Comune

Posizione del comune nell'Italia

Sito istituzionale
Portale:Portali Visita il Portale Italia
Il territorio di Cividate Camuno in Valle Camonica

Il territorio di Cividate Camuno in Valle Camonica

Cividate Camuno (latino: Civitas Camunnorum; dialetto camuno: Hiidà)[1]) è un comune di 2.633 abitanti della provincia di Brescia.

Indice

Geografia fisica

Situato nella media Val Camonica, sorge sulle rive del fiume Oglio. Confina a Nord con il comune di Breno, a Ovest con i comuni di Malegno e Ossimo, a Sud con i comuni di Piancogno ed Esine e, a Est, con i comuni di Bienno e Berzo Inferiore.

Clima

I dati provenienti dalla stazione meteorologica di Breno indicano, in base alla media trentennale di riferimento 1961-1990, che la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta a -1,0°C, mentre quella del mese più caldo, luglio, è di +20,5°C [2].

BRENO Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Anno
Temp. max. media (°C) 3.8 7.1 10.4 14.8 19.1 23.0 26.4 25.3 21.9 15.8 10.3 5.6 15.3
Temp. min. media (°C) -5.8 -3.4 0.0 3.9 8.1 12.1 14.5 14.1 10.6 5.7 0.9 -3.5 4.8

Storia

Nel 1415 Comincino Federici infeudava Cividate. [3]

Feudatari locali

Le casate nobiliari che governarono il feudo di Cividate durante il periodo medievale furono:

  • Federici (1415)

Demografia

Casa torre di Cividate Camuno

Casa torre di Cividate Camuno

Chiesa degli esposti a Cividate Camuno

Chiesa degli esposti a Cividate Camuno

Evoluzione demografica

Abitanti censiti

Monumenti e luoghi d’interesse

Chiese

Le chiese di Cividate Camuno sono:[4]

  • Parrocchiale di Santa Maria Assunta, sorge sull’area della cappella battesimale dedicata a san Giovanni Battista, sostituita dopo il mille dalla pieve romanica. Il portale con trabeazione romana proviene dalla chiesa di Santo Stefano, trasportato qui nel 1761 dall’arciprete Guadagnini. All’interno una tempera di Callisto Piazza raffigurante laVergine con Babino ed i Ss Stefano, Lorenzo, Giovan Battista e Geroloamo.
  • Chiesetta di Santo Stefano, domina il paese, vi si accede da una scala con quattro rampe senza altra possibilità d’accostamento (la scala porta la data 1770). Scavi archeologici hanno segnalato elementi precristiani.

Centro storico

  • Parco romano con anfiteatro e teatro
  • Torre medievale del XII-XIII secolo.
  • Portali rinascimentali

Cultura

Musei

  • Museo archeologico di Valle Camonica
  • Parco del teatro e dell’anfiteatro
  • Santuario di Minerva (Breno)

Folklore

Gli scotöm sono nei dialetti camuni dei soprannomi o nomiglioli, a volte personali, altre indicanti tratti caratteristici di una comunità. Quello che contraddistingue gli abitanti di Cividate Camuno è Pàtate, oppure Maia Hüche (mangia zucche).[5]

Economia

Ponte in legno di Cividate, prima della costruzione di quello in pietra nel 1833

Ponte in legno di Cividate, prima della costruzione di quello in pietra nel 1833

Turismo

Il nucleo più antico di Cividate è probabilmente sulla collina di S.Stefano, luogo dove probabilmente in epoca romana sorse un capitolium e successivamente un luogo di culto cristiano. A est vi era un ponte sul fiume Oglio, ed in corripondenza della sponda opposta un ricovero per i viandanti, poi trasformato in convento.
Accanto vi era il foro. Più a ovest il teatro e l’anfiteatro romani. Questi resti, aggiunti a quelli presenti nel [Museo Archeologico Nazionale della Valcamonica], situato a Cividate, indicano come questa città in epoca romana fosse una dotata di servizi e monumenti di un certo rilievo.

Un recente restauro effettuato dalla Soprintendenza ai beni archeologici della Lombardia ha interessato il complesso del teatro e dell’anfiteatro, inserendoli in un parco museale denominato Parco acheologico del teatro e dell’anfiteatro romani di Cividate.

Di epoca romana sono anche la grande statua di Minerva, trovata in prossimità del santuario di Breno (Località Spinera), santuario e che affonda le sue origini in epoche precedenti. E quella della statua virile di recente ritrovamento (2004)a Cividate. Entrambe sono conservate del Museo Archeologico.

Oltre ai considerevoli resti romani, vi è da segnalare la Torre Medioevale.

Personalità legate a Cividate Camuno

  • Beato Giuseppe Tovini (nato a Cividate Camuno il 14 marzo 1841, morto il 16 gennaio 1897): avvocato e banchiere, fondatore del Banca di Valle Camonica e del Banco Ambrosiano.

Infrastrutture e trasporti

Strade

Esternamente al comune di Cividate Camuno scorre la Strada Statale 42 del Tonale e della Mendola. Uscita Breno sud – Cividate Camuno, Strada Statale 345 delle Tre Valli, Malegno, Borno Ossimo.

Ferrovie

La stazione di Cividate Camuno si trova a sud dell’abitato, esterna al paese e nei pressi della zona industriale. Un tempo esisteva anche la fermata alla stazione di Malegno, ma oggi è stata soppressa.

La stazione fa parte della linea ferroviaria Brescia-Iseo-Edolo.

Amministrazione

Sindaco: Francesco Gelfi (lista civica) dal 14/06/2004
Centralino del comune: 0364 340383
Email del comune: info@comune.cividate-camuno.bs.it

Galleria fotografica

Voci correlate

  • Comunità Montana della Valle Camonica

Altri progetti

  • Collabora a Commons Wikimedia Commons contiene file multimediali su Cividate Camuno

  • Val Camonica Portale Val Camonica: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di Val Camonica
This text comes from Wikipedia. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikipedia.

No Comments

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Powered by WordPress